VIDEO DIGITALE


Recommended Posts

Forse sono un po' in ritardo...va bé.

I modelli che avete elencato sono tutti ottimi e l'elettronica di acquisizione dell'immagine è pressoché identica per qualsiasi marca.

La parte più importante di una DigiCam è l'ottica (le lenti).

Tenete presente che parliamo di luce che passa attraverso dei cristalli di silicio.

La miniaturizzazione delle lenti certo non fa bene alla qualità dell'immagine.

Quindi scegliete DigiCam che montino lenti Zeiss per esempio, con un ampio zoom meccanico. Guardate sempre il rapporto tra zoom meccanico e zoom digitale (lo zoom digitale è una presa in giro secondo me).

Comprate anche un filtro UV che protegga la prima lente.

Altra considerazione importante:

I microfoni stereo incorporati sono sensibilissimi: campionano a 48kHz o più e se la DigiCam ha un motore elettrico rumoroso otterrete un fruscio di fondo fastidioso che è quasi impossibile eliminare durante la post-produzione.

Ciaooo!

Marika

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 7.4k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Ti riporto una cosa che ho già scritto su un altro Forum:

La parte più importante di una DigiCam è l'ottica (le lenti).

Tenete presente che parliamo di luce che passa attraverso dei cristalli di silicio.

La miniaturizzazione delle lenti certo non fa bene alla qualità dell'immagine.

Quindi scegliete DigiCam che montino lenti Zeiss per esempio, con un ampio zoom meccanico. Guardate sempre il rapporto tra zoom meccanico e zoom digitale (lo zoom digitale è una presa in giro secondo me).

Comprate anche un filtro UV che protegga la prima lente.

Altra considerazione importante:

I microfoni stereo incorporati sono sensibilissimi: campionano a 48kHz o più e se la DigiCam ha un motore elettrico rumoroso otterrete un fruscio di fondo fastidioso che è quasi impossibile eliminare durante la post-produzione.

Ecco Posted Image

Maimai

Link to comment
Share on other sites

Se non hai una copia su DVD o Vcd sono guai.. altrimenti chiedi al videoperatore se dispone di una copia ( se è un professionista l'ha di sicuro) e fatti fare un DVD.

Buona norma è mettere i supporti separati e tra loro in località diverse, per sicurezza.

Link to comment
Share on other sites

Marika > Anche i DVD possono risentire dei campi magnetici della tv a tubo catodico? Quindi le VHS vicino al TV sono tutte a rischio?

GLOMM Posted Image

Link to comment
Share on other sites

Sì, sì, sì e sì!

Quando si tratta di materiale analogico e/o digitale è necessario cautelarsi conservandolo in ambiente secco e buio e lontano da sorgenti elettromagnetiche.

Anche la luce è un'onda elettromagnetica che, seppur non possedendo una massa misurabile (per ora dico io), interagisce con gli elettroni delle molecole, modificandone la struttura.

I CD e i DVD masterizzati "fai da te" poi sono anche soggetti ad un deterioramento naturale che li rende piuttosto precari.

Ho aperto una discussione in un altro forum su questo argomento.

Marika

Link to comment
Share on other sites

Marika: <FONT COLOR="ff0000">Forse sono un po' in ritardo...va bé.</FONT>

In effetti... adesso la Canon produce la MV<FONT SIZE="+1">7</FONT>50i... Posted Image

Link to comment
Share on other sites

Grabriele, cominciamo al fondo.

Le videocamere firewire si attaccano semplicemente infilando la presa nel bus del computer: accendi il camcorder e lo metti in modalità playback (altri la chiamano vcr et c.) poi avvii il computer e lanci l'applicazione di acquisizione. Se non ti funzinano i comandi logici dell'interfaccia (avanti indietro, play and so on) usa il telecomando della telecamera stessa, che è anche più comodo, lasciando al software solo di iniziare-finire la copia dello streaming. Naturalmente è possibile lavorare in modo più efficente attraverso la semplice registrazione di un file di log da utilizzare per acquisire in un unica soluzione sfruttando gli in out di questo. Andiamo avanti.

