Recommended Posts

Più che per chi è in grado di muoversi fra i comandi di FCP è una buona guida (forse anche di più) all'interno del sapere cinematografico. Che si usi una videocamera digitale di tipo consumer o una macchina da presa cinematografica la cosa fondamentale è avere le nozioni di base per fare un filmato, casalingo o professionale che sia. Il software è lo strumento per fare in modo che il registrato diventi qualcosa di godibile. Prima della videocamera digitale usavo (e uso tuttora) una videocam analogica ed i montaggi audio e video li facevo con mixer audio, video, titolatrice ed altre "cose voluminose". Da quasi 2 anni uso il PBG4 ed il videorec mi serve relativamente.

E non sono un professionista, come non sono per professionisti i vecchi ferri del mestiere: ho sempre utilizzato soluzioni consumer o semi pro, ben sapendo cosa erano in grado di darmi.

FCP e, ovviamente, FCE sono enormemente più vantaggiosi e costano, credimi, meno, molto meno dei vecchi strumenti analogici non professionali.

Il libro «Final Cut Pro - Tecniche di montaggio ed editing video» conduce per mano attraverso il sapere del montaggio, spiegando anche le tecniche di ripresa in funzione della sceneggiatura. In definitiva ci fa conoscere, indirettamente, come si gira un film e, direttamente, come si monta usando FCP ma non è un manuale tecnico solo per esperti: è una miniera per chi vule imparare a montare un film.

Ovviamente bisogna imparare anche altre cose ed FCP / FCE servono solo per la parte finale, seppur molto importante...

Un po' lungo eh?!

Posted Image

Ciao

Link to post
Share on other sites
  • Replies 7.4k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Lungo ma esauriente.

Mi procurerò questo libro quanto prima. Io ho FCE e sto imparando ad usarlo abbastanza bene.

Quello di cui ho bisogno adesso é proprio un testo che mi guidi nella realizzazione di un film amatoriale, sì, ma guardabile senza troppi sbadigli.

Link to post
Share on other sites

Avevo quasi dimenticato di tenere 'parcheggiata' nel mio PowerMac la DC30 Plus...

Ho fatto una rapida prova col nuovo drive per OS X, giusto per vedere se viene riconosciuta: tutto OK. Pero' la qualita' del video non e' un granche'. L'opzione DV senza utilizzare il suo CoDec hardware e' improponibile (ho solo un processore G4 a 500 MHz e mi sa che ci vuole un bel Dual 1,42 GHz). Sono certo che smanettando un po' con le regolazioni (e ce ne sono molte) si possano ottenere buoni risultati. Comunque e' gia' una grande cosa poter riutilizzare la DC 30 anche sotto OS X.

A me non scollega l'uscita audio principale (a cui ho collegato le casse JBL), provato nelle preferenze a settare tutto correttamente?

Link to post
Share on other sites

claudio -->

con tvr (il software della formac) devi fare la sintonia di tutti i canali con un'opzione nelle preferenze del software

poi decidi quali tenere in memoria

settimio --> ora non ce l'ho sotto però mi sembra che vidi usi le sintonie di tvr: preliminarmente bisogna memorizzare i canali con tvr quindi

claudio --> la mia affermazione è generica (e rivolta alle affermazioni di rosario) e me ne scuso

intendevo che talvolta pulire la cache di sistema risolve un problema molto fastidioso che può dare ad esempio un hub esterno usb

prima di fare questa operazione, magari uno dice che questo hub usb non funziona bene, poi fa questa operazione e tutto si sistema, oppure come dice settimio c'è una patch di terze parti che crea un conflitto

un'altra cosa che penso (smentitemi pure) sia importante è usare quotidianamente il sistema come utente e non come amministratore; ho notato che chi lo fa ha molti meno problemi con ten di chi agisce come amministratore

Link to post
Share on other sites

Sì, anche se non in maniera così immediata.

Una volta acquisito il tuo filmato, lo visualizzi nel Viewer, e da un menu che ora non ricordo (mi pare Marker) puoi dargli il comando di cercare tutti gli start/stop esistenti nel filmato. FCP posizionerà un marker per ogni punto di interruzione che trova.

