Sign in to follow this  
Guest

Futuroscopio

Recommended Posts

Guest

<FONT COLOR="ff0000">castronerie azzardate</FONT>dimmi quali sono le energie connesse con le correnti elettriche in un chip, ed una rozza stima della lunghezza di de Broglie te la faccio io... ma non credo che siamo vicini, neanche come ordini di grandezza... prendi la massa collettiva degli elettroni coinvolti in un "segnale elementare"moltiplica per la loro velocita` di gruppo, dividi per la costante di planck (ridotta), ed ottieni il valore... che ti da` la lunghezza d'onda corrispondente alla particella fondamentale del tuo computer (il BITone?) se questa lunghezza e` confrontabile con il diametro dei circuiti, allora correndopci dentro diffrange e gli elettroni saltano le piste... ed ora aspetto che qualuno mi sgami un errore stupido e mi sacrifichi sull'altare della verita`...

<FONT COLOR="ff0000"> calcoli veri:</FONT> cosa intendi con questo termine? mi chiedo: se il lavoro 3D te lo fa la scheda video, il DSP quella audio...

i programmatori continuano ad usare i processori solo perche` sono le uniche cose che son sicuri ci siano dentro il computer... altrimenti, per quel che riguarda un programma come il [email protected], che fa essenzialmente DSP sarebbe piu` efficiente rimpallare i dati fra scheda audio e video... o no? e se come processore centrale piazzassero semplicemente un "bridge" fra i vari dispositivi, ognuno con Chip dedicati? ah, forse ci arrivo da solo, addio flessibilita` del computer... una volta costruito, potresti farci solo quello che e` stato progettato per fare... tipo lavatrice...

nb: se non sbaglio motorola si sta muovendo verso i processori dedicati a far passare un gran traffico di dati, con la tecnologia PowerPc... o era IBM?

basta, la smetto di sporcare il forum con le mie idiozie...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Mickey

C'è da dire che in previsione di acquistare un prodotto Apple mi fa piacere il fatto che duri un pò e non svaluti subito.

Se il Ti 500 di ora lo vendessero a 5.000.000 ivato me lo comprerei al volo! Tutto sommato considerando la concorrenza pc quella è la cifra a cui dovrebbe essere venduto... Se poi consideriamo che ha una cpu vecchia di 2 anni e mezzo!!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Pasquale é vero il discorso della svalutazione, ma l'esempio del 733mhz é sotto gli occhi di tutti...

Eppoi una revisione ogni 6 mesi di un prodotto credo sia fisiologico é non nessuno si scaldalizzerebbe.

Questa é un tesi che portano avanti alcuni qui dentro, cioé sicome da quando Jobs é tornato alla Apple, la durata delle versioni dei portatili professionali é di 1 anno, allora dovrà essere sempre così??Ma se é sbagliata, dobbiamo per forza continuare a sbagliare??

Mah...aspettiamo.

Mickey

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chest>

"in mezzo nanosecondo (equivalente alla oscillazione del 2Ghz) la luce (segnale alla massima velocità consentita dalla fisica) percorre 15 cm."

Nel rame la velocita' della corrente viaggia a circa C/3.

Nel silicio forse anche meno.

Hai tenuto conto di cio' nei tuoi calcoli Chest?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

<FONT COLOR="ff0000">Torte di pippe. Pippe a gogò. Multipippe. Esiste una legge di conservazione universale delle pippe. Motorola ed Apple seguiranno la via delle pippe. Perchè con le pippe vendi, senza pippe no. E se non vendi muori. Dunque se sei vivo stai vendendo pippe.</FONT>

Tu però te le stai facendo!

<FONT COLOR="ff0000">Intanto un indizio: in mezzo nanosecondo (equivalente alla oscillazione del 2Ghz) la luce (segnale alla massima velocità consentita dalla fisica) percorre 15 cm. Nemmeno sufficienti ad andare alla ram e tornare.</FONT>

Chi se ne frega.

