Perchè windows è brutto?


Recommended Posts

Nonostante la grammatica, ha ragione SavioSaverio...qui si deve parlare del perché windows fa schifo (attenzione, non del perchè NON fa schifo)

Windows, in parole povere, secondo me fa schifo perchè il rapporto prezzo/qualità è assurdamente alto. Perchè per non è facile da configurare, perchè mentre masterizzi non puoi fare ninete se hai un computer "normale", perché ogni volta che installi/disinstalli qualcosa degradi il sistema, perché un giorno ti svegli, cerchi di accendere il computer, ma ti accorgi che hai irrimediabilmente (se nonhai fatto backup) perso tutto, perché per vivere quasi tranquillo (a parte mc100, che lui è il mago di windows quindi no ne ha bisogno) se sei un utente "normale" devi installare almeno 3 software di sicurezza di terze parti (antivirus, firewall e qualcosa che ti ripulisca dai vari trojan ecc), se vuoi fare manutenzione ti devi scaricare quei programmini che riordinano il registro di sistema, che un utente medio non sa cos'è nè sa a cosa serve (infatti, a che serve??), perchè per fare una cosa semplice hai sempre e comunque bisogno di un tasto del mouse in più, perché è un sistema nato sul furto, perché è un sistema che ha ammazzato la "biodiversità" nell'informatica e, come tutti i "prodotti" che detengono un monopolio, non devono fare sforzi per automigliorarsi e quindi rimangono sempre delle m*rde! Insomma, per l'utente medio, il bilancio tra pro e contro di Windows è spostato sui contro! Se non volete cambiare computer, buttate nel cesso windows e installatevi una bella distro semplice semplice di Linux (una su tutte: Ubuntu!)

Ciao!

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 312
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Guest SavioSaverio

Nonostante la grammatica, ha ragione SavioSaverio...qui si deve parlare del perché windows fa schifo (attenzione, non del perchè NON fa schifo)

Windows, in parole povere, secondo me fa schifo perchè il rapporto prezzo/qualità è assurdamente alto. Perchè per non è facile da configurare, perchè mentre masterizzi non puoi fare ninete se hai un computer "normale", perché ogni volta che installi/disinstalli qualcosa degradi il sistema, perché un giorno ti svegli, cerchi di accendere il computer, ma ti accorgi che hai irrimediabilmente (se nonhai fatto backup) perso tutto, perché per vivere quasi tranquillo (a parte mc100, che lui è il mago di windows quindi no ne ha bisogno) se sei un utente "normale" devi installare almeno 3 software di sicurezza di terze parti (antivirus, firewall e qualcosa che ti ripulisca dai vari trojan ecc), se vuoi fare manutenzione ti devi scaricare quei programmini che riordinano il registro di sistema, che un utente medio non sa cos'è nè sa a cosa serve (infatti, a che serve??), perchè per fare una cosa semplice hai sempre e comunque bisogno di un tasto del mouse in più, perché è un sistema nato sul furto, perché è un sistema che ha ammazzato la "biodiversità" nell'informatica e, come tutti i "prodotti" che detengono un monopolio, non devono fare sforzi per automigliorarsi e quindi rimangono sempre delle m*rde! Insomma, per l'utente medio, il bilancio tra pro e contro di Windows è spostato sui contro! Se non volete cambiare computer, buttate nel cesso windows e installatevi una bella distro semplice semplice di Linux (una su tutte: Ubuntu!)

Ciao!

"Perché per non è facile da configurare " apparte la grammatica di Jeby sono d'accordo.

Tra l'altro Guass perché non ti fai i cavoli tuoi, mentre leggevo i messaggi precedenti ho visto all'incirca una trentina di errori ortografici e grammaticali e tu non hai mai rotto le scatole a nessuno, poi scrivo un messaggio per dire la mia e subito mi bacchetti, incomincio a credere che cel'hai con me.

