Sign in to follow this  
ClaZ

Installazione Carputer sull'Audi del ClaZ

Recommended Posts

Buongiorno a tutti.

Dopo un pò di tempo passato a lavorare per mantenermi in vita, è venuto il momento di cominciare ad installare il prodotto delle fatiche illustrate nell'altro 3D.

(partite da http://www.macitynet.it/forum/showthread.php?t=30423 questa pagina per vedere tutta la preparazione del portatile. alimentazione, antenna wi-fi...)

Come sempre vi ho abituato, saranno montagne di foto quindi mettetevi comodi e andiamo ad iniziare.

Si parte dal sistema di puntamento, ovvero dal trackpad. Come sicuramente ormai saprete, ho deciso di NON utilizzare un monitor Touchscreen per problemi logistici. Centrare un qualcosa su uno schermo da 7" mentre stai viaggiando in autostrada non è il massimo della sicurezza passiva.

Stavolta sono davvero orgoglioso del lavoro fatto.

Mi spiace che saranno un mare di foto, (circa 80) ma sono certo che l'idea che è alla base, nella sua semplicità, merita l'attenzione che gli vorrete dedicare.

Magari è sfruttabile per altre applicazioni che vi verranno in mente.

Iniziamo...

Problema 1: Pilotare un carputer non utilizzando il solito touchscreen demenziale su un display da 6,5" o 7".

Soluzione affidabile: Un trackpad.

Trovarlo è stata una impresa poichè in Italia nessuno lo importa o, se anche lo faceva, ha smesso. In America su Amazon lo fanno ancora, ma non viene esportato ad utenti al di fuori di quel paese... meraviglie del mercato globale.

Il trackpad è un Cirque Glidepoint Easy Cat Mod. GP160U-0321

Eccolo:

Posted Image

Piccolo ma sfruttabile, semplicissimo con i suoi due tasti, unico neo il filo che esce alla destra dell'oggetto.

Pazienza si rimedierà...

Problema 2: La location del trackpad

Soluzione comoda: Il bracciolo anteriore. Comodissimo e con meccanismo di elevazione mutuato dall'impianto del telefono veicolare.

Ovvero quella meccanica che si solleva da dentro il bracciolo e porge il telefono in una posizione più comoda ed accessibile...

Il trackpad è però, nella sua posizione di lavoro, più largo di quanto sia possibile far entrare nel bracciolo per richiuderlo. Oltretutto il filo maledetto sporge ulteriormente.

L'ideale sarebbe realizzare qualcosa che permette il posizionamento del trackpad leggermente inclinato per essere comodo quando si posano le dita sopra e che permetta la rotazione di 90° quando si decide di richiuderlo.

Mhmm... che pretese...

Una struttura che abbia delle posizioni con dei fermi ben precisi, facile da realizzare, che sia assolutamente fisso e che non ballonzoli con i salti e le vibrazioni di una vettura.... un casino...

Mannò !!! la soluzione è semplicissima e comodissima: Un commutatore rotativo a multiple posizioni con fermo posizionabile + perno in alluminio e una bella manopola in alluminio pieno da sagomare per creare l'inclinazione necessaria.

Un bel negozio molto fornito di elettronica mi ha venduto tutto il necessario per circa 10 euro.

Il Dremel ha fatto il resto. L'attak ha provveduto alla razionalizzazione del passaggio dei cavi e l'Audi ha fatto il resto.

Si parte dal commutatore rotativo, un bell'oggetto con meccanica rivettata prodotto a Torino (che bello..) a cui è stata rimossa la parte della contattiera.

Posted Image

Posted Image

di seguito le foto che illustrano la rimozione della contattiera dorata.

Un peccato buttarla..

Posted Image

Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il perno che eccede nella parte inferiore va rimosso con la moletta.

Il risultato è questo:

Posted Image

Posted Image

Ero indeciso su quale manopola mettere poichè non dovevo eccedere l'altezza disponibile all'interno del bracciolo quando si richiudeva.

Delle due che avevo preso, ho scelto quella nera più alta che è stata molata (com mola da banco) per dargli l'inclinazione di qualche grado necessaria a rendere l'uso del trackpad più agevole, più "ergonomico".

