Sign in to follow this  
Guest

Cella Frigorifera per le vecchissime discussioni

Recommended Posts

La patologia traumatica da contatto violento tra capo e computer portatile presenta aspetti non privi di interesse, tanto sotto il profilo biomeccanico che sotto il profilo medicolegale.

Essendo pacifico che l'energia cinetica sviluppata da un laptop in volo è pari a 1/2 m v2, la massa ridotta associata all'uso del titanio già ne riduce in modo significativo le capacità lesive.

La maggiore rigidità della struttura metallica assume, al contrario, maggiore valenza lesiva soltanto con determinati angoli di impatto ed in funzione della densità dei tessuti colpiti (regione facciale, temporo-parietale, occipitale).

Non mi pronuncio su eventuali effetti aerodinamici, né su eventuali lesioni a carattere termico (ustioni) dovuti a contatto con parti eventualmente surriscaldate dal G4, né sulle varianti dinamiche attribuibili al lancio con monitor aperto o chiuso.

In ogni caso, i termini di consegna Apple riducono la massa del laptop a zero, e di conseguenza anche l'energia cinetica erogata sulla crozza scende a tale valore.

L'unico effetto obiettivabile può pertanto consistere in una spettinatura dovuta allo spostamento atmosferico generato dal braccio di chi intenderebbe lanciare un oggetto fisico e non virtuale.

Se la distanza tra capo della vittima e cingolo scapolare dell'aggressore è inferiore a quella del braccio esteso di quest'ultimo, ne deriva uno schiaffone od uno scappellotto, in funzione dell'orientamento reciproco.

Esiste invece una seconda forma patologica, a carattere più marcatamente psicologico, connotabile in una delle forme del disturbo post-traumatico da stress (vedi, per tutti, B. Lowjobs, "The Titanium Deprivation Syndrome: A Two-months Perspective Study", in Psychiatrical Informatics, 2001), indotto colposamente e surrettiziamente dall'attesa dell'oggetto desiderato, e sostenuto dalla frustrazione della mancata fruizione dello stesso (cosiddetto "complesso di E.D.P.").

In questo caso, è sostenibile secondo scienza e coscienza il nesso causale tra le sofferte lesioni psichiche e la condotta del produttore.

P.S. - Ho appena letto un articolo interessante su un crash test con il Mercury:

http://www.artificialcheese.com/articles/february01/powerbook/

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcosa del genere, ma non dalla parte delle assicurazioni.

Lieto dell'apprezzamento, era solo una boutade per sdrammatizzare l'ansia di Cixxo.

TITANIUM:

Taumaturgicamente Impedisce Traumi Anche Negli Impatti Uomo-Macchina.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bravo Camillo, finalmente uno che conosce lo slang.

Figurati che l'Azienda per i Servizi Sanitari n.6 del Friuli Occidentale, con sede in Pordenone che è piena di militari americani, ha scelto come sigla, e bello in grande sulla carta intestata, "ASS n 6", che letto anglofonicamente è roba da gay pride.

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'ho visto adesso nel coffee break, molto bello.

Guarda però che ho i baffi dal '79.

Dovresti mandarmi una stampa firmata, magari tra qualche anno diventi famoso e potrò pavoneggiarmi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Che problem c'é?

P.S.fra l'altro anch'io sarei un pò meglio..

Posted Image

P.S. avvertimi se ora hai meno capelli.

:-))

Share this post


Link to post
Share on other sites

Capelli a posto. Imprimatur.

Posso mandarti l'indirizzo all'email che c'è sul tuo profilo?

P.S. - Per l'amministratore del forum, forse è meglio rimuovere la prima figura sennò stiamo dirottando il thread a uno scambio privato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Posso mandarti l'indirizzo all'email che c'è sul tuo profilo?

Certo.

Ah..il coffee break é forse la pausa merendina?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Vedo con piacere che, malgrado i PowerBook G4, il morale è alto. Ho come l'impressione, però, che qualcuno abbia abusato con il cordiale.

Scusate il gergo militaresco, ma io non credo che ci sia tanto da stare allegri. Neanche da essere tristi, lo ammetto, ma un tantino incakkiati certamente si.

Come diceva Totò, vengo e mi spiego.

Premetto che sono un negoziante che, chissà perchè visti i magrissimi guadagni, si ostina a vendere ancora prodotti Apple (...e personalmente possiedo un PowerBook G3/400).