Chi ti credi di essere, cosa sai di me da permetterti dall'alto della tua arroganza di correggermi, non sei nessuno, sei solo una persona che esprime la sua opinione e finché scrivo in maniera leggibile non accetto queste critiche tra l'altro vorrei proprio leggere un tuo articolo, racconto, saggio, o qualsiasi altra cosa e non le noiosissime prediche virtuali che ci riservi e che tra l'altro fanno anche schifo nel modo in cui sono strutturate.

Link to comment
Share on other sites

Indipendentemente da tutto il resto (su cui comunque è evidente che non la pensiamo proprio allo stesso modo, malgrado io consideri le tue idee rispettabilissime pur se del tutto scollegate dalla realtà), quello che continui a non dirci è chi secondo te dovrebbe stabilire quanto vale un software (o qualsiasi altra merce). Io ritengo che debba essere il produttore o il venditore, tu invece sembri considerare che sia il potenziale acquirente a doverlo decidere. E questo, mi spiace, è del tutto inaccettabile... Se tu PERSONALMENTE ritieni che un prodotto sia troppo caro, sei liberissimo di non comprarlo, ma non sei certo giustificato (ne legalmente, ne tantomeno moralmente) a rubarlo!!! Tanto più che ci sono alternative gratuite o a poco prezzo per quasi tutti i software commerciali (e "carissimi") disponibili sul mercato. Certo, magari è più comodo lavorare con Office piuttosto che con OpenOffice o con Photoshop piuttosto che con The Gimp, ma per chi ha pochi soldi (e vuole rimanere onesto) credo che una piccola fatica in più valga una grossa spesa in meno.

Credo che il creatore dovrebbe decidere il prezzo,ma mai da solo,ma facendo una offerta che verrà poi valutata riferendo le ore di lavoro per la creazione ad un apposito team/comitato che si occupa del controllo qualità/funzionalità/ecc. che dovrebbe fare, a sua volta, una recensione (come fanno le riviste di auto,moto,computer,ecc.)con cui giustificano il tetto massimo del prezzo per quell'oggetto.Finirebbero pure queste stronzate delle firme d'alta moda secondo cui un nastrino di gucci costa quanto una settimana in egitto. Questo potrebbe essere un ipotetico modo per stabilire un prezzo, poichè il signor creatore ha deciso di propinare il suo prodotto al pubblico e quindi, salvo il desiderio che questo sia "free",e quindi non esisterebbe il problema del prezzo, in condizioni differenti non darebbe vita al famoso "libero mercato", che ha fatto diventare il mercato immobiliare italiano,su un bene di prima necessità come le case in affitto, e gli alimenti, quello che è, e ha reso noto a tutti che i commercianti sono degli sciacalli criminali che andrebbero messi al muro per come hanno gestito il cambio euro(ma questo è solo un esempio di quanto è giusto "farsi da soli il prezzo").

Nel caso dei software, e della musica, e di tutto ciò che viene venduto su un supporto dal prezzo di produzione irrisorio ci troviamo di fronte a un ovvio abbattimento del costo, poichè se acquistiamo un CDrom il cui costo di produzione è ridicolo,e lo sipaga all'eccesso, è una truffa.

Mentre se acquistiamo una moto, il cui costo di produzione è effettivamente elevato,ma anche il prodtto che si ha è materialmente "costoso"(ovvero costituito di componenti materiali elaborate, e non di un disco di plastica) è anche giusto che venga poi ammortizzato e che permetta al costruttore di continuare la sua attività e di migliorarla.

Ad esempio:

se un politico venisse pagato con uno stipendio relativo all'effettivo impegno che richiede il suo lavoro, o con uno stipendio "sindacale", sarebbe costretto a scegliere il suo lavoro solo per puro interesse e passione, e non perchè è un modo sicuro per arricchirsi senza fare nulla e non avere responsabilità come succede ora.

Se avesssero il sindacale, almeno una grossa percentuale dei politici attuali non farebbe questo mestiere, ma starebbero a guadagnarsi il pane invece di rubare e fare danni come i parassiti che sono,poichè la loro prima attrattiva è l'intrigo al fine della speculazione, e non l'impegno per rendere lo stato migliore.

