Sign in to follow this  
gianni

Software

Recommended Posts

Guest

Sono perfettamente d'accordo con entrambe le soluzioni .... quando capirò come fa la microsoft a fare programmi che non funzionano e fare palate di soldi diventerò migliardario anch'io :-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Marco, al di la' delle battute,credo che sia un problema legato ad Office 2001 e l'aggiornamento a Sys 9.1

Il mio Office 2001 e' andato benissimo ( a dispetto di quanto dice Diego :-) ) fino a che non ho aggiornato il sys alla 9.1, da li' in poi ho saltuarimente qualche blocco della maccchina (dal quale esco peraltro con mela+alt+esc), soprattutto in fase di copia/incolla di grosse quantità di testo.

Mi auguro a breve un update di Office che risolva.

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

"Sovrastati sul piano delle vendite dai pc della Microsoft, che utilizzando il sistema operativo Windows ha praticamente sbancato il mercato dei computer da casa <FONT COLOR="0000ff">(tanto da acquistare anche la maggioranza delle azioni della Apple)"</FONT>

No comment…

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Guardate che l'articolo del giornale sardo, su citato da Fabio, è agghiacciante altro che no comment.

Bisognerà fare finire, una volte per tutte, questa indecenza informatica.

E' non riguarda solo la Apple, ma il mondo informatico in generale, ragazzi c'è una ignoranza in giro su questi argomenti che non ha confini, e se c'è in USA figuriamoci da noi trogloditi come siamo messi.

Metteteci anche la sudditanza di anni al monopolio Olivetti, capirete che la situazione in acluni momenti rasenta la tragicità...

Inoltre sapete bene come sia difficile smontare certi luoghi comuni, che la gente assimila ed addio obbiettività.

In un'altra discussione da un'altra parte commentavo un articolo pubblicato su ZD Net Italia che traduceva, a modo suo, quello americano dicendo degli strafalcioni notevoli e chi lo leggeva si sentiva legittimato nella beata ignoranza della verità.

Ed anche se poi gli posti i link ufficiali dei risultati fiscali, le notizie ufficiali da altre aprti rimarrà sempre diffidente.

Quello che dice Pietro Zonca sarebbe vero, ma se viene fatto dal giornale più importante di Italia nel suo settore, è un pochino grave.

La testata più importante non credo si sarebbe creata un grosso danno economico faceno l'enciclopedia in doppia piattaforma, considerando che dietro al CD Rom si legge bene Macromedia Director e QuickTime, quindi il porting era fattibilissimo.

Conclusioni: la Testata più imporatante ha sbagliato, poteva rendere un prodotto sicuramente valido anche per Mac (visto che era possibile tecnicamente senza investimenti milidiardari), quindi essere democratica, sopratutto per un prodotto valido per almeno un anno, quindi un prodotto una tantum... ;-)

Mickey

p.s.: forse mi sono un po' perso, chiedo venia spero si capisca il senso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Purtroppo non sono un esperto del settore ma mi stavo chiedendo, visto che come dite il porting su mac in certi casi (es. macromedia) non e` molto difficie ed e` solo questione di volonta`, se non sarebbe possibile fare una pagina di macprof dove si spiega in maniera semplice (lo si deve spiegare a dei direttori di giornali)come si puo` fare una cosa simile e poi allegare il link di questa pagina a tutte le mail di protesta spedite ai giornali

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh... la pagina di MacProf c'e' già...

la trovate nella sezione

Ad Armi Pari...

http://macprof.macity.it/adarmipari/cdriviste.html

ma direi ancora meglio nella recensione della Bibbia su CD Card.

"Bible Live", questo e' il nome del prodotto multimediale; costa 10.000 e in una card da 40 MB ha inserito tutte le estensioni che permettono di costruire un'opera con immagini, suoni, gestione di un database, stampa di estratti, esportazione in RTF.

Nella recensione ho messo anche una schermata che mostra tutte le estensioni utilizzate per creare un prodotto compatibile sia con Mac che con Windows.

provate a vedere su...

http://macprof.macity.it/test/bibbiacdcard.html

e magari citate la cosa nelle vostre lettere ai vari periodici...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Matteo>

Gia ora che mi ci fai pensare, gli chiedo chi gli ha detto che zio Bill, si sia impadronito anche di Apple............

Ora gli scrivo !!!

Mickey>

agghiacciante e dire poco perché credo che chi lo ha scritto (non é firmato) ci creda veramente.....

Fabio

Share this post


Link to post
Share on other sites

A proposito di discriminazioni guardate questa differenza di costi:

"CONSEGNA ED INSTALLAZIONE HARDWARE e SOFTWARE:

Addebito pari a un trasferimento di lit. 60.000 + iva e costo orario di lit. 85.000+iva a consuntivo per i computer Macintosh o lit. 75.000+iva a consuntivo per Pc Pentium.Servizio di consegna ed installazione hardware e software delle apparecchiature acquistate con configurazione del Sistema operativo e collegamento ad INTERNET. Sono esclusi interventi su altro software applicativo.

INTERVENTO SU RICHIESTA PRESSO IL CLIENTE:

Nel caso di richiesta di interventi presso la sede del cliente, per malfunzionamenti hardware o per problemi software verranno addebitati i seguenti importi:

DIRITTO FISSO DI CHIAMATA Lit. 100.000+IVA

ADDEBITO ORARIO (si addebitano le frazioni di 1/2 ora) Lit. 100.000+IVA PER MACINTOSH

ADDEBITO ORARIO (si addebitano le frazioni di 1/2 ora) Lit. 85.000+IVA PER PC

RIMBORSO CHILOMETRICO (per fuori citta') Lit. 800+IVA

Il conteggio orario viene calcolato dal momento in cui il tecnico entra presso l’ufficio del cliente fino al termine dell’intervento."

Questo e' uno "stralcio" delle nuove condizioni di assistenza di un MacStore....si si, proprio di un MacStore....E' un po' come portare una Peugeot in un centro FIAT e pagare di meno la manodopera su di una riparazione!! Mah...

Ciao a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh...

la cosa non mi sorprende...

per sistemare un Mac ci vuole meno tempo in generale e quindi alla fine i costi sono piu' bassi e i guadagni sono minori per il negozio.

Pensa che per "vedere" la scheda video di un portatile Compaq su Win2000 un amico ci impiegato 2 giorni.

Il Mac avrà tutti i difetti del mondo ma sicuramente non richiede una assistenza cosi' costosa come un PC e i negozi per sopravvivere dovranno pur guadagnare qualcosa...

Il problema e' spiegarlo a chi non ha mai provato un Mac.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this