Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

<font color="ff0000">

>Però Apple non fabbrica palmari (anche se qualcuno lo vorrebbe) quindi dal punto di vista economico adesso non ricava nulla dagli investimenti effettuati su Newton

</font>

Infatti, il punto è questo.. poco importa se Apple ha lanciato l'idea del palmare se poi ha lasciato perdere ed il successo è arrivato per altri produttori..

E poi.. INK secondo me è inutile. I tablet pc, pur essendo carini sono oggettini inutili se devi inserire il testo tramite un sistema come ink. Molto meglio una tastiera sovraimpressa, ma questa è un'altra storia.

Apple pubblicizzava Ink come un sistema per velocizzare il lavoro x chi lavora con una wacom.. ho provato ad usarlo.. ma non c'è niente di più veloce della tastiera, o se c'è non è certo l'inserimento a scrittura..

insomma, ink può essere buono per palmari (anche se preferisco il sistema graffiti di palm con cui scrivo molto più velocemente) ma di certo in un desktop l'utilità è nulla, e cosi' per un tablet pc (se utilizzato per compiti come email, webbrowsing e cose del genere.. )

Spero che in os x qualcosa di copland l'abbiano utilizzata.. anche se dubito fortemente..

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

<font color="ff0000">

>Però Apple non fabbrica palmari (anche se qualcuno lo vorrebbe) quindi dal punto di vista economico adesso non ricava nulla dagli investimenti effettuati su Newton

</font>

Infatti, il punto è questo.. poco importa se Apple ha lanciato l'idea del palmare se poi ha lasciato perdere ed il successo è arrivato per altri produttori..

E poi.. INK secondo me è inutile. I tablet pc, pur essendo carini sono oggettini inutili se devi inserire il testo tramite un sistema come ink. Molto meglio una tastiera sovraimpressa, ma questa è un'altra storia.

Apple pubblicizzava Ink come un sistema per velocizzare il lavoro x chi lavora con una wacom.. ho provato ad usarlo.. ma non c'è niente di più veloce della tastiera, o se c'è non è certo l'inserimento a scrittura..

insomma, ink può essere buono per palmari (anche se preferisco il sistema graffiti di palm con cui scrivo molto più velocemente) ma di certo in un desktop l'utilità è nulla, e cosi' per un tablet pc (se utilizzato per compiti come email, webbrowsing e cose del genere.. )

Spero che in os x qualcosa di copland l'abbiano utilizzata.. anche se dubito fortemente..

Link to comment
Share on other sites

<font color="ff0000">

>Però Apple non fabbrica palmari (anche se qualcuno lo vorrebbe) quindi dal punto di vista economico adesso non ricava nulla dagli investimenti effettuati su Newton

</font>

Infatti, il punto è questo.. poco importa se Apple ha lanciato l'idea del palmare se poi ha lasciato perdere ed il successo è arrivato per altri produttori..

E poi.. INK secondo me è inutile. I tablet pc, pur essendo carini sono oggettini inutili se devi inserire il testo tramite un sistema come ink. Molto meglio una tastiera sovraimpressa, ma questa è un'altra storia.

Apple pubblicizzava Ink come un sistema per velocizzare il lavoro x chi lavora con una wacom.. ho provato ad usarlo.. ma non c'è niente di più veloce della tastiera, o se c'è non è certo l'inserimento a scrittura..

insomma, ink può essere buono per palmari (anche se preferisco il sistema graffiti di palm con cui scrivo molto più velocemente) ma di certo in un desktop l'utilità è nulla, e cosi' per un tablet pc (se utilizzato per compiti come email, webbrowsing e cose del genere.. )

Spero che in os x qualcosa di copland l'abbiano utilizzata.. anche se dubito fortemente..

Link to comment
Share on other sites

> A parte che il mondo informatico è abbastanza concorde nel sostenere che BSD sia tecnicamente migliore di Linux, ma la scelta è stata chiaramente dettata da motivi di licenza.

Concordo, a parte la base di codice più matura di BSD, il problema della GPL per Apple era troppo grande, tant'è che Microsoft per anni (e questo in pochi lo sanno) ha continuato a far girare Hotmail su FreeBSD (in realtà aveva ereditato i server dai precedenti proprietari) e non su NT/2000 e a tutt'oggi molti server non sono ancora stati migrati....

Link to comment
Share on other sites

> A parte che il mondo informatico è abbastanza concorde nel sostenere che BSD sia tecnicamente migliore di Linux, ma la scelta è stata chiaramente dettata da motivi di licenza.

