Sign in to follow this  
Guest

Cella Frigorifera per le vecchissime discussioni

Recommended Posts

Mah...

sinceramente a me piaceva piu' l'iMac con DVD e l'imac Ruby...

Probabilmente agli americani invece interessano piu' i CD-RW e i colori psichedelici...

ho letto i primi commenti sui forum americani questa notte e i lettori sembravano entusiasti.

E' ovvio che queste scelte vengono fatte in base ad indagini di mercato.

Che poi il mercato USA non sia quello europeo va da se'.

Vorra' dire che in europa venderanno solo quelli blu (si intonano anche con la bandiera della UE)

Manca la macchina con prezzo di ingresso basso...

su questo pure concordo ma ci potrebbero essere due spiegazioni:

- con quella macchina Apple ci rimetteva dei soldi e non si puo' piu' permettere di perderli adesso.

- Apple gioca con il fatto che le macchine vecchie a magazzino si troveranno ancora sul mercato a prezzi scontati oppure a quelli di prima.

Una cosa che forse sfugge a molti lettori e' che con l'avvicendamento delle macchine molte CPU che sono sul Canale (intendo presso i distributori o le grandi catene) rappresentano un'alternativa alle macchine che sono appena entrate a listino.

Quindi se sono rimasti degli iMac 350 invenduti non si puo' abbassare il prezzo dei 400 fino a vendere i 350 in netta perdita.

La stessa cosa vale per i 466 e i 400 che ancora ci sono in giro.

Finche' i 400 sono in giro i 466 avranno un prezzo superiore, poi potranno calare.

E' cosi' almeno da 5 anni.

Le macchine di ingresso nel mondo Apple ora costano in realta' di meno.

L'iMac 350 si acquista al MediaWorld a 1700.000 L. Iva compresa invece che 1.700.000 L. + IVA.

Finche sarà necessario smaltire queste macchine sul canale il modello superiore non potrà avere un prezzo piu' basso di quello che e' stabilito.

Non sto qui a dire se sia giusto o sbagliato: questa e' la realtà dei fatti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

I nuovi iMac:

Bwhuahahahahahahahaha!

:)

No dai scherzo, sto piangendo...

*** si asciuga le lacrime

Ochei.

Ecco quello che scrissi in altro thread:

"Niente G4 sugli iMac, GeForce2 MX, modello DV con masterizzatore e DV+ con lettore DVD.

Niente uscita per monitor esterno.

Un nuovo colore."

Allora ho azzeccato processore, masterizzatore (era facile), niente uscita per monitor esterno, e il nuovo colore.

Anche se me ne aspettavo uno decente... :(

Ragazzi, andiamo male...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Bisogna proprio dire che i nuovi colori sono brutti...

Passi quello a pois, ma l'altro è veramente orrendo... Pare abbia una calotta di linoleum!

Mi dispiace anche perchè il design in questi tempi difficili era rimasto l'unico campo in cui veramente Apple era assolutamente inattaccabile...

Certo che tutto l'insieme dà l'idea di una certa stanchezza della linea iMac: aumento di MHz lo stretto necessario, stesso bus, stesse porte, appena meglio la scheda grafica solo dal 500 mhz in su, abbassamento dei prezzi poco più che fisiologico... Ed anche esteticamente, solo due nuove "colorazioni" del tutto sconclusionate, quasi facesse fatica impacchettare per bene le poche novità presentate

Da quanto ho visto anche le novità per il Cube non sono niente di ché, a parte un maggior sforzo sui prezzi...

Boh, spero che significhi che Apple ha in mente di proporre qualcosa di davvero importante per il mercato consumer fra 5 o 6 mesi, perchè arrivare all'anno nuovo con queste proposte sarà molto faticoso...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Siete incontentabili.

Se considerate che questi iMac devono vivere fino a Settembre, per poi essere rimpiazzati da qualcosa di nuovo che montera' MacOsX, allora mi pare che siano proporzionati.

I colori a me piacciono. Non capisco perche' siete cosi' critici. Non vi piacciono i fiori? Magari piacciono alle ragazze.

