Sign in to follow this  
Harbour

Pando 1.5.5.3 localizzato in italiano

Recommended Posts

Questa applicazione che è uscita dalla fase beta ancora nello scorso mese di novembre, già con il rilascio della release finale ha raggiunto una buona stabilità ed un alto gradimento da parte degli utenti.

Lo sviluppatore la descrive come un software capace di “inviare file di qualsiasi dimensione a chiunqueâ€

Dopo aver illustrato Pando come una “piccola applicazione dai grandi muscoli†ne riassume le caratteristiche principali come segue: “consente di trasmettere i tuoi home video, mega-presentazioni e intere cartelle o foto di qualità originale a chiunque abbia un indirizzo email. E tutto questo senza spyware, adware e/o virusâ€

Fin dal suo primo rilascio Pando ha ottenuto lusinghieri giudizi da parte degli utilizzatori per la sua capacità di condividere file di grandi dimensioni attraverso i propri contatti, siano essi collaboratori, colleghi e/o amici.

L’idea sulla quale si basa il software è infatti innovativa, il programma è infatti in grado di consentire la trasmissione di file “pesanti†senza la necessità di riempire la casella elettronica del destinatario.

Il materiale si invia semplicemente specificando l’indirizzo email della persona che dovrà riceverlo. Questa si vedrà recapitare un allegato di dimensioni contenute con estensione “.pando†(il sistema usa infatti il protocollo BitTorrent)

Tale file permetterà il download diretto del materiale d’interesse dai server di Pando dove i file vengono inviati e conservati per un periodo di 7 giorni.

I file trasmessi vengono crittografati per impedirne l’utilizzo da parte di persone non autorizzate. Con le ultime versioni Pando inoltre offre, tramite plug-in, l’integrazione con svariati client di messaggistica istantanea come Yahoo Messenger e/o client VoIP ecc.

Pando, che è freeware, è sviluppato sia per Windows che per Mac e l’unico requisito richiesto è che anche il destinatario del file abbia installato l’applicazione, richiesta che viene segnalata quando al destinatario arriva un messaggio che lo informa della presenza di un file a lui riservato.

Il software è in continuo miglioramento sempre con nuove caratteristiche e con le ultime versioni, ad esempio, consente il download di file anche da siti web.

E’ infatti sufficiente caricare un file all’interno di Pando e ci verrà subito fornito un link o un codice da inserire all’interno della pagina web, per segnalare la disponibilità a scaricare il file con Pando

Il programma inoltre supporta anche i feed RSS e si accorge se all’interno di essi è presente il collegamento ad un file pando e si occupa automaticamente del download.

Ecco infine alcune informazioni sulla dimensione dei file che si possono trasmettere:

Gratuito: 1 GB disponibile sul server per 7 gg. per email e 30 gg. per sito web

Sono poi disponibili tre opzioni a pagamento per necessità superiori a partire da 4,95$ al mese per:

3 GB con file disponibili sul server per 30gg sia per email che sul web.

La versione 1.5.5.3 richiede come minimo Mac OS X 10.3.9 (ma è già compilata anche in UB) ed è risultata localizzabile seppur non completamente (alcune finestre rimangono ancora completamente in inglese) rendendone l’utilizzo (già di per sé semplice visto che per la scelta delle cartella o dei file utilizza il drag & drop) ancora più facile ed intuitivo.

La localizzazione è liberamente scaricabile, nella sezione download, a partire dal link:

http://www.pierinodonati.it/index.php

Cordiali saluti.

Pierino Donati

Share this post


Link to post
Share on other sites

Di questa interessante nuova applicazione abbiamo avuto modo di parlare il mese scorso in occasione del primo rilascio della localizzazione italiana avvenuto per la versione 1.5.5.3.

Richiamo pertanto nuovamente la descrizione accompagnatoria fatta dallo sviluppatore che illustra Pando come un software capace di “inviare file di qualsiasi dimensione a chiunqueâ€

Dopo aver illustrato Pando come una “piccola applicazione dai grandi muscoli†ne riassume le caratteristiche principali come segue: “consente di trasmettere i tuoi home video, mega-presentazioni e intere cartelle o foto di qualità originale a chiunque abbia un indirizzo email. E tutto questo senza spyware, adware e/o virusâ€

Pando che ha raggiunto la release finale ancora nello scorso novembre, sta ottenendo lusinghieri giudizi da parte degli utilizzatori per la sua capacità di condividere file di grandi dimensioni attraverso i propri contatti, siano essi collaboratori, colleghi e/o amici.

L’idea sulla quale si basa il software è sicuramente interessante ed innovativa, il programma è in grado di consentire la trasmissione di file “pesanti†senza la necessità di riempire la casella elettronica del destinatario.

Il materiale si invia semplicemente specificando l’indirizzo email della persona che dovrà riceverlo. Questa si vedrà recapitare un allegato di dimensioni contenute con estensione “.pando†(il sistema usa infatti il protocollo BitTorrent)

Tale file permetterà il download diretto del materiale d’interesse dai server di Pando dove i file vengono inviati e conservati per un periodo di 7 giorni.

I file trasmessi vengono crittografati per impedirne l’utilizzo da parte di persone non autorizzate. Con le ultime versioni Pando inoltre offre, tramite plug-in, l’integrazione con svariati client di messaggistica istantanea come Yahoo Messenger e/o client VoIP ecc.

Pando, che è freeware, è sviluppato sia per Windows che per Mac e l’unico requisito richiesto è che anche il destinatario del file abbia installato l’applicazione, richiesta che viene segnalata quando al destinatario arriva un messaggio che lo informa della presenza di un file a lui riservato.