Concordo, a parte la base di codice più matura di BSD, il problema della GPL per Apple era troppo grande, tant'è che Microsoft per anni (e questo in pochi lo sanno) ha continuato a far girare Hotmail su FreeBSD (in realtà aveva ereditato i server dai precedenti proprietari) e non su NT/2000 e a tutt'oggi molti server non sono ancora stati migrati....

Link to comment
Share on other sites

> A parte che il mondo informatico è abbastanza concorde nel sostenere che BSD sia tecnicamente migliore di Linux, ma la scelta è stata chiaramente dettata da motivi di licenza.

Concordo, a parte la base di codice più matura di BSD, il problema della GPL per Apple era troppo grande, tant'è che Microsoft per anni (e questo in pochi lo sanno) ha continuato a far girare Hotmail su FreeBSD (in realtà aveva ereditato i server dai precedenti proprietari) e non su NT/2000 e a tutt'oggi molti server non sono ancora stati migrati....

Link to comment
Share on other sites

Di quella ditta che nel 97 aveva OSX pronto per processore x86 (poteva almeno tenerlo sui server), di quella ditta che non adegua i listini europei quando l'euro sale nella speranza di speculare un pochino, di quella ditta che non mette il mouse a due tasti perchè così "gli utonti non possono sbagliare", di quella ditta che fece uscire 10.0 con requisiti da Cray nella speranza di trovare un po' di formaggio nella calza vendendo macchine nuove, di quella ditta che persevera nel credersi più avanti degli altri, mentre ormai non lo è più e quindi dovrebbe fare un corso di umiltà, di quella ditta che si è accorta dell'mp3 solo due o tre anni dopo il boom, di quella ditta che non si è anora accorta del boom dei divx, di quella ditta che si è accorta della rilevanza strategica di un browser nel sistema operativo a 7 anni dall'evidenza operativa ed a 3 dalla sentenza sul caso Microsoft, di quella ditta che crede che il market share negli USA sia l'unico benchmark rilevante, di quella ditta che puntò - col 5% di mercato, su processori che per rendere richiedevano una ricompilazione delle applicazioni, di quella ditta che per anni, ogni 6 mesi, ha detto che il biprocessore è cosa buona per poi dire ogni altri 6 mesi che il biprocessore non lo è, di quella ditta che mise in giro un coso a forma cubica - dal costo di 2 computer - che si accendeva e spegneva da solo, vendendone 40 mila su tuttoa il pianeta a fronte di costi di sviluppo pazzeschi, il tutto perchè sperava che il successore dell'iMac fosse un computer da 3000 dollari più monitor (hi hi).

Stai parlando della nostra ditta preferita, ovviamente.

Link to comment
Share on other sites

Di quella ditta che nel 97 aveva OSX pronto per processore x86 (poteva almeno tenerlo sui server), di quella ditta che non adegua i listini europei quando l'euro sale nella speranza di speculare un pochino, di quella ditta che non mette il mouse a due tasti perchè così "gli utonti non possono sbagliare", di quella ditta che fece uscire 10.0 con requisiti da Cray nella speranza di trovare un po' di formaggio nella calza vendendo macchine nuove, di quella ditta che persevera nel credersi più avanti degli altri, mentre ormai non lo è più e quindi dovrebbe fare un corso di umiltà, di quella ditta che si è accorta dell'mp3 solo due o tre anni dopo il boom, di quella ditta che non si è anora accorta del boom dei divx, di quella ditta che si è accorta della rilevanza strategica di un browser nel sistema operativo a 7 anni dall'evidenza operativa ed a 3 dalla sentenza sul caso Microsoft, di quella ditta che crede che il market share negli USA sia l'unico benchmark rilevante, di quella ditta che puntò - col 5% di mercato, su processori che per rendere richiedevano una ricompilazione delle applicazioni, di quella ditta che per anni, ogni 6 mesi, ha detto che il biprocessore è cosa buona per poi dire ogni altri 6 mesi che il biprocessore non lo è, di quella ditta che mise in giro un coso a forma cubica - dal costo di 2 computer - che si accendeva e spegneva da solo, vendendone 40 mila su tuttoa il pianeta a fronte di costi di sviluppo pazzeschi, il tutto perchè sperava che il successore dell'iMac fosse un computer da 3000 dollari più monitor (hi hi).

Stai parlando della nostra ditta preferita, ovviamente.

