Sign in to follow this  
Guest

Futuroscopio

Recommended Posts

Nagel è uno di quello che se lo impalassero ad un pennone di 10 metri guarderebbe giù il legionario intento a fumarsi una sigaretta e gli direbbe "domani glob glob ti glob faccio glob un <FONT COLOR="ff0000"></FONT> glob così".

Sì sì.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Sarà come dite, ma non credo che PalmOS sia morto...anzi.

MS spinge da quanti anni nel segmento dei palmari??

Adesso inizia ad avere risultati...un po' poco, il colpo di grazia in una direzione (a favore del PalmOS) o nell'altra direzione (a favore del Pocket PC) l'avremo l'anno prossimo con la consacrazione del PalmOS 5 e dei nuovi palmari Dell, che andranno a dare battaglia proprio nel settore dei Palm, medio basso....la partita di giocherà li.

Se Dell spodesterà Palm allora sarà finita, ma non credo che sarà così semplice come dite.

Dell va bene, cresce, cresce...ma quanto durerà? Anche Compaq cresceva cresceva e sappiamo tutti che fine ha fatto...

Mickey

Share this post


Link to post
Share on other sites

Penso che Palm non sia morto...

Se Palm riesce a consegnare abbastanza Tungsten T in questi 3 mesi vedrai la cosa sotto un altro aspetto.

Palm 5 ha l'emulazione ma ha anche altre cosette e il Tungsten e' un prodotto formidabile con un alto margine di guadagno.

Lo Zire e' un altro prodottino che funzionera' e se sono riusciti a farsi fare un prezzo buono dai suoi costruttori cinesi vedrai che ci guadagneranno.

Il problema di Palm per me e' attualmente la capacita' di marketing.. ovvero le risorse che hanno disponibili per promuovere i prodotti che con i due estremi di gamma secondo me copre gli unici settori dei palmari "puri" realmente in espansione.

Attendendo la prossima mossa di Sony...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quanto riguarda il discorso del Tablet ed Excel...

Facciamo un esempio che si potrebbe realizzare tra 15 giorni...

la soluzione personale implica l'uso di una applicazione come Documents to Go (in dotazione al Palm)

Prendi un Tungsten, sincronizzi il file di Excel via Bluetooth con il Mac (basta un iMac usato con USB e l'adattore Bluetooth) e l'hai sul palmare

ci pastrocchi un po e lo risincronizzi con il file sul mac.

Ecco fatto.

La soluzione server-client tradizionale implica tutto un ambaradan di wi-fi etc etc che costa di piu' e non rende molto di piu' tranne il fatto di poter accedere in contemporanea (o quasi) ad un stesso archivio... il che per uso casalingo non mi sembra molto necessario..

P.S.

il terminale che funziona cosi' su una rete wireless lo presentano la prossima settimana...

e sara' di un nome glorioso dei palmari...

:-)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

>Prendi un Tungsten, sincronizzi il file di Excel via Bluetooth con il Mac (basta un iMac usato con USB e l'adattore Bluetooth) e l'hai sul palmare

--- secondo me sbagli, nel senso che continui a pensare usando i riferimenti di mercato tradizionali (desktop e palmare).

Il tablet di MS (e il "mio", per quel che vale) nasce per aprire un nuovo segmento, constatata la saturazione dei mercati tradizionali.

DocumentsToGo e accrocchi simili li conosco bene (ho un hanspring), e sono appunto soluzioni utili a chi usa un palmare per lavoro.

Il target del tablet e' totalmente diverso, non vuole neppure saperne di conversioni e programmi di terze parti.

Con una soluzione bastata su win TS (o qualcosa di simile) non copi il documento e lo guardi o editi dopo una conversione che preclude molte funzioni, ma usi lo stesso documento, preso nello stessa cartella, e con le medesime funzioni.

E, a parte Excel, usi anche Photoshop, Explorer, Outlook, i giochi ecc.

