Sign in to follow this  
Guest

Futuroscopio

Recommended Posts

Il tablet PC dopo 2 ore si scarica, però. A meno che non lo dotino di batterie diverse.

Onestamente non sono sicuro che sarà un successo.

L'unica notizia nella storia del Tablet PC è che Microsoft è entrata nel campo dell'hardware (alla facciaccia dell'antitrust), chiedendo ai suoi servi storici (HP, Compaq, Dell, Gateway) di apporre il marchio giusto per questioni pubblicitarie. Il concept e le specifiche le decide Redmond. Ed è Redmond che deciderà quanto guadagnare dalla macchina.

Questa è l'unica vera notizia in tutta la faccenda.

PS: scommettiamo che Sony non produrrà Tablet PC?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

>Il tablet PC dopo 2 ore si scarica, però

--- mica detto.

Il "mio" tablet non ha ne' hd, ne' cd. E usa un OS pensato per i device mobili. E il grosso della elaborazione avviene sul sever casalingo.

Fai in modo che quando lo riponi sul supporto, automaticamente si ricaricano le batterie, e comunque dotalo della presa per il cavo di alimentazione opzionale per i casi di emergenza.

E' possibile che sia un fiasco, forse il mercato non e' ancora pronto per un coso simile, ma sono certo che nel giro di pochi anni l'idea vincente sia quella di avere tanti apparecchi leggeri e non particolarmente potenti, tutti dotati di monitor e che delegano l'elaborazione ad un server, che puo' essere a casa, nel condominio o dall'altra parte dell'oceano.

Magari vincera' un aggeggio tipo-telefono, magari un simil-tablet piu' piccolo, magari entrambi (propendo per questa possibilita': in casa vuoi uno schermo decente), ma, a mio modestissimo parere, la strada giusta e' quella: wireless (sia 802.x che bluetooth, lcd, integrazione con gli apparati di casa, portabilita' estrema)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il tablet PC viene venduto da solo, non come client di un server casalingo. Mi pare Marco che tu stia definendo un prodotto diverso (magari pure più interessante!).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Infatti!

Io parlavo del "mio" tablet, della mia idea di tablet PC, che e' un po' un misto del vero tablet e di Mira ocomeca**o si chiama ;-)

Sono abbastanza convinto che un progetto simile potrebbe essere molto interessante, anche commercialmente.

Il vero problema e' nei costi, che, molto a spanne, immagino si potrebbero quantificare in un paio di milioni per ogni tablet e un altro paio per lo home server.

Ovviamente troppo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

non ho capito bene come dovrebbe funzionare, facciamo un esempio, un ricalcolo con Excel, sul tablet faccio il data entry, i dati vengono inviati al server centrale via bluetooth che procede al ricalcolo e riinvia al tablet i risultati..

e` cosi`?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Intanto userei 802.x, non bluetooth.

Per l'elaborazione dipende, ci sono due possibilita': o trasferisci tutto avanti e indietro ogni volta come dici tu, ma e' poco pratico e praticamente il tablet diventa un terminale dumb, o all'avvio di un programma il codice si trasferisce nella ram del tablet, cosa che mi pare piu' praticabile.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

pero` un tablet cosi` non te lo puoi portare in giro, lo puoi usare solo nelle vicinanze del server, inoltre non vedo la necessita`di non avere i programmi a bordo, in iPod hanno messo un disco da 20 Gb in uno spazio minimo. Il tablet MS invece se ho capito bene non e` altro che un PC con input a riconoscimento dei caratteri e visto che come al solito bisogna accontentare tutti e` prevista anche l`aggiunta della tastiera. se prevedono anche il mouse e le casse diventa un desktop.Dovrebbe usare XP.

A proposito questa sera e` attesa la sentenza Microsoft, i risultati influenzeranno anche il futuro di Apple.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Comunque la vera rivoluzione sarebbe la PS2 portatile con un bel monitor da 15' modem e ethernet, altro che tablet

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

>pero` un tablet cosi` non te lo puoi portare in giro, lo puoi usare solo nelle vicinanze del server

--- infatti non e' un portatile, e' un tablet ;-)

e' un device pensato per la famiglia. Oserei dire che e' la vera evoluzione del concetto del mac originale: chiuso, senza possibilita' di aggiungere hw, leggero, maneggevole, ecc.

>inoltre non vedo la necessita`di non avere i programmi a bordo,

a che servono i programmi a bordo quando hai un server? Ti complicano la vita!

Pensa ad una famiglia con due tablet: se installi a bordo, devi tenere aggiornate due copie di tutto (player dvd, audio, office, browser ecc.), consumi maggiori, piu' spazio occupato, piu' calore dissipato, maggiore fragilita'. Inoltre hai la necessita' di avere un processore potente.

