Sign in to follow this  
Guest

Futuroscopio

Recommended Posts

Guest

Si, effettivamente potrebbe essere un idea. Anche perchè il mio PB non lo metterei completamente in pensione. L'unica cosa è che il mio è un Wallstreet a 266 Mhz e già l'ho aggiornato prima con la scheda bluechip per portarlo a 500 Mhz (gli ha dato nuova vita) e poi con una pc card USB per avere appunto le porte usb che ormai sono indispensabili. Spenderci ancora mezzo milione per farlo vivere ancora per quanto tempo?

Tu dovè che l'hai comprato l'hd travelstar?

Ciao

Marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Modestia a parte.

Tuttavia io non ho detto alcuna castroneria. Ti parrà strano, Camillo incandescente, ma ci tengo a puntualizzarlo.

Ti prego di rileggere con calma e dopo aver tolto dall'attaccapanni il sistema nervoso che ti eri tolto e averlo reindossato.

Fatto ciò scoprirai che

1) a 2Ghz ci va un oscillatore molto più piccolo della distanza tra Ram e Cpu, per cui, ovviamente, alla intel non si violano le leggi della fisica ma semmai solo quelle della pubblicità ingannevole

2) non ho neppure mai detto alcunchè su "quanta informazione" possa essere processata per ciclo di clock. Anzi, ripeto, che è un argomento veramente interessante: se io trovo una Cpu ad 1 Hz ma che in quell'hertz processa 100terabyte di dati dubito che nessuno si lamenti...

Insomma alla fine mi premeva mettere in guardia, con argomentazioni assolutamente rigorose, sul cosiddetto "mito dei megahertz", che se dipendesse dai geni dal marketing finirebbe per far rivoltare nella tomba un gran numero di scienziati...

Si potrebbe tutti insieme provare a ragionare se esistono (io *non* lo so, se lo sapessi farei un altro lavoro)

a) limiti fisici alla quantità di "informazione" processabile in un secondo (per unità di energia). E' chiaro che dovremmo anzitutto dare una definizione (che io *non* conosco) di quantità di informazione processabile.

b) se esistono, quanto siamo lontani

Io credo che tali limiti esistano (tutto ha un limite) ma che ne siamo galatticamente lontani. Per cui più che a improbabili aumenti di megahertz credo che assisteremo a miglioramenti sulla "efficienza" dei processori.

Così parlò Chest

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per Luca: ho letto l'articolo delle Scienze. Interessante. Mi pare però che neppure questo genere di situazioni violi il principio di causalità.

O no?

Perchè se fosse "no" sarebbe una rivoluzione, dico bene?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh ora non so perché vendano lo stesso prodotto al 30/40% di più qui in Italia e per dire se sia una buona strategia per la Apple o meno bisognerebbe avere dati alla mano: certamente per noi utenti non è positivo ovviamente, ma d'altra parte siamo sempre lì: un signore che ha sempre avuto Mac e che ora lo deve cambiare, probabilmente quasi non ci fa neanche caso all'offerta intel: lui sa usare quello, si è sempre trovato bene, gli piace e pto. Probabilmente la maggior parte degli uteti dell'iMac se ne infischia dei Mhz: la maggior parte degli utenti Mac apprezza la compattezza, la solidità, la semplicità, i pochi cavi e il fatto che all'accensione è pronto all'uso. Io adesso ho un'iMac a 350Mhz di un paio di anni fa e va benissimo. Certo, se al posto del monitor a palla ci fosse un bel LCD tanto meglio, ma l'utente iMac probabilmente, secondo me, guarda poco l'eventuale alternativa PC.

D'altra parte se invece di venderlo al 30/40% in meno lo regalassero ne venderebbero ancora di più, saremmo tutti più contenti ma chissà la Apple che fine farebbe.

Io non voglio avvallare tutto quello che fa la Apple e comunque per poterlo fare occorrerebbero dati che solo gli amministratori e i dirigenti più in alto hanno e competenze che francamento non ho.

Quindi o alla Apple Italia si sono dimenticati di aggiornare il prezzo dell'iMac, oppure hanno dati di vendite che per il loro obiettivo di attesa nel lancio di un modello nuovo, sono secondo loro soddisfacenti.

E' possibile che il lento aggiornamento delle macchine oltre ad una questione di marketing potrà essere anche data dall'investimento della maggior parte delle risorse della Apple in OSX che ne ha tolte così allo sviluppo di hardware, al fatto che la Apple dipende sempre da Motorola (che vacilla) e da IBM che tutto sommato non hanno lo stesso interesse nell'evoluzione del Mac che ha la Apple.

Però penso che un aggiornamento del Ti non sarebbe poi così proibitivo (ammesso che un G4 con clockaggio più elevato non scaldi come un termosifone, e allora aspettino l'inverno).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eccola qua la castroneria:

Chest: <FONT COLOR="ff0000">Morale della favola: l'unica cosa che oscilla davvero a quelle mostruose velocità è un fottuto mini cristallo dentro un menga di core del processore.</FONT>

Non c'è difesa.

