Sign in to follow this  
Guest

L'informaMac

Recommended Posts

Per quel che riguarda le applicazioni immagino che un affinamento sia utopistico, per il sistema operativo penso invece che sia possibile.

Sarei curioso di sapere quale tipo di hardware richiedeva Next (1989) e cosa ha di più il MacOS X (derivato dal Next) per giustificare un incremento di richieste hardware così rilevante.

Quando era in corso lo sviluppo di Copland si stava lavorando su un sistema con le stesse caratteristiche dell'attuale MacOS 9 con in più memoria protetta e multi-tasking preempitivo.

Sta di fatto che le macchine in vendita all'epoca avevano mediamente 16 MB di RAM, il che significa che Copland ne richiedeva al massimo proprio 16, il MacOS 9 attuale viaggia attorno ai 50 MB, come è possibile?

I casi sono due: o a in quel periodo i programmatori erano completamente incompetenti e non riuscivano nemmeno a farsi un'idea delle risorse che poteva richiedere ciò che stavano sviluppando, oppure ora fanno le cose pensando "tanto la RAM costa poco e i processori vanno a canna".

Personalmente propendo per la seconda ipotesi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Carlo, hai assolutamente ragione, ma il problema è proprio nei costi e nei tempi: sviluppi un'interfaccia moderna e piena di gadget che tanti ohoooo strappano al keynote di presentazione, poi dovresti iniziare ad aprire 300 Mb di codice per limare ed eliminare routines ridondanti o inutili, affinare il codice di routines troppo pesanti, tagliare e cucire pezzi qua e la', il tutto manenendo stabilità al complesso.

Con un system 6.0.7 è lavoro fattibile, sono 600 Kb di codice, con 300 Mb di codice è ben più lungo e complesso, se avessero seguito i criteri di ottimizzazione di sys 6.0.7 anche in seguito, oggi avremmo sys 8.0, leggero e stabile come non mai, ma 8.0

Altro discorso è cosa avremmo preferito: io 8.0 oggi leggero e stabile, ma forse non tutti la pensano come me..., ah, con 8.0 non avremmo ne USB ne FireWire, neppure DVD o sciocchezze del genere, forse Apple avrebbe venduto qualche macchina di meno? Se da Cupertino ci dicono che la crisi si deve ai masterizzatori (???!!!), figurati senza DVD, FireWire e USB....

Rimane il fatto che gli unici software dove il codice è snello ed ottimizzato sono gli Shareware, pochi Kb di software dove lo sviluppatore ha il controllo assoluto di ogni riga di codice.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Carlo>

Sono d'accordo con te che i 50Mb del System 9 sono tanti, per fortuna esiste la possibilità di alleggerirlo smanettando nelle estensioni e nei controlli che abitualmente non usi.

D'altra parte come dice Attilio ci sono una serie di cose, dvd usb etc. che servono ed occupano ram.

La lentezza di Os X è dovuta al debug ed al fatto che è una beta... Apple almeno lo ha dichiarato che si tratta di una beta! Windoz 2000 è ben più lento ed esigente di Os X e pure M$ te lo rifila per buono.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Io non ho provato la beta del X, ma voglio chiarire come sta la faccenda riguardo il 2000: da me non è AFFATTO lento, anzi, va uguale o meglio del 98 prima ed.

La situazione è sempre più a favore del 2000 man mano che aumentano le applicazioni aperte (senza tener conto della stabilità del 2000 che, rispetto al 98, è come dire il mac os 8 rispetto al W95).

Ho sentito dire anche io alcuni che il 2000 è lento, ma l'esperienza DIRETTA li contraddice. Poi: mi dicono che occupa molta RAM: a me sembra che sì la occupi, me è MOLTO più veloce del 98 a liberarla quando necessaria. Fidatevi, se avete un PC (sfortunati voi e me) montate il 2000. Se avete un Mac NON prendete un PC per il 2000.

P.S. tengo a sottolineare che le stupidate del 2000 tipo dissolvenza, ombre del mouse etc le ho disattivate perchè SCOMODE, non so se questo influisca sulla velocità e memoria (io ho 128 ram e 333 Celeron, per chi lo volesse sapere).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pasquale: <FONT COLOR="ff0000">Come non esiste nessuna beta di OsX ...

non capisco cosa vuoi dire.</FONT>

Che non esiste.

<FONT COLOR="ff0000">Sto parlando della beta pubblica rilasciata a settembre per la modica cifra di circa 70mila.</FONT>

Ah, quella. Quella è la "Beta". Che non è una beta.