Nono ha senso.

L'idea e' quella di repicare le funzioni di windows Terminal Server o dei terminali "intelligenti" Sun.

>l`aggiunta della tastiera. se prevedono anche il mouse e le casse diventa un desktop.Dovrebbe usare XP

---- semplicemente gli sbatti dentro una interfaccia bluetooth, cosi' e' il mercato a decidere cosa puo' fare (importa le foto dalle fotocamere digitali, stampa direttamente con le stampanti con la medesima interfaccia ecc).

Con bluetooth puoi ovviamente aggiungere la tastiera, ma le casse sono integrate nel tablet, come lo sono in molti monitor lcd.

Il mouse non serve, hai lo stilo, ma se proprio ci tieni esistono o mouse bluetooth.

Non usi XP, usi una delle tante versioni di windows pensate per 'ste cose: winTS, win CE.NET, PocketPC, ecc.

Il vantaggio di usare una architettura client-server, in cui le applicazioni non sono necessariamente sul dispositivo, e' che non hai bisogno di far girare l'OS "grosso" sul client.

Con win Terminal Server ho visto della macchinette stra-obsolete far girare le ultime versioni di office...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Marco, il dispositivo che tu descrivi non e' la riduzione di un PC a Tablet ma un Palmare con lo schermo piu' grande.

Le applicazioni che citi sono gia' disponibili sia Pocket PC che su Palm dallo scorso anno.

Si possono equipaggiare con Wi-fi (alcuni modelli di iPAQ o Toshiba l'hanno a bordo) e possono essere utilizzati per ricevere trasmissioni video.

Ho gia' visto applicazioni di questo tipo all'IBTS dello scorso anno (vedi Palm TV)

http://www.macitynet.it/immagini/IBTS2001/ibtsb.shtml

Quindi la tecnologia esiste e quella che verrà non sara' necessariamente Microsoft (il prossimo palm OS 6 lo permettera' ed e' concepito anche per tale opzione).

Sony ovviamente sfruttera' Palm OS 6.

Ha gia' i dispositivi pronti per fare quello che tu dici: i correnti palmari che hanno uno schermo Wide, slot wi/fi - telecamera, stilo, slot per le memorie etc... sono i candidati ideali per realizzare questo oggetto e il prezzo si aggira sui 650 dollari.

Abbinagli un semplice desktop con wi-fi e il software dedicato e faranno tutto quello che ti serve.

Gli schermi piu' grandi arriveranno ma non aspettarti una durata delle batterie superiore alle 5 ore anche senza processori esosi..

P.S. con Documents to go professional e un Palm non serve neppure usare le applicazioni office sul Server...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

>il dispositivo che tu descrivi non e' la riduzione di un PC a Tablet ma un Palmare con lo schermo piu' grande.

---- non propriamente, ma quasi. Fino ad ora non ho mai visto un palmare che funziona da terminal server in una rete win wireless.

E non ho mai visto un dispositivo home basato su un tablet.

E' chiaro che la tecnlogia esiste, infatti non facevo fantainformatica, ma descrivevo cio' che secondo me sarebbe possibile fare semplicemente utilizzando quanto gia' abbiamo a disposizione.

>il prossimo palm OS 6 lo permettera' ed e' concepito anche per tale opzione).

Ahahahahahahahaha.... (risata)

Palm 6? e cosa e'? deve ancora arrivare il 5 che e' un accrocchio per far passare un altro anno (se va bene) o piu' prima di questo fantomatico palmOS 6.

Mi spiace, non ci credo. E non ci crede neppure piu' il mercato (viste le vendite) e gli analisti e gli investitori (viste le quotazioni di palm).

E poi palm 6, a differenza di un tablet con win TS, non sarebbe in grado di far girare office, photoshop explorer, i giochi per pc.

Palm 6, se mai uscira' e chissaquando, avra' 2 applicazioni native e 1000 emulate, 1000 applicazioni di cui 900 nate per un palmare in B/N, monotask, non connesso ad internet e non in grado di stampare.

Palm 6, se mai uscira', sara' quello che doveva essere BeIA 2 anni orsono, figurarsi.

Palm e' *morta*, facciamocene una ragione.

Intendiamoci, morta nel senso che la sua sfida l'ha persa. C'e' una base di installato enorme, e ci sara' ancora per molti anni, solo che verra' erosa lentamente.

Resteranno i fan irriducibili, come e' successo per amiga.

Ricordati, lo sviluppo di Palm 6 lo coordina David Nagel...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this