Futuroscopio


Guest
 Share

Recommended Posts

  • Replies 3.1k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Premessa: la vendita di Corel è la conseguenza dell'operato (disinteressato) di M$, le ha tolto ossigeno (quegli spiccioli che non corrispondono neache agli interessi mensili del conto corrente del padrone) e ora sta chiudendo bottega...

Gennaro> quali vantaggi potrebbe avere Apple dall'acquisto di Corel?

Prima di rispondere ricorda che si discuteva anche della convenienza per Apple di non pestare troppi piedi...

Link to comment
Share on other sites

credo che assisteremo ad un progressivo accentramento da parte di apple del software vitale per la nostra piattaforma. certo, apple non potrà fare tutto tutto, però...

in corel si hanno prodotti che potrebbero essere la base per future ipotetiche soluzioni apple (fotoritocco professionale, painter, se non sbaglio wordperfect). è un'ipotesi che mi è venuta in mente, perché al momento sento una certa freddezza degli sviluppatori storici nei confronti di apple.

Link to comment
Share on other sites

vabbè pararsi il c... ma credo sia più importante per Apple stringere un rapporto indissolubile con Adobe...

Insomma, non me lo vedo un futuro con frasi del tipo: "Non si preoccupi, Photoshop per Mac non c'è ma Apple produce il bellissimo e compatibilissimo iPaint che è fornito con i Mac di fascia professionale" Posted Image

In che mondo informatico si può immaginare l'assenza di Photoshop per Macintosh?

Non ci voglio neanche pensare...

Link to comment
Share on other sites

io sono d'accordo con te...però i segnali concorderai che non sono incoraggianti. a parte il mercato scientifico che in qualche modo pare in forte ripresa (se non altro d'interesse, e te lo dimostra la "resurrezione" di matlab) mi pare che il mercato classico di apple, quello delle arti grafiche, non goda di buona salute.

I segnali a mio avviso sono

1) la mancanza di xpress

2) le cattive prestazioni di alcuni programmi (ricordo painter ma potrei sbagliare, inutile citare premier)

3) le dichiarazioni di adobe in favore al mondo wintel

di positivo c'è stato in un primo momento la velocità di adobe di portare tutto il suo parco software su x (ma sarebbe stato stupido non farlo, visto la mole d'affare che nonostante tutto genera il mondo mac per adobe). ma questo trand continuerà? io spero vivamente di si, ma i dubbi rimangono.

c'è purtroppo d'assistere al fatto che molto (troppo) spesso le versioni windows del software è dotato di features che non hanno equivalente nel mondo mac (non mi piace parlare per sentito dire, ma visto la qualità della fonte: il drzup, ad esempio acrobat per mac pare essere inferiore a quello windows).

fortunatamente sul lato oscuro della luna non hanno un sistema operativo all'altezza....speriamo che non ci sia mai!

in ogni caso, un eventuale "programmone" apple per la grafica professionale, lo immagino vicino a quello che è finalcut pro per il video digitale più che ad una iApps Posted Image

Link to comment
Share on other sites

Se sono riusciti a sfornare FC Pro (seppur avendo una base già pronta, se non erro), credo potrebbero produrre un clone di Photoshop altrettanto valido...

Finchè gli "sgarbi" di Adobe si limitavano ad alcune applicazioni ci si poteva anche soprassedere: Acrobat in effetti già da versioni precedenti alla Carbon mancava di alcune funzioni rispetto alla versione Windows; anche il programmino di catalogazione di Adobe poteva passare inosservato visto la presenza di iPhoto, per giunta presentato molto prima...

Su After Effects non potrei esprimermi... ma non vorrei che lo sviluppo non fosse stato perfetto perchè "offesi" da FC... non vorrei cioè che Adobe puntasse più al pacchetto Premier+After Effects piuttosto che produrre un buon software di supporto a FC (leader nell'ambito Mac).

Altro che par condicio... quello di Adobe è stata una vera e propria spinta del mercato nelle fauci di M$...

Ripeto qual'è stato il pensiero peggiore passatomi nella mente: Adobe ha fatto tutto ciò per puro compiacimento (=lecchinaggio) nei confronti di Redmond per evitare (o ritardare) l'abbraccio fatale di M$ (guardate proprio il caso Corel, oppure le voci su Macromedia). Una specie di patto dello scorpione...

