Perchè windows è brutto?


Recommended Posts

>Ma chi, Microsoft? Vuoi vedere che, dopo che ha scopiazzato l'impossibile, relegato Apple in un angolo (ancora per poco) grazie a politiche scorrettissime, dobbiamo ringraziarlo pure, il vecchio Bill...

certo che devi ringraziarlo per alcune cose. Il prezzo dei sistemi operativi (di rete e non), ad esempio. Il prezzo dei database "seri", persino per il prezzo degli word processor (che di voi ricorda i costi dei concorrenti all'epoca?).

Il prezzo dei pc (e di conseguenza quello dei mac) non sarebbe mai arrivato a quello attuale se non fosse stato per la politica aggressiva di MS.

Per altre è condannabile, se è per quello, e nessuno lo nega.

>P.S. Per 'presupposti di un mercato di massa' ti riferisci al fatto che hanno favorito in tutti i modi la diffusione di copie pirata?

no.

Mi riferisco a fare un os che non è legato ad un hw proprietario per girare e costa pochissimo se confrontato alla concorrenza.

>l'unico modo per combattere la pirateria (e l'Apple Store lo dimostra) è praticare prezzi equi: prezzo pieno per le attività commerciali, 1/10 del prezzo, ad esempio, per l'amatoriale.

forse non ti è chiara una cosa. Io posso essere d'accordo. Posso essere un estimatore della gpl, che mi permette di portare innovazioni in azienda senza chiedere al direttore operativo di sborsare una lira.

Posso anche dire di desiderare anche io che le cose cambino nel modo prospettato da Lorenzo.

Il punto pero' è che io resto fermamente convinto che chi crea un prodotto sw ha TUTTO IL DIRITTO di piazzarlo sul mercato al prezzo che ritiene adatto, e a non farselo piratare, cosi' come ha diritto di scegliere di regalare il suo lavoro o di rilasciarlo sotto GPL.

Quello che non mi sogno neppure è di andarlo a derubare pubblicamente, pretendendo approvazione morale da parte della societa'.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 312
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Caro Mike, sono pienamente daccordo con te, ma sono anche dell'idea che determinati software,anche con un

cachè miliardario,non valgano IN COPIA, il prezzo a cui vengono venduti.

Quindi rimango dell'idea che l'eventuale nuova copia,una volta sanato e recuperato il prezzo della creazione del software di origine,debba costare solo in proporzione al costo di produzione,e non in base al perpetramento estatico della prestazione geniale di base deificata ad eternum.

Le versioni student hanno invece un costo giustificato, e anche accessibile quasi a tutti, anche al povero di periferia ch eha già speso tutto per comperare l'hardware e magari possiede più capacità del figlio di papà ma nonha i soldi per l'acquisto.Le versioni student sono un'offerta onesta,ma ancora migliorabile.

Anche io sono dell'idea che tutti debbano lavorare e essere pagati per questo.

Ma non che io,col mio lavoro,devo essere pagato più del solito minatore a rischio di vita e di salute.

I cosiddetti "lavordi di mherdha" dovrebbero essere pagati più di quelli "d'elite",e invece succede solo l'opposto, e vediamo un michael jackson miliardario contro un missionario che deve leccare il kulho al vaticano per farsi mandare due stracci per lenire le sofferenze degli infortunati da mina antiuomo.

Ma Adobe,anche dopo aver ammortizzato i costi diproduzione, magari si fa pagare un cd-rom con la copia del programma il decuplo del suo valore e costo di produzione.

Da che mondo è mondo, il lavoro intellettuale viene pagato più di quello fisico e personalmente ritengo corretto che sia così. Le capacità intellettuali sono più rare di quelle fisiche e, come tutte le cose rare, hanno un valore maggiore. Inoltre, per essere in grado di fare certi lavori bisogna avere studiato per un tempo più o meno lungo e anche questo è giusto che venga ripagato. Infine, si guadagna anche in funzione di quanto si fa guadagnare. Michael Jackson guadagna milioni di dollari perché ne fa incassare decine di milioni al suo produttore... Stessa cosa attori, sportivi, personaggi televisivi, ecc. Allo stesso modo, l'influenza del programmatore sul guadagno della software house ha un peso che non può in nessun modo essere paragonato a quello, generalmente irrisorio (se considerato sulla singola persona), del minatore! Può piacerti oppure no, ma è un dato di fatto!!!

