Trauma, un'intera fila di pixel bruciati. Ed ora?


Liquid
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti, oggi ho avuto una giornata drammatica: penso che il titolo del thread basti per definire la portata dell'evento. Ho un Powerbook da 17" per il quale ho un rispetto ed una cura enorme. Mi chiedo come sia possibile che si verifichi un difetto così grave per un computer così costoso, e la cosa che più mi infastidisce è che sia successo tre o quattro mesi dopo della fine della copertura della garanzia. Infatti ho comprato il computer nell'aprile dell'anno scorso.

Qualcuno ha avuto esperienze simili? E poi, se il d.lgs. 2 febbraio 2002 n.24 stabilisce che la garanzia deve essere di due anni, perché la apple dichiara invece che è di un solo anno?

Ho probabilità, secondo voi, che il centro assistenza al quale mi rivolgerò mi effettui una riparazione?

UNA FILA INTERA DI PIXEL è una vergogna. E non ho usato nessun panno elettrostatico, non ho sfiorato il monitor.

Grazie a quanti di voi vorranno rispondere,

Vincenzo

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 45
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

La garanzia di due anni riguarda il venditore e non il produttore.

Ad ogni modo ti puoi rivolgere a chi ti ha venduto il PB e far valere la garanzia. Le spese di riparazione verranno poi fatturate da Apple a chi ti ha venduto il PB.

Sono bizzarrie legislative ;)

Cmq mi unisco al tuo dolore per il monitor

Link to comment
Share on other sites

facciamo chiarezza. la garanzia di due anni vale per i "prodotti europei". apple non è un prodotto europeo, ma un prodotto extra UE. la stessa cosa accade per i telefoni cellulari: si possono trovare prodotti europei e prodotti d'importazione.
Link to comment
Share on other sites

urg il portatile l'ho preso su applestore.

Dall'articolo 1519-bis c.c. lettera d)

"produttore: il fabbricante di un bene di consumo, l'importatore del bene di consumo nel territorio

della Unione europea o qualsiasi altra persona che si presenta come produttore apponendo sul bene

di consumo il suo nome, marchio o altro segno distintivo"

quindi, credo che valga anche per i beni prodotti al di fuori della comunità, altrimenti sarebbe una legge un tantino ristretta visto che la tecnologia noi europei non la facciamo

si tratta di una garanzia che riguarda i difetti di conformità. Ma mi domando un monitor che si scassa il giorno dopo della fine della garanzia, può essere considerato conforme?

Link to comment
Share on other sites

L'Unione Europea può emanare disposizioni per i paesi del suo territorio. non può vincolare paesi extra UE.

Per chiunque venda all'interno dell'UE (il che vuol dire, ad esempio, per un produttore avere una sede operativa ufficiale in uno dei paesi dell'Unione) è obbligato a prestare una garanzia biennale, ripartita tra produttore e venditore).

Link to comment
Share on other sites

Secondo me, no. Se è saltata un'intera fila vuol dire che si è spezzato un contatto da qualche parte, probabilmente nel cardine del monitor. Se il portatile non mostra di essere stato strapazzato troppo, è logico concludere che la rottura sia dovuta a un difetto di fabbricazione.

Link to comment
Share on other sites

Secondo me, no. Se è saltata un'intera fila vuol dire che si è spezzato un contatto da qualche parte, probabilmente nel cardine del monitor. Se il portatile non mostra di essere stato strapazzato troppo, è logico concludere che la rottura sia dovuta a un difetto di fabbricazione.

Però è il cliente, a carico suo, che deve dimostrarlo.

Link to comment
Share on other sites

L'Unione Europea può emanare disposizioni per i paesi del suo territorio. non può vincolare paesi extra UE.

Per chiunque venda all'interno dell'UE (il che vuol dire, ad esempio, per un produttore avere una sede operativa ufficiale in uno dei paesi dell'Unione) è obbligato a prestare una garanzia biennale, ripartita tra produttore e venditore).

C'è qualcosa che non mi torna. L'UE non "vincola" nessuno fuori dal proprio territorio, non siamo ai tempi del Commonwealth, certo.

Ma se domani stabilisce, supponi, che tu, produttore di vini australiano, non puoi commercializzare in Europa il vino finto barricato a colpi di trucioli di rovere, perché l'Europa è un continente con una sua dignità e che invecchia ancora pazientemente il vino nelle botti, tu, esportatore di vini australiano, il tuo vino te lo berrai da solo.

E' come la storia dell'Antitrust che ha colpito Microsoft: le condizioni per l'Europa sono quelle stabilite dal Parlamento UE. Se Gates ci sta, bene, altrimenti va a vendersi MediaPlayer in Uganda (per dire, non ho niente contro gli ugandesi).

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share