Sign in to follow this  
alessandro

Hardware: Periferiche e componenti

Recommended Posts

Pasquale>

Se ben ricordo qualche rivista la ho letta sul Cinema 22", e se ben ricordo, si parlava di 75 HZ... comunque cerco meglio.

Comunque i lacie 18" a quanto pare hanno un reflesh, vai a vedere qui sotto

http://www.lacie.it/scripts/color/photon18blue_final.cfm

Bisogna poi ricordarsi che l'atuale cinema 22" non ha ingresso VGA ma solo ADC....la risoluzione é di 1600x1024 e non so come ci rientri un A3 (ci rientra in orizontale al 100%, in verticale no).

Senza poi tener conto che sullo schermo c'é altro insieme all'immagine...

Io preferirei un Trinitron 21", o un Lacie 22" Blue o (se avessi molti soldi) un Barco Calibrator V (sia Personal che Reference).

Poi é mia del tutto personale opinone, ma con un monitor 16:9 non mi ci ritrovo proprio...

mi manca qualche cosa...

Fabio

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

<FONT COLOR="ff0000">Se ben ricordo qualche rivista la ho letta sul Cinema 22", e se ben ricordo, si parlava di 75 HZ... comunque cerco meglio.

Comunque i lacie 18" a quanto pare hanno un reflesh, vai a vedere qui sotto

http://www.lacie.it/scripts/color/photon18blue_final.cfm </FONT>

Sapere come funzionano le cose aiuta a riconoscere quando riviste, quotidiani, ecc. ecc. (inclusi, purtroppo, anche cataloghi e depliants) dicono delle cavolate.

I monitor LCD non hanno bisogno di refresh. Nella descrizione LaCie (e di tutte le altre costruttrici di monitor LCD) sono indicate le frequenze della scheda video accettate all'ingresso, non c'entrano con lo sfarfallio sullo schermo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Questo è un messaggio che avevo scritto sulla mailing list Mac.ita l'anno scorso, mi scuso per la lunghezza, ma penso possa essere utile per capire le differenze fra monitor LCD e CRT.

Vediamo un po' come funzionano i 2 monitor per capire perché i monitor LCD praticamente non hanno emissioni rispetto ai tradizionali CRT e sicuramente affaticano di meno.

Avviso: seguono alcune descrizioni 'quasi-tecniche' lunghe e 'noiose'...

Nei CRT c'è un fascio di elettroni (in effetti 3 nei monitor a colori) che attivano dei fosfori (composti, come ovvio, di materiale 'fosforescente') presenti sulla superficie 'visibile' del cinescopio. Questo fascio di elettroni è diretto sullo schermo per mezzo di campi elettromagnetici a bassa frequenza (50-150Hz in verticale, 30-150KHz o più in orizzontale). I fosfori riescono a rimanere 'illuminati' solo per piccole frazioni di secondo e devono essere 'rinfrescati' regolarmente. In pratica sullo schermo c'è effettivamente una piccola 'cometa' luminosa che solo la velocità di scansione e la persistenza della immagini sulla retina permettono di trasformare nello schermo 'pieno' che a noi 'sembra' di vedere.

Con questo sistema ci sono almeno 2 tipi di 'radiazioni': quelle emesse dai campi elettromagnetici che pilotano il fascio di elettroni e quelle emesse dai fosfori quando emettono luce. Inoltre, proprio perché l'immagine non è 'fissa', ma ricreata solo dai nostri sensi, per forza di cose ci affatica di più rispetto alla lettura di un libro o giornale (ad esempio). Per cercare di ovviare a questo inconveniente si cerca di aumentare le frequenze di 'refresh' (soprattutto quella verticale). Purtroppo non è possibile aumentare la persistenza dei fosfori perché questo porterebbe agli stessi problemi dei display LCD a matrice passiva.

Negli LCD invece non c'è nessun fascio di elettroni, la sorgente luminosa è una lampada (o pannello elettroluminescente), davanti a questa lampada ci sono 'sti famosi cristalli liquidi. Ogni pixel di uno schermo LCD a colori è composto da tre 'puntini' colorati, questi 'puntini' sono pilotati da un segnale elettrico che cambia la polarizzazione dei cristalli regolando di conseguenza la quantità di luce visibile sullo schermo. Non usando fosfori l'immagine sullo schermo è sempre 'fissa' non c'è praticamente bisogno di 'rinfrescarla'. Esiste sempre una scansione ma in effetti serve solo per cambiare lo stato dei pixels. Da questa descrizione è evidente che gli schermi LCD non hanno né emissioni elettromagnetiche, né quelle legate ai fosfori. E' possibile che sia la fonte luminosa, che i cristalli, 'emettano' qualche radiazione di qualche tipo, non lo so, ma sarebbe qualcosa di assolutamente infinitesimale rispetto ai CRT.

