Sign in to follow this  
Guest

Ad Armi Pari

Recommended Posts

Guest

Attenzione, adesso si scatenerà una valanga di repliche sulla bontà o meno del mac e sulla bontà o meno del pc.

Uno dei problemi dei pc assemblati e che sono assemblati, e sopratutto di COME sono assemblati.

Però nell'ignoranza il mondo si trova, e non ci sono santi che tengano ci resta.

Spesso anche davanti all'evidenza si punta sul pc.

Un paio di esempi :

1) il mio commercialista (si lo so l'ho già scritto in altra discussione...), mi paventa tuoni e fulmini per aver messo su una rete di iMac in un albergo, mi dice:" adesso coem facciamo a fare la contabilità??" e giù con previsioni che in confronto il dilivio universale era una doccia per levarsi la sabbia del mare...

Gli faccio vedere un mac (prima volta in vita sua) e lui:" ah...interessante le finestre come win, le cartelle come win, le icone come win...sembra molto simile (dai dai che inizia ad aprire gli occhi, dai che c'è la può fare a capire...) a questo punto gli faccio veder la compatibilità con il suo mondo e lancio Office e lui:"NOOO ....seeee Microsoft su mac??" (non c'è la fatta, peccato...)

2) un amico che è passato a mac 4 anni fa dopo essere stato pcista, necessità di cambiare il veccchio Umax, ma avendo la necessità di AutoCad e pochi soldi, opta per una Olidata con AMD 1.000mhz o 1.100mhz e win Me.

Dopo due giorni decide di buttare nel cesso winMe ed installa win 98, le cose sembrano andare bene, passa a Win2000 e dice che vanno bene se non fosse che il pc si blocca in continuazione perchè scalda troppo e non va!!

Attualmente per lavorarci ha aperto il case, e piazzato una ventola per rinfrescare l'estate le stanze difronte al pc ed al procesore AMD...;-(((

Secondo voi se ci fosse stato Autocad per mac lo avrebbe fatto un acquisto del genere?

No, ed è la stessa cosa della situazione nelle scuole o negli uffici, non ci sono i software compatibili e quand'anche(??) ci fossero non lo sa nessuno, perchè nessuno se non dei maclovers li avvisano.

Allora torniamo al bomba al fatto che APPLEITALIA latita, se ti fanno office per mac in italiano (il 98 si intende) perchè non lo s-puttani ai quattro venti, perchè non fai promozione nelle uffici, perchè non cerchi delle software house disposte a fare programmini per far andare i mac con i Microscopi diffusi, con le penne ottiche e quant'altro serva per queste esigenze??

Possibile che non ci sia un minimo di startegia a lungo termine in campi interessanti e startegici come quello scolastico, quello pubblico e non solo in quello grafico, DTP e montaggio video, ma anche qui con promozione pubblicitaria bassissima!

Ho scritto

Mickey

Share this post


Link to post
Share on other sites

In realtà io sono abbastanza d'accordo nell'usare dei PC come appendici programmabili di un microscopio o altro. In effetti è più semplice produrre quelle schifezze di programmini che paciugano direttamente con le seriali. Un iMac sarebbe inutilizzabile per questi scopi.

Però quando si tratta di innovare, di espandere il punto di vista di chi studia, è d'obbligo fornire agli studenti gli strumenti più versatili e potenti. E lasciarli sperimentare.

Sempre che il sistema scolastico e universitario abbia come scopo la formazione di mentalità tese ad innovare. Ma temo di no. Gli studenti del Politecnico di Milano sono oltre 40000. Nella sede di Leonardo da Vinci dovrebbe essercene più della metà. L'anno scorso non c'era neanche una postazione Internet. Quest'anno ce ne sono una decina. Tutti PC, ovviamente. Abbiamo una sala Mac dove, su ogni monitor, è scritto che è vietato installare il software per collegarsi ad Internet (TCP, Explorer e via). Hanno dovuto scriverlo perché è troppo semplice renderli Internet-ready! Rendiamoci conto...

A questo punto chi se ne frega! Mi vanno anche bene dei PC: se quelle teste di legno del Poli vogliono spendere di più fatti loro. Ma il fatto qui è più grave della questione Mac/PC.

Se vediamo lo sviluppo come derivata prima della ricchezza allora la qualità dell'istruzione è la derivata seconda della ricchezza perché è l'istruzione a garantire lo sviluppo futuro. La questione fondamentale è: veramente l'obiettivo primario delle nostre istituzioni scolastiche è la qualità dell'istruzione? E quindi la ricchezza dei cittadini di questa Nazione?

Mi sono fatto l'idea di no. E in quest'ottica il rifiuto sistematico del Mac OS è una scelta di notevole coerenza.

Q8]

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Caro Learlo, a dire la verità una bella aula con Mac c'era ad Architettura ma è stata rimossa e trasportata in Bovisa perché secondo chi gestisce il Poli l'architetto usa Autocad/PC e il designer formZ/Mac, lì ci si poteva collegare a internet con dei G3 beige, poi é tutto sparito e mi sono dovuto abassare ad usare dei PC per scambiare dati, navigare per informazioni, ecc... (tralasciando i due tre virus che mi hanno infettato gli zip!!!).

E pensare che al secondo anno ho fatto un intero corso e un esame in quell'aula Mac (la M1) e ho imparato ad usare formZ...

Altri tempi!

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Vorrei un mondo di Mac, e macchine come l'Athlon dei genitori di Chest o cose simili settate da esseri pensanti.

Quelli terrificanti non sono i pc da 5 milioni, ma quelli da ottocentomila lire con casse da 400 W (15 reali RMS...) e telecamerina e connessione gratis e montaggio del monitor a casa...!!!!

teribile.

