Palladium... ma è vero?


Recommended Posts

Semplicemente perchè il controllo totale sulla vita di una persona è impossibile... i regimi dittatoriali ed oligarchici presto o tardi crollano... nella vita informatica globale poi...

o quantomeno l'utente deve avere l'impressione di essere libero...

così come viene descritto palladium sarebbe troppo invasivo...

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 53
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

QUESTO TESTO E` ABBASTANZA LUNGO, MA SE AVRAI PAZIENZA DI LEGGERLO TUTTO AVRAI MODO DI ESSERE PIU` INFORMATO SULL'IMMINENTE CATASTROFE INFORMATICA CHE E` DESTINATA AD AVVENIRE... IO PERSONALMENTE MI STO IMPEGNANDO IL PIU` POSSIBILE PER FAR GIRARE QUESTO MESSAGGIO E FARLO ARRIVARE A TUTTI, SPERO CHE VOI FACCIATE LO STESSO

Sarà la fine! Oh no, METTIAMOCI IN SALVO!

Ma per favore!

FORSE tu che stai leggendo non sei un esperto dell'Informatica

Tu invece ti consideri tale?

, ma quello che sta per succedere a questo Mondo, cambiera` profondamente anche la vita di coloro che di Computer proprio non se ne interessano, ed a questo punto, pensiamo che abbiate gia` capito di cosa stiamo parlando, perche` bene o male, a tutti e` giunto all'orecchio questo nome: Palladium, e bene o male, molti degli utenti, anche quelli meno esperti, hanno letto qualcosa relativo a questo progetto.

Ma almeno Dio si salverà da Palladium, o è a rischio anche lui?

"Machintosh"

Ehi esperto, si scrive Macintosh...

anche Mac e` passato nel "Lato Oscuro dell'Informatica"

Apple=azienda

Mac=prodotto

"Che bello, Windows View... che bello, mi piace un

Forse il caro ignorantone non conosce l'esistenza della parola VISTA anche in inglese...

che bello adesso mi vado a prendere tutti gli Mp3 scaricati che ho messo nel vecchio DiscoFisso esterno di BackUp e mi faccio una bella Playlist... ma che succede, non ci sono piu`

Peccato che gli mp3 siano file audio. Palladium non può sapere se sono canzoni illegali o altro (colonna sonora di un videogame ad esempio).

Secondo te Palladium potrebbe fare questo? Se sì, sai dove te lo devi mettere il cervello...

Purtroppo ho il vomito e non posso continuare a commentare (e insultare :P ), ma mi sembra evidente che l'autore di questa mail o era pazzo o prende per i fondelli. NESSUNO AVREBBE MAI IL CORAGGIO E L'IDIOZIA TALI DA METTERE IN PISTA UN PROGETTO COME PALLADIUM! E' ASSURDO CREDERE A COSE SIMILI, E' MOLTO PIU' INTELLIGENTE CREDERE AGLI UFO O AI FANTASMI! :mad:

PS: facciamo anche noi una catena di mail in cui informiamo di come Palladium non potrà mai esistere

Link to comment
Share on other sites

Non sono d'accordo sul fatto che il progetto Palladium non esista o non possa esistere in futuro.

Essendo un progetto puo' esistere benissimo anche con un altro nome e un progetto del genere esiste nelle menti di chi vuole un controllo totale dei media digitali e della loro gestione e i mezzi per farlo ci sarebbero pure.

MA...

- Non c'e' la disponibilita' degli utenti a farlo realizzare.

- se venisse realizzato com''e' preficonfigurato sarebbe la fine dell'industria elettronica occidentale.

E soprattutto, ed e' questa la bufala, non e' implementato e implementabile cosi' come viene prefigurato ulle macchine che attualmente vendono Apple e i costruttori di PC.

Questa è la cosa che mi fa piu' arrabbiare. Si da per scontato che un pentium D o un Mac con intel debba per forza funzionare in quel modo e si resta con una macchina vecchia per paura, dico PAURA che quella nuova abbia impletamentato un fantomatico sistema che non è ancora stato implementato.

Questa si che e' pura follia.

Per questo dico che si tratta di *******te.

Link to comment
Share on other sites

L'idea che sta dietro la spiego' bene Chest qualche tempo fa

----

Eeeeeh (sospiro). TCPA, pirateria, virus, DRM, libertà. Sono questioni molto molto molto grandi, che contengono, come quasi sempre nella vita, una parte di "yin" e una parte di "yang".

E sono questioni che escono subito dall'ambito tecnologico per entrare in quello politico, piaccia o non piaccia.

Provate a pensare cosa riuscirà a fare il governo cinese se avrà a disposizione sistemi di questo tipo! Già oggi minacia seriamente la libertà di tutti, oltre ad opprimere quella dei suoi cittadini, sfornando ogni giorno idee e sistemi nuovi di repressione dello scambio di informazioni. E ci riesce in un mondo dove le macchine, di per se', non lo aiutano quasi per nulla.

Figuriamoci in un domani.