Per tutto il resto, quoto in toto quanto espresso nei suoi molti post dall'insolitamente loquace mc100, inclusa la parte sul contributo di Microsoft - insieme ad Apple, Adobe, Dell e molti altri - al drastico abbassamento dei prezzi dell'informatica (oddio, non credevo che avrei mai detto una cosa simile). mc100 ha ragione sotto tutti i punti di vista (limitatamente a quanto ha espresso in questo thread, ovviamente ;)) e ritengo abbia centrato in pieno la realtà dei fatti e i punti essenziali della diatriba in essere!!!

Link to comment
Share on other sites

Mi riferisco a fare un os che non è legato ad un hw proprietario per girare e costa pochissimo se confrontato alla concorrenza.

ora che Windows costi meno degli altri OS non lo capisco proprio! Voglio un esempio con tanto di prezzo! Confronto tra Win Home, Tiger, Linux SUSE, Linux UBUNTU....qual è il più conveniente? Mi sa che li ho già messi in ordine dal più caro al meno caro!

Link to comment
Share on other sites

Da che mondo è mondo, il lavoro intellettuale viene pagato più di quello fisico e personalmente ritengo corretto che sia così. Le capacità intellettuali sono più rare di quelle fisiche e, come tutte le cose rare, hanno un valore maggiore.

allora non capisco proprio perchè i calciatori guadagnino così tanto

Link to comment
Share on other sites

Jeby, di primo acchito mi verrebbe da dire che non lo capisco nemmeno io. Eppure, la risposta è molto semplice e se leggi bene vedrai che l'avevo già data... Quindi, spero che mi perdonerete se mi auto-cito:

(...) Infine, si guadagna anche in funzione di quanto si fa guadagnare. (...) Stessa cosa attori, sportivi, personaggi televisivi, ecc.

Link to comment
Share on other sites

>ora che Windows costi meno degli altri OS non lo capisco proprio! Voglio un esempio con tanto di prezzo! Confronto tra Win Home, Tiger, Linux SUSE, Linux UBUNTU....qual è il più conveniente? Mi sa che li ho già messi in ordine dal più caro al meno caro!

guarda che il mondo e l'informatica di massa non cominciano con windows...

Link to comment
Share on other sites

mc100 > non vorrai dirmi che l'informatica di massa e il tuo mac a 1500 euro li devi a ibm e a next, vero?

Li devi, e puoi dirlo turandoti il naso, ad apple, a microsoft, a adobe, a macromedia, a lotus e via discorrendo a tutte quelle persone e aziende che hanno fatto profitti enormi con l'informatica, arricchendo gli azionisti e i dipendenti, e quindi facendo volano affinche' altri mille entrassero in gioco, e contemporaneamente permettendoti di svolgere il tuo business (di grafico, di giornalista, di manager, di musicista) in modo piu' rapido ed efficace.

Se non fosse stato per quelle che oggi sono multinazionali ma che sono nate come aziendine da 3 soci, oggi avresti ancora l'equivalente degli ibm 360, con i tecnici in camice bianco e i contratti di assistenza miliardari.

no, però credo abbia prodotto una massa di denaro enorme anche la pirataria. nonché di diffusione di sapere. e sicuro ha ridistribuito in maniera migliore.

ziocccan son su un ***** di winxp megaultramc100 da TRE ore e non riescono a rimuovere uno stracazzo di driver che s'è bloccato lo spool. insomma, non funzia un càzzo ed è sabato sera 19,30.

ziocan la prossima volta che ti leggo parlare bene di win ti tiro un moccolo.

