VIDEO DIGITALE


Recommended Posts

  • Replies 7.4k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

scusate se mi intrometto.

Il fatto che sul monitor si vedano male le immagini dipende da Quick Time.

In fase d'importazione questo rimappa la luminosità da 16-235, rispettivamente le ombre e le luci nella campionatura DV, a 0-255 e (come se non bastasse) effettua una correzione del gamma che va ben oltre il ripristino della linearità nella rappresentazione della luminosità.

Lo stesso preview su un monitor Pal, se effettuato attraverso Firewire, viene sempre gestito da Quick Time ma il problema è risolvibile collegando l'imput Pal all'output analogico del camcorder.

Il codec DV di QT é in effetti piuttosto scarso tanto che molti ricorrono a codec di terze parti che permettono, oltre ad una qualità superiore (specialmente nella compressione di titolazioni e grafica), anche la possibilità di non rimappare la curva della luminosità in acquisizione: perché le camere amaroriali non hanno il pattern a zebra o, se si, i loro proprietari lo usano molto poco; bucando spessissimo le alte luci e trasformandole in speculari.

Recentemente Media 100, che ha acquisito Digital origin, ha reso disponibile il download gratuito di Edit DV Unplugged che usa un codec proprietario e può essere testato per rendersi conto della differenza.

Tuttavia, anche il codec di Edit DV nulla può contro le limitazioni del formato. Non voglio aprire la solita diatriba sul sottocampionamento cromatico; Solo dire, però, che raramente un'acquisizione seria bypassa vettroscopi e/o waveforms perché il colore sopratutto non è mai perfetto. Col DV si puo solo intervenire a posteriori attraverso sofware tipo "Video Finesse 2" ma ciò comporta una RICOMPRESSIONE COMPLETA.

Per questo mi sento di approvare ed, anzi, consigliare sempre la realizzazione di submasters non compressi esportando NONE od Animation alla massima qualità.

Se proprio si hanno problemi di spazio (oggi esistono dischi ide IBM da 75GB e Maxtor da 80 con prezzi abbordabili) si può optare per il Conponent Video che riduce del 50% la dimendione del file senza apprezzabili perdite di qualità; o, se nel multimedia, ricorrendo allo ridimensionamento delle clip: meglio usando gli algoritmi di After Effect o De Babilizer.

Bye,Bye

Link to comment
Share on other sites

Scusa Massimo ma non sono daccordo.

Salvare come uncompressed clip DV non migliora la qualità ma permette tutte le manipolazioni ed il compositing del caso senza l'ulteriore perdita che si avrebbe salvando ogni passaggio intermedio in DV: se non si fa un semplice lavoro di editing in una sola sessione ed usando un solo software bisognerà pur salvare un filmato e non solo un progetto.

Non uso Final Cut (non ancora) per quei due milioni e mezzo; quindi non so se mantenere il segnale in Y/CC risolva concretamente il problema ma sulla superiore qualità del codec Radius e del ProMax non ho dubbi.

Dei molti, troppi, controlli del Promax se ne usa quasi uno solo: quello che permette di NON rimappare la gamma del luma come fa Quick Time per salvare le alte luci che quest'ultimo butta (o buttava) fuori. L'unica attenzione é quella di mantenere i colori della grafica all'interno dello stesso range ed operare le correzioni cromatiche aumentando la percentuale di taglio del punto di bianco.

Per quel che riguarda, poi, il fatto che tutto ciò si veda o meno sul televisre di casa... beh non so cosa dire: sono abituato a ragionare in termini assoluti. Io creo contenuti per il multimedia ed il web e ti garantisco che per ottenere dei 416X240 a 15 fps con i colori che voglio devo "sudare " parecchio e credo di essere l'unico in Italya che usa (anche) il Cinepak PRO. Ma certo c'é ache chi fa i CD-ROM con video non montati (spezzoni così come escono dalla camera) e/o compressi in PhotoJpeg: qualcosa tipo 160X120X25 fps X 800KBYTE(non bit)al secondo. Vedi Il CD sul Monte di Portofino pubblicato dal Secolo XIX di Genova (la mia città) un paio di mesi or sono e con la sponsorizzazione di 4 o 5 enti pubblici e privati.

Bye, Bye

Link to comment
Share on other sites

Non hai indicato le versioni precise di Premiere e FCP, in ogni caso:

- FCP- Assicurati che il le impostazioni per il progetto e la sequenza siano 'DV-Pal' . Nelle preferenze guarda che opzioni ci sono nel pop-up menu 'View External Video Using'

- Premiere 5.1c (è importante la 'c') -

Usa una delle impostazioni 'DV Pal' e verifica:

Menu Project->Settings->General:

Editing Mode = QuickTime DV Output

e poi clicca su 'Playback Settings' e verifica un po' le opzioni possibili.

