Sign in to follow this  
g3cko

programmare in cocoa

Recommended Posts

Ciao Gennaro, grazie per la risposta.

Quindi Cocoa/ObjectiveC solo se sono in ottica estero...ok.

Per estero però cosa intendi? solo casa madre in America o anche Londra, Francia, Svizzera, Giappone? (faccio nomi di paesi a caso...)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah, difficile dire così.

Quello che vedo sui vari siti d'offerte di lavoro è che allo stato attuale in Italia non ci stanno offerte inerenti a sviluppatori per Mac. Un paio di volte ho visto qualcosa per iPod, CocoaTouch quindi, ma diciamo che è una mosca bianca.

Sicuramente negli States la situazione è più rosea, ma onestamente, se uno vuole fare il programmatore di professione, sicuramente il guardare a Java o .Net offre maggiori prospettive, anche all'estero.

Questo non ti vieta di tentare la fortuna come singolo sviluppatore ... specialmente l'AppStore permette d'avere visibilità e se l'idea è buona ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh, non potrei che concordare, cocoa è un prodotto usato sui soli accessori apple e qualche applicazione mac. cmq è sempre comodo studiarla, una buona idea sull'applestore assicura ottimi guadagni

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il "problema" è che il grosso volume d'affari si fa con le consulenze, e in questo campo virtualmente non c'è nulla, perché in se, Cocoa è molto diffusa ... solo che nel mercato del Mac o ti trovi difronte a software house "grosse" (vedi Microsoft, Adobe ecc. ecc.) oppure micro compagnie/singoli sviluppatori.

Certo, se il Mac dovesse continuare a crescere come sta facendo ora ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

@desmo.simo

Se vuoi programmare per Mac OS X, la prima cosa da "saper fare" è saper programmare, in generale, con un linguaggio object oriented. In particolare bisogna studiare e far proprio il concetto di MVC (Model-View-Controller) che è il paradigma che vige alla base di molti (Il Modello, che è ciò che vogliamo rappresentare, la Vista, che è *come* lo vogliamo rappresentare, ed il Controllore che offre la possibilità di interazione). Converrai con me che - una volta appreso bene lo studio - ad esempio - in C# o in Java (anche se ti consiglio di iniziare con il C++, è come imparare a guidare con una ferrari altrimenti, a mio avviso), il concetto da cambiare sarà solamente il Controllore (nel caso di Cocoa Touch esso è interattivo all'ennesima potenza, come puoi facilmente immaginare).

Questo per quanto riguarda l'apprendimento. Prendi un buon libro e fai pratica con l'OOP in C++, dopodichè buttati dull'Objective-C/Cocoa(anche Touch). Cambiano davvero pochissime cose, ma a livello concettuale siamo li'.

Per quanto riguarda invece le possibilità di lavoro, "purtroppo" devo dare ragione a Gennaro. Ma anche io sono fiducioso :-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Michele. Grazie dei consigli. Anche se sono laureato in Informatica ( :-p ) di programmare non ne voglio sentir parlare...al massimo Flash o Css...non di più...

Riferirò cmq tutti i vostri consigli al mio amico. Probabilmente resterà deluso ma...del resto sul mac è così...si dovrà arrendere all'idea di Java o .Net

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Michele. Grazie dei consigli. Anche se sono laureato in Informatica ( :-p ) di programmare non ne voglio sentir parlare...al massimo Flash o Css...non di più...

Riferirò cmq tutti i vostri consigli al mio amico. Probabilmente resterà deluso ma...del resto sul mac è così...si dovrà arrendere all'idea di Java o .Net

Comunque esiste anche Mono che può essere interessante, può sempre sviluppare in C# con interfaccia grafica nel suo editor MonoDeveloper 2.0 e compilare per entrambe piattaforme.

Io sviluppo in VB ma uso mac da 20 anni, sto cercando un prodotto superiore, ma che vuoi la testa si rifiuta.

Oggi io la penso così

Per Mac si mangia poco qui in Italia ma possibile crescita ma sempre molto ristretta, Visual Studio con windows rimane il Leader del mercato visto la sua strategia e quindi si lavora sempre. Per fare crescere il mercato nel mondo Apple e fare si che esistano applicazioni non home ma bensì professional, cosa che manca al 90%. Non ci sono gestionali pronti e tanto altro e quindi un professionista non si affida mai a Mac anche se vorrebbe, grazie all'entrata della Virtual Machine qualcuno a preso mac usando anche windows, ma il grande problema che le applicazioni Mac sono al 90% per uso casalingo e grafica professionale tutto il resto e puro vuoto.

Io lancio un'idea si potrebbe creare un consorzio software house e investire su applicazioni professionali per la gestione di attività in genere, un altro sogno nel cassetto :-)

Cordialmente Ivano Monti

Share this post


Link to post
Share on other sites

In realtà di gestionali per Mac (sviluppati in Italia su Mac tra l'altro) in Italia non ce ne sono pochissimi, anzi.

Il fatto è che il programmatore qui da noi, di solito lavora per i (pochi) grossi nomi in subappalto presso i grandi system integrator (nazionali e non). Ed in quell'ambiente di Mac ce ne stanno pochissimi. Tra l'altro il peccato è che dopo un inizio promettente, il supporto per le tecnologie Java languono ... sarebbe stato invece molto bello poter usare il MAc in ambito enterprise anche se con Java.

Discorso diverso per PHP, Ruby ecc. ecc.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In realtà di gestionali per Mac (sviluppati in Italia su Mac tra l'altro) in Italia non ce ne sono pochissimi, anzi.

