Sign in to follow this  
gianni

Software

Recommended Posts

Guest

perche'? mai sentito parlare di ereditarieta' nella programmazione ad oggetti?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

<FONT COLOR="ff0000">che i suoi Camillo's troppers, lo stanno aspettando.</FONT>

Se gliditecosì non tornerà: i Camillo troopers non fanno errori di grammatica e ortografia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Ho scritto che stavo usando una tastiera rotta.

Comunque un Camillo party...

sarebbe una bruttissima cosa: lui non scrive e (forse) non legge più, perchè dovremmo farlo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Olaf--Ho scritto che stavo usando una tastiera rotta.---

lo so lo so....non sapro' scrivere, ma so' leggere bene ;-)

per caso ce l'hai con Camillo? vabbe' che e' un po rompiballe...

forse ha avuto dei problemi e non ha piu' potuto scrivere...io lo perdono...tu?

puo' capitare a tutti...

Comunque il Camilloparty, era solo una battuta...forse mi e riuscita un po' male, in questo caso sono proprio messo male:

1 - non so scrivere;

2 - non faccio piu' battute decenti;

aiuto...forse e' meglio che se mi ritiro..

;-) ;-)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Mi inserisco nel "dibattito" sul Pascal per Mac, un po' scaduto di livello nelle ultime battute ;-)

Personalmente ho una buona conoscenza del problema, avendo avuto la necessità ed il piacere di usare parecchio Think Pascal.

Il Pascal è il RE dei linguaggi di programmazione relativamente alla didattica.

La sua sintassi non è affatto labile, ma è assolutamente rigorosa, da qui la grandissima valenza didattica: costringe a scrivere del codice rigoroso ed ordinato. E' poi assai "leggibile", vista la semplicità lessicale dei costrutti base.

Quanto al Think Pascal, mi trovai ad usarlo in contesto in cui veniva insegnato il Pascal usando come riferimento il Borland Pascal: non credo di aver mai patito alcuna difficoltà per la diversa implementazione di un numero assai limitato di comandi che _prescindevano_ dal Pascal ANSI.

Manuale alla mano si risolvevano tutti i problemi (pochi, invero). Se serve qualche consiglio, sono a disposizione, meglio via email, per me è più comodo.

Al tempo lavoravo su Mac LC. Il think Pascal è solo per 68k.

Per quanto riguarda invece la programmazione del Mac è vero che la documentazione di Apple era fornita prendendo come riferimento per l'illustrazione delle routines del Toolbox il Pascal, mentre a partire da una certa edizione dell'InsideMac si è passati al C.

Certo è che oggi come oggi il Pascal ha perso molta importanza, visto il dilagare di C/C++ o Objective C in ambito sviluppo professionale e del Basic (tipo Real Basic, o Future Basic..) in ambito hobbistico e anche professionale. Resiste bene il Fortran in ambito scientifico e per imparare la sintassi del fortran il Pascal è ottimo, in quanto abbastanza simile...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

scusa, volevo dire che il primo era gratis... l'altro lo recuperi ad un buon prezzo su amazon...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

C++ primer era il primo che ti volevo postare, essendo stato consigliato anche a me da un amico che programma da decenni, ma non ero sicuro del titolo. potrebbe esserci anche la traduzione in italiano, ma non sono sicuro, lo vidi tanto tempo fa in una libreria ma non so se fosse d'importazione...

dello stesso autore, essentialC++

il mio suggerimento comunque e' di scaricarti l'eckel(i primi quattro capitoli dovrebbero dare una rapida survey del solo C) e poi, se non ti basta, allora prenderne uno su carta, magari piu' avanzato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this