Sign in to follow this  
Harbour

Il Mac con OsiriX 2.6 parla italiano e batte alla grande le costose Workstations

Recommended Posts

Già lo scorso mese di aprile avevamo avuto modo di parlare di OsiriX in occasione della prima localizzazione italiana effettuata con la versione 2.3.1 ed ora a poche settimana dall’uscita della 2.6 possiamo tornare sull’argomento grazie al, quasi, contemporaneo rilascio della localizzazione aggiornata.

Che OsiriX fosse un prodotto eccezionale per la sia potenza e flessibilità grazie ad un perfetto connubio con il Mac lo si era capito chiaramente ancora in occasione del WWDC del 2005 quando, questo software sviluppato dal team di Antoine Rosset e Osman Ratib, era stato premiato con un Apple Design Awards quale miglior software open-source.

Da allora il lavoro di miglioramento e di sviluppo di OsiriX è continuato incessantemente, basti pensare che dalla scorsa primavera sono uscite ben tre nuove versioni che sfruttano al meglio le nuove tecnologie che Apple ha rilasciato nel corso di quest’anno.

Infatti dopo l’ottimizzazione per Tiger e per i G5 è arrivata la riscrittura in Universal Binary e la recente messa a punto per utilizzare al meglio gli ultimi processori di Intel impiegati nei nuovi Mac.

Delle caratteristiche particolari di OsiriX e di come è nato ne abbiamo già parlato e scritto a questo link:

http://www.pierinodonati.it/modules.php?name=Reviews&rop=showcontent&id=2

Per coloro che ancora non lo conoscono riporto le informazioni presenti sul sito dello sviluppatore che riassumono le caratteristiche di questo software così come segue:

“OsiriX è un software di elaborazione d immagini medicali dedicato alle immagini DICOM prodotto da apparecchiature mediche (MRI, CT, PET, PET-CT ecc..) e microscopia confocale (LSM e formato BioRAD-PIC)

Può anche leggere molti altri formati: TIFF (8,16, 32 bits), JPEG, PDF, AVI, MPEG e Quicktime.

E pienamente compatibile con lo standard DICOM ed è abilitato a ricevere le immagini trasferite con il protocollo di comunicazione PACS.

OsiriX è stato specificatamente progettato per la navigazione e la visualizzazione in multimodalità delle immagini multidimensionali: visione 2D, visione 3D, visione 4D e visione 5D. Oltre ad offrire tutti i modi di moderna rappresentazione, OsiriX offre anche la ricostruzione multipiana, la rappresentazione di superficie, la rappresentazione del volume e la proiezione di massima intensità. Tutte queste modalità di supporto 4D possono inoltre produrre la fusione di immagini fra due serie differenti. (per esempio PET-CT)

OsiriX è allo stesso tempo una workstation DICOM PACS per immagini medicali ed un software di elaborazione di immagini per la ricerca medica (radiologia e immagine nucleare), microscopia confocale e immagine molecolare.

OsiriX supporta completamente l’architettura a plug-in che consente di espandere le sue possibilità in base ai bisogni personali. Questa architettura a plug-in è dovuta all’accesso alla struttura dei framework di Cocoa ed al linguaggio dinamico di Objective-Câ€

Anche per questo aggiornamento la traduzione italiana è stata resa possibile grazie al prezioso aiuto di Francesco Riolo, medico radiologo di Catania, in pensione, che avendo lavorato sia sulle workstations che con OsiriX ha messo le proprie conoscenze e l’esperienza acquisita nel testare e nel verificare la correttezza dei termini utilizzati.

Che il software possa rappresentare quanto di meglio nel campo della visualizzazione delle immagini medicali è testimoniato anche dal fatto che il team di Antoine Rosset lo ha già sviluppato per sfruttare i 64-bit visto che sarà disponibile assieme a Leopard (utilizzandone le nuove caratteristiche) nella primavera del prossimo anno, tutto questo naturalmente richiede anche un hardware non datato per poter visualizzare ed elaborare le immagini senza rallentamenti ed infatti sono consigliati computer con processori dell’ultima generazione con minimo 1 GB di memoria Ram (ottimali 2 GB) Sul mio vecchio Yosemite con 512 MB di Ram infatti non si apre nemmeno.