In aggiunta, hai usato questo argomento per criticare il Pentium IV: "il Pentium IV va a 2 GHz, ma non può comunicare con l'esterno a quella velocità, dunque è 'una pippa'". E' arcinoto che nessun processore oggi in uso nei PC va alla stessa frequenza del bus; di conseguenza, se accettiamo come valida la tua inferenza, dobbiamo concludere che "tutti processori moderni sono 'pippe'". Ma siccome questa affermazione è inaccettabile (ammesso di attribuire il giusto significato all'uso della parola 'pippa'), dobbiamo concludere che l'inferenza era sbagliata. Dunque hai detto un'altra castroneria.

E dire che mi ero anche trattenuto, parlando di "una" castoneria mentre in realtà erano almeno due! ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tornando invece al sondaggio di come vogliamo il nuovo Ti ho saputo di alcuni problemi che il case attuale ha e che spero abbiano eliminato nei modelli attualmente in vendita o che li elimineranno con il nuovo:

1) tastiera che balla: io spendo una fortuna, prendo la Mercedes dei portatili e voglio una tastiera reattiva alla pressione dei tasti ma ben ancorata e fissa al case. DA RISOLVERE!!!

2) la tastiera che tocca lo schermo: prendo un Ti per lo schermo da 15" che probabilmente costa il 50% del totale e voglio che la tastiera neanche lo veda lo schermo. La soluzione del panno di carta igienica tra tastiera e video va bene per un utente PC (forse), ma è sicuramente inaccettabile per l'utenza Apple, che tante ne deve già subire per essere una minoranza...

3) scalda: ora un po' è normale, ma se dopo l'uso ti trovi le mani con le lettere della tastiera impresse a fuoco come il cambio della Clio nella pubblicità, behh...

Voi che ne pensate: risultano anche a voi questi problemi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

per chest:<FONT COLOR="0000ff">causalita` violata</FONT>? perche`?

comunque, e` un nostro principio, non della natura... che ci possiamo fare se ci eravamo fatti un'idea sbagliata?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

oops! scusa chest, avevo capito che avessi scritto che l'esperimento 'violava' il principio... invece era l'esatto contrario... faccio ammenda, proponendo che sui francobolli per il centenario del nobel (che cade qs anno, o sbaglio?) venga stampata la tua faccia che olograficamente saluta con la manina a 2GHz Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

mitja:<FONT COLOR="ff0000">AMD sta cavalcando quest'onda.</FONT> quale, quella a due GHz? ok, scusatemi per la battutaccia

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caro Camillo (sospiro per la grande pazienza), ma guarda che è esattamente così.

Consentimi però, prima di rispondere, di redarguirti per il tono, che è sempre ai limiti della maleducazione. Possibile che tu non riesca a tenere un tono non offensivo neppure quando si ragiona di processori o clock o leggi della natura?

A 2Ghz ci va un cristallo dentro il core della Cpu.

Sennò secondo te cosa sarebbe che va a 2Ghz? Ti prego, dimmelo. Magari mi sbaglio.

Poi il bus. Guarda che anche qui stanno sparando a più non posso. I 400Mhz del Pentium IV sono di nuovo un falso!!! E comunque solo di bus vedresti una differenza tra Cpu e bus di un fattore 5x. Qualche anno fa non esisteva!!!

I 400Mhz sono anzitutto un "2x200Mhz", e poi mi piacerebbe sapere se davvero tra Ram e Cpu si è arrivati a 200Mhz reali.

In ogni caso 200Mhz significa "qualcosa ogni 5 nanosecondi".

A mio modesto parere imbrogliano pure qui.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

No anzi continua, serve a confrontarsi, nel bene e nel male.

Continuo a non essere d'accordo con te, sulle strategie di vendita della Apple.

Qui non stiamo parlando di un 10/15% in più, giustificabile con le tasse italiane, ma il 30/40% non é ammissibile!!!

Che me ne frega che sono soddisfatti, ammesso che lo siano, delle vendite, perché non incrementarele oppure lasciarle uguali ma salvaguadare i fedeli??

Se io sono un utente mac, che devo cambiare il computer e voglio un iMac perché "devo" sceglere l'entrylevel da 500mhz e 64mb e CD da 2.500.000£, cmq carissimo, quando con i prezzi americani potrei permettermi almeno il modello da 500mhz 128mb CDR-RW?

Io non lo accetto, infatti non compro, non sono incentivato ed anzi mi sento preso in giro.

Posso accettare questa politica nel caso stiano realmente svuotando i magazzini per il nuovo modello, nuovo veramente, e stesso tentativo stanno facendo con le vecchie AtiRage128, da 8mb che stanno praticamente smembrando per raddoppiarne la capacità...

Mickey

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this