Il mio disappunto scaturisce dall'atteggiamento di Apple nei confronti del resto del mondo che, a mio parere, può riassumersi nei seguenti punti:

1) Sistematica abitudine di presentare prodotti che poi vengono rilasciati con grande ritardo rispetto alle previsioni (ricordate gli 8600?).

2) Attenzione prossima allo zero nei confronti dei rivenditori. Qui potrei citarvi una lunga serie di casi, ma ne cito solo alcuni

A: non esistono più le "Demo Unit" (ergo sconto 7%), cioè se vuoi esporre dei prodotti devi comprarli a prezzo pieno (si tenga presente che la maggior parte dei clienti Mac vogliono avere "il piacere" di sconfezionare il loro nuovo computer personalmente)

B: non esiste la protezione di magazzino, cioè se Apple dimuisce senza preavviso un prezzo sono cavoli miei.

C: per quanto Apple faccia parte della BSA non ho mai visto una iniziativa di controllo sui software pirati. Questo ascapito di chi come me deve fare i conti con altre realtà che forniscono le macchine strapiene di software illegale

D: non esistono iniziative di formazione e informazione sul territorio, sono stato invitato ("è quasi un must") a partecipare ad un corso di formazione su MacOs X, a Milano e a pagamento (dimenticavo di dire che io sono di Catania e che Microsoft -per fare un nome a caso- viene a CT almeno 4 volte l'anno, Epson - HP - Compaq una volta l'anno). So che c'è Lear & Earn ma non la ritengo idonea a sostituire in toto le attività che ho descritto prima.

E: Apple Italia è completamente latitante nei confronti dei rivenditori, e se qualcuno vole saperne di più non ha che da chiedermelo.

In conclusione vorrei fare notare che se chiudete gli occhi e toccate vari computer, fra cui anche un Apple, nessuna emozione particolare attraverserà le vostre mani.

Le mie mani almeno non sentono più alcuna emozione. Purtroppo.

Nell'attesa che gli esseri superiori si decidano a consegnare questi maledetti PowerBook G4/500.

Ciao a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Ritirato l'ordine, ho per sfizio indagato cercando di capire, al 7 Marzo, a due mesi dalla presentazione del Titanium a S.Francisco, qual'é la situazione in Italia.

Ricordo che non fu una semplice presentazione, Apple aprì subito le prenotazioni all'Apple Store, così come i rivenditori.

A Febbraio sembrava che verso la fine del mese sarebbero arrivati molti Titanium, quasi a compensare i preordini.

Si diceva che il 28 sarebbero arrivati in massa.

I rivenditori spesso dicono di averne consegnati parecchi.

IN REALTA' , secondo le mie informazioni, a Palermo sarebbero tre i Titanium consegnati, di cui uno dell'amministratore, dedicato alla visione del modello. Secondo questo rivenditore, che é un rivenditore diretto Apple, i Titanium consegnati in tutto il Sud Italia sarebbero 5 o 6.

Al Nord le cose dovrebbero essere leggermente meglio ma si parla di decine di unità.

Molte delle quali destinate alla promozione del computer.

EMERGE che le informazioni che davano una distribuzione quasi regolare del computer sono incongruenti con la realtà vera che vede poche decine di Titanium in giro.

Parlare di 50 Titanium in Italia, o anche 80, significa dire (coinsiderando che molti sono usati per le promozioni) che il Titanium non é, praticamente, disponibile.

Si parla di fine mese, a questo punto con un ritardo di quasi tre mesi???

La redazione di Macity secondo me, visto che ha moltissime volte scritto articoli dove si prefigurava (in base alle fonti esistenti) una normalizzazione di questa indegna figura Apple, dovrebbe fare una indagine, con i suoi mezzi migliori dei nostri, sulla REALE situazione. E mettere al corrente i clienti sulla verità, non sulle palle di Cupertino.

La scelta del consumatore non é suffragata da un canale informativo chiaro.

Da nessuna parte.

Visto che i rivenditori sono (spesso) in malafede e dicono di aver copnsegnato vari computer e invece nella loro regione non esiste un Titanium.

Se poi vogliamo fare la parte di Apple, possiamo scrivere che tutto procede per il meglio.

Se l'intento é giornalistico, allora questo ritardo non pùò rimanere senza risposta, é molto grave la posizione di Apple.

Rispetto a 15 giorni fa, cosa é cambiato?? 20 macchine in più?

Che si sappia la verità, cioé che il ritardo continuerà ancora.

Dovrebbe essere mossa una critica forte a questo flop dei Titanium.

Non solo da parte del singolo acquirente.

Non potete fare finta di niente..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this