E' come se io avessi un cane e lo chiamassi "Automobile". Se lo chiamo mi risponde, ma in autostrada non ci va lo stesso. Così è la "Public Beta": si chiama così ma non è una beta.

cixxo: <FONT COLOR="ff0000">Attacco Spongiforme</FONT>

Missili perforanti. (???)

luca: <FONT COLOR="ff0000">a me pareva che la beta pubblica fosse molto meglio della beta precedente</FONT>

OK, adesso vi spiego cos'è una beta. Una beta è una versione non definitiva di un programma ma già completa a livello di funzionalità. Una volta che si entra in fase beta il programma ha già la sua fisionomia definitiva: le uniche modifiche ammesse sono bug fix.

E' ovvio dunque che la "Public Beta" non è una beta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

ok, I'm sorry... dunque come dobbiamo chiamare la 'Public beta' dell'X? alfa, visto che la cambieranno? non e` che abbia piu` le idee molto chiare... e le MacOs X DR? so che non e` il thread corretto, ma per favore, chiaritemi le idee

Share this post


Link to post
Share on other sites

Camillo>

In linea di principio ti do ragione. Ma ci sono un sacco di software house che denominano "beta" versioni development e alfa.

Quando si parla di "beta di X" sappiamo tutti cosa si intende, senza bisogno che tu o altri vi mettiate a fare i filosofi.

(L'immagine del monitor e' tremolante, che il mio buon ArtMedia dopo anni di onorato servizio mi stia avvertendo che sta per tirare le cuoia??) :(

"Forse su Intel, ma su PPC è sempre la prima versione."

No Camillo, BSD per PPC esiste gia' da un pezzo.

Secondo me il kernel e l'OS di base andranno come treni fin dall'inizio, mentre tutte le "sovrestrutture" richiederanno numerosi affinamenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

>>(L'immagine del monitor e' tremolante, che il mio buon ArtMedia dopo anni di onorato servizio mi stia avvertendo che sta per tirare le cuoia??) :(

piu` probabile che tu abbia il telefonino che riceve un messaggio...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Luca: tradizionalmente lo stadio di sviluppo di una build viene indicato con le seguenti espressioni:

development - sviluppo in alto mare, uso interno

alpha - build incompleta ma già in fase di test (alpha testing)

beta - build completa in quanto a funzioni, il testing è rivolto all'eliminazione dei bug

release - pronta per il rilascio.

Altri termini:

Developer Preview (DP) - build in fasei di sviluppo distribuita in anteprima agli sviluppatori registrati

Final Candidate (FC) - build che ha superato la fase di beta ed è candidata come versione finale (può comunque accadere che venga rivista se si scoprono in tempo bug significativi)

Golden Master (GM) - versione definitiva, pronta per fare il master

Diego: <FONT COLOR="ff0000">In linea di principio ti do ragione. Ma ci sono un sacco di software house che denominano "beta" versioni development e alfa.</FONT>

Questo avviene perché il termine "beta" si è ormai diffuso fra il pubblico, anche se il significato non è chiaro.

<FONT COLOR="ff0000">Quando si parla di "beta di X" sappiamo tutti cosa si intende,</FONT>

OK. "E' stata prodotta la prima beta di Mac OS X". Sto parlando di una vera beta o della "Public Beta"? Fa un mare di differenza, specialmente quando si parla di tempi di sviluppo e scadenze.

<FONT COLOR="ff0000"> senza bisogno che tu o altri vi mettiate a fare i filosofi.</FONT>

Dove stia la filosofia in tutto questo lo sai solo tu...

<FONT COLOR="ff0000">"Forse su Intel, ma su PPC è sempre la prima versione."

No Camillo, BSD per PPC esiste gia' da un pezzo.</FONT>

Quale BSD? E' la stessa che usano per Mac OS X?

<FONT COLOR="ff0000">Secondo me il kernel e l'OS di base andranno come treni fin dall'inizio, mentre tutte le "sovrestrutture" richiederanno numerosi affinamenti.</FONT>

Per non parlare dei driver. Insomma, con dei driver nuovi sotto e dei servizi e dei programmi nuovi sopra, sarà sufficiente che ci sia un sottile strato vecchio in mezzo?

Torniamo all'esempio di NT che si blocca...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Il win 2000, almeno a casa mia, non vuole molte risorse (a patto di non divertirsi a installare tutti gli shareware che si incontrano, beta incluse). Conosco chi usa il 2000 su un portatile 366 Celeron e 64 di Ram senza problemi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this