Sign in to follow this  

Recommended Posts

Guest

Sapete se esite un editr HTML WYSIWYG che non costi uno sproposito?

Golive e dremweaver sono prodotti professionali che non mi servono e costano un sacco di soldi, cerco qualcosa come il glorioso Claris Home Page o Adobe Pagemill.

possibile che non si possa realizzare un sito amatoriale usando un Mac??

So che la Apple mette a disposizione sugli ITools anche un programma che serve a realizzare siti sulle sue pagine ma preferirei un programma installato in locale che mi permetta di fare ciò che voglio, possibilmente senza dover scrive tonnellate di codice.

Mahh, forse voglio troppo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non esistono editor professionali WYSIWYG per sviluppare siti web (per nessun sistema operativo) in quanto non esiste un 'viewer' universale che visualizzi perfettamente il codice sorgente compatibile con tutti i browser che vanno per la maggiore.

Nel DTP, una pagina stampata e' identica in qualunque parte del mondo... (scusate la banalita'). Nel Web, una pagina Html - anche se creata con uno strumento visuale - non e' mai la stessa in tutti i personal computer.

Esistono in commercio dei software che fanno credere (attraverso auliche campagne pubblicitarie) di possedere capacita' taumaturgiche eccezionali, ma io non me la sentirei di definirli 'professionali'.

Nel mio piccolo sto realizzando un software che consenta a chiunque di pubblicare un sito amatoriale a bassissimo costo e con poca fatica, raggiungendo risultati dignitosi in termini di interfaccia di navigazione, accessibilita', leggerezza, conformita' del codice agli Standard del W3C e aspetto grafico delle pagine.

Anche questo non e' un software WYSIWYG, nel senso che mentre lavori sul codice non ti da' una *preview* in tempo reale, ma per avere un 'rendering' delle pagine devi appoggiarti ad un browser vero e proprio. In compenso, le 'dimensioni' del prodotto finale che avrai realizzato saranno tali e quali anche sui display di altri personal computer, qualunque sia la diagonale e la risoluzione dei medesimi.

Quello sara' il mio modo di dire 'What You See Is What You Get'.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Nel Communicator di Netscape c'e' composer che funzia abbastanza bene.

E non costa nulla.

Share this post


Link to post
Share on other sites

A mio avviso il principale problema non e' dato fall'inconsistenza dei browser [considera che la stragrande maggioranza di persone usa IE su Windows] quanto il fatto che la stessa percentuale usa monitor piccoli, scadenti et orribilmente calibrati. Fare grafica in queste condizioni richiede la necessita' che l'autore proprio 'non ci pensi'.

Un giorno presi un mio lavoro, a cui avevo preposto una pagina con una scala di grigio ed uno spettro cromatico per la calibrazione, e cominciai a girare per client a caso negli uffici, nei negozi e nelle case degli amici.

Bene, credo che sia stata l'esperienza profssionale piu' significativa in asoluto. Un esperienza che consiglio a tutti.

G.

ps: Tanto tempo fa (quendo Apple era ancora seria) faceva software-ini come ClarisDraw o quell'altro WYSIWYG per il web di cui ora non mi ricordo il nome.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intendevo WYSIWYG dal punto di vista delle proporzioni della pagina, cioe' di come viene disegnata sul video (le dimensioni di ogni oggetto). Perche' quando si parla di colori ha ragione Gianni: non c'e' modo di annullare le differenze fra le varie piattaforme.

Se scegli i colori per Macintosh, su Windows li vedi troppo scuri. Se fai il contrario, passando al Macintosh vedi tutto sbiadito e tenue...

Si puo' provare a tenere un piede in due scarpe, ma il dithering non ce lo leva nessuno. Usando una palette di colori decente per tutte le piattaforme, i colori disponibili sono 128 (un po' pochini). Io sto sviluppando i miei siti tenendo conto che ormai tutti hanno dei computer con schede grafiche a migliaia di colori - come minimo -, ma so perfettamente che vedendo le stesse pagine a 256 colori, molte tinte risultano sballate... Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tenere in considerazione gli utenti con schede a 256 colori, mi sembra francamente esagerato. Anche se ho sorprendentemente notato come spesso moderne schede grafiche a milioni di colori siano impostate per funzionare a 256: negli uffici succede di tutto.

Un mio amico che fa sopratutto (malgrado lui:-) assistenza dice che la grande maggioranza dei suoi proventi deriva da paciughi fatti a livello del software.

Preferisco non scendere nei particolari ma, certo, i browser potrebbero almeno implementare la compensazione automatica del gamma

come IE su Mac aumenta la dimensione dei font...

(ma davvero non lo fanno ?)

G.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho appena cominciato ad usare dreamweaver e Firework per fare siti internet. Premetto che vengo dal mondo dell'editoria cartacea e non tutto mi è ancora perfettamente chiaro per quanto riguarda internet.