Link to comment
Share on other sites

<font color="ff0000">Altro che par condicio... quello di Adobe è stata una vera e propria spinta del mercato nelle fauci di M$...</font>

ed è proprio questo quello che mi spaventa. quale altra software house (a parte l'ex claris ora filemaker) è più vicina ad apple? se anche adobe, che fino a poco tempo fa pareva indissolubilmente legata ad apple, si "ribella" a cupertino, chi altro resterà "fedele"?

una possibile via di sopravvivenza per apple sarebbe proprio quella di potenziare al massimo le iApps, strizzare l'occhio al mondo UNIX e cercare di tenere il più possibile (anche con forze proprie, vedi FinalCut Pro) il mercato pro, in attesa di un nuovo processore, che se dovesse tardare troppo, potrebbe comunque affossare la casa della mela (ex) iridata.

in ogni caso, il mac come lo conoscevamo, è morto o per lo meno, sta morendo molto velocemente Posted Image

Link to comment
Share on other sites

Dipende cosa intendi per <font color="119911">'il mac come lo conoscevamo'</font>...

Ritengo che, a parte la questione processori, Apple abbia un sistema completo o comunque a buon punto (system, tecnologie, applicazioni di contorno, alcune soluzioni hardware, integrazione)... direi che in buona parte la filosofia del Mac, piuttosto che trapiantarsi totalmente dal vecchio al nuovo system, si è affinata e il MacOS è vivo e potrebbe avere ancora un ottimo futuro.

Apple però deve togliersi dal guado in cui si è trovata a causa di Motorola: IBM può essere l'appiglio giusto e Jobs ha chiaramente detto che quando la transizione sarà completa (=Panther), Apple avrà molta scelta sul lato hardware.

Penso e spero che ci si debba ancora sacrificare un po', accettare compromessi per pochi mesi prima di veder rifiorire Apple.

Strategicamente parlando, Apple dovrà calarsi le braghe di fronte ad Adobe, e anche, volendo, con Macromedia per farle gravitare ancora nell'orbita del Mac... insomma, ne più ne meno di quanto si sia già fatto con M$ (e per una volta avvallo parzialmente le tesi del Patelli)...

Link to comment
Share on other sites

Non so quale futuro ha il mac, ma di sicuro so il futuro di gennaro e matteo: una notte in bianco per evitare l'onta di essere scavalcati al duemillesimo post.

Se il mac sta morendo velocemente?

Purtroppo sì.

Dopo sei mesi di uso ininterrotto di Jaguar, prima su un PowerBook G3/500 con 768 mega di ram e da due/tre settimane su un G4/867 12" con 640 (macchina così tecnoavanzata che non ce ne stà di più), direi che un parere motivato può anche essere sciolto.

Bene, non è un sistema operativo adeguato per lavorare. Se non avessi alle spalle quasi diciassette anni di macintosh e quindi software e know-how, non lo adotterei certo.

Non so dire se vada bene per chi per professione fa solo montaggi video o composizione musicale, o per sembrare alternativi a tutti i costi.

Di certo, per una attività libero professionale varia e interdisciplinare, con necessità predominante di scrittura e archiviazione (diciamo Office e Acrobat) e anche molta grafica anche 3D, attualmente il macintosh mi dà solo mali di testa, e da troppo tempo.

Ieri mattina ho impiegato dieci minuti a scrivere una banale perizia, che dovevo faxare urgentemente, e più di altrettanti a cercare di stamparla, tre paginette senza figure a risoluzione standard, e quella autentica trojata di PrintCenter che continuava a mettere la stampante in stop, ovviamente senza avvertire.

Da ringhiare dalla rabbia.

Non ditemi che potevo faxare con stf, non funziona con la adsl. Grande os.

Ho provato per disperazione ad attaccare il bonum et laudabile vecchio pismo in ethernet, per provare a lanciare la stampa da quel venerabile Ultimo Mac, e in tutte le salse non riuscivo a vederlo, mentre il system era così scemo da potersi connettere a se stesso, salvo avvertirti che il server scelto è su questo stesso disco e non può essere usato.

Alla fine ho riavviato tutto e si è messo a funzionare.

Dopo due anni dalla versione puntozero, da piangere.

Certo, di per sé si inchioda poco - ma se ogni tanto devi riavviare e se ogni tanto (spesso) ti si chiudono le applicazioni anche senza crash, che vale? Il lavoro lo interrompi e magari l'hai perso lo stesso.

Ho masterizzato alcuni cd da Toast, creando una partizione virtuale: bene, giorni dopo ho scoperto che ciascuna delle partizioni era stata ricopiata nella solita bastarda cartella utente, quella stessa che se non cambi le preferenze ti ricopia lì tutti gli mp3 e le immagini digitali.

Avevo quasi 5 giga occupati da file che non avevo chiesto di copiare, e che -chi lo sa- magari poteva anche darmi fastidio che fossero rimasti sul disco. Eh già, mi premuravo di mantenere le foto di una autopsia su un cd per riservatezza, e questo sistema bucefalo mi mantiene una copia senza avvertirmi.