Sul sito dello sviluppatore che trovate a questo link:

http://homepage.mac.com/rossetantoine/osirix/Index2.html

sono disponibili moltissimi esempi (scaricabili sempre liberamente) per cui diventa semplice provare le potenzialità del software anche per coloro che, pur non essendo addetti ai lavori, vogliono testarlo personalmente, sia per eventuali ragioni di studio, sia per diletto o per dimostrare a qualcuno che (solo) sulla nostra piattaforma gira software eccezionale che batte anche per convenienza e qualità le più costose workstation!

Per coloro che con OsiriX ci lavorano o ci studiano elenco qui di seguito (riassumendole) le principali novità introdotte dal rilascio della precedente 2.3.1.

Con la 2.4 sono stati introdotti:

- importanti miglioramenti al supporto PET-CT

- importanti miglioramenti (stabilità e performances) alle funzioni di ricerca e recupero di DICOM,

- le funzioni di rete per le DICOM ora sono basate su DCMTK,

- importanti miglioramenti alla condivisione del database (protocollo Bonjour)

- migliore amministrazione dei ROI,

- oltre alla correzione di molti bugs e altri miglioramenti alla GUI,

con la 2.5 le novità sono:

- nuova interfaccia di ricerca e recupero,

- migliori funzioni di ricostruzione,

- MIP più veloce con i processori Intel,

- referto strutturato DICOM,

- navigazione più veloce del database (> 10 ' 000 studi e > 1 millione di immagini)

- più veloce visualizzazione di immagini grandi,

- esportazioni di immagini come QuickTime o JPEG direttamente dalla finestra del database,

- migliore e più veloce supporto DICOM Jpeg

- sottrazione più veloce,

- condivisione asincrona del database bonjour,

con l’ultima versione, la 2.6, sono state infine ntrodotte altre novità come:

- stampa delle DICOM,

- stampa standard: loyouts

- tool di orientamento per il visore 2D,

- supporto iWork Pages per i referti,

- la dose delle iniezioni ed il loro tempo ora sono editabili per il calcolo del SUV,

- preferenze per visioni fisse nel visore 3D,

- esportazione filmati in AVI o MPEG4 (solo QuickTime nelle precedenti versioni),

- è stato corretto un bug con le immagini JPEG RGB/YBR,

- nuovo sistema di routing, basato su filtri CoreData,

- automatica compressione/decompressione di files DICOM JPEG nell’ascoltatore DICOM,

- automatica compressione/decompressione di files DICOM JPEG quando si esporta o si masterizzano CD/DVD,

- pronto per i 64-bit di Mac OS X 10.5,

- conversione di ROI in DICOM SR,

- correzione delle perdite di memoria multipla,

- supporto VOI LUT,

- esportazione di files DICOM in cartelle flat,

- cambiata l’origine di serie per la fusione di immagini.

Molte altre informazioni sono disponibili partendo sempre dal sito dello sviluppatore o nel forum di supporto (su Yahoo) dove è facile poter ottenere risposte direttamente da Antoine Rosset.

Il fatto che al mondo vi siano ormai più di 10.000 postazioni che usano OsiriX fa comprendere quanto ormai sia apprezzato questo fantastico software open-source.

Avviandomi alla conclusione, non senza esprimere una grande soddisfazione personale per aver contribuito a localizzare un software di una così grande qualità e per l’importante scopo ed utilizzo al quale è destinato, ricordo che a questo link:

http://www.pierinodonati.it/modules.php?name=Forums&file=viewforum&f=6

è possibile trovare alcune esperienze, da parte di medici radiologi italiani che usano OsiriX, specialmente per quanto riguarda l’interfacciamento di una postazione Mac con una workstation.

Dopo aver ricordato che OsiriX 2.6 richiede Mac OS X 10.4 o superiore, e che per localizzarlo completamente è stato necessario tradurre più di 3600 stringhe, non resta che ricordare il link da dove è possibile scaricare liberamente la cartella della localizzazione italiana a partire da:

http://www.pierinodonati.it/index.php

Cordiali saluti ed i migliori auguri nella speranza che il 2007 possa portare grandi soddisfazioni a tutti voi.

Pierino Donati

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il giorno successivo al rilascio della nuova release di OsiriX (2.7) annuncio con piacere il rilascio anche della localizzazione italiana aggiornata.

