Hardware Apple


antonio
 Share

Recommended Posts

Perfettamente in linea con le previsioni, visto che il bus è un po' meno performante e che il clock è un po' più basso.

I test di Macolympics non sono pensati per nessuna ottimizzazione in particolare (ne' Altivec, ne' MMX, ne' quelle dell'Athlon, ne' il biprocessore ne' tantomeno il G5). Sono anzi da intendersi come campione casuale di operazioni di Photoshop. Non rappresentano un test scientifico, ma statistico direi proprio di sì.

Dagli ultimi risultati si deduce che la generazione G5 è decisamente più potente, a parità di clock, di qualunque processore per PC in giro. Si noti che questo non era poi così vero per i G4, che almeno nei miei test risultano abbastanza deludenti (sì, lo so, se tutto il software fosse ottimizzato per Altivec probabilmente avrebbero prestazioni migliori; ma non lo è). Considerando gli annunci sui futuri sviluppi di clock mi pare si possa tirare un respiro di sollievo. Il tutto in attesa dei progressi dovuti a Panther.

Certamente è IMPERATIVO che tutti i Macintosh, dagli iBook agli Xserve passino SENZA INDUGIO, alla nuova generazione, perchè non esiste nessuna nonna o ciabattino o commesso o deputato analfabeta che gradisca impiegare 70 secondi su un computer da 2500 euro (sto parlando di iMac) a fare una cosa che ne impiega 35 su un computer da 1000 euro (un qualunque clone che monta su un Athlon 3000 o un Penitum 4 a 3Ghz). Ci sono certamente anche altri plusvalori, il design, la durata delle batterie, la qualità degli schermi, ma alla fine i computer devono essere veloci veloci veloci.

Capito Apple? Vedi di risolvere il problema, dunque.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 4.9k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

> Certamente è IMPERATIVO che tutti i Macintosh, dagli iBook agli Xserve passino SENZA INDUGIO, alla nuova generazione, perchè non esiste nessuna nonna o ciabattino o commesso o deputato analfabeta che gradisca impiegare 70 secondi su un computer da 2500 euro (sto parlando di iMac) a fare una cosa che ne impiega 35 su un computer da 1000 euro (un qualunque clone che monta su un Athlon 3000 o un Penitum 4 a 3Ghz). Ci sono certamente anche altri plusvalori, il design, la durata delle batterie, la qualità degli schermi, ma alla fine i computer devono essere veloci veloci veloci.

Per noti e ovvi problemi di dissipazione e/o raffreddamento e a detta degli ingegneri di IBM un

970 in un laptop, al momento, è impensabile.

Il problema si pone, in misura minore, anche per gli iMac e gli eMac...

Nel futuro chissà...

Una riflessione: PhotoShop non è l'unico punto di riferimento del mondo informatico, inoltre i test nudi e crudi, privi cioè delle peculiarità di un certo modello di processore lasciano il tempo che trovano, è come dire correre in Formula1 usando come motori solo quelli di cinque anni prima...

Link to comment
Share on other sites

Hocico, le cose non stanno come dici tu. I motivi delle scelte di Apple sui processori sono o di natura politica (non legarsi troppo ne' a Motorola ne' a IBM) o di natura commerciale (creo artificilamente differenze di prestazioni sui miei computer) o di natura industriale (la fabbrica di IBM produce solo un certo numero di processori) o di natura speculativa (impegnarsi per certe commesse a scapito di altre).

Vedrai che se Apple ordinasse 5 milioni di processori all'anno ad IBM, in IBM troverebbero il modo di fargli consumare poco e di farli stare su un'unghia...

E' che Apple ci sguzza, dentro questo suo immaginario delirio di onnipotenza, in cui non esiste il confronto coi PC ma solo quello tra G5, G4 e G3 (sic!).

Questa cosa forse è valida in America, dove Apple è ancora una piattaforma verticale, ed in cui NON si discute SE comprare un Macintosh, ma solo QUALE modello acquistare.

Nel resto del mondo TUTTI, dicasi TUTTI, i Mac comprati sono ormai passati attraverso non una, ma DIECI comparazioni coi PC.

E' anche per questo che Apple è calata all'1% fuori dagli USA, perchè non capisce più bene chi sia il suo competitor.

Quanto ai miei test l'ho detto: non sono scientifici sulle "reali" potenzialità delle macchine, ma danno una ottima approssimazione statistica su cosa potresti attenderti dalla tua macchina su un casuale task non ottimizzato (anche fuori da Photoshop).

Link to comment
Share on other sites

Alla fine le tue conclusioni sono identiche alle mie...

Non ho detto che IBM non può far "andare" il 970 sui portatili facendolo consumare meno, ho detto semplicemente che non lo faranno, probabilmente non vogliono investire, per adesso, in ricerca su di un chip progettato per un uso workstation/server ad alto livello, e per IBM per un uso Linux oriented...

Dunque alla fine volenti o nolenti questa è la situazione...

Link to comment
Share on other sites

Poi Hocico c'è anche un altro fatto importante: le varie ottimizzazioni incidono sempre per pochi punti percentuali sulle prestazioni dei processori (inutile negarlo), mentre i salti generazionali producono aumenti esponenziali.

Mi spiego meglio: non è che Altivec sui G4 400 Mhz, non ci fosse, è che magari li fa andare a 1.5volte un G3 a 400 Mhz (magari...). Già si capisce che un G3 a 600 Mhz si è belle che ripreso il vantaggio, figuriamoci uno a 1ghz o a 2Ghz e così via.

