Sign in to follow this  
Amapolita

Firewall...necessario?

Recommended Posts

Un hacker non ha alcun interesse ad "entrare" nel tuo computer.

Questo lo dici tu. Ma invece agli hacker fa comodo avere a disposizione milioni di utonti che non prendono le minime misure di sicurezza per trasformare ad esempio i loro computer in zombie con cui attaccare magari vittime più importanti rimanendo al sicuro. Oppure possono cercare dati personali con cui poterti derubare o addirittura ricattare ;)

Morale: ATTIVATE IL FIREWALL!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questi pero' sono lungi dall'essere definiti *hacker*, Mac OS Y.

Esattamente ;)

Ad ogni modo ritengo che un firewall sia d'obbligo (o quello del router, oppure quello dell'OS). Su OS X non è di vitale importanza, c'è anche chi lo tiene disattivato e non ha mai avuto problemi. Tuttavia tenerlo attivato è qualcosa di così banale che secondo me ne vale la pena (sempre se non hai un router).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quanto mi riguarda credo che un sistema di protezione, anche basilare (specialmente coi tempi che corrono: basta andare su google e digitare "bucare computer" ed escono 1000 pappardelle gia' pronte... magari su 1000 ne funziona solo 1 di strada, ma è già qualcosa) sia d'uopo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque il firewall non consuma risorse, per cui attivalo

per quanto il consumo possa essere considerato ininfluente sulle macchine attuali, questa affermazione non è tecnicamente corretta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh logicamente, le risorse vengono consumate sul calcolatore dove funziona il firewall. Nel caso del router, ovviamente, le risorse vengono consumate li (oltretutto i router hanno processori con architettura MIPS, piu' ottimizzati per questi scopi). Nel caso di un firewall software, come iptables o ipfw, il kernel filtra i pacchetti, consumando cosi' risorse, anche se in modo (ma non sempre, soprattutto in casi di DDoS) esiguo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo lo dici tu. Ma invece agli hacker fa comodo avere a disposizione milioni di utonti che non prendono le minime misure di sicurezza per trasformare ad esempio i loro computer in zombie con cui attaccare magari vittime più importanti rimanendo al sicuro. Oppure possono cercare dati personali con cui poterti derubare o addirittura ricattare ;)

Tu non sai nè cosa significhi la parola "Hacker", nè a chi si riferisce.

Ti consiglio di studiare un pò prima di sparare enormi cazzate ;)

Morale: ATTIVATE IL FIREWALL!

Qui invece hai ragione, ma non serve di certo per scacciare gli "H4ck3r5" :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

There is a community, a shared culture, of expert programmers and networking wizards that traces its history back through decades to the first time-sharing minicomputers and the earliest ARPAnet experiments. The members of this culture originated the term ‘hacker’. Hackers built the Internet. Hackers made the Unix operating system what it is today. Hackers run Usenet. Hackers make the World Wide Web work. If you are part of this culture, if you have contributed to it and other people in it know who you are and call you a hacker, you're a hacker.

The hacker mind-set is not confined to this software-hacker culture. There are people who apply the hacker attitude to other things, like electronics or music — actually, you can find it at the highest levels of any science or art. Software hackers recognize these kindred spirits elsewhere and may call them ‘hackers’ too — and some claim that the hacker nature is really independent of the particular medium the hacker works in. But in the rest of this document we will focus on the skills and attitudes of software hackers, and the traditions of the shared culture that originated the term ‘hacker’.

There is another group of people who loudly call themselves hackers, but aren't. These are people (mainly adolescent males) who get a kick out of breaking into computers and phreaking the phone system. Real hackers call these people ‘crackers’ and want nothing to do with them. Real hackers mostly think crackers are lazy, irresponsible, and not very bright, and object that being able to break security doesn't make you a hacker any more than being able to hotwire cars makes you an automotive engineer. Unfortunately, many journalists and writers have been fooled into using the word ‘hacker’ to describe crackers; this irritates real hackers no end.

The basic difference is this: hackers build things, crackers break them.

Sparare a zero e prendere posizione in merito a ciò che non si conosce, non è mai conveniente.

Se non ci fossero gli hackers, la tecnologia non esisterebbe.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this