Microsoft vuole affossare l'open source.


Recommended Posts

Beh, non è detto che i costi di supporto per Linux debbano rimanere alti. E probabilmente Linux in campo aziendale (oltre che desktop) è veramente il futuro... tant'è che anche una grandissima azienda informatica ben nota come Oracle (mica pizza e fichi) propone la SUA personale distro Linux, meglio nota col nome di Unbreakable Linux.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 153
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

ma io mica sostengo che i costi di assistenza su linux debbano per forza rimanere alti.

Io dico che è una barzelletta stimarli a zero, e che (Ad oggi) il costo orario di un sistemista unix è decisamente superiore a quello di un omologo MS.

Che il futuro sia quello, lo possiamo solo immaginare.

Personalmente ho scritto negli scorsi post che ritengo stia cambiando il vento.

Link to comment
Share on other sites

Non vedo perche' i tuoi colleghi avrebbero dovuto essere contenti della migrazione.

Sanno usare windows, office e IE, e tu gli metti linux, OO e firefox.

Hai fatto la formazione necessaria?

Hai distribuito i manuali?

Hai verificato che tutti i moduli, le macro e i siti che usano siano compatibili al 100%?

ecc.

No, non lo hai fatto e loro si lamentano

Benvenuto nel mondo reale.

Stupidate.

Ho detto che nel mio ufficio si usa soltanto un browser internet per reperire informazioni relative al nostro lavoro e, molto raramente, Word (o simili).

Per usare Firefox, che avevo già installato su XP, al posto di IE non c'è bisogno di nessun manuale. Sono nell'uso standard praticamente identici.

C'è una bella icona sul desktop (l'unica), il doppio click su Linux è uguale a quello di Windows.

Quelli che devono usare Word, un paio di volte al mese, per quattro righe da stampare, non dovrebbero aver nessun problema anche con OO. La voce "stampa", è sempre nel menu file e l'icona è sempre quella di una stampante.

In compenso c'è un sacco di gente che quotidianamente va a beccarsi virus e malware assortito sui siti porno.

Risultato: i computer sono da bonificare ogni due/tre settimane perchè inutilizzabili.

Adesso, io mi sono rotto di non poter usare il computer quando mi serve urgentemente perchè qualche testa di c...o l'ha riempito di virus.

Link to comment
Share on other sites

In compenso c'è un sacco di gente che quotidianamente va a beccarsi virus e malware assortito sui siti porno.

Risultato: i computer sono da bonificare ogni due/tre settimane perchè inutilizzabili.

Adesso, io mi sono rotto di non poter usare il computer quando mi serve urgentemente perchè qualche testa di c...o l'ha riempito di virus.

Oh, premesso che di principio preferisco che in un computer ci sia Linux (meglio ancora sarebbe un Mac) rispetto a Windows, però dai 'sta storia di virus ecc. ecc. è buona per un computer domestico ma in un ufficio che ha un minimo di cognizione informatica la prima cosa che fai è installare un antivirus e un antispiware e magari ... visto che qualche dipendente potrebbe andare su siti poco raccomandabili, qualunque OS giri sul computer, un bel proxy per chiudere la navigazione verso lidi poco edificanti.

Sono regole di buon senso che dovrebbero essere prese a prescindere dall'OS utilizzato.

Link to comment
Share on other sites

Kaspersky, Adaware, Spybot e firewall hardware, naturalmente tutto installato da me (meno il firewall) che non sono certo l'amministratore di sistema ma un semplice impiegato.

Sono d'accordo quando parli di un "ufficio che ha un minimo di cognizione di informatica". Nel mio non esiste e devo provvedere da me dato che sono l'unico che sa un po' "metterci le mani" (poco), perchè l'amministratore è un esterno che ha poco tempo da dedicarci (ai miei capi va bene così).

Era meglio tenere un s.o. che più o meno tutti conoscevano, anche se i (due) computer erano quasi sempre fuori uso, o richiedere un minimo di sforzo da parte di tutti e avere delle macchine un po' più stabili e meno vulnerabili?

Link to comment
Share on other sites

Sono d'accordo quando parli di un "ufficio che ha un minimo di cognizione di informatica".

in Italia credo che l'80% delle persone che lavorano con un computer siano ancora meri Utenti da software necessario al lavoro e basta. non credo di aver esagerato perchè chissà quanti come i miei colleghi e colleghe hanno creduto a quella stronzata di e-mail/virus che ieri ha invaso la rette con la fantomatica polizia on-line...come si fa a far capire che esiste addirittura un altro SO??!?!? la gente non distingue la differenza tra programma e sistema operativo!! c'è chi crede ancora che le canzoni scaricate "da internet" si scarichino da siti o portali!!!!!

Link to comment
Share on other sites

Ma dai... allora non ve lo ricordate proprio il comune di Milano che deve tener spenti per 3 giorni (TRE GIORNI!!!!!) tutti i computer per evitare che il virus Kamasutra faccia danni... cioè, gente che ha in mano le nostre identità...

Link to comment
Share on other sites

Come ti capisco...

Conosco una che ricopre orgogliosamente in una scuola media la carica di "prof d'informatica", quando mia sorella le disse: "io uso Linux" la risposta che si è sentita dire è stata: "LinuS? che programma è? Non lo conosco..." E noi mettiamo questa gente a insegnare l'informatica ai ragazzi? Gente per cui la definizione di Sistema operativo è: WINDOWS? (frase che oltretutto potete trovare su ogni libro scolastico (elementari e medie per lo meno) di informatica)...

Finchè vediamo queste cose non possiamo pensare di poter vedere Linux in una scuola (sempre elementare o media) o in un ufficio quando invece sarebbe un gran guadagno...(sia in costi sia in preparazione...velo immaginate apprendere le basi e i concetti di linux unix e open-source già dalle elementari? Abbiamo in giro per la rete una distro studiata apposta chiamata EDUBUNTU, cavolo sfruttiamola....)

Tutte parole al vento......

Link to comment
Share on other sites

Sarò apodittico. Le distribuzioni Linux attuali sono tanti piccoli personaggi interessanti in cerca d'autore.

Quell'autore è arrivato e si chiama Google Inc.

Microsoft sta preparando la battaglia(*) legale per impedire a Google di uscire con applicazioni per Linux o addirittura per impedire la sua gDistro.

Tutto qui, il resto è la Noia del Califfo.

(*) quel giorno le squadre volanti degli avvocati di Microsoft oscureranno il cielo e un fetore di inferno caldo e nauseabondo, di scorregge di demoni mangiafagioli pervaderà per settimane gli Stati Uniti. Sarà il Processo Perfetto, quello cui financo Mastella parteciperà da semplice garzone

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share