Quanto al cdrw, si puo' forse negare che vedere un DVD su un monitor 15 pollici non sia esattamente uno sballo? Tra un po' tutti gli americani avranno un lettore DVD ed una TV nuova. E di sicuro i films non se li guardano sugli iMac.

Quanto a titoli DVD-ROM per Mac, ve ne sono ancora troppo pochi per giustificare la rinunzia al ben piu' comodo masterizzatore.

Tra l'altro nel giro di pochi mesi arriveranno i nuovi drive cdrw/dvd.

Anche il cubo prosegue sulla giusta strada.

Insomma, un MacWorld piu' che positivo.

Ora resta da vedere se Motorola e IBM hanno davvero i chips.

E se Jobs ha ragione nel voler proseguire con due linee PPC G3 e G4.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Trovo i nuovi look veramente belli.

Il pc casalingo e' sempre piu' un elettrodomestico e si adegua. Il mercato domestico non e' fatto solo da duri e puri che apprezzano qualsiasi colore purche' beige.

Il mercato e' fatto anche per esempio dalle donne che hanno un approccio diverso da quello maschile. Le motivazioni d'acquisto di un'auto per una donna sono ben diverse da quelle di un uomo e il marketing lo sa bene.

Share this post


Link to post
Share on other sites

I nuovi iMac a me piacciono, sia come colori che come caratteristiche, non sono eccellenti, d'accordo, ma neppure cosi' tristi come qualcuno afferma.

Costi: a me sembra evidente un'altro aspetto, cioe' che evidentemente, per una qualche oscura ragione, i prezzi degli iMac non possono scendere oltre un certo livello. Apple ha fatto di tutto per contenere i prezzi dei Cube, certamente per incrementarne le vendite e rilanciare la macchina, ma avrebbe fatto altrettanto anche sugli iMac, che certo non vendono come prima, se ne avesse avuto la possibilita'. Che ci sia un'aria di stanchezza intorno agli iMac e' un'impressione che ho anche io, forse come dice Chest in attesa di nuove macchine completamente diverse.

Quale sia il motivo per cui gli iMac non possano avere prezzi sensibilmente piu' contenuti non saprei dirlo, posso ipotizzare che la manovra sia voluta: abbassando il prezzo si venderebbero piu' macchine, ma non in volumi enormemente superiori, magari hanno ritenuto piu' opportuno vendere qualche macchina in meno, mantenendo un margine lordo piu' interessante, per poi a Luglio (o quando sara') inondare il mercato con qualcosa di assolutamente nuovo.

Quello che comunque secondo me manca oggi, nella fascia consumer, e' qualcosa che possa far entusiasmare le masse, ma non con un po' di clock in piu' o con una scheda video favolosa, parlo di qualcosa che abbia lo stesso impatto di iMac alla presentazione, di sys 7 alla presentazione, dei processori PPC, del mouse e l'interfaccia grafica nel 1984..., qualcosa che insomma ripeta le grandi rivoluzioni operate da Apple negli anni; una possibilita' concreta e' OS X, ma fino ad un certo punto, almeno nel settore consumer...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il cattivo gusto regna incontrastato....secondo me esteticamente sono i mac più brutti che siano mai usciti dalla fondazione della Apple! ne avrebbero venduti pochi anche negli anni '70!! e già mi immagino le risate dei miei amici pcisti...che figura...ma forse è un 'esca per la Compaq: sperano che aggiornino la loro linea colorata con tanti bei fiorellini!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fortunatamente il gusto estetico è assolutamente personale, altrimenti Andy Warhol e Kandinsky, per non parlare di Van Gogh e Dali', sarebbero degli illustri sconosciuti seppelliti da tonnellate di tele neoclassiche... :-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

<!-NOTE: Message edited by 'doctorzup'-!>Parliamoci chiaro, la nuova livrea degli iMac è una panacea per la stitichezza, ahimék.