Con un ulteriore comando dallo stesso menu, gli dici di creare le sub-clip, e nella finestra browser ti troverai tutte le clip come in iMovie.

In realtà, tale divisione è solo fittizia. L'integrità del filmato acquisito non viene intaccata. Una delle caratteristiche di FCP e anche di FCE che uso io è quella di non modificare MAI, in alcun modo, il filmato originale acquisito.

Link to post
Share on other sites

Possiedo una Videocamera Sony DCR TRV 130E vorrei sapere come posso abilitare il DV-IN.

Possibile che non esista la soluzione?

Mi pare abbastanza strano.

Sul questo sito é riportato che si può fare ma occorre un adattatore, di che si tratta e dove lo compro?

Inoltre quale sarebbe il widget da acquistare?

Vi sarei enormemente grato se poteste aiutarmi .Grazie Dario

www.altrequinte.com

Link to post
Share on other sites

Io ci penso ancora un pò perchè a me servirebbe un manuale che parte dall'ABC.... "quel pulsante serve per fare ....., per fare una dissolvenza devi fare questo....,etc.." in fondo io riesco solo ad aprire il programma! devo imparare tutto e per chi lo usa già, anche se non in modo approfondito, forse non si rende conto delle difficoltà del neofita che non conosce neanche l'inglese (che palle questo direte voi) e che dopo due ore davanti al monitor non è riuscito neanche a montare due sequenze (ma questo è impedito continuerete a pensare.... beh forse avete ragione).... cmq vi assicuro che è una grande frustrazione...

Nei prossimi giorni andro in libreria a dare un'occhiata al Libro.

Cmq ancora grazie dei consigli e scusate i miei limiti.

Ciao!

Link to post
Share on other sites

grazie Luciano,

se ho ben capito devo acquisire l'intero filmato e solo dopo posso processarlo così come tu mi indichi.

In iMovie non solo gli start/stop sono acquisiti automaticamente come clip separate ma anche i cambi di frame (scena) non perfettamente contigui, cosa molto comoda in fase di montaggio di film molto lunghi : pensavo fosse possibile anche in Final cut, magari impostando esplicitamente il time code direttamente sulla telecamera.

Ciao e grazie ancora.

Link to post
Share on other sites

Impostando il time code del nastro puoi fare tutto quello che vuoi in fase di acquisizione, anche importare un frame per volta, per assurdo.

In linea di massima io preferisco importare sequenze piuttosto lunghe (per esempio 2 spezzoni da 30 min da un nastro da 1 ora) con l’opzione “Capture nowâ€, senza preoccuparmi del time code.

Poi, dal viewer, porto sulla time line le parti del filmato che mi interessano impostando per ognuna di esse i Mark in e out.

iMovie effettivamente importa clip separate per ogni start/stop che trova sul nastro. Sembra più semplice, ma non lo è, specialmente per filmati piuttosto lunghi. Io mi sono trovato a dover gestire 200-250 clips, che per di più non venivano tenute in ordine cronologico, ma rimescolate ogni volta che riavviavo iMovie.

C’è inoltre da notare il diverso modo di trattare le transizioni fra le varie clips. In iMovie se metti in sequenza due clips da 10 sec l’una, e inserisci fra loro una dissolvenza da 1 sec, otterrai alla fine una durata totale non di 20, ma di 19 secondi. Questo perché iMovie “sovrappone†mezzo secondo alla fine della prima clip e mezzo secondo all’inizio della seconda per trovare il materiale da dissolvere.

Invece, nella stessa situazione, Final Cut ti darà una sequenza totale di 20 secondi, perché i frames per la dissolvenza li prende 0,5 sec “dopo†la fine della prima clip e altrettanto “prima†dell’inizio della seconda. Sempre che tali frames ci siano. Altrimenti, non ti consente di inserire la transizione. E se la clip è già tagliata da uno start/stop al successivo, non ci sono frames per creare la transizione.

Il concetto non è semplicissimo, me ne rendo conto. Però è un modo di lavorare molto più efficiente e preciso di quello di iMovie. Come del resto c’è da aspettarsi da un programma quasi professionale come Final Cut.

Ciao

Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.