Link to comment
Share on other sites

Da che mondo è mondo, il lavoro intellettuale viene pagato più di quello fisico e personalmente ritengo corretto che sia così. Le capacità intellettuali sono più rare di quelle fisiche e, come tutte le cose rare, hanno un valore maggiore. Inoltre, per essere in grado di fare certi lavori bisogna avere studiato per un tempo più o meno lungo e anche questo è giusto che venga ripagato. Infine, si guadagna anche in funzione di quanto si fa guadagnare. Michael Jackson guadagna milioni di dollari perché ne fa incassare decine di milioni al suo produttore... Stessa cosa attori, sportivi, personaggi televisivi, ecc. Allo stesso modo, l'influenza del programmatore sul guadagno della software house ha un peso che non può in nessun modo essere paragonato a quello, generalmente irrisorio (se considerato sulla singola persona), del minatore! Può piacerti oppure no, ma è un dato di fatto!!!

per me è doloroso constatare, da queste parole e più generalmente da diversi discorsi, che il metro dei valori rimane il peggiore, e che vivere nel caos e cercare di essere "pagato di più" perchè si è "raro",e non in base alla propria prestazione e impegno, è l'unica musica che piace.

Avremo sempre una naomi che viene pagata più di una madre teresa, un povero che perde la causa in tribunale perchè l'avvocato più pagato vince.Questo è il mondo delle ingiustizie,ed è fatto a misura della maggioranza,che fa,appunto, il mondo.

Personalmente, anche se fossi in grado di fare dei miracoli, o fossi il più bravo chirurgo del mondo non vorrei guadagnare miliardi. Sarei contento di essere pagato in proporzione alla mia fatica e al mio studio che mi ha portato ad essere "migliore" di altri.

Non credo nell'elemosina, credo nell'edificare aiuti per lo sviluppo tecnico e sociale dei popoli.Ma se questo modello sociale, di cui andiamo tanto fieri debba essere esportato ai paesi sottosviluppati, mi chiedo dove sia il vero sottosviluppo.

Continuerò a barcamenarmi come posso per evitare di pagare un sw più di quanto vale, rubandolo, se posso, basandomi, come faccio, su un inaccettabile costo ipotetico che voi, eruditi e arroganti (e ignoranti quanto me), dichiarate di conoscere molto bene, visto che parlate tanto dei conti di Adobe.

Con questo ritengo assolutamente inutile tentare di proporre concetti che vanno bene aldilà della sola legge di mercato e dei cavilli burocratici di una economia ke ha dimostrato da sempre che abbiamo sbagliato tutto, e dove la disparità tra ricco cantante, e povero operaio permane pesantemente,e dove il desiderio di premiare la "rarità", fa solo sì che il prodotto venga venduto a un prezzo carissimo, anche se creato con un quarto dello sforzo di chi, magari, si spezza la schiena tutti i giorni in fabbrica a cucire scarpe da ginnastica alla moda per poche lire.Le multinazionali vincono sempre, Adobe in testa.

Link to comment
Share on other sites

>Personalmente, anche se fossi in grado di fare dei miracoli

appunto, finalmente hai usato la parola giusta: "personalmente".

Lo ripeto da oggi pomeriggio: tu hai tutti i diritti di regalare, o di vendere sottocosto o di vendere a prezzo "morale" qualcosa di tuo.

Sei encomiabile.

Pero' non puoi costringere a fare altrettanto chi non la pensa come te, non puoi espropriarlo del suo diritto di decidere da lui il destino del suo prodotto.

Poi, lo ripeto, puoi avere tante belle idee, ma se non mi espliciti il modello di determinazione del prezzo alla base della tua teoria (sui mercati nazionali e internazionali, tenedo conto per esempio delle migliaia di incognite derivanti, es le economie che non aderiranno alla tua politica), stai facendo solo della utopia, e quella la hanno fatta Moro, Campanella e molti altri prima di te, senza giungere a nulla di utile.

