Cella Frigorifera per le vecchissime discussioni


Guest

Recommended Posts

A volte esagero con i toni satireggianti ('accordo sottobanco' e' un'espressione un po' forte, lo ammetto). Fossi stato meno frettoloso avrei scritto 'TACITO ACCORDO'... come avviene in certe partite di calcio, scandalose per gli spettatori, ma incredibilmente 'regolari' per la Giustizia Sportiva.

Pero' MediaPlayer mi risulta stia per uscire in versione Mac...

Ho visto la tastiera QWERTY da Senna: ...devo ammettere che sembra piu' ricca e piu' bella della precedente. Ma potevano avvertirci, cribbio!! Chi ha tutti i software per OS 9 e stava aspettando l'iBook 'parigino' per prendersi un portatile e passare due o tre anni in santa pace, avra' avuto uno stranguglione...

Link to post
Share on other sites
  • Replies 1.5k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Hehehehe, tacito accordo va molto meglio ;-)

Media Player c'e' anche in versione Mac, lo uso per sbirciare il Grande Fratello (ebbene si, capita anche a me!) ed e' orribile, mai visto nulla di peggio, QT1 per chi lo ricorda, era gia' migliore, siamo sotto il livello delle prime beta di realplayer.... e dire che siamo alla versione 6.1 o qualcosa di simile....

La nuova tastiera e' bella, molto bella, impazziro' per abituarmici, scrivero' cose orribili, ma mi ci abituero' e finalmente avrò i numeri subito disponibili (faccio prima a scrivere otto che 8 adesso)....

ciao

Link to post
Share on other sites

Anch'io preferisco gli all-in-one (per il tuo stesso motivo: i fili). Difatti spero che i prossimi iMac abbiano il monitorone da 17. E non l'LCD esterno con casse a parte.

E il combo drive CD-DVD-CDRW. Potrei persino ricomprarne uno.

Link to post
Share on other sites

camillo:

<FONT COLOR="ff0000">Oramai su questo forum è un'abitudine: quando uno non sa più che cosa dire butta tutto sui ricordi d'infanzia... ;-)</FONT>

è proprio vero, qundo non si sa cosa dire, o sarebbe inutile aggiungere altro, ci si butta sul nulla concettuale. ;)

Link to post
Share on other sites

Pasquale: <FONT COLOR="ff0000">Esistono molte categorie d'utenti; tra questi ce ne sono molti che non hanno mai visto un computer acceso, ignorano il significato di "sistema operativo" non hanno neanche idea di cosa sia possibile fare con un computer.</FONT>

Che siano "molti" è tutto da dimostrare. Non è che la gente vada a buttare due o tre o quindici milioni in un computer così per vedere com'è: se lo compra è perché ha in mente di farci qualcosa. L'intenzione può essere più o meno vaga, ma di solito quello che ha in mente di farci il neoutente è quello che ha visto fare ai suoi amici, che nel 98% dei casi usa Windows. Ed è proprio da questi amici che il neoutente intende farsi consigliare (e passare i CD).

Lo stesso vale per chi compra un Mac: secondo me nessuno compra un Mac perché ha visto la pubblicità, perché se ci prova ci pensano il prezzo ed i consigli del "tecnico" a scoraggiarlo: chi compra un Mac lo fa o perché ce l'ha già, o perché ce l'ha un suo amico. In questi casi l'aspetto del computer può aiutare ad attirare il nuovo utente, ma gli altri fattori (prezzo, assistenza, CD riviste, CD copiati, prezzo, prezzo) sono tanto più forti da annullare l'influenza del design.

Se la bilancia torna a pendere dalla parte del Mac è solo perché l'amico Macchista riesce a convincere il neo-utente, ma se egli ritiene di dover consigliare un Mac è perché pensa che esso possa offrire all'amico vantaggi così notevoli da superare tutti gli evidenti svantaggi: in tal caso, gli argomenti sarebbero in gran parte gli stessi anche se il Mac fosse beige come quelli dei bei tempi andati.

Riassumendo, il vero motivo per cui un nuovo utente sceglie Mac è perché glielo consiglia l'amico; tale amico, se non è in mala fede, non considera certo l'aspetto come un elemento fondamentale, a fronte degli inevitabili disagi di una scelta alternativa; l'aspetto può tuttavia assumere nell'argomentazione espressa dall'amico un ruolo molto più importante di quanto esso non abbia in realtà nella sua valutazione.

Link to post
Share on other sites

O ancora in altre parole, l'aspetto ha un ruolo scarso nella reale soddisfazione dell'utente, un ruolo scarso nella decisione autonoma dell'utente, ma può avere un ruolo forte nella decisione dell'utente mediata dall'amico Machista.

Chiaro?

Link to post
Share on other sites

Camillo

<FONT COLOR="aa00aa">Riassumendo, il vero motivo per cui un nuovo utente sceglie Mac è perché glielo consiglia l'amico</FONT>

Beh credo che se Apple affidi le sue vendite al passa parola sia fritta ;)

Certo che almeno qui in Italia apple non fa molto per rendersi visibile alla massa, ma da qui a dire che la diffusione del Mac è per la maggior parte dovuta all'amico che ne ha già uno ne passa.

<FONT COLOR="aa00aa">Non è che la gente vada a buttare due o tre o quindici milioni in un computer così per vedere com'è</FONT>

Certo che la gente non spende 15 miloni alla ceca ma spesso 2 per l'iMac si!