E' per questo che i programmatori alla fine della fiera sanno che le ottimizzazioni del codice sono delle pippe di scala più o meno grande, perchè tanto è l'industria che nel giro di pochi mesi produce gli stessi benefici a livello hardware. Quindi, perchè lavorare gratis????

Immagina un po' te poi con che entusiasmo lo fanno per na piattaforma che ha il 2%...

E difatti se leggi la propaganda Apple (in genere trionfalistica e molto meno scientifica di me...) vedi che Altivec doveva produrre aumenti di prestazioni anche di un fattore 10, cioè circa 3 anni in ambito industriale.

Altrimenti col cacchio che stimoli i programmatori.

I miei test possono essere imprecisi sulle piccole percentuali, ma sui fattori esponenziali non sgarrano!

Spero di essermi spiegato. In fondo io sto parlando di numeri, non è che mi si possa dire "non è vero" più di tanto...

Link to comment
Share on other sites

Vorrei aprire una pagina con i bench di Symantec System Info che si trova nel pacchetto delle Norton Utilities. Ho visto che già Andrea Cassa (http://info.supereva.it/andreacassa.dadacasa/macolympics.htm?p) aveva iniziato ma si è fermato al 1999. Potreste testare tutti i mac a vostra disposizione con la versione più recente che avete delle System Info?

Rispettando ovviamente le richieste del programma per funzionare come i colori del monitor, la cache assegnata ecc ecc.

Poi me li spedite a questo indirizzo indicando anche la versione del programma:

[email protected]

Grazie ragazzi

Link to comment
Share on other sites

Vediamo i (pochi) dati raccolti finora:

<TABLE BORDER=1><TR><TD>OS</TD><TD>RAM</TD><TD>Max disp. per PS</TD><TD>rapporto </TD></TR><TR><TD>OS X</TD><TD>640</TD><TD>563</TD><TD>88.0% </TD></TR><TR><TD>OS X</TD><TD>512</TD><TD>448</TD><TD>87.5% </TD></TR><TR><TD>OS X</TD><TD>512</TD><TD>450</TD><TD>87.9% </TD></TR><TR><TD>OS X</TD><TD>1280</TD><TD>1118</TD><TD>87.3% </TD></TR><TR><TD>XP</TD><TD>1536</TD><TD>1444</TD><TD>94.0%</TD></TR></TABLE>

Su OS X, Photoshop indica come disponibile più o meno sempre la stessa percentuale, indipendente dalla quantità di RAM installata. Eppure l'OS dovrebbe occupare una quantità di memoria simile, indipendentemente dal totale. Possibile che Photoshop usi semplicemente una percentuale fissa della RAM totale per indicare quella disponibile? Le piccole fluttuazioni potrebbero dipendere da qualche variabile propria dell'installazione di Photoshop utilizzata, per esempio il numero di plug-in.

Link to comment
Share on other sites

Dunque...

Il tuo discorso, Chest, mi può andar bene per uno sviluppatore Windows ma assolutamente non va bene per uno sviluppatore su Mac.

La nostra è una piattaforma proprietaria, quindi in massima parte gode di certe peculiarità hardware che, piacciano o no, chi sviluppa seriamente dovrebbe prendere in considerazione.

Inoltre essendo i processori PowerPC generalmente più lenti (uso un eufemismo per i G4, il discorso sarà, speriamo, diverso per i G5) nell'evolversi come clock e generalmente con un IPC più elevato, sopratutto con un codice scritto ad hoc, le ottimizzazioni hanno un valore molto rilevante.

Chiunque sviluppa piattaforme proprietarie sviluppa anche codice generalmente più performante, vedi per esempio qual capolavoro di sistema operativo che è IRIX su SGI e vedi come Maya gira bene su quella piattaforma, ed è molto performante pur con processori a 700 Mhz!!!

Se questo non accade per Mac è un'altro discorso, Apple dovrebbe spingere perchè questo venga fatto, come in realtà accade per diversi pacchetti applicativi strategici, vedi Final Cut che è stato "assorbito" e sarà quindi ottimizzato al massimo.

Se la soluzione proprietaria hardware+software non riesce ad essere super performante nei propri campi di elezione rispetto alla soluzione diciamo così "di massa", allora è da considerarsi morta, fino ad ora Apple, SGI (vedi i supercomputer di rendering), Sun (purtroppo SPARC è in via di dismissione...Posted Image), la stessa IBM con le macchine Power based, sono riuscite a fare degli utili proprio in quanto nei loro ambiti di utilizzo specifici ottengono prestazioni superiori.

Quando non sarà più casì, io spero mai, scompariranno sicuramente o almeno si convertiranno (anche se Mac costituisce un caso a se stante) ...

Link to comment
Share on other sites

Chest > Questa cosa forse è valida in America, dove Apple è ancora una piattaforma verticale, ed in cui NON si discute SE comprare un Macintosh, ma solo QUALE modello acquistare.

Anche lì non è più così vero. Ad esempio in campo "educational", tradizionale roccaforte di Apple, ci sono forti spinte per migrare verso Win.

riferimenti: http://www.lowendmac.com/macinschool/03/1019.html

http://www.sptimes.com/2003/09/17/Columns/Schools_will_give_kid.shtml

Link to comment
Share on other sites

Caro Hocico, ciò che dici è di una verità totale. Purtroppo la disparità con Windows è tale che tutte le applicazioni bi-piattaforma (Photoshop incluso, temo) vengono in realtà sviluppate per win e poi "portate" su Mac(*).

Ecco perchè le "ottimizzazioni" scarseggiano.

(*) Certo il livello di questo degrado può variare da software house a software house e da programma a programma. Però ormai è un fatto ineluttabile.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share