Grazie al lavoro di verifica e controllo effettuato in profondità, in collaborazione con alcuni radiologi che lo usano abitualmente su Mac, ancora nello scorso mese di dicembre in occasione del rilascio della precedente versione, è stato infatti possibile procedere ad un rapidissimo aggiornamento di OsiriX alla 2.7.

Mi piace ricordare come OsiriX sia ormai unanimemente riconosciuto come un prodotto eccezionale per la sua potenza e flessibilità grazie al perfetto connubio con il Mac, questo software sviluppato ed aggiornato in continuazione dal team di Antoine Rosset e Osman Ratib, è stato premiato con un Apple Design Awards quale miglior software open-source ancora nel 2005.

Le caratteristiche di questo software sono descritte con dovizia di particolari sul sito dello sviluppatore e per coloro che ancora non avessero avuto modo di prenderne conoscenza le riporto qui di seguito:

“OsiriX è un software di elaborazione d immagini medicali dedicato alle immagini DICOM prodotto da apparecchiature mediche (MRI, CT, PET, PET-CT ecc..) e microscopia confocale (LSM e formato BioRAD-PIC)

Può anche leggere molti altri formati: TIFF (8,16, 32 bits), JPEG, PDF, AVI, MPEG e Quicktime.

E pienamente compatibile con lo standard DICOM ed è abilitato a ricevere le immagini trasferite con il protocollo di comunicazione PACS.

OsiriX è stato specificatamente progettato per la navigazione e la visualizzazione in multimodalità delle immagini multidimensionali: visione 2D, visione 3D, visione 4D e visione 5D. Oltre ad offrire tutti i modi di moderna rappresentazione, OsiriX offre anche la ricostruzione multipiana, la rappresentazione di superficie, la rappresentazione del volume e la proiezione di massima intensità. Tutte queste modalità di supporto 4D possono inoltre produrre la fusione di immagini fra due serie differenti. (per esempio PET-CT)

OsiriX è allo stesso tempo una workstation DICOM PACS per immagini medicali ed un software di elaborazione di immagini per la ricerca medica (radiologia e immagine nucleare), microscopia confocale e immagine molecolare.

OsiriX supporta completamente l’architettura a plug-in che consente di espandere le sue possibilità in base ai bisogni personali. Questa architettura a plug-in è dovuta all’accesso alla struttura dei framework di Cocoa ed al linguaggio dinamico di Objective-Câ€

Anche con questo aggiornamento la traduzione italiana è stata verificata e controllata grazie al contributo di Francesco Riolo, medico radiologo di Catania e di Piero Alfieri che, pur essendo particolarmente impegnato direttamente ‘sul campo’ visto che fa proprio il medico radiologo a Padova, specialmente in occasione del rilascio della 2.6, ha svolto un lavoro certosino e puntuale di verifica dei termini utilizzati nella localizzazione.

Un grandissimo grazie ad entrambi, senza di loro non sarebbe stato possibile rilasciare una localizzazione così precisa e di qualità.

Stando a quanto mi confermano proprio i vari utilizzatori OsiriX stà migliorando sensibilmente di release in release e specialmente con gli ultimi processori dà il meglio perché è già ottimizzato per sfruttarne al massimo le caratteristiche, ed inoltre è già pronto per Leopard.

Riporto nuovamente il link del sito dello sviluppatore:

http://homepage.mac.com/rossetantoine/osirix/Index2.html

dove sono disponibili moltissimi esempi (scaricabili sempre liberamente) per cui diventa semplice provare le potenzialità del software anche per coloro che, pur non essendo addetti ai lavori, vogliono testarlo personalmente, sia per eventuali ragioni di studio, sia per diletto o per dimostrare a qualcuno che (solo) sulla nostra piattaforma gira software eccezionale che batte, sia per convenienza che per qualità, workstation molto più costose sia per installazione che per la gestione.

