Sign in to follow this  
Guest

Ad Armi Pari

Recommended Posts

Che sia una discriminazione non vi e' alcun dubbio. E che il valore 633 sia pure sospetto anche.

Tuttavia il vuoto di Apple nell'educational italiano (tecnicamente ingiustificato) e nel suo indotto e' irrisolvibile fino a che il fattore rilevante sara' il costo del computer.

Basta vedere l'offerta odierna di HL

Olidata Vassant 750+Monitor 15'', CPU Duron 750, 128MB, 20GB, CD 52x, MDM56K, A/V OnBoard, Win ME

A esattamente 1.440.000 lire iva compresa, cioe' coincidente col prestito.

E' una offerta tarata sull'offerta ministeriale.

Voi mi direte che il PC in questione fa schifo.

Sara' anche vero, perbacco.

Ma costa pure poco!

Anzi, talmente poco, che mi sorprendo a pensare che pure il venditore abbia avuto un finanziamento.

Siamo seri: di fronte a queste cifre non c'e' iMac che tenga.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Allora, stavo per scrivere un'e-mail , ma visto che Settimio ha aperto il thread, scrivo qui.

Visto che ne so qualcosa per via di Olidata vorrei precisare alcuni aspetti:

- l'iniziativa era diretta ai 'costruttori' (od assemblatori) italiani, infatti arriva dal Ministero dell'industria (e dalla Presidenza del Consiglio), non da quello dell'istruzione. Non mi sembra che ci siano multinazionali che abbiano aderito all'iniziativa.

- Il finanziamento di 1.440.000 lire a tasso zero non è indirizzato all'acquisto di un qualsiasi computer, ma solo a quelle specifiche configurazioni stabilite dai costruttori. Non è possibile acquistare un PC da 3.000.000 e sfruttare il finanziamento di 1.440.000 per pagarne una parte. Può darsi che qualche banca offra questa possibilità, ma va al di là dell'accordo con il ministero.

- Tutto questo è riservato solo agli studenti iscritti -quest'anno- alla prima classe delle medie superiori, quindi non è generalizzato.

Nel caso di Apple, non penso possa oggi proporre qualcosa di alternativo a quei prezzi, ma questa è un'iniziativa molto mirata e limitata nel tempo, vedremo in futuro se potrà fare qualcosa di più.

Per quanto riguarda i guadagni, posso assicurare che i rivenditori non guadagnano assolutamente niente vendendo tali configurazioni, al massimo può essere visto come un investilmento pubblicitario, niente di più. Anche i costruttori credo che siano al limite del sottocosto, considerando il valore attuale del dollaro.

Mi sa che gli unici a guadagnarci sono Microsoft (non penso che offra le licenze Windows scontate, ed in questo caso si parla più o meno del 10% del valore del PC), Intel, Amd ecc.

La cosa che deve far riflettere, però, è che non mi sembra che fino ad oggi (è partita bene o male un mese fa) questa iniziativa abbia avuto il successo previsto, anche se c'è tempo fino a giugno... ma sembra che siano proprio le configurazioni offerte a non interessare

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

<FONT COLOR="ff0000">a un supermanager della Microsoft</FONT>

Si parla di Paolucci, ben conosciuto direttore della filiale italiana. Mi ricordo che al momento dell'uscita di Windows '95 ad un giornalista che gli faceva notare le poche (allora) applicazioni 'native' per Win'95 aveva risposto più o meno: "beh, Office è disponibile, cosa altro serve per usare un computer ?"

Vista la carriera fatta in Microsoft, credo che le sue idee siano rimaste le stesse.

Non sono neanche sicuro che "dall'altra parte" le cose siano tanto migliori, comunque conflitto di interessi in più, conflitto di interessi in meno...:-(

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo che nelle "specifiche" del Ministero ci siano un po' troppe caratteristiche messe li non casualmente.

Riassumo per brevita' ed aggiungo le mie considerazioni:

1 - Processore a 633 Mhz o superiore.

Quindi: comprate PC!

2 - CD-ROM EIDE 48x o DVD integrato

Quindi non comprate Apple che monta lettori a 24x!

3 - Due slot liberi PCI per ulteriori estensioni

Quindi fuori gli iMac!

6 - Garanzia di 36 mesi con ritorno delle parti a un centro di assistenza.

Ma chissa chi saranno i produttori che che offrono garanzie di questo genere?