Mi sono giocato i polpastrelli della mano sinistra per via del caldo-freddo che si generava tra la molatura e l'immersione della manopola nell'acqua per raffreddarla.. ma non avevo altro modo...

Il risultato è quello sotto:

Posted Image

Posted Image

Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

A questo punto è necessario forare il supporto del telefono per creare la sede della meccanica del commutatore.

E' necessario occupare il minimo spazio in basso, diversamente il meccanismo non si abbassa alla posizione necessaria per far scattare il meccanismo di ritenuta

Posted Image

Posted Image

Posted Image

Infatti la lavorazione inferiore del supporto è stata più curata della parte superiore

Posted Image

Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

Successivamente si realizzerà anche i tagli, sempre nella parte inferiore, per il passaggio del cavetto USB verso l'esterno del bracciolo.

A questo punto si deve smontare il trackpad per poter fissare il fondo del trackpad stesso alla manopola di alluminio

Posted Image

Si segna con una matitina il punto in cui, libere da impedimenti dei meccanismo dei tasti, saranno messe le vitine di bloccaggio.

Posted Image

Si fora il fondello in plastica e si segna con un pennarello i punti da forare anche sulla manopola, successivamente ci si arma di vitine (le ho trovate nella mia solita scatoletta dei miracoli) e di frenafiletti e si provvede a fissare il tutto

Posted Image

Posted Image

Ed ecco come risulta alla fine visto di lato:

Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

A questo punto è necessario riposizionare il filo di uscita del trackpad per evitare di averlo tra i piedi e a vista.

E' bastato proseguire la fessura di uscita verso il fondo del trackpad sempre con il solito Dremel (ma ci sponsorizzerà prima o poi ??) per risolvere il problemino. Ecco come:

Posted Image

Posted Image

Posted Image

Con una goccia di colla a caldo si rifinirà il tutto e si terrà in posizione più che tranquillamente.

Ecco l'effetto finale:

Posted Image

Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted Image

A questo punto si monta la meccanica del commutatore in posizione di lavoro, si fissa la manopola con il trackpad con la vitina a grano interna e si comincia ad apprezzare il risultato.

Quella illustrata sotto è la posizione a "riposo" ovvero quando si deve richiudere il bracciolo.

E' spostato verso sinistra per due motivi:

1) è lontano dal meccanismo di sgancio che è a destra nel bracciolo

2) essendo la manopola in posizione avanzata sotto il trackpad, ottengo che quando lo ruoto a dx di 90° il trackpad si sposta ancora più in avanti, migliorando la posizione della mano che deve usarla :)

Posted Image

Posted Image

Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted Image

E la dimostrazione di come la mano ci "casca" sopra:

Posted Image

Posted Image

Nelle foto si vede il Proxxon che utilizzo :D

Di seguito, invece, le foto del movimento di rientro del trackpad nel bracciolo:

Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted Image

A questo punto è necessario inventarsi un modo per far passare il filo in modo che non si pizzichi e non interferisca con il movimento.

E' importante, altresì, che il filo non faccia curve troppo strette per evitare che si rompa con l'uso. I cavetti di collegamento di questi oggetti non sono il massimo della vita come qualità. Quindi....

Ecco il punto in cui ho deciso di forare il fondo del bracciolo.

Visto da sopra

Posted Image

e visto da sotto

Posted Image

Poi si fa passare il cavetto nel supporto del telefono:

Posted Image

E si creano, con dei tagli nelle venature della plastica inferiore del supporto, i passaggi per il filo. Passaggi che mantengono anche il filo in posizione.

Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted Image

Con due punti di colla Attack si fissa il cavetto, lasciando una leggera ansa , nell'angolo della struttura e con una fascetta e altra goccia di Attack si posiziona definitivamente la "via di fuga" del cavo stesso.

Posted Image

Qui sotto si intravede il foro di passaggio del filo verso l'esterno.

Anche qui si lascia una leggera ansa del filo in modo da non tirarlo e da non stressarlo meccanicamente durante l'apertura.

Posted Image

Si gira la struttura e si incolla il filo nelle posizioni che ci permetteranno di inserire il blocco nella struttura definitiva senza interferire con le viti di fissaggio della meccanica di ribaltamento:

Posted Image

Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this