Per coloro che con OsiriX ci lavorano o ci studiano elenco qui di seguito le principali novità introdotte con la 2.7:

- CLUT avanzato a 16 bit per rendering di volumi,

- nuove opzioni per il Q&R: multi-risorse, visioni dirette, data di nascita, numero di accesso, richiamo di destinazione,

- confronto di comparazione,

- miglioramenti al protocollo di comparazione,

- ripristino di un volume in 3D VR/MIP con ritaglio con nuovi comandi,

- punteggio calcio,

- annulla/ripeti per edizione dei ROI,

- anteprima con regione crescente,

- Richiesta/Ritrovamento del paziente selezionato,

- opzione anonimizzazione prima della masterizzazione,

- template per l’anonimizzazione,

- esplorazioni MPR 3 per MPR-curvo,

- 4D, 5D per MPR-ortogonale e 2D-MPR

- miglior rilevazione dei nodi DICOM bonjour,

- supporto per DICOM MPEG-2 (richiede VLC prenistallato, http://www.videolan.org/vlc/

- supporto con Hot-Keys (vedere preferenze)

- filtri convoluzione in 3D VR/MIP,

- possibilità di spostare i box di testo associati con i ROI,

- copia dei box di testo dei ROI nella clipboard,

- modalità protetta con l’avvio di OsiriX con tasto Shift+Opzion,

- Importa/Esporta di “posizione di nodi DICOM†in XML,

- trasferimento asincrono più veloce fra database bonjour condivisi, (aggiornare i nodi alla 2.7)

- copia asincrona da DICOM-CD a database locale.

Inoltre ricordo nuovamente che partendo sempre dal sito dello sviluppatore sono disponibili altre utili informazioni e che è sempre attivo il forum di supporto di OsiriX (su Yahoo).

Chiedo cortesemente, specialmente a coloro che lo usano per lavoro, di postare le loro impressioni d’uso e dei loro eventuali suggerimenti a partire da questo link:

http://www.pierinodonati.it/modules.php?name=Forums&file=viewforum&f=6

L’esperienza del singolo messa a disposizione di altri utilizzatori porta all’arricchimento reciproco.

Dopo aver ricordato che OsiriX 2.7 (che in tutto il mondo ha ormai superato le 10.000 postazioni) richiede Mac OS X 10.4 o superiore (e che la localizzazione sfiora ormai le 4000 stringhe) non resta che ricordare il link da dove è possibile scaricare liberamente la cartella (composta da diversi file, per cui per l’installazione è necessario rispettare esattamente quanto indicato nel file leggimi) della localizzazione italiana a partire da:

http://www.pierinodonati.it/index.php

Cordiali saluti.

Pierino Donati

Share this post


Link to post
Share on other sites

Abbiamo preferito attendere alcuni giorni dal suo rilascio per testare adeguatamente la 2.7.5 (un particolare ringraziamento a Francesco Riolo che come sempre ha testato ripetutamente la nuova versione di OsiriX verificando anche i problemi di importazione che si erano evidenziati con il rilascio della 2.7.1)

Oltre alla localizzazione di oltre 300 nuove stringhe, rilasciate con questa versione, è stato necessario modificare e correggere molte finestre secondarie che presentavano incongruenze e/o sovrapposizioni con le nuove stringhe.

In particolare Francesco ha poi testato la 2.7.5 alla ricerca di problemi con l’importazione di immagini DICOM che fortunatamente non ha rilevato.

Ancora una volta è bello ricordare come OsiriX sia ormai unanimemente riconosciuto come un prodotto eccezionale per la sua potenza e flessibilità grazie al perfetto connubio con il Mac, come sappiamo questo software, sviluppato ed aggiornato in continuazione dal team di Antoine Rosset e Osman Ratib, è stato premiato con un Apple Design Awards quale miglior software open-source ancora nel 2005.

Le caratteristiche di questo software sono descritte con dovizia di particolari sul sito dello sviluppatore ma per coloro che ancora non avessero avuto modo di prenderne conoscenza le riporto nuovamente qui di seguito:

“OsiriX è un software di elaborazione d immagini medicali dedicato alle immagini DICOM prodotto da apparecchiature mediche (MRI, CT, PET, PET-CT ecc..) e microscopia confocale (LSM e formato BioRAD-PIC)

Può anche leggere molti altri formati: TIFF (8,16, 32 bits), JPEG, PDF, AVI, MPEG e Quicktime.

E pienamente compatibile con lo standard DICOM ed è abilitato a ricevere le immagini trasferite con il protocollo di comunicazione PACS...