Per di più, siccome l'immagine è 'fissa' e stabile, i nostri sensi non devono far fatica a ricrearla, in effetti quando si pilota un monitor LCD non è assolutamente importante se il refresh verticale è a 50Hz o 100Hz, la stabilità è sempre la stessa. La riprova: se provi a riprendere uno schermo LCD con una telecamera vedrai che l'immagine è sempre fissa, quella di un monitor per computer 'tradizionale' invece 'sfarfalla' di più o di meno a seconda della frequenza di refresh impostata.

Altri vantaggi: non ci sono errori di convergenza (le sbavature di colore presenti, soprattutto agli angoli, anche nei migliori CRT), il 'fuoco' è costante su tutta la superficie dello schermo, non ci sono distorsioni di geometria causate dalla deflessione elettromagnetica.

Gli svantaggi (a parte il prezzo): dovrebbero essere utilizzati alla risoluzione 'nativa' (1024x768 per i 15", 1280x1024 per i 17"/18") altrimenti l'immagine viene 'portata' alla risoluzione nativa con risultati

non sempre buoni, il 'range' di colori riproducibili è solitamente più limitato rispetto ai CRT (anche se gli ultimi modelli sono decisamente migliorati), la taratura dell'ingresso analogico è molto importante.

Il problema della taratura è un problema legato alla compatibilità con schede standard, le uscite digitali sono la soluzione ideale. In effetti

adesso si passa prima da un segnale digitale (all'interno della scheda video), ad uno analogico (uscita monitor della scheda) e poi da un segnale analogico (all'ingresso del monitor LCD) a quello digitale necessario per pilotare il display, ed il tutto deve essere perfettamente sincronizzato.

Apple ha deciso di andare decisamente sul sistema 'solo digitale' cosa giusta dal punto di vista tecnico, forse non tanto da quello commerciale.

Ad occhio e croce i 'risultati' dell'uso di un display LCD si cominciano a sentire dopo circa un mese di uso, a quel punto comincia a diventare difficile tornare ad usare i monitor CRT...

...per il Cinema Display Apple 22", invece, bastano 10 minuti di uso... ;-)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Io ho comprato il 21" Blue Lacie e mi trovo da Dio. Soldi (molto meno del CinemaDisplay - che se solo potessi mi comprerei domani!!!!!) a dire il vero molto ben spesi!

Io faccio sia dtp che web e soddisfa ogni mia esigenza: un dettaglio pauroso, profondità di colore imbarazzante ;) (nel senso buono s'intende!), refresh ottimale per le mie esigenze etc. etc.

io consiglio quello.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Ciao a tutti.

Mi inserisco in questo thread per 'sfruttare' la vostra competenza.

Ho un problema con il monitor del mio iMac DV+ (pochi mesi di vita).

Il monitor in questione presenta uno sfarfallio continuo nella metò inferiore dello schermo; se poi tengo aperto un menu o tengo cliccato sulla striscia di controllo, il tremolio è ancora più evidente ed esteso a tutto lo schermo.

L'iMac ha 64 + 128M di RAM, +1 di virtuale (non so perchè, ma così l'OS richiede meno memoria) e il video è a 1024*768 (75Mhz).

Dato che la macchina è in garanzia, l'ho portata nel negozio dove è stata acquistata (ex MacStore) e onestamente le risposte che mi sono state date sono state le più fantasiose mai sentite in 10 anni di mac. La più bella indica come causa del tremolio, l'utilizzo di uno spray antistatico! L'unica cosa che hanno saputo dirmi con precisione è che i tempi Apple per le riparazioni si sono allungati incredibilmente (3 mesi).

Sono certo di trovare opinioni più autorevoli da voi.

PS: un'altra piccola cosa: quando dopo 30 minuti il mac va in stop, la spia del pulsante di accensione rimane verde, non dovrebbe essere arancione pulsante (come del resto è quando scelgo Stop o premo il tasto)?

Grazie e scusate per la lunghezza.