Tutto questo è indispensabile farlo con il camcorder acceso e collegato

Link to comment
Share on other sites

Il formato DV prevede un datarate di 3,4 MB al secodo comprese due tracce audio a 16bit/48Khz o 4 tracce 12Bit/32Khz deriva da una codifica che l'elettronica del camcorder fa, al volo, sul segnale analogico che esce dal(dai) CCD. il segnale é quindi molto pulito e registrato direttamente in base due. Però é molto compresso, specialmente nella misura di una forte riduzione della profondità cromatica: che, per il MiniDV a 25MBits/s é di 4:1:1 se l'NTSC (anche detto: Never The Same Color) e 4:2:0 se Pal. Cioè, con una frequenza di campionamento totale di 13,5 Mhz, ci sono 2 rilevazioni del croma (l'eccesso di rosso e l'eccesso di bleu) ogni 4 del luma. Solo che la sequenza di campionamento, é lineare orizzontale per l'NTSC mentre si basa su una matrice di 2 orizzontali X 2 veticali nel Pal: col risultato di non essere proprio la stessa cosa come si dice spesso per via della diversa risoluzione verticale.

Qundi Il DV, in tutte le sue applicazioni é un D1 (UTU R 601) compresso. Molto.

Ne rispetta le specifiche di risoluzione, orizzontale (720 Pixel), l'aspect ratio (normalmente di 4:3) e la frequenza di campionamento di 13,5 Mhz; con la conseguenza di generare pixel non quadrati.

Non quadrati perchè il pal ha cento linee di scansione in più dell'NTSC. Di conseguenza, per accomodare cento linee di pixel in più mantenendo invariato l'aspect ratio, è necessario schiacciare i pixel. Decisione salomonica: schiacciamo un po' quelli del Pal e stiriamo un po' quelli dell'NTSC!

Per concludere, è possibile che il D1 a cui hai esportato l'animazione sia non compresso. Fai presto a vedere: se il datarate si aggira sui 30MB/s invece che 3,4 la risposta è "YES"

In questo caso é charo che il povero G4 arranca...

Però se lo scopo che hai non è di inserire l'animazione in una time line di clip DV, se cioé lo devi rappresentare a monitor o, comunque, conservare in attesa di decidere cosa farne, scegli un formato meno compresso o più asimmetrico, come l'MPEG2 I frame (l'unico editabile). successive ricompressioni, infatti, distruggono più dei passaggi generazionali.

A chi vuol farsi un'idea della potenza bel nostro amato cucciolone, basti pensare alla risoluzione cinematografica cisiddetta 4K (4096*2304) con 16 bit di profondità per canale RGB: quella dei migliori effetti speciali.

Parliamo di più di UN GIGABYTE AL SECONDO

G

Link to comment
Share on other sites

La transcodifica DV > MPEG2 I frame non l'ho mai fatta via software. Ci sono però soluzioni hardware come quella di Wired/Media100 e so che RTmac di matrox lo permetterà. La prima dal prezzo umano-faccio per dire- é stata la Fast 601.

Conosco solo uno shareware in beta ma esporta solo in MPEG 1. E non sono neppure sicuro che con altri tipo Heuris sia possibile esportare solo gli I frame (quelli interi che permettono l'editing preciso) senza i P ed i B.

G.

Link to comment
Share on other sites

Sono piuttosto ignorante sui formati video e mi sto interessando per creare Cd rom con filmati da archiviare e poter rivedere con il lettore DVD recentemente acquistato.Ho fatto dei Vcd con Astarte e Toast ma la qualità è abbastanza scadente.Ho sentito parlare di un formato migliore chiamato Xvcd. Sapete cosa vuol dire?Grazie per l'attenzione e colgo l'occasione per fare gli auguri di buon Anno a tutto il Forum e alla redazione di Macity.Questo Forum sta diventando veramente uno strumento insostituibile .Grazie di nuovo!

Link to comment
Share on other sites

Penso di averne già parlato in un thread riguardo il Super Video CD. Usa la finzione "Cerca" che vedi sulla sinistra con "Super VideoCD" o solo "Super Video" (cosa che avresti però dovuto fare prima di cominciare questo nuovo thread, magari cercando solo "Video CD" - lo dico perchè i thread abbondano e averne uno in più riguardo un argomento già trattato sia abbastanza noioso)

Link to comment
Share on other sites

Scusate per il thread già discusso e noioso.Ho comprato solo da pochi giorni il lettore dvd e mi ha stuzicato la possibilità di utilizzarlo come lettore per i miei filmati digitali,nonchè per proiettare foto convertite in still frame su cd.Sicuramente arrivo molto in ritardo e quindi mi scuso di nuovo.La ricerca comunque non ha dato grandi risultati.Grazie comunque della risposta.