OsiriX è stato specificatamente progettato per la navigazione e la visualizzazione in multimodalità delle immagini multidimensionali: visione 2D, visione 3D, visione 4D e visione 5D. Oltre ad offrire tutti i modi di moderna rappresentazione, OsiriX offre anche la ricostruzione multipiana, la rappresentazione di superficie, la rappresentazione del volume e la proiezione di massima intensità. Tutte queste modalità di supporto 4D possono inoltre produrre la fusione di immagini fra due serie differenti. (per esempio PET-CT) OsiriX è allo stesso tempo una workstation DICOM PACS per immagini medicali ed un software di elaborazione di immagini per la ricerca medica (radiologia e immagine nucleare), microscopia confocale e immagine molecolare.

OsiriX supporta completamente l’architettura a plug-in che consente di espandere le sue possibilità in base ai bisogni personali. Questa architettura a plug-in è dovuta all’accesso alla struttura dei framework di Cocoa ed al linguaggio dinamico di Objective-Câ€

Come sempre riporto anche il link del sito dello sviluppatore:

http://homepage.mac.com/rossetantoine/osirix/Index2.html

dove sono disponibili moltissimi esempi (scaricabili sempre liberamente) per cui diventa agevole provare le potenzialità del software anche per coloro che, pur non essendo addetti ai lavori, vogliono testarlo personalmente, sia per eventuali ragioni di studio, sia per diletto o per dimostrare a qualcuno che (solo) sulla nostra piattaforma gira software eccezionale che batte, sia per convenienza che per qualità, workstation molto più costose sia per installazione che per la gestione.

Per coloro che con OsiriX ci lavorano (e sono in continuo aumento) o ci studiano elenco qui di seguito le numerose novità introdotte con la 2.7.5 (diverse di queste erano state, per la verità, già introdotte con la 2.7):

- corretta una incompatibilità con Mac OS 10.4.9,

- già compatibile con Mac OS 10.5,

- CLUT avanzato in 16 bit per rendering volumi,

- nuove opzioni per Q&R,

- protocolli appendenti migliorati,

- ripristino volume in 3D VR/MIP con scissione,

- tool repulsor per ROI,

- punteggio calcio,

- annulla/ripeti per editor ROI,

- matrice dimensione per esportazione 3D,

- anteprima regione crescente,

- Richiesta/Ritrovamento del paziente selezionato,

- per CR, XA DF: opzioni split/combine,

- opzione anonimizzazione prima della masterizzazione,

- template per l’anonimizzazione,

- esplorazioni MPR 3 per MPR-curvo,

- Apertura di sotto-serie,

- visore 2D,

- 4D, 5D per MPR-ortogonale e 2D-MPR

- multi-threaded per MPR-ortogonale,

- miglior rilevazione dei nodi DICOM bonjour,

- supporto per DICOM MPEG-2 (richiede VLC prenistallato, http://www.videolan.org/vlc/

- stampa multi-threaded per DICOM,

- supporto con Hot-Keys (vedere preferenze),

- filtri convoluzione in 3D VR/MIP,

- possibilità di spostare i box di testo associati con i ROI,

- copia dei box di testo dei ROI nella clipboard,

- modalità protetta con l’avvio di OsiriX con tasto Shift+Opzion,

- Importa/Esporta di “posizione di nodi DICOM†in XML,

- trasferimento asincrono più veloce fra database bonjour condivisi, (aggiornare i nodi alla 2.7)

- copia asincrona da DICOM-CD a database locale.

Nella colonna Help di OsiriX è sempre presente il link che porta direttamente al forum di supporto di OsiriX (su Yahoo).

Come al solito si invitano gli utilizzatori di OsiriX, specialmente coloro che lo usano per lavoro, a postare le loro impressioni d’uso e dei loro eventuali suggerimenti a partire da questo link:

http://www.pierinodonati.it/modules.php?name=Forums&file=viewforum&f=6

Come sappiamo l’esperienza del singolo messa a disposizione degli altri utilizzatori porta al continuo e costante miglioramento di questo eccellente software open-source.

La cartella della localizzazione è liberamente scaricabile, nella sezione download, a partire dal seguente link:

http://www.pierinodonati.it/index.php

Cordiali saluti.

Pierino Donati

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this