Ma anche volendo volare più basso, dietro il TCPA ci sono delle speranze di controllo sul software remoto (remoto dal punto di vista dei produttori; per noi è il sw di casa nostra) abbastanza agghiaccianti, che neppure una ideologia capitalista estrema ("tu noleggi qualcosa che resta sempre di proprietà del produttore") riesce ad imbonire.

D'altra parte i DRM associati alle chiavi crittografiche distribuite su server poliziotto sono, ad oggi, gli unici veri modi per impedire la duplicazioni incontrollata dell'informazione digitale. E c'è chi in questo vede una cosa positiva.

E' come se tutti i contenuti digitali protetti dai DRM futuri fossero perennemente criptati. E che il "decripting", associato alla fruizione da parte delle persone, fosse estremamente più controllato.

Pensate ad esempio all'ascolto di un file sonoro: credo che per tutti sia intuitivo che esiste un segnale digitale che perviene al chip audio, che poi lo trasforma in impulsi elettrici per la successiva amplificazione. Ebbene, nello schema TCPA il dato rimane crittografato e protetto dalla scheda madre fino al chip audio. Anzi, l'esserlo sarà la condizione per definire trusted quel chip audio.

A quel punto, non solo, il file originale sarà protetto, ma anche tutte le sue istanze fino alla generazione della corrente da mandare alle casse.

E' ovvio che si può attaccare un microfono alle casse, ma ciò che si registra non è lo stesso contenuto informativo digitale, ma una versione digitalizzata di una informazione che nel frattempo è tornata analogica (verosimilmente perdendo una cifra in qualità).

Un esempio analogo si può fare coi monitor digitali dvi. Non è difficile pensare ad un hacker che registra il flusso dvi di un dvd. Oggi come oggi è un metodo brutale, ma è anche a prova di bomba. Difatti oggi non esistono computer che escono con un DVI trusted cioè criptato. In un domani questo accadrà. E di nuovo, sarà possibile filmare il proprio schermo con una telecamera, ma è ovvio per tutti che non esisterà mai la qualità originale.

Insomma per farla breve il paradigma del TCPA è quello di chiudere il record digitale dentro dei confini strettissimi, da cui non deve mai uscire in una forma il cui contenuto informativo sia equivalente a quella di partenza, bensì analogica, oppure digitale ma con perdita di informazione. In modo comunque da impedire, by definition, una duplicazione non criptata (Apple ancora non lo fa; quandomasterizzate i fille AAc comprati sugli store, ottenete un file audio di identica qualità; da cui poi in molti ricavano l'mp3 non proetto - di medesima qualità - da condividere, ad esempio, in rete).

Si può ben comprendere come questo susciti appetiti, e come viceversa sovraecciti individui come quello citato all'inizio di questo thread.

E' però un fatto che tutti si debba mantenere molto alta la sensibilizzazione dei nostri politici affinchè le logiche di mercato, cui inevitabilmente gli attori commerciali si piegano, non trasformino l'ERA DIGITALE nella GALERA DIGITALE, come nella Cina contemporanea.

---

I consumatori sono disponibili a questo?

sicuramente no.

E ripeto: è questo quello che sta avvenendo nei computer Mac con Intel?

sicuramente no.

Link to comment
Share on other sites

che saggezza l'admin! :)

p.s. ma l admin è uno solo o laccount viene usato da piu persone?

p.s2. (sono Palladium): io esisto e vi distruggero tutti! non credete a Admin perche lui fa pubblicità alla Apple! ah ah ah...e prossimamente anche a MIcrosoft! :D

Link to comment
Share on other sites

che saggezza l'admin! :)

p.s. ma l admin è uno solo o laccount viene usato da piu persone?

p.s2. (sono Palladium): io esisto e vi distruggero tutti! non credete a Admin perche lui fa pubblicità alla Apple! ah ah ah...e prossimamente anche a MIcrosoft! :D

L'admin è uno e trino ;D

Eh eh eh sarebbe bello fare un 3d con le gesta dell'admin tipo chuck norris :D

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

scrivo qua in quanto l'altra discussione è sta chiusa (anche se secondo me stava meglio dove era stata messa da me)

non ho nulla contro Apple, ma almeno Microsoft ha ammesso l'implementazione, Apple no.. http://www.macitynet.it/forum/showthread.php?p=761073

Anche sulla correttezza della Apple ci sono precedenti discussioni.

Personalmente, non amo svisceratamente la Apple.

Per quanto, poi, possa avere ammirazione per l'opera di Steve Jobbs, non mi sta simpatico.

Ma ho una passione per il Mac che va oltre il normale rapporto d'uso.

Che so, come il cavaliere col suo cavallo o il cacciatore con il suo cane, tanto per fare esempi.

È qualcosa in più di uno strumento.

Non mi sembra, in generale (e tutti sono d'accordo con me), che la Apple sia più scorretta nei confronti degli utenti che la Microsoft.

Il DRM Apple serve solo a difendere i loro interessi commerciali.

Il DRM Microsoft serve a normalizzare la politica degli speculatori del copyright, dei monopolisti e degli spioni.

Per quanto tecnicamente siano, più o meno la stessa cosa.

Ora, finché la Apple continua così, non ho nessun problema a comprare queste meraviglie da loro.

Poi, nel caso, vedremo...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share