Il punto non e' accedere contemporaneamente ad un archivo, e' ripensare il concetto di computer domestico, e, come ripeto, proprio nel senso inteso in origine da apple.

Nella mia idea, e immagino in quella di MS, il tablet non ha la forma di un computer perche' non vuole neppure essere visto come tale.

E' un apparecchio domestico che permette di vedere le foto, vedere i dvd, scrivere, consultare internet, spedire la posta ecc. da qualsiasi posto di casa o del terrazzo.

E non e' un portatile, che comprende anche un sacco di cose che non mi servono sempre, come una tastiera, una porta usb, una trackpad, uno slot pcmcia, un HD, un lettore cd ed e' troppo grosso, delicato, scomodo e complicato.

Io e te sappiamo che il tablet e' un computer, ma, se riescono a farlo davvero bene, per tanta gente e' un altro apparecchio come la tv o il vhs.

Con il vantaggio di essere multifunzione e senza fili.

E il fatto di avere un server in dispensa consente di limitare agevolmente gli spazi e la complessita' della apparecchiatura.

Ho idea che apple voglia inserirsi nello stesso segmento di mercato con un server domestico, prima o poi, visto l'annuncio del supporto di rendezvous da parte di philips (tv, hi-fi ecc.) e visto che una soluzione di uso con lo stilo (ink) la hanno.

Il tablet certo che puoi farlo con PalmOS 6, ma intanto deve uscire, funzionare, convincere i produttori hw a dotarlo di driver, convincere gli sviluppatori sw a scrivere qualcosa ecc.

Nel frattempo, se il mercato lo accetta, il tablet di MS e' gia' al 99% di quota di mercato.

Mi resta il dubbio che, per contenere i tempi e acchiappare troppi segmenti di mercato, il tablet Miro di MS sia una vaccata ibrida e complicatissima, e troppo caro per essere accolto bene dal pubblico.

Pero' non mi levo dalla testa che sia una ottima idea.

Palm non ha la forza per imporre una soluzione simile, e palm 6 sara' solo (lo ripeto, se mai uscira') l'ennesimo OS per palmari, piu' o meno con le stesse funzioni di PocketPC (meno la fondamentale compatibilita' con .Net) con 3 o 4 anni di ritardo.

BeIA faceva tutto cio' 2 anni orsono, che fine ha fatto?

Palm 5 esce adesso ed e' gia' vecchio (e' superato in molte funzionalita' da PocketPC, e deve far girare tutto in emulazione).

La gente non e' stupida, vedremo quanti palm si venderanno da questo natale al prossimo, e quanti pocketpc. Ho visto le caratteristiche del nuovo ipaq: hanno finalmente pensato anche al problema delle batterie (il processore scala la velocita' a seconda dell'uso), lo schermo e' ancora migliore di prima, dentro hai tutto office e Explorer, le applicazioni ormai ci sono in quantita' industriale...

Francamente non vedo perche' dovrei scegliere Palm, che, per le lamentele che leggo spesso, ha anche un pessimo servizio di assistenza...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Emblema di Palm, caratteristica peculiare che ne definisce il grado di abominio intellettuale, la nullità storica, l'offesa alla ragione, lo stimolo al mio disgusto ("io a Nagel gli cago nel colletto" direbbe un cattivo hollywoodiano) è il fatto che, AD ANNI dall'annuncio di PocketPC, le variopinte testedikazzo di Palm non hanno ancora oggi un browser degno di questo nome (e non mi fate INCAZZARE come una capra di montagna chiamando browser quell'oggetto integrato di cui nessuno sa il nome, non-a-caso-diobono).

La cosa, se non fosse vera, sembrerebbe una barzelletta sporca, del tipo che Nagel se la fa con Bill Gates di notte, ovviamente in modalità totalmente passiva.

Gente come Palm dovrebbe andare strisciando col <FONT COLOR="ff0000"></FONT> ignudo verso l'alto rivolto alle intemperie di fronte al portone di Opera (per esempio) e dirgli: "vi diamo tutto, kulo included, ma fateci un browser degno di questo nome, per p-i-e-t-à".