Link to comment
Share on other sites

Di quella ditta che nel 97 aveva OSX pronto per processore x86 (poteva almeno tenerlo sui server), di quella ditta che non adegua i listini europei quando l'euro sale nella speranza di speculare un pochino, di quella ditta che non mette il mouse a due tasti perchè così "gli utonti non possono sbagliare", di quella ditta che fece uscire 10.0 con requisiti da Cray nella speranza di trovare un po' di formaggio nella calza vendendo macchine nuove, di quella ditta che persevera nel credersi più avanti degli altri, mentre ormai non lo è più e quindi dovrebbe fare un corso di umiltà, di quella ditta che si è accorta dell'mp3 solo due o tre anni dopo il boom, di quella ditta che non si è anora accorta del boom dei divx, di quella ditta che si è accorta della rilevanza strategica di un browser nel sistema operativo a 7 anni dall'evidenza operativa ed a 3 dalla sentenza sul caso Microsoft, di quella ditta che crede che il market share negli USA sia l'unico benchmark rilevante, di quella ditta che puntò - col 5% di mercato, su processori che per rendere richiedevano una ricompilazione delle applicazioni, di quella ditta che per anni, ogni 6 mesi, ha detto che il biprocessore è cosa buona per poi dire ogni altri 6 mesi che il biprocessore non lo è, di quella ditta che mise in giro un coso a forma cubica - dal costo di 2 computer - che si accendeva e spegneva da solo, vendendone 40 mila su tuttoa il pianeta a fronte di costi di sviluppo pazzeschi, il tutto perchè sperava che il successore dell'iMac fosse un computer da 3000 dollari più monitor (hi hi).

Stai parlando della nostra ditta preferita, ovviamente.

Link to comment
Share on other sites

>Se una qualunque delle aziende linux avesse avuto le palle di fare come Apple..

quanto contano le risorse di una azienda come Apple.. progetti come kde, gnome e cose del genere è un bel po' che lavorano a trasformare la gui di linux in qualcosa di più user friendly.. eppure escono sempre fuori interfaccie di cui puoi sentire l'odore di linux e vedere un background shell, inevitabile.

Contentissimo della comunità opensource, ma quando una società con i soldini si mette a far qualcosa riesce ad ottenere risultati inimmaginabili..

facciamo un paragone Win contro X.. diciamo che più o meno le interfaccie sono allo stesso livello, anche se OSX è più moderna.. penso che tutti concordiamo in questo..

e beh.. mi viene da chidermi una cosa..

ma microsoft con tutti i soldi che ha, se li investisse in windows... che super sistema operativo ci ritroveremo?? un windows che batterebbe osx su tutti i campi...

..eppure non è cosi'!.. nonostante i fondi quasi illimitati rispetto ad apple non è comunque cosi'.. siamo praticamente alla parità con osx proiettato decisamente in avanti..

e quindi.. apple investe veramente poco in osx o siamo noi che ci facciamo le pippe mentali?

Link to comment
Share on other sites

Chest, la lotta per la sopravvivenza è dura, molto dura, e oggi più di ieri e domani ancora di più...

Il primato tecnologico è sfumato, aspettiamo il 970 per colmare il gap, che non è catastrofico ma ridotto per i PM, ma grave per il resto della linea a parte i PB...,

Aggredire le quote di mercato nel settore consumer è possibile solo con una politica di prezzi giusta, fornendo macchine adeguate e soprattutto, dico soprattutto, con una vera campagna pubblicitaria, seria.

Chi va in un negozio oggi sa che può comprare Mac al posto di un Pc? E se si perchè dovrebbe farlo?

La voce di Apple è flebile nel mercato, CHE LA ALZINO e si facciano conoscere di più....

Link to comment
Share on other sites

Chest, la lotta per la sopravvivenza è dura, molto dura, e oggi più di ieri e domani ancora di più...

Il primato tecnologico è sfumato, aspettiamo il 970 per colmare il gap, che non è catastrofico ma ridotto per i PM, ma grave per il resto della linea a parte i PB...,

Aggredire le quote di mercato nel settore consumer è possibile solo con una politica di prezzi giusta, fornendo macchine adeguate e soprattutto, dico soprattutto, con una vera campagna pubblicitaria, seria.

Chi va in un negozio oggi sa che può comprare Mac al posto di un Pc? E se si perchè dovrebbe farlo?

La voce di Apple è flebile nel mercato, CHE LA ALZINO e si facciano conoscere di più....

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share