Non avrei nulla da ridire se si trattasse di due semplici opzioni sperimentali in più, ma badate bene che o si prende il computer a pallini o fiorellini o grigio grafite, scherziamo?

Dementat Deus quos vult insanire.

Quando ho fatto vedere le immagini a mia moglie, che voleva cambiare l'iMac blueberry di casa con uno snow ("palla di neve"), credeva fosse un pesce d'aprile montato con photoshop (tipo "iCube" che si è visto in giro) e si è messa a ridere.

Bel risultato di marketing, Apple.

Anzi, se serve a sputtanare una linea di computer, più che di marketing si tratta di marchetting.

Ma non è questo il punto. Il problema è che:

• il monitor è ancora un 15 pollici catodico;

• il processore ha più clock ma meno cache level 2, quindi rischia di essere più lento nell'uso normale;

• i dischi rigidi sono rimasti troppo piccoli;

• il masterizzatore interno ha pro e contro.

Proviamo, in caso di guasto, a portare al service una unità esterna anziché un iMac intero e ci racconteremo la differenza. E siamo obbligati a un modello imposto, senza possibilità di scelta.

Risultato: mi tengo l'iMac 400DV che ho in casa, e che pure avrei cambiato adesso con una macchina più evoluta, o con un Cube e un display LCD.

Ma non ne vale proprio la pena, meglio aggiungere un po' di ram e cambiare il disco interno (un 46giga a 7200 rpm costa meno di 200 dollari su OWC).

Mi viene in mente che Fiat, quando liquidava gli ultimi resti di un modello, creava "serie speciali" con stricche a colori e allestimenti speciali, forse qualcuno ricorda le 126 Brown e Black, la Ritmo "In", la Regata "Mare" (cioè "incubo" nei paesi anglofoni) e altre.

Probabilmente siamo a fine corsa dell'iMac, ma se Apple reinventa le tattiche torinesi, apparenza sì e sostanza meno, vuol dire che si è smesso di thinkare differente. O no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so se la Apple ha la Fiat degli anni 70 come modello di marketing.

Il problema secondo me e' un altro.

Non ha senso cambiare un imac DV 400 SE con uno dei nuovi modelli.

L'iMac ha senso per chi acquista un primo computer, allarga una base di installato Mac o e' stanco di windows.

Chi ha un iMac vecchio di un anno, un anno e mezzo si tiene il suo iMac.

Questo perche' il progresso in potenza effettiva in questo periodo e' stato limitato e perche' non ci sono innovazioni particolari che spingono all'acquisto (come computer di ricambio intendo).

A questo punto il fattore estetico diventa semplicemente un'occasione di cattura di un pubblico con gusti diversi...

E ripeto, nessuno obbliga nessuno a comprare gli iMac psichedelici: fortunatamente in ogni classe di iMac presentati a Tokio c'e' un colore sobrio tra l'altro molto bello.

Quello che sta venendo fuori e' che il vero iMac concepito come computer di ricambio/upgrade per chi vuole schermi piu' grandi, processori G4, schede video piu' prestanti e moderne e' il CUBO.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Prescindendo dai disegni proposti, che possono o possono non piacere, non mi sembrano male ma vorrei vederli di presenza, mi pare molto interessante l'idea dell'immagine invece della tinta unita.

Sarebbe interessante se si potesse comprare l'IMac su catalogo, magari con decine di disegni a opzione, un pò come faceva la Lancia quando proponeva decine di colori pastello per le Y. Non so se commercialmente sarebbe fattibile, ma interessante. Il livello di personalizzazione sarebbe superiore.

I colori sono magari discutibili, ma a me piace moltissimo questo approccio.

Anzi vi dirò che per me il computer deve essere sobrio (eccezionale il design del Titanium, anche quello del Powerbook G4 se la mela fosse più piccola); se si sceglie colorato, allora meglio coloratissimo, no??

Questi IMac mi piacciono, e la storia del masterizzatore è interessante.

Concordo sulla teoria che il modello base è caro e che si creerà una pericolosa concorrenza tra questi nuovi e i vecchi ancora presenti nel mercato..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this