L'insuccesso del Cube è stato decretato proprio da questo ... bello bello ... però caspita costa un capitale ...mah perche?

Avrà un disco velocissimo? no 5400 rpm ! Allora un sacco di ram? no solo 64Mb!

Una scheda video da urlo?

ehm ha la rage 128 perchè il CEO ha litigato con quelli della Ati !!!!

inoltre il processore è un 450 Mhz perchè quelli di Motorola sono in letargo!

Camillo un computer per uso casalingo costa in media 2 milioni e l'iMac rientra a pieno titolo in questa categoria, categoria in cui la persona che si rivolge al negoziante non ha le idee chiare ne le competenze, quindi anche l'estetica può dire la sua.

Oltre quella cifra l'utente è un pò più smaliziato e documentato.

Link to post
Share on other sites

Il Cube.....

Da un punto di vista estetico piaceva a molti (io fra quelli).

Da un punto di vista tecnico non è il primo computer "arretrato come Hd": pensate a me e alle decine di migliaia di persone che hanno acquistato un Titanium sapendo a priori della sua "inadeguatezza" rispetto alle possibilità informatiche: lo abbiamo comprato in maniera irrazionale senza esitazioni e nonostante i grandi dubbi di affidabilità che aleggiavano.(e' una scelta che rifarei).

Secondo me ha ragione anche Camillo: non è vero che gli acquirenti mac sono degli incoscienti che acquistano non valutando perfettamente il complesso computer.

Io ritengo che il cube sia semplicemente andato a sovrapporsi in maniera indebita al mercato del PowerG4, rimanendone seppellito perchè se si spendono 5 milioni, è difficile che non ci si informi o non ci si renda conto della inesistente espandibilità del cube.

La gente non l'ha comprato per questo.

Come penso che un Titanium con una scheda video cambiabile nel tempo avrebbe convinto moltissimi utenti in più.

Chi non l'ha comprato adesso non l'ha fatto perchè temeva (giustamente) di ritrovarsi un computer già vecchio (ingiustamente nella sostanza).

Quando uscì il cube mi aveva attratto da morire, ma l'idea di comprare un desktop inespandibile era inaccettabile.

Se avesse avuto gli stessi slot del PowerG4 avrebbe o non avrebbe avuto un gran successo?

Io l'avrei preso.

Link to post
Share on other sites

Camillo> non sono così sicuro chel'aspetto abbia un ruolo scarso nella soddisfazione dell'utente. La soddisfazione dell'utente é multidimensionale e l'estetica, sia del contenitore che del contenuto (leggasi interfaccia utente), hanno un ruolo rilevante. Nel mio settore per esempio, utilizziamo studi di specialisti per definire le finiture superficiali ed il relativo aspetto tattile. Ritornando al mac aspetto e interfaccia utente sono valori forti del marchio.

Link to post
Share on other sites

Massimo, l'interfaccia utente riguarda fondamentalmente il software, visto che le parti hardware dell'interfaccia sono fondamentalmente le stesse sui Mac o sui PC; anzi, sempre più spesso quelle dei Mac sono peggio (mouse tondo, monitor iMac). Quindi l'interfaccia utente non ha niente a che vedere con le valutazioni sull'importanza dell'estetica del case.

Detto questo, l'aspetto del case ha una sua importanza, ma la mia opinione è che essa venga molto ridimensionata di fronte a aspetti più pratici. Se uno si compra l'iMac per vedere i CD delle riviste, per fare i giochi, per copiare i programmi dagli amici, e poi scopre che non può fare nulla di tutto ciò, il case tanto bellino non ha più tanta importanza, anzi, sembra quasi una presa in giro.

Link to post
Share on other sites

Quasi quasi mi ricredo.

E' ovvio che le argomentazioni che state portando (Camillo e Diego), mi trovano completamente d'accordo.

Io non ho mai voluto intendere che i computer vanno comprati per la loro estetica senza tenere nel minimo conto cosa c'è dentro.

Io lavoro in una azienda che ha fatto di Microzoz il suo cordone ombelicale e quindi riesco diffcilmente a mettermi a parlare di mac e soprattutto a farmi ascoltare.

Senza contare che l'ufficio tecnico non sarebbe in grado (o non avrebbe voglia!?) di capire come metterli in rete... sai che difficoltà.

Cmq, qualche cosa si sta muovendo, ho dalla mia parte l'ufficio Marketing. Ne vogliono comprare un paio... non sanno neppure quali ma devono fare scena quando arrivano i clienti.

Testuali parole della responsabile.

Inorridito, non sapevo se gioire o vomitare.

1) Quindi, e vi anticipo, anche io considero questo caso una pirlata. Ma tornando in argomento: perché non hanno scelto un bel Compaq grigio per eseguire questo triste lavoro di rappresentanza?

2) La mia ragazza (vedi altro thread su Chat) ha infine comprato l'iBook 2001; le ho descritto tutto ciò che avrebbe potuto farci e infine si è convinta: la prima cosa che ha detto quando l'ha avuto in mano è stata: "guarda la mela si illumina" - poi ha lanciato Illustrator :)

3) Consiglio la lettura de "La caffettiera del masochista" - c'è un'intero capitolo sul design del mouse Apple.

cheers

s.

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now