Ma la cosa che più mi fa arrabbiare è che non riesco a capire come creare pagine che si adattino allo schermo di chi le visualizza. Lavoro con pagine di dimensione 800x600 che dovrebbe essere più o meno uno standard, ma quando mi capita di visualizzare la pagina su un monitor grande tipo un 19 pollici mi ritrovo con una pagina piccola e molto spazio attorno.

Qualcuno mi può aiutare?

Grazie in anticipo

Lazlo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gabriele il principio e' questo:

Se fai una pagina di larghezza fissa come ad esempio quelle di Macity la porzione di schermo che occupano dipende dal numero di pixel a cui e' settato lo schermo stesso.

In pratica come accade per Macity se visualizzo la pagina su uno schermo da 640x480 mi perdo la colonna di sinistra: le pagina di Macity sono larghe 740 Pixel.

Se la visualizzo su un 800x600 vedo la pagina in tutta la sua larghezza e mi resta uno spazio di visualizzazione per le barre di scorrimento laterale della finestra del Browser.

Se visualizzo Macity su un 1024x768 mi rimane uno spazio bianco a destra.

Ovviamente aumentando le dimensioni in pixel dell'area di visualizzazione mi aumentera' lo spazio bianco a lato dell'area occupata dalla pagina stessa con il risultato che su un monitor da 19" la pagina occupera' meta' della superficie totale dello schermo.

Altro esempio e' questo forum: in questo caso non abbiamo deciso una larghezza massima fissa ma abbiamo assegnato alla pagina o meglio alla tabella principale in essa contenuta una larghezza non i pixel ma in percentuale, ovvero del 100 per 100 in modo che ampliando la finestra del browser si allargasse anche tutta la superficie di visualizzazione.

La scelta tra le due opzioni dipende dalla tipologia del sito e dalla necessita di mantenere sotto controllo l'impaginazione.

Nel caso di Macity abbiamo optato per la prima scelta per presentare un aspetto univoco e controllato delle varie sezioni, nel caso del forum abbiamo privilegiato la comodita' d'uso di uno strumento che e' essenzialmente testuale.

Esistono poi delle soluzioni intermedie che si appoggiano sulla bravura dei webmaster in cui esiste una sezione "elastica" centrale che permette l'adattamento della dimensione massima della tabella alla larghezza in pixel permessa dallo schermo.

Se sei all'inizio ti consiglio di optare per una dimensione fissa e se lo spazio laterale nei grandi schermi ti sembra troppo "bianco" o vuoto, utilizza un Gif di sfondo con la parte sinistra bianca o trasparente e la parte destra, aldila' della tabella di dimensioni fisse con un colore di sfondo o una trama molto leggera e non invasiva.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Puoi mitigare l'effetto "prinipiante" centrando le pagine. Cosi appaiono tutte in centro a non allineate a sx (penso sia il default).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ad ogni modo il problema fondamentale è che le pagine web non "risiedono" su un media di dimensioni fisse, tipo foglio A4, per intenderci.

Bensì è come se fossero immerse in un quarto di piano infinito che inizia con l'angolo in alto a sinistra (immagina nel piano cartesiano il quadrante con le x positive e le y negative).

Il monitor di ciascuno di noi riesce a visualizzare una certa porzione di quel piano. Per esempio 800x600 pixel oppure 640x480 oppure 1024x768 eccetera eccetera.

Ma nulla vieta che per esempio il signor Bill Gates (strapieno di soldi), abbia a casa un monitor la cui risoluzione 6400x4800 (oltre ad odalische disposte a tutto, buon per lui...).

La soluzione di usare grandezze espresse in percentuale (tipo gli esempi fatti da Settimio su questo forum), talvolta danno risultati carini. Ma non risolvono per esempio i problemi della grandezza dei font. Ne' risolvono le situazioni in cui le tabelle che usi sono talmente complesse (per esempio per allineare meglio testo ed immagini) che è per te impossibile usare solo grandezze espresse in percentuale.

Considera poi un altro fatto imprescindibile. Le immagini in formato gif e jpeg (le più comuni) hanno la loro larghezza fissa, su quel piano infinito, per esempio 120x60 pixel. Queste sul monitor di Bill Gates occuperanno PER FORZA uno spazio infinitesimale!

Hai capito il concetto?

Il fatto che non esista il comando "Occupa lo schermo intero" non dipende perciò da un tuo limite, ma dalla struttura un po' sfigata del media.

In questo momento l'unica applicazione che consente di far gestire al webmaster qualcosa di estremamente simile a "Occupa lo schermo intero" è Macromedia Flash, che non a caso ha un fondamento vettoriale e non bitmap (se non sai il significato di queste parole hai un bel po' da studiare!).

Però Flash ha altri effetti collaterali e soprattutto richiede altro apprendimento non banale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this