I sensori delle videocamere si comportano come l'occhio umano che quando c'è poca luce quasi non recepisce i colori perchè i coni sono molto meno dei bastoncelli (a parte che nella zona foveale) ed assai meno sensibili alla luce. Quindi le riprese notturne, nella migliore delle ipotesi, sono in bianco e nero: diciamo monocromatiche ed afflitte da forte rumore dovuto all'amplificazione segnale generalmente di 12db (4X). In altre parole si tratta di una rudimentale imitazione del concetto di intesificazione della luce attraverso il bombardamento degli elettroni per accelerarli come negli strumenti militari: sai i binocoli a luce verde che certi giornalisti ignoranti chiamano 'a raggi infrarossi' ?

Ancora...

In linea generale è preferibile comperare una telecamera con 3CCD perchè anche se il numero totale dei pixel non è necessariamente superiore è invece facile che la loro dimensione sia più ampia e quindi la loro capacità ricettiva maggiore: di produrre cioè immagini pulite (con poco rumore) anche in condizioni di scarsa luce. Il fatto è che nei prodotti consumer non conta quale sistema si implementa ma quali compromessi si accettano. In altre parole vale sopratutto la regola del 'you get what you pay for' e questo tanto per gli obiettivi quanto per i sensori, gli A/D converter e la meccanica; punto.

Un obiettivo per essere uno Zeiss deve costare migliaia di euro da solo.

http://www.16x9inc.com/digiprimes/index.shtml. Zeiss, Leica... non ti sognare neppure lontanamente che abbiano qualcosa a che vedere con gli obiettivi professionali per cineprese 35 mm o per le fotocamere Hasselblad, Rollei, Contax o Leica Solms (che purtroppo pochi sanno che la Leitz Wetzlar non produce più fotocamere da vent'anni).

La dimensione delle lenti, oh... non c'entra una sega con la qualità, la risoluzione che possono fornire; semmai con la luminosità ma, oggi, lo sviluppo tecnologico ha stravolto tutte le regole canoniche dell'ottica: lenti difrattive come le ultime Canon, asferiche, a dispersione anomala (meno trasparenti al centro per compensare la vignettatura) ed altro hanno reso possibili veri e propri salti mortali. E comunque le lenti per 35 mm, più piccole di quelle per le fotocamere mezzo formato perchè con cerchio di copertura ovviamente inferiore, hanno sempre garantito risultati molto superiori: direi i più alti in assoluto.

Ricapitolando, dovresti vedere se puoi permetterti una videocamera con CCDs da mezzo pollice che oggi si trova ad un prezzo non molto superiore a quello da te indicato ma , certo, dovresti dimenticarti i requisiti di peso e/o maneggevolezza citati.

Oppure, per volare un poco più basso, alla Fnac di Genova c'era fino a poco tempo fa la JVC ad alta definizione (ma non altissima:facciamo che gira a 720p) per meno di 3000€

au revoir

Link to comment
Share on other sites

+Lo zoom digitale non è uno zoom.

+Il filtro UV (ultra violet) filtra le onde più corte dello spettro, le temperature più alte della luce, introducendo una dominante opposta, calda, gialla che anche se incontra il gusto amatoriale va filtrata.

+I microfoni delle miniDV registrano un segnale analogico come tutti i microfoni, un'onda sinusoidale. Il convertitore A/D della telecamera la digitalizza campionandola 32 o 48 mila volte al secondo con una profondità di 2 byte per campione. Il fruscio è dato da un basso rapporto segnale/rumore ed il rapporto segnale/rumore è dato, a sua volta, dalla profondità di parola: dal numero di bit per campione temporale. 16 bit equivalgono a 96db di s/n, cioè nessun fruscio; 8 bit equivalgono a 48db, cioè un po' di fruscio. Il rumore di fondo è un'altra cosa.

cheese

Link to comment
Share on other sites

Non riesco + ad importare da fonte DV con FC4,

dopo alcuni minuti di cattura si blocca, il file generato risulta sempre +- di 13 GB, cosa impossibile, in più devo spegnere il mac perche non esegue neanche l'uscita forzata (questo procedura obbligatoria mi ha anche causato la perdita dei dati dell'HD esterno).

uer is d problemm.

Grazie

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share