Francamente, l'attuale sistema operativo non direi che è mal congegnato, direi proprio che è una autentica martellata nelle sfere, a meno che l'utente sia in realtà un gruppo di utenti con un admin; allora sì che ci potrebbero essere vantaggi, se solo i permessi e le preferenze non cambiassero col vento.

E' un sistema con alcune parti disegnate in modo splendido, come per esempio la gestione del secondo monitor che si può fare al volo, oppure l'utilissima vista a colonne con preview del contenuto, e parti raffazzonate in modo bestiale, effetto evidente del fatto che nelle prime versioni non era previsto un vero desktop.

Possiede addirittura la gestione a menubar della seconda batteria, il che è stranissimo in quanto il secondo bay era disponibile solo con i modelli pre-titanium, ma poi per esempio a volte ti mostra l'ora sbagliata finché non ci clicchi sopra.

Nel complesso, OS X consente di lavorare e produrre con efficienza cinofallica.

Sò stanco, sò stufo.

Proprio la settimana scorsa ho saputo del definitivo switch di uno studio legale che era basato su mac: basta, rimane solo un Cube, ma per pura bellezza e a casa.

Per quanto mi concerne, a meno di novità molto significative sia in hw che sw, nell'arco del 2003 mollo la piattaforma.

Se però dovesse scomparire o restare seriamente limitato il software di rango, già ben nominato nei post precedenti, il discorso si chiude indipendentemente dalle novità hw.

Le iApps sono giocattolini e si salva solo iTunes.

Certo, FCP è un'altra musica; tuttavia, per esempio, uno dei principali studi con cui lavoro monta filmati con premiere e un pc e non ha mai avuto un problema che sia uno, e ottimi risultati e velocità di esecuzione.

In cauda venenum: ma nessuno si è accorto di quanto sia inadeguato quel bordino di plasticaccia grigia che chiude il bordo superiore dell'AlBook? Non si è più capaci di realizzare un bordo arrotondato?

A parte il fastidio che mi dà sui polsi lo scalinetto (che si sente), essendo il punto del computer più esposto al contatto ci si raccoglie sudore, grasso cutaneo e polvere, e qualche episodico pelazzo.

Ho già dovuto provvedere con cotton fioc e acqua saponata; più che AlBook, in qualche mese diverrà un LetamBook.

Link to comment
Share on other sites

Alcuni giorni fa quando dissi che zio bill aveva aperto il salvadanaio per far parlare Adobe, diverse persone mi scrissero che stavo dicendo delle <font color="ff0000"></font><font color="ff0000"></font><font color="ff0000"></font><font color="ff0000"></font><font color="ff0000"></font><font color="ff0000"></font><font color="ff0000"></font>...bene vedo che finalmente qualcuno apre gli occhi...

Franco> Per quanto mi concerne, a meno di novità molto significative sia in hw che sw, nell'arco del 2003 mollo la piattaforma.

Vai con dio.....

Io non vi capisco, apple ha dei gap che devono essere colmati per giustificare il prezzo e tornare ad essere veramente la numero 1. Vedo che APLE group stasera ha un nuovo socio..per quanto mi riguarda continuo ad usare win in caserma e a casa della mia ragazza, e ODDIO MIO! Certo di cose buone ne ha ma da qui a dire basta con mac, passo a win perchè X fa schifo, bisogna avere bevuto ettolitri di vino (parere personalissimo).. Con win io di problemi ne ho a centinaia, forse sarà colpa mia, gli farò allergia, ma caspita...Io non ce la fo, per farlo andare correttamente, devo eseguire le norton utility 1 volta ogni 4/5 giorni (trova circa 20/30 errori a volta) eseguire tutti i giorni lo scan del norton antivirus, dando sempre (ogni ora) un occhiata alle nuove definizioni di virus...Certo se mi limito ad aprire word, andare su 2/3 siti in internet e spengerlo tutto ok...

L'ultimo problema che ho avuto è il fatto che non riesco + ad installare la epson stylus photo sul pentium della mia ragazza...Installai tempo fa XP, ma mi resi conto che il suo computer era troppo lento e non supportava al massimo il nuovo system, e quindi decisi di fare un downgrade...LA stampante sembra sparita, io e altri amici che usano win da sempre le abbiamo provate di tutte, compreso il formattone e cambio cavi, ma nulla..per non parlare della lentezza del computer che ha solo 2 anni...alla faccia della supervelocità...

(il mio è solo un commento-sfogo-pensiero di fine giornata...non prendetevela, ognuno ha le proprie idee, opinioni e manie ed è gusto che le esprima e le compia secondo il suo volere...)

Ciao a tutti, supercriticoni e non...Posted Image

<font size="+1">APPLE REGNA ORA E SEMPRE</font>

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share