Con questo sistema in cui lo stipendio non è relativo alla prestazione, abbiamo dei politici (o qualsiasi altro tipo di lavoratore) che rifuggono il motivo principale della loro assunzione.

Anche i chirurghi, professionisti strapagati all'eccesso, sono divenuti una categoria ambita a causa del guadagno eccessivo, e quindi spesso capita di vedere che la gente rimane sul tavolo operatorio a causa di inetti raccomandati che si laureano coi prosciutti pur di arridere allo strapagato mestiere che poi non sanno fare.

Link to comment
Share on other sites

Guest SavioSaverio

"una bella distro semplice semplice di Linux (una su tutte: Ubuntu!"

Ho provato un mare di volte a installarla e ogni volta mi dice che non riesci a scompattare un file, non riesco a capire il perché.

Dipenderà forse dal pc che è "Designed for Microsoft XP"?

Mi potresti dare jeby un link sicuro da cui scaricare linux e che funziona?

Grazie.

Link to comment
Share on other sites

€ 899+IVA, che sono il minimo per un professionista che ci guadagna da quel software; diverso se ad acquistarlo è uno studente o uno squattrinato; ma c'è Elements, Gimp, Graphic Converter ecc. :rolleyes: Non si diventa professionisti imparando Elements.

Oggi chiedono autenticazioni online, oggi... quando hanno ormai il 95% del mercato... quando Photoshop è conosciuto dalla stragrande maggioranza degli utenti ed è ormai lo standard per qualunque grafico o fotografo...

Non si tratta di valutare quale sia il giusto prezzo per un software, ma di constatare quali siano le strategie di queste grosse aziende, che vedono l'utente soltanto come pollo da spennare.

Si sono inventati la Home Edition e con Vista altre cinque o sei tipologie diverse... sono solo modi per rastrellare più soldi; ovvio, sono SpA, non enti benefici, e si muovono come meglio ritengono opportuno, ma non difendiamo le loro strategie vampiresche :o

Io amo Apple e quasi tutto ciò che produce, ho apprezzato molto le estensioni di garanzia a causa di malfunzionamenti o i rimborsi per ribasso del listino; sono attenzioni che gratificano l'utente, ciò non toglie che se fanno una mezza ciofeca o qualcosa che non vale il suo prezzo (da quel che leggo, è il caso del nuovo mouse) non mi astengo dalla critica soltanto perché ha il marchio Apple.

P.S. Bisogna vedere l'uso che ne si fa di XP; se si usano poche applicazioni, magari una alla volta, può anche non dare mai problemi; per un uso intensivo con interazione tra più applicativi pesanti, beh, è un altro paio di maniche :D

concordo pienamente, e differisco sul pensiero della strategia delle aziende,che comunque gli permette,appunto,di "inkiappettare" l'acquirente.

Se ci fosse un tetto massimo qualità/prezzo sarebbero costretti a barcamenarsi senza per forza fare delle sòle.

Per fortuna che negli USA, almeno, c'è l'antitrust che ha permesso ad Apple di campare, nonostante bgates.

Link to comment
Share on other sites

nel senso che agevolazioni non ce ne sono...

è ovvio che non puoi imparare a usare photoshop in una trial.

è ovvio che se vuoi imparare devi o pagare e il costo è alto o pirati (il 95% pirata, non raccontiamoci *****).

è ovvio che una volta professionista il sw photoshop lo compri. ma ci devi arrivare.

le scuole che conosco io, costano quella decina di milioni l'anno e sono distributrici automatiche di sw pirata più o meno consapevolmente.

il 95% della gente pirata il programma migliore. Quindi ne diventa "dipendente",impara e studia quel programma, e l'azienda produttrice si espande "aggratis" anche senza dover "esportare" la sua merce in maniera pesante, ma si limita ad aumentare il prezzo perchè sa che le aziende che vivono con il loro sw sono sottoposte a controlli della finanza,e quindi debbono avere per forza una o più copie originali.Se il prezzo fosse stato onesto fin da subito tutti avrebbero ambito avere la copia originale in casa: più bella, funzioannte al 100%, con al dovuta assistenza, e con il manuale d'uso.

