Software


gianni
 Share

Recommended Posts

Gennaro hai perfettamente ragione.

[digressione]

L'adsl cambia il modo di fruizione della rete, mi spiego. Se con una connessione dial-up siamo semplic ispettatori in un'universo di computers sempre connessi che sono i veri protagonisti, con una connessione adsl flat diventiamo attori a nostra volta. La maggiore banda a disposizione consente di navigare più velocemente, ma anche di poter usufruire di servizi avanzati quali lo streaming audio e video (vadasi la radio di iTunes).

Con l'adsl possiamo allestire il nostre web server (in caso di esigenze limitate, ovviamente), cosa che con OSX riesce semplicissima, non bisogna nemmeno sapere cos'è il file httpd.conf.

Io con l'adsl scarico moltissime distribuzioni GNU/Linux (prevalentemente live-cd) per pc (e scaricherò la yellowdog 4 quando sarà disponibile). Su www.versiontracker.com e www.sourceforge.net c'è tantissimo software freeware ed open source, non penso sia necessario scaricare continuamente musica e video.

Tengo infine a precisare che i materiali multimediali scaricati dal p2p sono generalmente di pessima qualità. Se un film occupa un dvd dual-layer e noi scarichiamo un rip da 700MB, non penso che la qualità potrà essere accettabile, nonostante la bontà del codec. Stesso discorso per la musica. Se qualcuno ama la musica e i film, difficilmente potrà accettare il compromesso del p2p.

[/digressione]

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 6.8k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Gennaro, sono d'accordo con quasi tutto quanto dici nel tuo penultimo post. Vorrei però aggiungere solo alcune note:

1. Personalmente non ho mai detto che tu sei stato arrogante o maleducato (al limite un po' intransigente, ma questo come ho già scritto fa parte del tuo carattere, o almeno di quello che traspare qui sul forum). Io ho solo detto che Massimo con il suo ultimo post si è ampiamente scusato, intendendo implicitamente che lo si può anche "perdonare" per il suo precedente tono e per le parole non certo molto amichevoli che ha usato soprattutto nei tuoi confronti.

2. Ribadisco, sei un tantino intransigente. Capisco e apprezzo che tu non scarichi mai nulla illegalmente. Ma mi chiedo: proprio nulla nulla nulla? Nemmeno un filmetto in divx tanto per curiosità o una canzone che non si trova più da nessun'altra parte? Nemmeno un piccolo software commerciale che vuoi testare a fondo prima di comprarlo o che ti serve solo per potere fare un'operazione particolare una tantum? Sarà, ma mi sembra strano, se fosse davvero così saresti proprio una mosca bianca. In ogni caso, anch'io per principio sono contrario al download illegale ma ritengo che in fondo chi non lo fa per guadagnarci sopra ma solo per risparmiare qualche soldino possa essere quantomeno capito e accettato.

3. Infine concordo pienamente con l'ultimo concetto che esprimi, ma non fare lo sbaglio di credere che sia un difetto soltanto italiano. Vivendo in questo paese e vedendone i molti difetti, tendiamo a pensare che le cose sbagliate le fanno solo gli italiani. Ma non è così, difendersi attaccando secondo me è una cosa che fa parte dell'indole di qualsiasi essere umano, anche della tua. Se qualcuno ci fa una critica, la nostra prima reazione è sempre e comunque "ma tu però...". Se poi siamo un po più civili, in un secondo tempo ci ripensiamo e ci rendiamo conto che in fondo la critica era motivata e circostanziata. Ma questo solo in un secondo tempo! La differenza tra la persona "saggia" (passami il termine) e civile e quella gretta e ignorante è che la prima ripensandoci capisce e accetta le critiche costruttive, la seconda le rifiuta sempre e comunque. Ma la prima reazione è identica per tutti noi ed è di attaccare quando ci sentiamo attaccati, di questo ne sono certo.

Un'ultima nota amara: guardati bene intorno e dimmi dove sarebbero tutti questi secoli di civiltà che rischiamo di mandare a rotoli... Forse in Irak? Forse nei jet americani? Forse a Ground Zero? Forse nelle migliaia di persone ferite, uccise, picchiate e stuprate nel corpo e nell'anima ogni giorno in questo mondo? O magari nel nostro parlamento, che finisce ormai una seduta su due con botte e insulti? Forse sarebbe meglio mandarla davvero a rotoli questa civiltà, per avere la possibilità di crearne una nuova più moderna, civile e umana... nella quale, ovviamente, il computer più venduto sia il Mac Posted Image

Link to comment
Share on other sites

Luca, rispondo un pò di fretta perché sto per uscire, quindi ti prego di scusarmi per la velocità

1) Ovviamente non facevo riferimento a te

2) Non ho musica illegale. Tutta la musica che possiedo è originale, ci ho speso un sacco di soldi, ma è così. Chiaro che anche io a mò di prova ho scaricato qualcosa (anche se ti dico che forse sono uno di quelle 3-4 persone in Italia che hanno pagato il codicie di QuickTime Pro). Ma non è questo il punto.

Io ho fatto notare alcune cose a Massimo non per il download (presunto o reale) in se stesso. Ma perché lui voleva giustificare l'uso della banda larga a quello scopo.

In sostanza, ci sta pure che scarichi qualcosa ... ma se tu dici che la banda larga serve a quello o la bruci ... beh, bruciala.

