Sign in to follow this  
Guest

Futuroscopio

Recommended Posts

Guest

Io direi di no. Tutte le volte che l'hanno fatto poi li hanno rialzati presto inoccasione del successivo show. Anche questa volta il ragionamento torna: se, come succede sempre, i modelli rimarranno tali e quali fino a metà anno, in occasione della prossima presentazione ci saranno i G5 con aumento di prezzo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

><font color="ff0000">Maxm, la gigabit ehternet non può essere sfruttata neppure collegando direttamente 2 computer, perchè 1Gigabit/sec è ancora molto più veloce delle capacità di trasferimento dei dischi rigidi più veloci (fa circa 120MB/sec, mentre i dischi standard arrivano ancora a 40-50MB/sec)! </font>

<font color="000000">o sape, si faceva per dire. Posted Image</font>

Share this post


Link to post
Share on other sites

Macteo: <font color="119911">Alessio> i prezzi americani sono senza tasse... aggiungici il 20% e un 7-8% di localizzazione e siamo lì.</font>

7-8% di localizzazione?!?! @[email protected]

Ma che, il manuale in italiano te lo scolpiscono su una stele di marmo?!!?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

<font color="ff0000">il manuale in italiano te lo scolpiscono su una stele di marmo?!!?</font>

non marmo, solo in fogli di puro argento (tanto i manuali sono, se va bene di due pagine Posted Image)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mc100: <font color="aa00aa">Mi sembrerebbe piu' semplice supportare un vero build to order: vuoi la firewire 800? la metti e te la paghi. Non vuoi proprio la firewire e la gigabit eth? non le metti e non le paghi. ecc.ecc.</font>

Guarda che quella roba sta sulla scheda madre. Vuoi fare quattro schede madri diverse per lo stesso modello? Finiresti per spendere ancora di più.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

>Guarda che quella roba sta sulla scheda madre. Vuoi fare quattro schede madri diverse per lo stesso modello? Finiresti per spendere ancora di più.

--- hai ragione, e' chiaro.

L'integrazione sulla scheda madre e' uno svantaggio per la possibilita' di scelta dell'utente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Voi non fate video, fotoritocco, audio digitale ma vi ricordo che l'uso principale delle macchine professionali e' questo.

E chi ha detto che si usa Ethernet solo per trasferire da un solo disco di computer all'altro?

Quando faccio delle copie e dei trasferimenti in rete verso un server per il DTP passo i file da un computer a molti altri, accedo alla rete con un modem ethernet... avere a disposizione piu' velocita' non fa certo schifo...

Non a caso Gigabit Ethernet e' solo sulle macchine pro e sui PowerBook grandi.

Non a caso non c'e' sui PB 12 Aluminium e non ci sara' sulle nuove versioni iMac e eMAc.

Alla Apple costa di piu' togliere la Gigabit e fare due piastre madri che metterla sul modello base. E alla fine questo costerebbe di piu' all'utente.

Chi ha buona memoria forse si ricordera' di un certo Diesel Spindler...

Certo non sara' un fattore di scelta per un utente consumer

ma apple vi permette di togliere tutto quello che non e' strettamente saldato sulla scheda madre. Persino il modem.

Io per esempio risparmierei dei soldi e non lo comprerei e se dovessi scegliere tra togliere il modem e la gigabit ethernet toglierei sicuramente il primo.

Le macchine Apple pro che ho utilizzato e utilizzo hanno un ciclo di vita di 5-8 anni e se Apple e' avanti con l'inserimento di tecnologie e' solo un bene.

Magari avessero inserito Ethernet 10/100 sul mio PowerMac 7500 che ancora uso a fondo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

<font color="119911">7-8% di localizzazione?!?! @[email protected]

Ma che, il manuale in italiano te lo scolpiscono su una stele di marmo?!!?</font>

No, di Titanio, serigrafato al laser con cornice in pelle (umana ovviamente, si mormora che siano ancora brandelli di Amelio, che dopo esser stato silurato da Jobs è sparito...).

Scherzi a parte: con localizzazione intendo spese più che altro logistiche.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Mah..spese logistiche..ma hanno la sede centrale a Cork in Irlanda...???

Mickey

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Settimio><font color="0000ff">Voi non fate video, fotoritocco, audio digitale ma vi ricordo che l'uso principale delle macchine professionali e' questo.

E chi ha detto che si usa Ethernet solo per trasferire da un solo disco di computer all'altro?

Quando faccio delle copie e dei trasferimenti in rete verso un server per il DTP passo i file da un computer a molti altri, accedo alla rete con un modem ethernet... avere a disposizione piu' velocita' non fa certo schifo...</font>

Bhè, in ufficio abbiamo 6 mac + 2 stampanti in rete (e a breve quelli con gigabit saranno in 3), ho anche valutato l'acquisto di uno switch 100/1000, visto che si iniziano a trovare modelli a quattro porte sui 500 euris, ma reputavo, a questo punto forse errando, la spesa inutile (come gli esimi colleghi ipotizzano poco sopra) Posted Image; è forse il caso di farci un pensierino considerando, ad esempio, l'estenuante lentezza di aggiornamento di un file tiff (su un altro client, ovviamente) importato in un impaginatore, o la copia di massicce quantità di dati (500/600 mb)?

Warning, OT!!

Che faccio lo sposto?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fra tutti i siti Macintosh italiani mi sembra utile segnalarvene uno (l'unico, per ora) che e' VALIDO: http://www.musimac.it/ (io l'ho visto un'ora fa con Netscape 7.01).

La marcatura e' stata realizzata con una DTD strettamente conforme a XHTML 1.1: scelta azzeccata, in quanto - come ho avuto modo di dire un milione di volte - XHTML e' gia' di per se un linguaggio di transizione verso XML e non ha senso continuare ad usare le DTD 'Transitional' (che in quanto tali ammettono anche le istruzioni 'presentational' che non c'entrano nulla con la filosofia dei metalinguaggi e del 'separare i contenuti dalla presentazione' (come si dice in gergo).

E parlando di presentazione va segnalato che MusiMac.it e' conforme a CSS 2. Il sito dichiara anche la massima conformita' a WAI-AAA e viene convalidato da 'Bobby': probabilmente lo sviluppatore ha usato proprio questo software - oppure 'Lift' di Macromedia - perche' molte indicazioni per i visitatori sono state scritte in american-english. Diversamente questo tipo di convalida - non ancora disponibile con i robot del W3C - e' difficile da ottenere (anche con siti spartani).

Mi sembra ben impostato l'uso dell'istruzione CDATA. L'unico difetto da correggere e' l'impaginazione: l'autore l'ha predisposta per una risoluzione di 1024 x 768 pixel (una scelta precisa, mi pare). A risoluzioni inferiori il layout risulta 'spezzato' (la colonna di destra si sovrappone parzialmente a quella centrale), soprattutto in presenza di immagini troppo larghe per reggere risoluzioni di 800 x 600 o inferiori.

Molto bella la 'Web Site Icon'.

Tirando le somme, 'MusiMac.it' puo' fregiarsi del diritto sacrosanto di parlare degli Standard W3C con cognizione di causa, contrariamente a quelli che si dichiarano entusiasti per la 'mission' dichiarata da Apple con il lancio di Safari, ma in pratica continuano a praticare la selvaggia balcanizzazione del codice (a tutto vantaggio - come potete ben capire - del Monopolio ZioBillesco).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this