7 - Call Centre per assistenza hot line e via Web gratuita.

Ma chissa chi saranno i produttori che che offrono garanzie di questo genere?

8 - Certificazione di qualità UNI EN ISO 9001.

E quindi oltre che a comperare PC invece di Mac si specifica che comunque anche tra i PC si deve operare una scelta e tra quali marche si potra' scegliere?

Solo tra quelle di produttori certificati ISO 9001 il che significa scegliere forzatamente solo produttori italiani (ma guarda che caso...) in quanto la certificazione ISO 9001 e' italiana e viene rilasciata ad aziende italiane.

Un altro aspetto e' che la certificazione ISO 9001 prevede che l'azienda abbia anche al proprio interno il settore progettazione certificato per cui quante saranno le aziende italiane che hanno al proprio interno la progettazione e sono certificare ISO 9001???

Io ho fatto una piccola indagine e mi e' saltato fuori il marchio OLIDATA? Qualcuno ne conosce altri?

Mah, io cerchero' di inviare il tutto a Striscia la Notizia, per questo inizio da ora la "raccolta delle firme": inviatemi un email se volete contribuire all'indirizzo:

[email protected]

Ciao a tutti!

Claudio Clerici

Share this post


Link to post
Share on other sites

iLuca>

Come fai a dire che non siamo indietro (io scrivo dalla Sardegna e non da "Uk, england" 8-) ??!!

Forse non hai notato che macintosh fosse scritto mc intosh !!!!

E credimi, che la maggior parte degli "utenti" che hanno usufruito del buono per comprare un Winzoz non hanno nemmeno notato che ci fosse tale orrore....

Non mi stupisco piu' di cose simili.

Fabio

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

ISO 9001 e' uno standard di certificazione ISO e quindi valido a livello mondiale e non solo italiano e naturalmente ottenibile da qualsiasi azienda del mondo purche' in grado di rispondere a e mantenere nel tempo una serie di requisiti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

<!-NOTE: Message edited by 'iluca'-!>fabio: e` vero, non l'ho notato o non me lo ricordo... sono partito in inghilterra solo da tre mesi, fino a dicembre sono stato li`in sardegna, e speravo fino all'ultimo di acchiappare il finanziamento per un piccolo iBook da portarmi appresso... fatto sta che non mi sembra poco che fra le tre offerte proposte una fosse stata portata da Apple computer... anche se insomma la gente che vedeva le tabelline riassuntive sui quotidiani non rimaneva certo impressionata dai processori PowerPc, vista la differenza di clock... ma chi conosceva almeno aveva la possibilita` di scegliere... poi, far capire ai clienti che il PowerPc e` piu` veloce a parita` di clock e` compito della Apple, non della regione Sardegna... ma il caso del prestito d'onore e` ben diverso... nel nostro caso, chi voleva poteva mettere di tasca sua il resto, e non era un prestito d'onore ma un vero e proprio finanziamento...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Ragazzi sono con voi...e come potrei abbandonarvi in questi casi...;-)

Notavo propio domenica l'offerta di CHL è la ritenevo interessantissima di per se, poi oggi ecco uscire il "trucco", ma guarda un po'che coincidenza.

In linea di principio mi starebbe bene anche questa politica di "aiutare" una marca italiana, però si è esagerato, qui si "obbliga"!

Mi chiedo giusto una cosa:

APPLE ITALIA che cavolo fa??

Allora non riesce a fare nulla per il lancio di X, non riesce a fare nulla per la penetrazione dei mac nelle scuole, non riesce a fare nulla per la penetrazione del mac nelle istituzioni...

oppure fa ma non me ne sono accorto??

Perchè se non me ne sono accorto allora avvisatemi, fatecelo sapere saremmo i primi a dare una mano "gratuita" per divulgare le iniziative i mac user operano così, vedasi l'esempio di macity...;-)

Claudio sono con te anche io pensavo ad un modo per coinvolgere Striscia...

Mickey

p.s.:oltre che striscia vogliamo fare una lettera di protesat comune contro il Ministero??

Io ci sto!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

<FONT COLOR="ff0000">o ho fatto una piccola indagine e mi e' saltato fuori il marchio OLIDATA? Qualcuno ne conosce altri? </FONT>

Io conosco almeno 3 costruttori italiani che hanno aderito all'iniziativa (non mi sembra il caso di farne pubblicità qui), ma penso che siano di più.

