The Apple After iPhone , cosa ci sarà dopo?


Apple Addicted
 Share

Recommended Posts

  • Replies 33
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Forse perchè Jobs, non ora, ha capito che la continuità e il successo di Apple non potranno essere vincolati solamente ai computer? iPod è stata la "scommessa" che ha portato l'evoluzione in casa Apple: apririsi a tutte le potenzialità del mondo digitale, proponendo una propria filosofia, una propria visione... non standards. Jobs ha imparato la lezione impartita ad Apple negli anni '90, quando si ostinava a chiudersi in nicchie di mercato senza riuscire a conquistarlo, quando ha preferito tentare di imporre i propri standards ( chi se lo ricorda il NuBus? ) per periferiferiche e connettività, ignorando la direzione che il mercato aveva intrapreso. Io dico che Jobs, al dilà della sua marpioneria e del suo "misticismo", oggi è molto più concreto e realista di qualche anno fa, ed è consapevole del fatto che Apple non potrà mai primeggiare, come mercato, nel settore informatico solamente con il binomio Mac + OS X!! Ecco quindi il cambio di strategia, il primo passo con iPod, per far aumentare il peso commerciale e tecnologico di Apple sul mercato mondiale: continuare a proporre dispositivi digitali che convergano su computer, non necessariamente Mac. Ovviamente questo non significa che i Mac alla lunga verranno abbandonati, ma perderanno la prerogativa di "core business".

Un saluto.

Link to comment
Share on other sites

Quel che vorrei capire è per cosa sta quel "fuori scala" riferito ai Mac...

Comunque vi consiglio di leggere questo articolo di Zambardino sul lancio dell'iPhone, è un punto di vista abbastanza critico sul cosiddetto ghost marketing di Jobs.

Il lancio di iPhone, e non solo di questo, da parte di Jobs è solamente un "modello" di marketing che Apple si è data e, a quanto pare, sta funzionando. Ovvero: come si impone un prodotto su un mercato già saturo? Facendolo desiderare... al di là dei limiti che questo contiene.

Link to comment
Share on other sites

ho letto l'articolo del tuo link , ovviamente scritto da un non appassionato di tecnologia , è ovvio , parla di iphone e di jobs come se sia lui a convincerci di comprarlo e che noi in realtà non ne abbiamo bisogno...forse non si rende conto cosa significhi il progresso tecnologico , l'innovazioni , il brivido di vedere tra le proprio mani un prodotto , impensabile prima del suo stesso annuncio , parla esprimendo quello che penso sia disprezzo , perchè si prende troppo sul serio per desiderare ardentemente qualcosa che non abbia già (ma poi chi gli ha detto che uno quando a l'iphone una settimana dopo gli fa schifo?!?!?).inolotre parla di steve come se fosse un male da estirpare solo perchè fa bene il suo lavoro , e se mentre fa bene il suo lavoro si fa anche piacere alla gente ( ai nostri tempi cosa difficilissima) perchè non ammirarlo ??, perchè non può starci maledettamente simpatico??? , e poi non dimentichiamoci che steve jobs e apple fino a due anni fa erano think different , ora lui ha parlato della nostra passione come se fosse una multinazionale spietata e monopolista , forse si è un po' confuso con microsoft.... e questo è successo per il fenomeno ipod , che ha fatto pensare così alla gente.... poi si incazza perchè nokia e le altre non fanno niente , ma se non ne hanno la possibilità?????

insomma non ne ha detto una giusta , e comunque allora se io sento l'organetto ballo , ballo perchè mi piace e tanto! non mi sto mica umiliando davanti a nessuno....

Link to comment
Share on other sites

Il lancio di iPhone, e non solo di questo, da parte di Jobs è solamente un "modello" di marketing che Apple si è data e, a quanto pare, sta funzionando. Ovvero: come si impone un prodotto su un mercato già saturo? Facendolo desiderare... al di là dei limiti che questo contiene.

Ovvio,

quel che mi premeva sottolineare erano le conseguenze "etico-sociali" di questo marketing estremamente aggressivo di cui parla l'articolo... Cioè, l'attesa sembra più sull'evento in sè che sulla sostanza, che pure c'è, eccome.

Tutto questo mi ricorda Oscar Wilde: "l'attesa del piacere è essa stessa piacere"...

Link to comment
Share on other sites

il "fuori scala" probabilmente sarà un differente posizionamento dei prodotti.

Secondo me dovrebbero cambiare un po' la tipologia dei prodotti. Per quanto riguarda i desktop specialmente.

Sugli imac nulla da dire. Sul macmini è un buon prodotto. Il macPro è una macchina eccezionale.

Ma rimane una gamma limitata... Ci vuole questa dannata via di mezzo tra il macmini e il macpro, che andrà a discapito delle altre configurazioni, ma secondo me venderebbe un macello.

Per me sarebbe la strada giusta. E convincerebbe un macello di switchers.

Link to comment
Share on other sites

e' sbagliato pensare che apple abbia messo in secondo piano i computer, l'iPod e l'iPhone sono anche loro dei computer, hanno un processore, una ram, una memoria di massa, un display porte di imput e output, e un OS, cosa manca quindi per essere un computer?

La differenza con il resto del mondo e' proprio l'OS, apple usa OSX e gli altri al massimo possono contrapporre windows CE. Un abisso.

Cosa saranno i prodotti fuori scala?

Be' con un po' di fantasia provate a mettere le features di iPhone in un mac e quelle di un mac in un iPhone,.. poi c'e' sempre "one more thing..."

Link to comment
Share on other sites

Quel che vorrei capire è per cosa sta quel "fuori scala" riferito ai Mac...

Comunque vi consiglio di leggere questo articolo di Zambardino sul lancio dell'iPhone, è un punto di vista abbastanza critico sul cosiddetto ghost marketing di Jobs.

Chi ha scritto questo articolo dovrebbe guardare meglio al mercato dell'elettronica di consumo... facciamo un altro nome con grande hype... Sony PS3... ad esempio... possibile che non si capisca che il marketing è poi alla fine solo il creare attesa e desiderio nel potenziale acquirente? Apple come altre aziende che vendono oggetti non necessari (per necessario intendo dalle mutande alla mozzarella) devono puntare sul desiderio e non sulla necessità... Jobs sa fare bene il suo mestiere... forse chi ha scritto questo alrticolo lo sa fare un pò meno... IMHO ;)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share