Il software è in continuo miglioramento sempre con nuove caratteristiche e con le ultime versioni, ad esempio, consente il download di file anche da siti web.

E’ infatti sufficiente caricare un file all’interno di Pando e ci verrà subito fornito un link o un codice da inserire all’interno della pagina web, per segnalare la disponibilità a scaricare il file con Pando

Il programma inoltre supporta anche i feed RSS e si accorge se all’interno di essi è presente il collegamento ad un file pando e si occupa automaticamente del download.

Ecco infine alcune informazioni sulla dimensione dei file che si possono trasmettere:

Gratuito: 1 GB disponibile sul server per 7 gg. per email e 30 gg. dall’ultimo download per sito web

Sono poi disponibili opzioni a pagamento per necessità superiori.

Ho voluto riassumere nuovamente ciò che può fare il software perché il tutto non è certamente di uso comune rispetto ad altre applicazioni.

Anche la nuova 1.6.0.2 richiede come minimo Mac OS X 10.3.9 (però è già compilata in UB) specifico che per quanto riguarda la localizzazione ha dovuto essere aggiornata a causa di una settantina di nuove stringhe ma che, purtroppo, presenta ancora alcune finestre in inglese che non è stato possibile tradurre.

In ogni caso l’uso è ora ancora più facile ed intuitivo.

Le novità introdotte con le (cinque) versioni rilasciate nel frattempo sono essenzialmente riassumibili come segue:

- Pando ora supporta anche i file .torrent,

- è stata aumentata e migliorata la condivisione dei file,

- è stata migliorata l’amministrazione dei canali,

- è stato introdotta la possibilità di inviare file a forum che supportano il BBCode

La localizzazione è liberamente scaricabile, nella sezione download, a partire dal link:

http://www.pierinodonati.it/index.php

Cordiali saluti.

Pierino Donati

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dalla fine del maggio scorso, periodo in cui avevo appena aggiornato la localizzazione in italiano anche di questa interessante applicazione sono usciti ben 11 aggiornamenti, per cui diventa impossibile mantenere il passo con lo sviluppatore.

Bisogna anche dire che il rilascio ravvicinato di nuove versioni avviene anche per piccole modifiche per cui non sempre ne deriva la necessità di apportare cambiamenti anche sulla localizzazione, ecco perchè la vecchia localizzazione, risalente alla 1.6.0.2, ha mantenuto la sua validità ed utilità per molte versioni successive.

Come al solito visto che è trascorso ormai molto tempo, per opportuno richiamo di memoria riporto la descrizione accompagnatoria fatta dallo sviluppatore che illustra Pando come un software capace di “inviare file di qualsiasi dimensione a chiunqueâ€

Dopo aver illustrato Pando come una “piccola applicazione dai grandi muscoli†ne riassume le caratteristiche principali come segue:

“consente di trasmettere i tuoi home video, mega-presentazioni e intere cartelle o foto di qualità originale a chiunque abbia un indirizzo email. E tutto questo senza spyware, adware e/o virusâ€

Pando che ha raggiunto la release finale ancora nello scorso novembre, sta ottenendo lusinghieri giudizi da parte degli utilizzatori per la sua capacità di condividere file di grandi dimensioni attraverso i propri contatti, siano essi collaboratori, colleghi e/o amici.

L’idea sulla quale si basa il software è sicuramente interessante ed innovativa, il programma è in grado di consentire la trasmissione di file “pesanti†senza la necessità di riempire la casella elettronica del destinatario.

Il materiale si invia semplicemente specificando l’indirizzo email della persona che dovrà riceverlo. Questa si vedrà recapitare un allegato di dimensioni contenute con estensione “.pando†(il sistema usa infatti il protocollo BitTorrent)

Tale file permetterà il download diretto del materiale d’interesse dai server di Pando dove i file vengono inviati e conservati per un periodo di 7 giorni.

I file trasmessi vengono crittografati per impedirne l’utilizzo da parte di persone non autorizzate. Con le ultime versioni Pando inoltre offre, tramite plug-in, l’integrazione con svariati client di messaggistica istantanea come Yahoo Messenger e/o client VoIP ecc.

Pando, che è freeware, è sviluppato sia per Windows che per Mac e l’unico requisito richiesto è che anche il destinatario del file abbia installato l’applicazione, richiesta che viene segnalata quando al destinatario arriva un messaggio che lo informa della presenza di un file a lui riservato.

Il software è in continuo miglioramento sempre con nuove caratteristiche e con le ultime versioni, ad esempio, consente il download di file anche da siti web.

E’ infatti sufficiente caricare un file all’interno di Pando e ci verrà subito fornito un link o un codice da inserire all’interno della pagina web, per segnalare la disponibilità a scaricare il file con Pando

Il programma inoltre supporta anche i feed RSS e si accorge se all’interno di essi è presente il collegamento ad un file pando e si occupa automaticamente del download.

Ecco infine alcune informazioni sulla dimensione dei file che si possono trasmettere:

Gratuito: 1 GB disponibile sul server per 7 gg. per email e 30 gg. dall’ultimo download per sito web

Sono poi disponibili opzioni a pagamento per necessità superiori.

Come dicevo inizialmente nelle ultime 11 versioni, uscite dall’ultima localizzazione, ci sono moltissime modifiche realizzate sull’applicazione (illustrate sul sito dello sviluppatore) per cui l’aggiornamento dell’applicazione è stato piuttosto contenuto.

La localizzazione in italiano (che non è stato possibile realizzare nella sua totalità per come è configurato il software) andrà come al solito installata in base alle indicazioni contenute nel file leggimi, ed è liberamente scaricabile a partire dal link:

http://www.pierinodonati.it/index.php

Cordiali saluti.

Pierino Donati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this