Il fatto è che il programmatore qui da noi, di solito lavora per i (pochi) grossi nomi in subappalto presso i grandi system integrator (nazionali e non). Ed in quell'ambiente di Mac ce ne stanno pochissimi. Tra l'altro il peccato è che dopo un inizio promettente, il supporto per le tecnologie Java languono ... sarebbe stato invece molto bello poter usare il MAc in ambito enterprise anche se con Java.

Discorso diverso per PHP, Ruby ecc. ecc.

Quello che scrivi e santa verità, il problema che Mac è visto ancora come il super computer per la grafica e video ...

La verità che Mac è un vero computer come lo sono tutti (sony, dell, Hp...) unica cosa che lo distingue è il sistema di eccellenza, ma poche sono le società puntano su questo.

gli ambienti di sviluppo sono decisamente pochi ...

RealBasic vanta di essere l'unico rimasto in questo ambiente a scrivere software in Visual Basic o Basic ma molto acerba la sua lista e comunità, quindi primo o poi la molli.

Mono sta facendo un ottimo lavoro ma poi vedo che ha puntato solo su C# come editor testuale e Visuale tutto il resto lo scrivi senza poter vedere l'interfaccia grafica mmmmmmm peccato. La loro idea e la stessa del .Net, molto bella questa idea anche perché comincierebbero in molti a trasformare le proprie applicazioni anche per Mac, devono ancora lavorare molto.

Xcode la fa da padrona con tutti i suoi tools di sviluppo (cocoa, java, pynton ect ect) ma e davvero un casino avvicinarsi a questo potente ambiente di sviluppo. Io l'ho installato in questi giorni, ma mi sono spaventato nella sua potenza ma non solo.

Revolution altro ambiente forse meglio strutturato di RealBasic, più seguito nel suo marketing ma mai provato, sembra un Perl.

dopo esiste solo il buio assoluto che io sappia.

Lasciamo stare gli sviluppatori che non investono minimamente su questi ambienti qui in Italia. Qui esiste la politica ho guadagno o niente, in altre parti del mondo esiste ancora la Voglia di credere ecco perché le persone + brave sono tutte di la.

Poi Php e altri linguaggi legati al web, sono altro mondo, li si parla di WebForm e non più di WindowForm ... ma vediamo negli anni futuri che cosa cambierà, certo che la mancanza di Jobs per sei mesi potrebbe fare cadere la forte crescita di Apple oppure no, vediamo che succede e auguro a Jobs tutto il bene che una persona debba avere.

Cordiali saluti Ivano Monti.

Visto che lancio, se qualcuno conosce bene Xcode, mi fa un minicorso :-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

gli ambienti di sviluppo sono decisamente pochi ...

Non direi ... a parte Xcode con tutti i suoi tool UNIX, trovi Eclipse e Netbeans per Java, PHP, Ruby, Pyton, AppleScript ecc. ecc.

Non mancano i tools, per quanto riguarda Java manca la volontà di Apple di "spingere" questa piattaforma, e come dicevo è un peccato, perché il Mac è l'unico UNIX "amichevole" su cui gira anche molto software commerciale di successo.

RealBasic vanta di essere l'unico rimasto in questo ambiente a scrivere software in Visual Basic o Basic ma molto acerba la sua lista e comunità, quindi primo o poi la molli.

RealBasic non è acerbo anzi, esiste da tanto tempo e la sua comunità è semplicemente "piccola", perché ormai per quanto riguarda lo sviluppo di applicazioni "tradizionali" sui sistemi operativi commerciali, c'è poco spazio oltre i tools "ufficiali" (vedi Xcode che cannibalizza CodeWarrior o in ambiente Windows dove VisualStudio la fa da padrone).

Mono sta facendo un ottimo lavoro ma poi vedo che ha puntato solo su C# come editor testuale e Visuale tutto il resto lo scrivi senza poter vedere l'interfaccia grafica mmmmmmm peccato. La loro idea e la stessa del .Net, molto bella questa idea anche perché comincierebbero in molti a trasformare le proprie applicazioni anche per Mac, devono ancora lavorare molto.

In realtà finalmente c'è MonoDevelop, una sorta di "clone" di Visual Studio, anche se, questo si, ancora acerbo. Purtroppo il target principale di Mono non è Mac OS, ma in generale i sistemi UNIX-like, cosa che ha i suoi pro (opensource ecc. ecc.) e i suoi contro (scarsa integrazione con la GUI del Mac).

Lasciamo stare gli sviluppatori che non investono minimamente su questi ambienti qui in Italia. Qui esiste la politica ho guadagno o niente, in altre parti del mondo esiste ancora la Voglia di credere ecco perché le persone + brave sono tutte di la.

Gli sviluppatori (o meglio, le aziende) supportano le piattaforme dov'è possibile fare soldi. Purtroppo in Italia (ma non solo in Italia), la diffusione del Mac non consente di fare grossi investimenti.

Fortunatamente Xcode e gli strumenti di sviluppo su Mac consentono di sviluppare applicazioni brillanti anche a piccoli team ... ed in Italia non mancano i casi di successo.

Poi Php e altri linguaggi legati al web, sono altro mondo, li si parla di WebForm e non più di WindowForm

Di WindowForm si parla solo su Windows eh ;-)

Visto che lancio, se qualcuno conosce bene Xcode, mi fa un minicorso :-)

Sul web si sprecano i tutorial e le guide su Xcode, se fai una ricerca su questo forum troverai un sacco di link utili.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this