Invece lo si scarica il programmino, al buio, senza manuale, nella lingua in cui si trova, ma comunque il produttore ne guadagna alla grande, perchè il suo programma diventa lo standard

anche in ambito professionale.

PS.: è vero, gli istituti vivono e guadagnano proprio perchè hanno tutti pacchetti soft piratati.Mai vista una scuola con sw originale. Eppure esistono pacchetti student che possono essere installati su più pc, ma i costi di avviamento sono comunque elevati, considerando gli affitti dei locali, l'acquisto dell'hardware, le messe in rete+adsl, e il costo dei soft.Creare una scuola diverrebbe appannaggio dei soli ricchi,quando invece cisono dei poracci in gamba che potrebbero pagare una cifra modica e imparare il sw necessario a fare bene quel lavoro.

Link to comment
Share on other sites

>devi installare almeno 3 software di sicurezza di terze parti

no. Basta un antivirus.

Sulle macchine che manutengo non installo altro. Certo, lascio le impostazioni automatiche (aggiornamenti e firewall accesi).

Mi pare che Gennaro usi le stesse precauzioni e stia tranquillo. Comunque è innegabile che per questo argomento win stia messo peggio che mac.

>perchè mentre masterizzi non puoi fare ninete se hai un computer "normale"

questo era vero ai tempi di win95 e in parte 98. Sei indietro di 5 anni.

>perché un giorno ti svegli, cerchi di accendere il computer, ma ti accorgi che hai irrimediabilmente (se nonhai fatto backup) perso tutto

stai parlando di fat, non di ntfs. Ancora, sei indietro di 5 anni.

>er fare una cosa semplice hai sempre e comunque bisogno di un tasto del mouse

infatti il menu contestuale è cosi' scomodo che apple lo ha tolto dopo anni di uso intenso, vero?

>perché è un sistema nato sul furto

pergo, specificare quale furto.

>come tutti i "prodotti" che detengono un monopolio, non devono fare sforzi per automigliorarsi e quindi rimangono sempre

cioe' secondo te da win3.11 a xp non ci sono state differenze?

>Se non volete cambiare computer, buttate nel cesso windows e installatevi una bella distro semplice semplice di Linux (una su tutte: Ubuntu!)

certamente.

Poi li supporti tu quando devono installare la stampante, la wireless usb, lo scanner, la webcam per chattare su msn, il sw per montaggio video, il sw per duplicare i dvd eccetera.

Link to comment
Share on other sites

Lorenzo, quindi tu stai dicendo che per diventare un grafico professionista devi prima di tutto imparare a usare Photoshop... giusto? Un po' come dire che per diventare un pilota di F1 devi prima di tutto avere la possibilità di guidare una Ferrari da gara... Uhm, anch'io non so nulla dell'ambiente dei grafici, ma voglio sperare che non sia davvero così. Altrimenti, qualunque idiota privo di talento che ha la possibilità a 15 anni di farsi comprare Photoshop dal papi potrebbe diventare un grafico. Beh, permettimi di dubitarne. Se uno ha il talento e le doti, sono convinto possa benissimo studiare il lato "tecnico" del mestiere e farsi le ossa con software come Elements o The Gimp o simili... Quando poi arriverà il momento di "fare sul serio" e di intraprendere la professione, avrà sicuramente la possibilità di imparare l'uso di Photoshop legalmente nel primo studio che lo prenderà a lavorare. Ripeto, non so come funzioni nella realtà, ma mi pare che dovrebbe essere questo il normale iter!!!

provate a diventare grafici 3d con Maya senza avere tutti i plug in e i pacchetti relativi alle differenti funzioni che il programma di base non offre.