Mickey, spero che nessuno mai ti regali un pc vinto al minimarket. ;)

Ps: Carlo, allora vorrei sapere da te l'integrale dell'istruzione cos'è.

:-))

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

I messaggi precedenti mi hanno fatto pensare ad una cosa, sta per arrivare Staroffice free da Sun per OSX e forse arrivera` prima di OfficeXP, tutti gli utenti mac lo stanno aspettando da anni e si butteranno a pesce, se il prodotto sara` almeno decente si portera` via una fetta di Office MS, l`ultima volta a causa dei numeri non e` stato fatto Office in italiano, non e` che la prossima volta non faranno piu` nemmeno Office per mac?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Pietro,

ed io ti dico che se perdiamo Office per mac è una mezza tragedia, sarebbero molte di più le cose negative i questo che quelle positive.

Servono gli standard, abbiamo bisogno di standard, a meno ché non vogliamo veramente tornare (ma forse ci siamo cq) ad una nicchia ristretta ed elitaria che avrà i migliori programmi per grafica e Dtp, ma dovrà pregare in turco per avere anche un share per controllare i conti in banca, collegarsi ad Internet etc etc...

Mickey

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Cixxo,

spero che nessuno mi regali un pc e basta...;-)

Se propio devo averne uno, me lo sceglierò io, almeno potrò picchiarmi dopo...;-)

Mickey

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Mi fa piacere avere sollevato una riflessione sul tema del Mac e il settore pubblico/scuola. Anche se, come spesso capita, ci si trova a discutere tra 'convertiti' senza poter influire su chi invece decide cosa comprare e decide Win a priori.

La strategia migliore mi sembra quella di far provare il Mac a chi non l'ha mai visto nè usato e nel frattempo fare pressione nelle sedi opportune e in primo luogo, come un pò tutti concordiamo, su Apple Italia perchè si svegli dal suo torpore...

Eppure i responsabili Education (dicesi Biagini e C.) mi sembrano persone in gamba; forse Apple Italia non ha l'autonomia necessaria e gli americani non hanno capito come funziona il mercato italiano, o non lo ritengono così importante.

Male che vada, siamo sempre pochi ma buoni!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Mickey,

proprio quello che volevo dire, e` incredibile come in questo caso la concorrenza possa fare piu` male che bene!! Eppure e` lo stesso giochetto che ha fatto MS con Explorer contro Netscape

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per Matteo: sì, la M1 è stata spostata (ora ci sono dei PC) e finché c'era è stata una pacchia. Ma stiamo parlando di tre semestri fa.

Invece l'aula Mac storica è al Centro di Calcolo, per volontà mafiosa dei pochi professori che supportano Mac. Quando sono entrato io al Poli c'erano mi sembra 14 Ci e 2 Quadra 700. Ho fatto parecchia assistenza gratuita a quei tempi. Ora ci sono una ventina di G3 beige e per utilizzarli vieni schedato dalla Ghestapo. E, come detto, è espressamente vietato utilizzarli per Internet.

Mio cugino australiano, oltre ad essersi laureato iningegneria nei 4+1 anni regolamentari, ha avuto sin dal primo anno (entrato all'università di Sydney nel 1992) a disposizione accesso libero ad Internet a "larga" (per i tempi) banda e ai tempi l'università faceva da provider gratuito per tutti gli studenti.

Ma perché al MURST non se ne vanno tutti a risolvere i propri problemi intestinali?

Scusate lo sfogo...

Q8]

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Questo ho scritto:

A: [email protected]

> Oggetto: vergogna

>

> per il prestito anti mac

>

Questo mi hanno risposto:

Signor Marco,

in risposta al suo messaggio, si precisa che il programma "pc per gli

studenti" non intende in alcun modo favorire alcune piattaforme specifiche

a danno di altre, né tantomeno sfavorire società come la Apple.

Come potrà verificare nel sito pcstudenti.it, gli studenti e i docenti

possono già ora acquistare a condizioni vantaggiose un computer Mac,

usufruendo delle offerte contenute nella convenzione stipulata tra Ministero

della pubblica istruzione e alcune società produttrici di hardware, tra cui,

per l'appunto, anche la Apple. Le consiglio a questo proposito di consultare

nel sito del programma la pagina: www.pcstudenti.it/faq.htm#o

Alla Apple inoltre, come alle maggiori imprese produttrici di hardware

presenti in Italia, è stato richiesto a suo tempo di aderire al programma

offrendo, in via eccezionale, per una durata limitata, e solo per gli

studenti del primo anno delle scuole secondarie superiori, un computer

"level entry" della propria linea a un prezzo fortemente scontato, come

nello spirito dell'iniziativa.

La società Apple, tuttavia, ha ritenuto di non dover aderire al programma.

Al momento della richiesta di adesione fatta alle imprese la configurazione

minima del processore era di 500 mhz e solo recentemente essa è stata

aggiornata congiuntamente ad altre specifiche.

Inoltre è sempre stata ben tenuta presente la specificità dei computer Mac

per cui, nel caso di una risposta positiva di Apple, certamente auspicabile,

il requisito del processore non sarebbe stato vincolante.

Si sottolinea infine che non è in alcun modo indicato quale sistema

operativo e software installare sulle macchina. Dalle offerte pervenute

risulta la presenza di diverse soluzioni.

distinti saluti

Ministero dell'Industria

Segreteria sottosegretario di Stato

"Programma Pc per gli studenti"

Ciao a tutti Marco

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Mi ero collegato proprio per inviarvi lo stesso identico messaggio che ha mostrato Marcus.

Anch'io avevo scritto a pcstudenti e proprio ora mi è arrivata la stessa risposta.

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this