Comunque non capisco dove sta la novità, è dalla fine di febbraio che si conoscono i termini di queste offerte, il tutto doveva cominciare i primi di marzo, ma in effetti è da un paio di settimane che le cose si sono definite meglio.

Per me, rispetto ad altre occasioni, stavolta non mi sembra esserci niente di scandaloso. Mi ripeto: l'iniziativa parte dal Ministero dell'industria, a chi doveva rivolgersi se non ai costruttori italiani ?

Riguardo poi alla presenza di Apple Italia nel settore education... io ormai ho finito le parole.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Mac per le scuole???

Ragazzi ma dove vivete?

Siamo in Italia e nelle scuole, salvo poche isole felici e lungimiranti o scuole di grafica pubblicitaria etc.., trovate solo ed esclusivamente PC, tanti PC, troppi!!!

Sono un insegnante che per anni ha cercato di far acquistare Mac nell'istituto dove lavoro.

E' un istituto tecnico per geometri e l'onnipresente AutoCad la fa da padrone.

Secondo voi come avrei potuto convincere i colleghi (ingenieri ed architetti) ad acquistare Mac, per poi dir loro che per far girare il loro tanto amato Autocad avrebbero dovuto emulare il sistema Win.

Non regge. Tantomeno non sono riuscito a fargli acquistare programmi Cad alternativi (vedi VectoWorks, che da qualche anno funziona anche sotto Win).

Ricordo molti anni fa quando al posto di Olidata ti ritrovavi gli M24 dell' OLIVETTI.

Qualcuno rammenta??

E' l'ennesima discriminazione per gli utenti che utlizzano il Mac.

Pensate ai programmi di gestione del territorio, per chi è un po pratico mi riferisco a Pregeo o a Docfa dell'ufficio del Catasto cioè Ministero delle Finanze. Anni fa scrivemmo una lettere al ministero per invitarlo a realizzare versioni dei programmi anche per il Mac. Qualcuno ha avuto risposta???

Alla fine sono sempre quelli che la spuntano.

Chi???? I soldi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

IL MESSAGGERO (11 Marzo)

"Le imprese che aderiscono (tutti i produttori nazionali, più le grandi catene come Vobis, Computer Discount, Chl) si impegano a vendere per la cifra di 1.440.000 lire un pc con processore ad almeno 600 Mhz, 64 Mb di memoria Ram, modem da 56 Kbit al secondo, scheda audio microfono e casse, e Cd Rom. Alcune aziende offrono anche la configurazione con Dvd. Chi vorrà acquistare componenti ulteriori o più potenti dovrà farlo separatamente. Significativa la dotazione di software: si potrà scegliere il sistema operativo tra Windows Millennium di Microsoft e Linux, il programma "anarchico" che sta guadagnando sempre più spazio. "

???? avete letto coi vostri occhi ?? MOSTRUOSOOOO PietrOsx

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Lamberto,

hai ragione anche tu, non posso obbiettare nulla sulle tue osservazioni ed ancora di più mi rattrista o forse mi fa incacchiare la situazione di Apple Italia, che putroppo avrà anche le mani legate ma non sembra essere molto vitale.

Sul discorso AutoCad sono perfettamente d'accordo con te, ci sarebbe la necessità di un porting, lo ho già detto in altra discussione, ma altri rispondono che con altri software tipo vectorworks si risolverebbe.

Io credo che la Apple abbia fatto (Jobs...) una scelta intelligentissima quando annetti fa fece l'accordo con MS per le versioni di Office su mac, è stata una santa cosa alla faccia di tutti programmi "compatibili".

La gente in Italia è pigra, vuole lo standard, le istituzioni lo vogliono ancora di più, per cui o si ha anche noi lo standard oppure sono volatili per diabetici.

Da qualche mese sono entrato nel mondo degli uffici, quelli in cui è padrone Office, bene senza Office per mac col cavolo che potevo mettere su una rete mac, bene dite voi??Nient'affatto come la mettiamo con Office 2001 in Inglese?

Insomma Office per mac è stata una grande cosa, AutoCad per mac sarebbe un'altra grande cosa, probabilmente trascinerebbe altre software house nella conversione di titoli, tipo quelli che mancano per il catasto.

Senza armi adeguate non puoi propio iniziare una guerra...

Cmq non tutte le scuole di Italia necessitano di AutoCad, qualche istituto si poteva tenatre di prendere, sarebbe stato un investimento per il futuro.

Mickey

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this