Sign in to follow this  

Recommended Posts

Guest

Puoi procedere in due modi (o almeno questi sono quelli che uso io):

1)crei la "barra" in photoshop, sempre qui la suddividi in sezioni, poi la passi a imageready e di qui la salvi come html+immagini (forse puoi fare tutto in photoshop, non ricordo exactly, ma almeno con imageready puoi applicare rollover e amenità varie). poi con dremweaver apri il file .html così creato e lì linki le varie sezioni della barra a quello che vuoi, inoltre puoi finire di costruire la pagina...

2)crei la barra, la salvi "per il web" da photoshop senza averla sezionata e importi il .gif o .jpeg così creato direttamente in dreamweaver, da dove con lo strumento apposito "mappi" l'immagini e poi linki i vari hotspot così creati!!

Hope this helps!

#w#

Share this post


Link to post
Share on other sites

Puoi usare solo Dreamweaver e usare una sola immagine: ...la suddividerai in varie AREE - ciascuna di esse e' un link che punta ad una pagina o risorsa differente - creando una MAPPA (usa solo le 'client-side image maps', non le 'server-side').

Share this post


Link to post
Share on other sites

Appoggio la tesi di Alberto: è molto più semplice da realizzare e richiede una sola gif.

Lo strumento slice di Image Ready mi è sempre parso un po' astruso quando dovevo gestire anche i link. E' invece ideale per spezzare una immagine. Questo serve per dare all'utente un senso di risposta più rapido (qualche pezzo arriva subito) oppure oggettivamente per gestire immagini non rettangolari.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Grazie a tutti dei suggerimenti. Hanno contribuito alla mia conoscenza dell'argomento.

Giusto per riassumere, ho provato l'utilizzo dei layer, ma alla fine ho verificato che a parte IE 5 (e non sempre) non funziona praticamente da nessuna parte.

Quindi alla fine, abbandonati più fieri propositi, ho ottimizzato al massimo quanto fattibile con Fireworks.

Resta inteso che eventuali suggerimenti addizionali sono benvenuti, visto che questa necessità è più che mai attuale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Probabilmente avrai usato lo 'Slice Tool' per tagliare le immagini a fette e creare il rollover, conservando il file PNG originale. Dopo aver editato il testo e salvato le modifiche devi visualizzare tutte le 'fette'; poi clicca su ciascuna di quelle che hai modificato e vai a leggere il nome dei files che avevi indicato con 'File Name: custom' nel dialogo 'Object Properties...' (dal menu 'Modify').

Scegli il comando 'Export Slices...' dal menu 'File', esportando tutto in una cartella che chiamerai 'cestinare'. Se hai sostituito le fette 'link1.gif', 'link2.gif' e 'link3.gif' apri la cartella 'cestinare' e prendi questi 3 files (che pubblicherai su Internet con 'Fetch' in un battibaleno, sovrascrivendo le 'fette' che portano lo stesso nome). Poi prendi la cartella 'cestinare' e gettala nel Cestino (non ti serve piu').

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

leggo su computer arts che utilizzare ultradev su mac " richiede pratica e pazienza" e che è appunto "un'avventura".

come soluzione alle problematiche sollevate sulla rivista si arriva addiritura a suggerire (come soluzione finale ad una lista di 5) di passare al pc.

mi sono un pò agitato e arrabbiato ma poi resomi conto di non conoscere bene l'argomento...volevo l'opinione di qualche espresso

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

1. computer arts è una rivistaccia. l'unica rivista che posso consigliarti in lingua italiana è linea grafica.

2. non conosco ultradev su pc e non lo uso su mac ma ho usato vari programmi (similari) adobe e macromedia sia su mac che pc. non ho mai riscontrato significative differenze. se non che i programmi adobe funzionano meglio su mac.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Computer Arts: 'rivististaccia'........... la versione ITALIANA.

Io sono abbonato a quella inglese e posso garantirti che fa 'paura'.

Sia i mensili sia gli Special monotematici su applicazioni diverse (photoshop, dreamweaver, flash..) sono fatti benissimo, forse un pò troppo Macromedia oriented.

Per ciò che riguarda la grafica tradizionale (web o dtp) basta che guardi una copertina e relativo tutorial e ti rendiconto delle 'palle' che ha la gente che realizza questi capolavori.

Temo però che Vincenzo si riferisca alla versione italiana e quindi.....

Su quella inglese avevo letto una lettera di una persona che doveva fare qualcosa con ASP e avendo un mac aveva qualche problema a sviluppare decentemente. Si parlava di VPC ma onestamente dicevano che se era per svilupare un progetto di una certa grandezza ed avere la prova di verificare il risultato sul proprio computer prima di u/l sul server allora SOLO a questo punto era meglio avere un PC (ricordiamo che stiamo parlando di un linguaggio Microsoft che gira praticamente 'solo' su server Micros... ).

Quindi la cosa è SOTTILMENTE diversa.

Anzi la butto li visto che è una rivista non prettamente Mac ho paura che abbiano tradotto la cosa in modo da far 'piacere' ad il loro target che in italia è al 99% Pcista.

Un consiglio di cuore comprati un numero di Computer Art Uk.

P.S.

Ultradev MX integrerà oltre all' ASP anche il PHP per i siti dinamici ed avrà all'interno anche moduli (behaviors e components) già fatti per interrogare database MySql quindi......

Share this post


Link to post
Share on other sites

Uso Ultradev 4 su Mac e, sinceramente, non mi sembra una "avventura".

Anzi.

L'unico problema è che Ultradev non è altro che Dreamweaver con aggiunte le funzioni per creare siti dinamici con collegamento a database.

Ora il punto è quello che diceva Carlo: la stragrande maggioranza dei siti con contenuti provenienti in modo dinamico da una base dati è creata in ASP, linguaggio proprietario di Microsoft e non supportato da piattaforme diverse da quelle dei server web Microsoft.

Per abilitare, ad esempio, ASP su UNIX devi usare prodotti di terze parti (Chilisoft). Su Mac Classic non se ne parla.

Io ho risolto comprandomi un PC, collegandolo in rete ed usandolo come web server con IIS di MS. Un piccolo server locale per testare tutte quelle cose che su Mac non puoi testare.

Ma puoi fare la stessa cosa con un hosting provider su NT. Certo, la connessione aperta in continuazione può essere un problema. Ma se hai ADSL è risolto pure quello.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti, sono un nuovo utente Mac e provengo da Windows. Vorrei alcuni consigli. Devo gestire il mio sito internet, e ho sempre lavorato su Frontpage; chiedendo qua e là mi hanno indirizzato su Golive, però costa una ballata di soldi...

[messaggio del moderatore: in questo forum non e' permesso inoltrare richieste di software ottenuto in maniera illegale, ne' inserire codici di registrazione del software.

Nel caso sia necessario trovare un software semplice ed efficace per la composizione di pagine html, senza tutte le funzionalita' di Golive ma con un prezzo accessibile e con la generazione di un codice piu' "pulito" di quello di FrontPage prova HTML creator: e' uno shareware da 15 dollari

http://www.tmdc.org/aramk/htmlcreator.html ]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this