Lo dico senza sapere cosa è il 3d,ma perchè ho convissuto con un amico che lo fa di mestiere,e che senza i soft piratati non sarebbe arrivato nemmeno a lavorarci col 3d.Adesso uno dei più richiesti in italia.

Link to comment
Share on other sites

Guest SavioSaverio

>devi installare almeno 3 software di sicurezza di terze parti

no. Basta un antivirus.

Sulle macchine che manutengo non installo altro. Certo, lascio le impostazioni automatiche (aggiornamenti e firewall accesi).

Mi pare che Gennaro usi le stesse precauzioni e stia tranquillo. Comunque è innegabile che per questo argomento win stia messo peggio che mac.

>perchè mentre masterizzi non puoi fare ninete se hai un computer "normale"

questo era vero ai tempi di win95 e in parte 98. Sei indietro di 5 anni.

>perché un giorno ti svegli, cerchi di accendere il computer, ma ti accorgi che hai irrimediabilmente (se nonhai fatto backup) perso tutto

stai parlando di fat, non di ntfs. Ancora, sei indietro di 5 anni.

>er fare una cosa semplice hai sempre e comunque bisogno di un tasto del mouse

infatti il menu contestuale è cosi' scomodo che apple lo ha tolto dopo anni di uso intenso, vero?

>perché è un sistema nato sul furto

pergo, specificare quale furto.

>come tutti i "prodotti" che detengono un monopolio, non devono fare sforzi per automigliorarsi e quindi rimangono sempre

cioe' secondo te da win3.11 a xp non ci sono state differenze?

>Se non volete cambiare computer, buttate nel cesso windows e installatevi una bella distro semplice semplice di Linux (una su tutte: Ubuntu!)

certamente.

Poi li supporti tu quando devono installare la stampante, la wireless usb, lo scanner, la webcam per chattare su msn, il sw per montaggio video, il sw per duplicare i dvd eccetera.

Grande :D:D:D:D:D
Link to comment
Share on other sites

non capisco se queste affermazioni sono frutto di ingenuità o ipocrisia

le stesse software house "spingono" per diffondere il proprio software piratato

perchè? non per una particolare logica perversa, ma semplicemente perchè lo studentello o il ragazzino (che non hanno nessun motivo reale di usare photoshop - o illustrator) si FORMA su un programma, e in questo modo acquisisce una competenza specifica che ha due effetti

1. facilità l'ingresso nel mondo del lavoro: dopotutto si tende ad assumere chi sappia USARE un programma piuttosto che perdere tempo ad insegnarglielo

2. aumenta il fatturo della software house. se 100 impiegati sanno già usare OFFICE, perchè installare openoffice (rischiando la necessità di perdere tempo e denaro in formazione)?

ricordate che le ditte, specialmente con le nuove leggi sul software, non hanno convenienza a rischiare di essere beccate con software pirata

e il piccolo grafico che usa la suite copiata sicuramente non danneggia Adobe: quello in ogni caso non l'avrebbe potuta acquistare

esistono programmi assolutamente non piratabili: paradossalmente un esempio è proprio un programma per scaricare dalla rete, acquisition. provate a craccarlo, non c'è verso

perchè una software house ignota deve riuscire a proteggere il proprio software e chi ha miliardi da spendere non lo fa?

è lo stesso discorso dei videogiochi: sony e microsoft vendono perchè le loro console fanno girare software copiato

apple è relegata al 3% del mercato perchè inizialmente non c'era software pirata (e le macchine costavano il doppio rispetto ai PC)

=================================================

tornando al topic, la gente capisce solo dopo anni di uso del PC che WIN fa schifo, ma a quel punto è irrimediabilmente compromessa: il figlio vuole giocare a quake 4 e su mac non c'è, e poi il commesso di mediworld (il peggiore consigliere possibile) ti dice che l'imac è bello ma non fa girare windows...