>Continuerò a barcamenarmi come posso per evitare di pagare un sw più di quanto vale

ok, dimmi quanto valgono photoshop e office e perche'. Per l'ennesima volta, DIMMI COME DETERMINI IL PREZZO!!

>dove il desiderio di premiare la "rarità", fa solo sì che il prodotto venga venduto a un prezzo carissimo

No, no. Sbagli tutto! Il concetto di prezzo legato alla rarita' NON è legato al modello capitalistico. Un paio di scarpe nike sono prodotte in milioni di esemplari a basso costo, ma sono vendute a prezzo salatissimo.

Dai retta: leggi qualche libro di economia. Ai miei tempi un buon volume di base, semplice, era il Samueson.

>Le multinazionali vincono sempre, Adobe in testa.

secondo te, adobe è nata multinazionale o lo è diventata?

E secondo te, il software lo producono solo le multinazionali?

Link to comment
Share on other sites

>no, però credo abbia prodotto una massa di denaro enorme anche la pirataria. nonché di diffusione di sapere. e sicuro ha ridistribuito in maniera migliore.

La pirateria ha prodotto di certo ricchezza, ma vai a leggere i bilanci di ms e adobe nel corso degli anni, e leggi quanti dipendenti sono stati resi milionari (in dollari). Ti preannuncio che si tratta di numeri ineguagliati.

Senza il miraggio di simili profitti non si sarebbero mai attirati tutti i venture capital che hanno sostenuto e sostengono la crescita di migliaia di startup, non avresti la competizione serrata che ti permette di trovare sugli scaffali prdotti sempre piu' facili e piu' potenti.

>non riescono a rimuovere uno stracazzo di driver che s'è bloccato lo spool

hai tutta la mia solidarieta', ma mi sfugge il nesso driver-spool

Link to comment
Share on other sites

hai tutta la mia solidarieta', ma mi sfugge il nesso driver-spool

c'avessi potuto mettere le mani o prendere la mia roba e tornare a casa mia su mac...

ha provato a disinstallare il driver o qualcosa di simile, nn so perché non ero davanti al monitor.

insegnament del giorno:

mai andare da uno che non si fa problemi ad accettare lavori all'ultimo minuto. e soprattuto che fa dtp e ha una sola macchina (pc, perché tanto costano meno e funzionano bene uguale) collegata a un plotter...

Link to comment
Share on other sites

La pirateria ha prodotto di certo ricchezza, ma vai a leggere i bilanci di ms e adobe nel corso degli anni, e leggi quanti dipendenti sono stati resi milionari (in dollari). Ti preannuncio che si tratta di numeri ineguagliati.

Senza il miraggio di simili profitti non si sarebbero mai attirati tutti i venture capital che hanno sostenuto e sostengono la crescita di migliaia di startup, non avresti la competizione serrata che ti permette di trovare sugli scaffali prdotti sempre piu' facili e piu' potenti.

ma io non dico che la pirateria sia giusta. anzi.

dico che alla fine... alla fine... la pirateria ha prodotto una serie di cose che ora fa guadagnare a questi ben di più che se non ci fosse stata.

ci fosero al mondo *solo* utilizzatori che non han mai piratato e han potuto comprare *davvero* tutto con i loro soldi...

intanto sarebbero solo caste di persone abbienti, in secondo luogo ci sarebbe un mercato moooolto più povero.

insomma, è un fenomeno ben studiato e sopportato. e ogni volta che sento queste discussioni mi vien da dire... ma san benissimo cosa fare con la pirateria queste ditte, non c'è bisogno di sergenti di ferro a reprimere questi discorsi.

per le piccole sw house non so però. ma quelle che conosco io stan più attente a non pagare nessuna licenza altrui e a proteggere il loro lavoro.

insomma, son tutte posizioni che han una parte di ragione e se si vuole bruciarle gli si dà fuoco semplicemente appoggiando un fiammifero e aspettare che si accenda.

bon, ora posso uscire, buona serata a todos.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share