Link to comment
Share on other sites

Olaf... se non ha trovato nulla forse e' il caso di dargli una mano segnalandogli il thread giusto o forse aggiornanocivicisi sulla situazione.

Ecco qui sotto l'aggiornamento della situazione

(poi spostiamo questo argomento nella sezione apposita)

Allora... esiste questa possibità utilizzando DvDirector di Astarte...

Funziona bene e se ci riesco metto la cosa in linea su MacProf tra qualche oretta a

questo indirizzo:

http://macprof.macity.it/archivi/xvcd.html

speriamo pero' che a San Francisco esca qualcosa di piu' semplice come auspicato da tempo su questa pagina...

http://macprof.macity.it/archivi/miniDVD.html

altrimenti per quale motivo Apple avrebbe acquistato Astarte e (si presume) il pacchetto di masterizzazione di CD di cui tanto si parlava il mese scorso?

Link to comment
Share on other sites

Luca:

Non sono sicuro: nel senso che potrei essermelo sognato di notte; quindi...prendilo con beneficio d'inventario.

Credo che il SuperVideoCD (se questo corrisponde all' XVCD) sia nato da un concorso pubblico indetto dalle autorità della Cina popolare qualche anno fa. L'intento era di trovare un formato alternativo al DVD; per diverse ragioni:

per l'irrisolta questione della violazione dei diritti d'autore di cui la Cina é accusata a livello internazionale, sopratutto per il mercato interno (ma non solo);

per la grande diffusione che nei mercati asiatici ha sempre avuto il VideoCD che in Europa non ha, invece, mai sfondato. Quindi di compatibilità, almeno parziale, delle infrastrutture industriali di produzione;

per il minor costo produttivo.

Forse anche per campaninismo, perché a vincere - contro cordate rappresentate dai soliti grandi nomi dell'industria mondiale, nessuno escluso - é stata una partnership cinese.

Ci sono lettori di DVD compatibili con il SVCD ma, allo stato attuale, non ne capisco il senso: visto che la codifica è in MPEG2 che, al datarate più ridotto rispetto a quello del DVD, garantisce circa 35 minuti di contenuto: più del DVD ma meno del VideoCD, per il quale bastano 2 dischi per un film (visto la correzione degli errori molto meno rigorosa rispetto ad un CDROM-XA ci sta il 13% di MB in più).

In futuro bisognerà vedere quando la discesa dei costi di produzione dei device Desktop per DVD incontrerà quella dei prossimi CD da 1,3 GB; per non parlare di quelli a fluorescenza (che ancora non so in quale categoria ascrivere)

Personalmente ritengo L'MPEG1 ancora una valida scelta: il problema nasce dal fatto che, di solito, chi usa Mac è abituato ad associare l'idea dell'MPEG1 a quella del codec di Astarte: che fa schifo! Cioé: é brillante, "croccante" ma incredibilmente scadente nella gestione del movimento. Bisogna ASSOLUTAMENTE usare HEURIS.

Ora, e questo mi fa sorridere, é possibile che Media 100 acquisti Heuris mentre Apple, quasi un anno prima, gli abbia preferito Astarte???

Oppure: E' possibile che il nuovo QTVR, quello del rilancio, sia il più vecchio in assoluto: cioé la proiezione cubica implementata già dal VRML1 nella notte dei tempi e di cui PhotoVista era già capace nel 1996? Tanto che se si salva uno stitching fatto con questo applicativo in una proiezione cubica si ottengono 6 bei cubi pronti da tagliare e trascinare su Apple "MakeCubicPPC" per avere i nuovi formidabili panorami; mentre se si eseguono gli scatti separatamente, come suggerirebbe la procedura di Apple, si scopre che il pezzullo di software non fa lo stitching e quindi NON serve a niente?

E niente MPEG4 su QT5 quando, non solo Microsoft, ma anche Minerva o Geo Emblaze hanno già trasferito armi e bagagli sullo streaming MPEG4...

G.

A chi si lamenta che i CD ROM multimediali sono monopolizzati dalla piattaforma Microsoft:

Il Grande fratello (bleah) in olanda si serve di tecnologie Geo Emblaze. mentre in Germania ci sono due sistemi HIRES de BE HERE con obiettivi a lenti paraboliche, in grado di permettere al client di scegliersi l'inquadratura fra i 360° disponibili.

Basta un poco di fantasia...

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share