Come funziona la catena di produzione portatili? + display MBP


dario_hal
 Share

Recommended Posts

Voglio capire come Apple è organizzata nella produzione del proprio hardware.

In giro per il mondo Apple ha fornitori che producono componenti che verranno poi assemblati a formare il prodotto finale in specifiche fabbriche sotto il controllo stesso di Apple.

Quando noi ordiniamo un portatile e, per esempio, decidiamo di aggiungere RAM o variare il modello dell’HD, l’assemblaggio della configurazione standard viene variato per assecondare la nostra richiesta.

Quello che vorrei capire è come funziona questo processo.

Premetto che non ho alcuna esperienza, né professionale né culturale, di come potrebbe essere organizzato un processo produttivo però, se provo a pensarci, riconosco due scenari possibili:

1. La fabbrica di assemblaggio finale riceve la componentistica di base -> gli operai assemblano i computer, personalizzandoli quando serve, in “real-time†rispetto agli ordini ricevuti -> il computer viene spedito all’utente

2. La fabbrica di assemblaggio produce la sola configurazione standard -> il computer, una volta assemblato, viene spedito ai centri di stoccaggio/magazzini – collocati magari direttamente nelle varie nazioni -> quando l’ordine viene ricevuto all’Apple Store locale la macchina verrà personalizzata (tastiera, ecc) e poi spedita

Qualcuno ha idea di come funzioni effettivamente?

E’ più una curiosità che altro, ma sono in procinto di acquistare un MBP e, leggendo da mesi i commenti sul forum, ho notato che alcuni difetti sembrerebbero legati anche alla settimana di produzione.

Per esempio, nell’interessantissimo topic sui difetti dei display montanti, vengono giustamente riportati i modelli di display con difetti più accentuati ma non viene quasi mai proposta la settimana di produzione del computer così come non viene detto se il computer fosse stato ordinato con una configurazione personalizzata o meno.

Questo perché, ricordandovi sempre che il mio è però un puro “viaggio†mentale, si potrebbe trovare una relazione tra i display e le ipotesi n°1 e n°2.

Mentre nel caso n°1 l’utente riceverebbe un prodotto sempre fresco di produzione, nel caso n°2 non sarebbe così per il fatto che le scorte verrebbero trattenute nei magazzini fino all’arrivo degli ordini, con conseguente accumulo di prodotti, e con tempi di “turnover†dipendenti evidentemente dal numero degli ordini.

In Italia, dove gli ordini (specie per la fascia Pro) sono di fatto inferiori rispetto a quelli di altre nazioni, potrebbero esserci computer leggermenti più vecchi (in termini di settimana di produzione e, quindi, mancanti di lievi revisioni e aggiustamenti della catena produttiva apportati in base ai difetti via via riscontrati) rispetto a quelli di altri paesi con una rotazione maggiore.

E mentre qui sul forum di Macity, ad occhio e croce, più del 60% dei possessori giudica il suo display non soddisfacente, in Inghilterra, per esempio, la percentuale è più bassa, cosa che mi suggerirebbe l’ipotesi n°2 come più probabile.

Un’obiezione a questo ragionamento potrebbe essere che “sui forum scrive solo chi ha problemi†e, sebbene abbia sempre creduto che questo principio si applichi molto poco al mondo Apple, soprattutto per la fascia pro (chi comprerebbe un Mac Pro/MacBook Pro senza aver prima dato un occhio a qualche forum?), in questo caso non calzerebbe affatto perché sempre di un problema si tratta e, obiettivamente, in UK c’è meno gente che si lamenta.

Quindi, concludendo :) , suggerirei ai possessori di quotare e compilare solo la seguente tabella:

________________________________________________________________________

Modello MBP - Personaliz. - Settimana di Prod - Modello Display - Glossy/Matte - Difetto

________________________________________________________________________

Così, giusto per vedere cosa salta fuori: “viaggi mentali†in attesa dell’acquisto!

Ciao e scusate lo sproloquio,

Dario

Link to comment
Share on other sites

Credo che funzioni come per le altre ditte: Sony Dell, Acer, Toshiba, non credo proprio ci siano specifiche fabbriche sotto il controllo di Apple o di uno di questi produttori. Mi pare che asustek produca il macbook per la Apple e altri modelli anche per la Sony.

Link to comment
Share on other sites

Credo che funzioni come per le altre ditte: Sony Dell, Acer, Toshiba, non credo proprio ci siano specifiche fabbriche sotto il controllo di Apple o di uno di questi produttori. Mi pare che asustek produca il macbook per la Apple e altri modelli anche per la Sony.

cosa Asus produce per Apple??? :confused:

Link to comment
Share on other sites

La fabbrica di cork in irlanda (fanno iMac) è una fabbrica Apple, c'erano anche delle foto su flickr ieri ma mamma apple deve aver gentilmente chiesto la rimozione, e che palle però, non si può più fare nulla!

Sei sicuro? A me risulta che sia solo il centro per i built to order.

Link to comment
Share on other sites

Anch io è da tempo ke dovrei comprarmi un MBP...Xò aspettero l uscita di vista nn si sa mai...magari anche oltre...soprattutto leggendo quello ke viene scritto sui display.

Cmq dovete sempre tenere conto ke su wikipedia ci puo scivere chiunque e qndi nn è sempre affidabile...xò probabilmente le cose del link di delos saranno vere.

Link to comment
Share on other sites

Anch io è da tempo ke dovrei comprarmi un MBP...Xò aspettero l uscita di vista nn si sa mai...magari anche oltre...soprattutto leggendo quello ke viene scritto sui display.

Cmq dovete sempre tenere conto ke su wikipedia ci puo scivere chiunque e qndi nn è sempre affidabile...xò probabilmente le cose del link di delos saranno vere.

Wikipedia ha un organo di controllo dei contenuti, non è che ci passi e scrivi quello che ti pare.
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share