[OT] Esperienza alla Mediaworld, troppo mitica!


dario_hal
 Share

Recommended Posts

  • Replies 66
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Oggi in un negozio di informatica ho visto un computer con sopra Vista. L'interfaccia era molto "aqua" anche se su Windows i caratteri e le texture mi sembrano tagliate con l'accetta, poco sfumate e quindi per me poco piacevoli, scusate se non uso un registro linguistico appropriato per descrivere queste mie impressioni sulla interfaccia grafica ma non ne ho la competenza.

Detto questo, la cosa che mi ha più stupito è stato quando una bambina ha premuto il tasto di spegnimento del computer: è apparsa una inquietante schermata nera, stile DOS ma non era un prompt DOS, con sopra scritto un papiro sullo spegnimento incorretto e cosa vuoi fare e dove vuoi fare ecc..

Ma non potevano fare una cosa come su OS X, dove ti chiede, con una piccola finestra, se vuoi effettivamente spegnere il computer, metterlo in sleep o continuare ad usarlo ?

Link to comment
Share on other sites

Personalmente invece ho incrociato la schermata finale della pubblicità di Vista in Tv (ho solo visto il logo di Windows con sotto scritto VISTA).

Sono curioso di vederla per intero. Ricordo infatti ancora oggi la pubblicità di wondows 95 che si chiudeva con una bimba dai tratti orientali (direi cinese) che pigiava qualche tasto e poi si voltava verso la telecamera che così chiudeva lo spot. O ancora quella di XP con la gente che volava da tutte le parti e una canzone di Madonna in sottofondo (mi pare dall'album Ray of light, ma non ricordo quale in particolare).

Link to comment
Share on other sites

non so se il posto giusto per fare questa domanda, ma il commento di delos me l'ha fatta venire in mente... Windows Vista ha finalmente l'"arrotondamento font" del testo o è ancora come vedere la schermata di un terminale di fine anni 70?

ma guarda che cleartype c'è anche su xp

http://www.microsoft.com/typography/cleartype/tuner/Step1.aspx

poi, pensa la meraviglia, puoi anche spegnerlo!

Link to comment
Share on other sites

Ovviamente avevo aperto il thread per condividere con voi il sorriso che quest'esperienza mi aveva portato, in modo assolutamente benevolo, ci mancherebbe.

Non nego che effettivamente avevo impiegato qualche secondo prima di capire che il promoter non stava scherzando con la storia di Apple e Gates, ma non avevo voglia di immedesimarmi nel saccente di turno.

L'atmosfera era allegra ed il promoter un bravo ragazzo, lungi da lui la volontà di "freguare" qualcuno, lo dimostra la stessa definizione data a Vista: "per il momento, instabile".

E pure io durante l'università feci il promoter (Candy, per la precisione, lavatrici, insomma 'na figata che non vi dico...) e quindi ho condiviso l'esperienza di queste agenzie che non si preoccupano affatto di formare la propria forza lavoro a discapito quindi della qualità delle informazioni passate. Sta poi alla sensibilità dell'individuo informarsi su ciò che vende e sui prodotti concorrenziali, e questo non sarebbe accettabile.

L'unica cosa che mi dispiace, peraltro diffusa non solo tra i promoter ma pure tra i commessi (spesso ancor meno preparati), è che invece di un semplice "hmm, effettivamente questo non lo so, mi dia un attimo che mi informo" o "guardi, piuttosto che dirle una bugia, le dico la verità: questo non lo so, mi dispiace" inventino alla fine risposte vaghe e magari errate solo ed esclusivamente per pigrizia o per accontentare velocemente il cliente.

Quando la scenetta accadde non ero solo: in fianco a me c'erano due ragazzi sui 30 anni e un signore sulla 40ina. Bhè, finita la dimostrazione di Vista caso ha voluto che io ed il 40enne ci fossimo recati tutt'e due al reparto lettori MP3 e... indovina un po' cosa c'era in mezzo agli iPod? Un bellissimo MacBook bianco.

Il 40enne guarda il bancone, vede il MacBook, si avvicina, squote la testa in segno di disapprovazione e se ne va.

Chissà, magari, se non ci fosse stato il promoter e le sue storielle poco prima, il nostro 40enne avrebbe toccato il trackpad e conosciuto per la prima volta le molte e belle differenze tra Apple e Microsoft.

Peccato, forse sarà per il prossimo cliente, se sarà più curioso, o anche solo fortunato.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share