Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

Una volta parlai con una traduttrice simultanea professionista.

Ella mi confido' che gli italiani sono i peggiori in assoluto in quanto non cercano minimamente di utilizzare un linguaggio lineare, semplice, diretto, allo scopo di far arrivare chiari i loro concetti agli stranieri presenti in sala e a facilitare il lavoro del traduttore.

Anzi utilizzano i termini piu' ricercati nella speranza che il loro intervento appaio piu' erudito possibile...

Spero che alla traduttrice non capiti mai sasaki...

Guardatevi da chi "parla" molto e non "dice" nulla...

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

mi piace quest'idea di lottare all'infinito per ragioni alcune, ma non deve venire meno il rispetto; a prescindere dal sarcasmo.

quindi diego se vuoi continuare sfondi una porta aperta.

anticipato che ho risolto le mie questioni con settimio per altra via, adesso resti tu.

punto primo non stavo parlando a degli starnieri.

e avanti: gli interpreti fanno una fatica dell'anima nel tradurre non tanto per "il cercar di apparire eruditi" di coloro che parlano ma per la povertà della lingua nella quale devono tradurre (a parte il francese, ben inteso).

ma approfondiamo pure il discorso dello spaccio inutile di paroloni.

tranne che un modo di dire latino (abbastanza comune in italiano) non ho espresso.

forse non sapendolo ti riferivi alla forma.

ecco, se l'hanno usata (e si sono fatti capire) cicerone, dante, petrarca, ariosto, parini, e chi più ne ha più ne metta, credo nel mio piccolo di potermelo permettere anch'io senza velleità (leggi: speranze) di scrivere divine commedie e simili. (questo è sarcasmo)

infine una domanda non può essere che molti traduttori simultanei professionisti non sappiano (o meglio non comprendano a fondo) l'italiano come te?

sono cmq d'accordo con te sul fatto di diffidare.

aggiungo di guardarsi anche da chi, con un vocabolario evidentemente limitato, avendolo terminato si arrampica fino a dio sa dove argomentando "il parla molto e il non dice nulla"... pappapero non ce lo mettiamo?

saluti e auguri.

Link to comment
Share on other sites

Attilio, dai, sposta il thread sotto OT e dagli uno di quei nomi che sei capace di dare tu...

Comunque "Captatio benevolentiae" non significa leccare il <FONT COLOR="ff0000"></FONT>, è un qualcosa di più elevato.

Link to comment
Share on other sites

sasaki>

>punto primo non stavo parlando a degli starnieri.

>e avanti: gli interpreti fanno una fatica dell'anima nel tradurre non

>tanto per "il cercar di apparire eruditi" di coloro che parlano ma per

>la povertà della lingua nella quale devono tradurre (a parte il

>francese, ben inteso).

Sara' sicuramente come dici tu ma alcuni (rarissimi) frequentatori della TV, come Mirabella e il compianto Cesare Marchi, che conoscono (o conoscevano) l'italiano in ogni sua sfumatura, si esprimono (esprimevano) sempre in maniera chiara e pulita, evitando parole ricercate, consapevoli della platea a cui si rivolgevano.

Li ho sempre apprezzati per questo.

(anche se, in generale, Mirabella non mi sta simpaticissimo).

>"tranne che un modo di dire latino (abbastanza comune in italiano) non ho espresso."

A parte che non metti le maiuscole negli a capo e il tuo uso della punteggiatura e' molto naif, (ma siamo in Internet e te li passo come errori di battitura), questo e' un buon esempio di come non construire una frase in lingua Italica... :)

Chi non avesse letto il messaggio originale, non si lasci ingannare dall'iniziale minuscola, la frase rappresent(erebbe) un periodo completo.

Spera che gli amministratori del Forum non ti diano retta e non decidano di moderarlo "alla tua maniera", poiche' saresti il primo ad essere espulso (io il secondo se ti puo' far piacere) visto che vieni qui a dare dei "peracottari" a quelli che gentilmente hanno risposto a una tua domanda, accusando i frequentatori del Forum di spargere notizie false e tendenziose che andrebbero verificate da una "Polizia del Forum" di cui vaneggi...

Link to comment
Share on other sites

Punto 1> Attlio, Olaf, Camillo e Diego: Vigliacchi!!!!!

Sono via, leggo raramente il forum, salta fuori un thread di questo tipo ...e voi non mi dite niente! Non mi avvisate! Non mi mandate una email, un SMS per dirmi... “Corri a leggere!â€

Ribadisco: Vigliacchi! Che non succeda mai più!

Punto 2> Mi sto preparando per la vesta di questa notte, quindi, se qualcuno di voi non mi chiama, beh, tanti auguri di un felice 2001.

Punto 3> Sto leggendo sul Palm lo storico di questa discussione, e...

“Essere Cavillosiâ€> “Internettiamo†era un arubrica condotta da un mio fraterno amico nel celebre Giornale che fu diretto da Feltri. A Gianfranco (che parla, legge e scrive correttamente e correntemente la lingua che fu di Virgilio), l’onore di aver divulgato la rete in tempi lontani.

“Internettiamo†quindi non può avere una valenza negativa.