<FONT COLOR="ff0000">Quindi ne deducete, cari amici del forum, che un oscillatore a 2Ghz non comunica manco-col-piffero col resto del mondo a siffatte frequenze. Ed ecco la necessità dei moltiplicatori.</FONT>

Eh, le pippe... (tanto per continuare a usare il tuo linguaggio).

Chi se ne frega (ancora) se non fa tempo? I GHz significano che la tensione in un secondo può oscillare x volte. Immaginate un filo. Immaginate di poterlo piegare su e giù x volte. Poi immaginate di poterlo fare il doppio di volte, anche se ogni piegatura non arriva dalla ram al chip. Più piegature => più informazioni per unità di tempo (la lunghezza del filo), quindi più potenza di elaborazione.

Concordo però sul

<FONT COLOR="119911">una manina velocissima a 2 Ghz. E' un nano zio Bill con una elevatissima frequenza di pippe.</FONT>

Mi associo come hanno fatto altri.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

<FONT COLOR="ff0000">La miniaturizzazione costa tantissimo. Le varie cache sono state inventate apposta per ridurre l'accesso alla Ram vera e propria. e sono nettamente più vicine al processore, consentendo velocità enormemente maggiori</FONT>

Latenza, ragazzo... LATENZA... la velocità dipende dalle dimensioni e da altri fattori, il fatto che sono vicine riduce solo la latenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

ci ho riflettuto un attimo: non e` necessario che sia lo stesso elettrone, (o gruppo di) a portare il segnale da un punto all'altro... per cui la velocita` effettiva non conta. d'altro canto, il flusso ha bisogno di un certo tempo, per instaurarsi(cioe` un elettrone avverte il vicino, e cosi` via... fino all'obbiettivo: quella che Olaf chiama Latenza, suppergiu`...), e *di sicuro* (che vuol dire limitatamente alle nostre conoscenze) non puo` propagarsi piu` veloce di C... per cui il problema permane... sempre piu` confuso... chiedo ad un mio amico ingegnere microelettronicoso...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Guardate che, se non lo doveste sapere, non sono gli elettroni che vanno a C/3 (come diceva Chest), ma è il SEGNALE: quello che tu dici "informa il vicino". Gli elettroni vanno a pochi cm/h!!! Si calcola semplicemente con una formula che si impara alle superiori (ITI o equivalenti).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

<FONT COLOR="ff0000">Gli elettroni vanno a pochi cm/h!</FONT> in verita`, allora, se vogliamo sottilizzare, quella e` la velocita` di deriva imposta dal campo elettrico applicato (il voltaggio). gli elettroni, di per se`, si muovono (posto che un'onda si possa muovere) a velocita` dell'ordine dell'ordine delle decine di km al secondo 10<SUP>5</SUP>ms<SUP>-1</SUP>, se non sbaglio... fai (3/2)k<SUB>B</SUB>T=(1/2)mv<SUP>2</SUP> a T=298K(25 gradi centigradi), con m la massa dell'elettrone e k<SUB>B</SUB> la costante di Boltzmann... solo che vanno a sbattere contro i nuclei degli atomi, per cui non riescono a fare molta strada...

comunque, era al segnale che mi riferivo. gli elettroni sono un mezzo... indipendentemente da quale mezzo usi, non puoi farlo viaggiare a piu` di c. per cui come fa a andare e tornare dal proc alla Ram in meno di quel tempo?

possibili risposte:

a) chi ha detto che debba farlo? il processore si limita a prendere i dati che gli arrivano, mica deve per forza restituirli alla Ram in meno di un zibillionesimo di secondo, no? i dati gli vengono forniti alla velocita` di un pacchetto ogni mezzo ns, e lui li analizza, e quando ha finito(dopo mezzo ns, di nuovo),li rimette su strada, e quelli ritornano a casa nella Ram, per essere mandati alla Scheda Video, o cosa...

b) se qualcuno ne ha una migliore, oppure conosce quella vera, prego, son qua che la aspetto...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

La a) è quella giusta, per quanto ne so io.

P.S. Date una occhiata su Lithium.it: ci sono alcuni belli articoli sui supercomputer, sulle schede video di nuova generazione (5a), ... Parlano delle GeForce 3 e delle Radeon 8500.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this