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

ehm... se lo schermo non fosse 'spento' non ci sarebbe nessuno sfarfallio... stiamo dicendo della stessa cosa, la 'lampada strobo' in questo caso è il CRT. Se telecamera e schermo fossero sincronizzate non vedresti nessuno sfarfallio. Se avessero esattamente la stessa frequenza di refresh potresti al massimo avere una fascia scura o nera fissa in una parte dello schermo. Più le due frequenze sono diverse, più sfarfallio si vede (fino ad un certo punto, ovviamente). Con una telecamera CCD puoi 'divertirti' a regolare la velocità dello shutter per vedere cosa succede :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

<FONT COLOR="ff0000">Il monitor in questione presenta uno sfarfallio continuo nella metò inferiore dello schermo; se poi tengo aperto un menu o tengo cliccato sulla striscia di controllo, il tremolio è ancora più evidente ed esteso a tutto lo schermo</FONT>

A me sembra tanto un problema di alimentazione. Prova a riprodurre un CD (od un qualsiasi file audio), se alzi il volume dell'audio al massimo lo schermo trema di più ?

<FONT COLOR="ff0000">La più bella indica come causa del tremolio, l'utilizzo di uno spray antistatico!</FONT>

Questa me la segno :-)

<FONT COLOR="ff0000">L'unica cosa che hanno saputo dirmi con precisione è che i tempi Apple per le riparazioni si sono allungati incredibilmente (3 mesi)</FONT>

Mah, direi che come media siamo dai 15 giorni ad 1 mese. Se decidi di spedire un iMac in assistenza con questo tipo di difetto specifica bene come riprodurlo (le impostazioni del video, ad esempio) e come eventualmente renderlo più visibile.

Se la colpa è dell'alimentatore è probabile che possa peggiorare con il tempo.

<FONT COLOR="ff0000">un'altra piccola cosa: quando dopo 30 minuti il mac va in stop, la spia del pulsante di accensione rimane verde</FONT>

Probabilmente non è in stop, ma è spento il monitor. Verifica le impostazioni in risparmio energia->mostra dettagli

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Salve ragazzi,

non riesco a stampare con la mia laserjet 1200 della HP, nuova nuova!

Ho provato ad utilizzare sia i driver Laserwriter 8, sia i driver AdobePS , ma con QuarkXPress il sistema si blocca quando mando in stampa qualcosa..

Se provo a "forzare l'uscita'", noto che il problema e' dell'estensione SPOOLER STAMPANTI DA SCRIVANIA ... chi mi sa aiutare?

grazie, ciao!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Cavolo non sono solo allora in questo problema.

Anche io Zeno ho il tuo stesso problema con word ed excel, mando in stampa un documento ed il computer si congela per minuti, mi permette solo di muovere il cursore, ed infine mi da un errore nel quale si dice che non si è riuscito a stampare, da li non c'è via di uscita per far di nuovo funzionare la macchina, s non riavvira forzatamente.

Tutto ok direte voi, neanche per sogno al riavvio stessa situazione, l'unico modo per uscirne è riavviare dal cd di sistema e cancellare l'icona della stampante sulla scrivania.

Sul sito HP i driver aggiornati per mac non solo non ci sono, ma non ne esistono propio!!!

Ora io come un cre*ino ci sono ricascato con una HP, vi ricordo le altre puntate dell'odissea con una HP 1220 InkJet, evidentemente è la serie 12.. che mi porta male.

Zeno credo che il problema sia della posta Usb, forse ne hanno fatte una serie difettosa, forse è propio incopatibile, ancora( a distanza di una settimana) non sono riucscito a risolvere il problema, credo che, d'accordo con il negoziante, la "baratterò", con un modello Epson...

Mickey

p.s.: ho 4 iMac con il 9.0.4. ed un iBook con il 9.0.2.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

In effetti non è indispensabile nessun driver particolare per far funzionare una LJ 1200 su USB, al limite basta installare i file di 'descrizione stampante' (mi sembra che l'installazione ad-hoc abbia questa scelta). La stampante funziona con il normale driver LaserWriter 8.

In ogni caso io ho fatto delle prove con una LJ 1200 ed un iMac con MacOS 9.1 proprio senza installare nessun software a parte i files di descrizione stampante.

Siccome facendo così la stampante non appare in scelta risorse è necessario creare manualmente la stampante di scrivania utilizzando l'utility "Utility Stampanti di scrivania".

Tutto ha funzionato alla perfezione. Quindi il mio consiglio è: togliere tutte le estensioni USB installate dall'installer HP (e lasciare fonts e 'descrizione stampante') e lasciar fare tutto a LaserWriter 8.

Sono sicuro che la gestione USB da parte di LaserWriter 8 sia presente su Mac OS 9.0.4 e successivi, non so per le versioni precedenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

OK ci provo é vi faccio sapere, anche se lo stesso messaggio di errore che mi da la macchina dopo svariati minuti di congelamento é lo stesso messaggio che appare su un pc, su cui ho provato l'installazione, ma senza le attese di minuti...

Mickey

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this