“25 Giugnoâ€> Un giorno presenziai ad una laurea in Scienze Statistiche e Demografiche presso il Palazzo del Bo’ a Padova. Assistere ad una laurea in Padova è sempre uno spettacolo, che per chi non lo ha mai visto può essere anche “impressionante†(vero Gianfranco? ;-)). Ebbene, la laureanda esponeva (più di due lustri fa) una tesi sui sistemi informativi e sulle banche dai. Uno dei docenti che ascoltavano, sostenne l’inadeguatezza di un sistema ridondante di informazione. Un povero giovanotto, da tempo negli USA, dall’ultima fila intervenne dimostrando in “Anglo-Veneto†che l’informazione DOVEVA essere ridondante e in tempo reale, altrimenti rischiava di essere inutile.

Ergo> Su questo forum (come in TUTTI gli altri), proprio per la loro natura di strumenti utilissimi e di grande vivacità, troverai sempre informazioni ridondanti e in tempo reale.

“Economiaâ€> Ricorda ancora quando seguivo le lezionid i Macroeconomia alla “corte†del Proff. udiger Dornbusch, e poi da Fischer. Ebbene gli americani sono la massima espressione di un fenomeno che sta diventando sempre più diffuso tra gli oratori del mondo: o ci si esprime in modo tanto elementare da svalutare l’importanza dell’oggetto della discussione, oppure si cerca di parlare in modo tanto complicato che nessuno riuscirà a capire quello che si dice. SI tratta di due esasperazioni di fenomeni quali l’incapacità di essere comunicativi o la volontà di lodarsi facendo sembrare l’argomento del dibattito più complicato diq uello che in realtà é.

L’olio> Ricordiamo la ragione perché noi parliamo una lingua che deriva dal toscano? Perché Dante Alighieri (il sommo poeta) usò il volgare toscano per scrivere la “Commediaâ€. Non c’e’ nessun disonore nel parlare una lingua popolare, sempre che non sia offensiva, di cattivo gusto, sempre di risultare più comunicativi.

Pier Vittorio> Fai citazioni dotte, ma non dimenticarti che uno scrittore come Tondelli, beh, rappresenta (nel bene o nel male) un periodo storico della letteratura italiana degli anni ‘80, e nei suoi scritti (pure censurati) difficilmente un personaggio dirà “age quod agisâ€, ma piuttosto... “’fanculoâ€.

...Scusami, ma per il momento ritengo il povero Pier Vittorio ugualmente degno di stima.

Congiuntivo> Mi batto per il corretto uso. Purtroppo però la TV, che è fatta per lo più da “romani†ha diseducato gli italiani.

Come parli> Poco importa come parli se però sei cominicativo e le cose che dici hanno significato e sono utili. Preferisci un “Bertoldo†della situazione, o forse un “Politicante anni ‘80�

Q&A> Non puoi pretendere di avere comunque risposta a tutte le domande che poni. Può accadere che nessuno conosca la risposta.

Lo sai> a quanti um è serigrafato il silicio nei chip custom del mio SE/30?

Pertinenza> Si tratat di una domanda sui Mac fatta su un forum per Mac, ma... penso pochi conoscano la risposta.

Lusingato> Beh, sono lusingato del fatto che pur essendo io lontano da casa, e assente da questo forum oramai da tempo, nessuno abbia dubitato che io fossi tu! ;-)

Per il resto....

Buon anno a tutti

Sursum Corda

Renzo

Link to comment
Share on other sites

Ho una domanda che mi asilla da qualche giorno IBM ha deciso di rimanere ferma ai G3? oppure sta cercando di costruire la nuova generazione di computer per l'appunto i G5?

Se non vado errato l'apple faceva credere di voler presto portare i G4 in tutto il suo hw imac compreso se ciò accade IBM ha intenzione di rimanere fuori da i power pc se ciò accade cosa potrebbe succedere a apple fra un anno vedremo forse ancora i G4 però con bus a 400 Mhz ram a 800Mhz HD da 20.000rpm 1000 GB Mac os x e però solo un doppio processore a 500 Mhz .

Oppure la apple si decidera a fabricare i nuovi processori magari con un accordo con compaq a 64 bit(lo vedo bene un mac con 1000Mhz a 64 bit altro che G4)oppure rimarremo a vita con i g4 certo gli sviluppatori daranno il meglio per i g4 magari molti programmi anche se più lentamente gireranno per gli stupidi che si ostinano a credere in apple la play e un esempio hw molto scarso che però fa girare molti giochi che solo un pc di due generazioni più avanti riesce a far funzionare.

Ma chi veramente ha bisogno di lavorare si ostinera ad usare un mac o cambiera piattaforma (una volta che il campo grafico editoriale e dell'editing video transiterà in un altra piatta forma )i produttori secondo voi svilupperanno per una piattaforma bella ma morta spero che qualcuno sappia rispondermi perche da quello che ho letto nelle news di oggi c'è da preocuparsi.

Link to comment
Share on other sites

Un altra cosa se non sbaglio nel Nintendo cube c'é un risc fornito da ibm.

qualcuno sa quanti mhz ha questa console?

se intel passera ha i risc continueremo con l'accordo con Motorola?

Ma l'apple oltre a spingere per avere processori più veloci sta cercando dei nuovi alleati o ormai e decisa col consorzio MOTOROLA apple ibm ?

spero che qualcuno sappia rispondermi

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share