3) Luca, se qualcuno ti pesca (Massimo non fraintendere non mi sto riferendo in questo caso a te, la situazione è volutamente estremizzata per rendere meglio un concetto) con le mani nel sacco, scusami ma la naturale reazione NON ci deve essere.

Sulla nota ... queste brutte cose che citi succedono per lo stesso motivo, la nostra civiltà sta andando a farsi benedire. Son d'accordo che ci vorrebbe una sterzata netta (poi tu dici di ricrearne una nuova ... per me la soluzione migliore sarebbe un ritorno alle origini)

Link to comment
Share on other sites

Non capisco fino in fondo quelli che scaricano video o addirittura film interi con l'ADSL e poi se li guardano così. Hanno una qualità orrenda, alcune volte ne mancano dei pezzi, il suono fa schifo ecc... Io amo il cinema e vederlo così è come insultarlo.

Link to comment
Share on other sites

Gennaro > sono d'accordo su tutto quanto scrivi tranne forse sul fatto di essere pescati con le mani nel sacco: anche in questi casi, è più che naturale cercare di negare l'evidenza, magari aggredendo chi ci ha "sgamati", piuttosto che ammettere la colpa.

Maurizio > hai perfettamente ragione e il discorso si può estendere - benché in maniera meno evidente - anche alla musica, con una qualità degli MP3 disponibili attraverso il P2P che lascia decisamente a desiderare, e persino al software, spesso malamente crackato e ovviamente senza uno straccio di documentazione e/o assistenza.

Proprio per questo ritengo (parere rafforzato anche da varie indagini di mercato che sono state fatte in proposito) che in fondo il file sharing sia molto meno deleterio di quanto cerchino di farci credere i produttori di film, musica e software e soprattutto quei gran \:*#^|§* (omissis) della SIAE. Alla fine, tolti quelli che ci lucrano sopra in qualche modo, a scaricare illegalmente sono soprattutto ragazzini per i quali la qualità ha un'importanza relativa. Anzi, per chi scarica con il P2P spesso l'importante è solamente potersi vantare con gli amici di avere quel tal film prima ancora che esca nelle sale italiane o quel tal bootleg del rocker più in voga del momento registrato durante un concerto esclusivo tenutosi in Papuasia. E chi se ne frega se il film si vede tutto a macchie e se il bootleg gracchia... Per non parlare poi del software, che viene malamente installato senza alcuna cognizione di causa ingolfando ulteriormente sistemi Windows già di per se instabili e pesanti e contribuendo alla diffusione selvaggia dei virus. Queste, credimi, sono persone che se anche non ci fosse il P2P comunque non comprerebbero ne i cd ne il software ne i dvd, quindi la perdita che causano alle majors è in realtà davvero minima.

Chi vuole la qualità, il film se lo va a vedere al cinema o se lo compra su DVD (da Blockbuster vendono i film ex noleggio spesso a meno di 10 €). E così anche per musica e software. Al limite, a chi ama la qualità il P2P può essere utile per testare a fondo un software prima di acquistarlo, per assicurarsi che valga la pena comprare il nuovo album di un certo artista, per recuperare vecchie canzoni ormai introvabili in altro modo oppure per ritagliarsi come sfondo del desktop o come screensaver le scene più belle di qualche film.

Ma in fondo, pensaci bene, chi vuole la qualità si compra Macintosh e se siamo solo il 2.5% (circa) del mercato, un motivo ci sarà... Posted Image

Link to comment
Share on other sites

Il titolo rende l'idea? Posted Image

Devo "scrivere" o meglio copiare da Word un testo in cinese su un file freehand mx e in un psd. Ho formattato il testo in Word con uno dei caratteri disponibili su Panther (e qui tutto ok)ma poi se faccio copia-incolla nelle sopracitate applicazioni nn vedo il testo su photoshop, mentre su freehand sempre formattando con lo stesso carattere mi inserisce "quadretti e robe varie" dicendo che il carattere nn è installato... ma scusate se è nel libro font...

Qualcuno sa come potrei fare? Ci sono dei plug in o degli upgrade da fare su freehand e photoshop?

Grazie.

Link to comment
Share on other sites

Che versioni hai dei programmi? Usando Word 2004 e Photoshop CS non ci dovrebbero essere problemi. Prova a copiare il testo prima in TextEdit e poi nei programmi citati.

Link to comment
Share on other sites

Word 2004 e Photoshop 7 o Freehand mx

Ho provato come hai detto funziona ma nn va bene, mi taglia degli ideogrammi.

Secondo me il problema di photoshop è nei dizionari che nn prevedono lingue extraeuropee. Nn si spiega altrimenti, se il carattere è installato perchè deve "rompere" cosi?

Ho controllato su Adobe.com ma si parla di plug in x la lingua cinese solo pe la versione 5.

nn so che fare. L'unica è accendere windows e provare li e, lo dico a malincuore secondo me funzionerà, su Mac io che lavoro con lingue extraeuropee ho sempre dei casini Posted Image.

Link to comment
Share on other sites

Con il cinese non ho mai fatto grandi esperimenti, ma posso dirti ch eil problema di riconoscimento dei font asiatici in Photoshop e' abbastanza comune. Per quello dovresti cambiare il font del documento word originale con uno di quelli piu' standard... o cmnq fare un paio di prove per vedere se qualcuno viene letto meglio da photoshop.

Per Freehand non saprei dirti non avendolo mai usato.

Hai provqato a vedere se sui siti dei programmi dicono qualcosa a riguardo? mgari nelle faq trovi qualche info a fagiolo.

Saluti

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share