GRAZIE, è proprio il motivo per cui lo compro!!!!!

menomale che qualcuno, ogni tanto, fa un quadro realistico di come si comportano le swHouse e della situazione generale.Altro che santi del katz!

Concordo al 100% su tutto, specie sull'ultimo punto(essendo poi io un utente mac da principio, e winzozz nel mezzo, e poi finalment edi nuovo mac!)

Link to comment
Share on other sites

>Credo che il creatore dovrebbe decidere il prezzo,ma mai da solo,ma facendo una offerta che verrà poi valutata riferendo le ore di lavoro per la creazione ad un apposito team/comitato che si occupa del controllo qualità/funzionalità/ecc. che dovrebbe fare, a sua volta, una recensione (come fanno le riviste di auto,moto,computer,ecc.)con cui giustificano il tetto massimo del prezzo per quell'oggetto

cioe', un comitato statale per la determinazione del prezzo? Bene, facciamo finta che non sia stata tentata questa via in alcune economie che hanno fallito alla grand.

Mi interessa sapere le segenti cose (sono le prime che mi vengono in mente, ce ne sono a milioni):

- viene dunque vietata la determinazione autonoma del prezzo. Su tutto ha al'ultima parola il fantomatico comitato.

- come ti comporti con i prodotti provenienti da altre economie, che non ahanno accettato il tuo modello? Ne devi vietare l'importazione.

- come sono scelti i membri del comitato?

- COME DECIDE IL COMITATO? per l'ennesima volta, voglio il modello matematico che determina la creazione del prezzo, e voglio sapere come questo ultimo sia poi in grado di sostenersi nella economia globalizzata.

- come ovvi alla mancanza di stimolo su impresa e ricerca e sviluppo derivante dal crollo dei profitti?

- come ovvi alla fuga dei venture capital, che in massa migrano verso altre economie?

posso andare avanti per ore, tu intanto rispondi a queste domande.

>su un bene di prima necessità come le case in affitto

a parte che non stiamo parlando di beni di prima necessita', e lo ho specificato nel mio primo o secondo post. Comunque vorrei farti notare che l'equo canone non ha prodotto risultati encomiabili...

>ha reso noto a tutti che i commercianti sono degli sciacalli criminali che andrebbero messi al muro per come hanno gestito il cambio euro

noto che sei un campione di moderazione e democrazia. NB non sono un commerciante, sono uno stipendiato.

>se acquistiamo un CDrom il cui costo di produzione è ridicolo,e lo sipaga all'eccesso, è una truffa

se comperi un cdrom vergine, il costo è basso.

Se comperi un cdrom con un sw dentro, dubito che tu sia anche solo in grado di elencare i costi.

Vedo che fai continuamente paragoni con beni materiali, come la moto. Credo sia ovvio a tutti che il costo della BOM (bill of material) è solo una delle innumerevoli voci che concorrono alla formazione del costo. E andando altre, il costo di produzione è solo una delle innumerevoli voci che concorrono a determinare il prezzo al pubblico

>se un politico venisse pagato

>...

>Anche i chirurghi, professionisti strapagati all'eccesso

allora: le sw house sono ladre, i commercianti sono ***** ("da mettere al muro"), i politici sono tutti *****, i chirurghi sono ***** assassini... hai altre categorie da insultare oggi?

Ti rendi conto che la tua visione dell'umanita' è, come dire, un pochino particolare?

>Per fortuna che negli USA, almeno, c'è l'antitrust che ha permesso ad Apple di campare, nonostante bgates.

falso storico, L'antitrust non c'entra una fava con la sopravvivenza di apple. Mi cadi anche su questo!

>Mai vista una scuola con sw originale

e ti sembra una cosa seria?

>Creare una scuola diverrebbe appannaggio dei soli ricchi,quando invece cisono dei poracci in gamba che potrebbero pagare una cifra modica e imparare il sw necessario a fare bene quel lavoro.

non ho capito il rgionamento, comunque lo sai vero che le aziende di sw fanno plitiche di prezzi assai vantaggiosi per il mercato education?

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share