Perchè non avere ancora capito nel 2002 (quasi 2003) che il browser E' il sistema operativo è da minorati, da gente che deve i propri benefit al lavoro degli schiavi indiani o taiwanesi e che non merita nulla se non il più ampio e motivato disprezzo della gente che lavora.

Palm mi fa schifo nel profondo. Si meritano di fallire per l'assoluta presunzione del suo management, convinto di rappresentare qualcosa solo perchè hanno venduto qualche rasoio da barba col display al 2% degli americani.

PUAH!

Che crepino loro e quelle altre teste a fagiolo di Real.

Così si chiude un'epoca ed anche su questo forum qualcuno aprirà gi occhietti belli di fronte al devastante dilagare della Microsoft Age of Empire.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Ecco... non fate inca77are Chest...

Prima netscape-aol (vi ricordate cicciobombo Case?)...

poi i suoi strali si sono rivolti su Real...

ora Palm...

Preghiera della sera:

Vi prego divino Chest di porre la Vostra benedizione su noi poveri mac-user per poter essere ancora degni di usare un dispositivo tecnologico quale il computer.

Amen.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Chest ha ragione da vendere.

Palm si e' comportata tale e quale ad apple prima, a netscape poi e a real dopo.

Tutti dei perdenti, per colpa delle pratiche commerciali di MS, certo, ma in gran parte per colpa loro.

Apple firmo' un accordo sulla causa contro MS per la copiatura della GUI in cambio di qualche mese di ritardo sulla uscita di Excel per win, figurarsi...

Comecazzo hanno fatto in Palm a prendersi un disastro come Nagel dio solo lo sa... e poi attenzione: anni di vantaggio tecnologico, monopolio del mercato, azioni alle stelle e sono riusciti lo stesso ad impiccarsi.

Accordo con Symbian, no ci siamo sbagliati.

Il multitasking non serve, no ci siamo sbagliati

Il mondo non ha bisogno del multimedia nel palmare, basta colorare le plastiche, no ci siamo sbagliati...

ecc..ecc..

David Nagel... non lo perdonero' mai (lui e Sculley) per quello che ha fatto ad apple e i fan del palm lo ricorderanno pure loro nelle loro preghiere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fortuna che esistono ancora piccole aziende in gamba come la Kollar-Kotelly. Questa azienda ha sviluppato delle strategie in grado di infliggere serie perdite a Microsoft, ed è praticamente l'unica al mondo in grado di farlo (potete trovarla su Google). In pratica riesce a far sì, tramite alcuni software geniali che intervengono durante la fase di distribuzione, che alcuni OEM possano distribuire versioni di Windows senza Windows Media Player o addirittura senza Explorer.

Inutile dire che M$ non gradisce per nulla, al punto di avere assoldato degli avvocati per dimostrare che l'attività della Kollar-Kotelly è illegale! Si dice che dietro la Kollar-Kotelly ci sia la Oracle, unico gigante che nel mondo a pensiero unico non avrebbe più formaggio in tavola. Del resto se la Kollar-Kotelly non avesse le spalle ben coperte a quest'ora Ziobill se la sarebbe già comprata.

Mah, stiamo a vedere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

<Marco,

"Apple firmo' un accordo sulla causa contro MS per la copiatura della GUI in cambio di qualche mese di ritardo sulla uscita di Excel per win, figurarsi..."

Questa poi è la prima volta che la sento...

Credo che l'accordo Apple/MS all'epoca abbia salvato Apple dal baratro, altro che ritardo di Excel per win...

Sulla montagna di errori commessi dalle rivali di MS, possiamo parlare per gg, settimane e mesi, ma anche MS ci ha messo del suo.

Errare si può. riprendersi anche, speriamo bene, perchè di un mondo monocentrista proprio non avrei voglia.

Mickey

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this