Sign in to follow this  
stelleblu

Scaricare musica ed altro...

Recommended Posts

Oggi la condivisione in rete e' punibile con multa e/o reclusione e va sul certificato penale a meno che non si patteggi. E la copia solo passiva per uso personale, ammesso che sia possibile (alcuni programmi p2p di fatto la impediscono), come e' trattata? Urbani e la SIAE pensano di averla criminalizzata, io leggerei la legge nel senso che non sia neppur oggi reato. Non e' pero' molto chiaro. Qualcuno di voi vuol offrirsi da cavia per testare questa ipotesi in tribunale?

Quanto alla levata di scudi dopo il decreto Urbani e' evidente che il governo ha preso in giro il paese. Ha detto che l'Urbani sarebbe stata riformata, poi le riforme sono state minime: alleggerita la posizione dei provider , il profitto e' tornato lucro ( non basta risparmiare bisogna ricavarne soldi per cadere nelle ipotesi aggravate). Il punto e' che non si puo' rendere reato (piu' grave del furto) qualcosa che porterebbe in carcere cinque milioni di persone. Se ci sono cinque milioni di persone che commettono un reato bisogna abolire il reato, oppure la legge diventa una sinistra burletta e applicabile a totale discrezionalita' della polizia.

Quanto agli host forse abbiamo tirato il fiato troppo presto se consideriamo il previsto dal decreto legge 35/05 che rende la situazione ancora piu' confusa, ipotiszzando una specie di ipotesi di ricettazione per tutti gli host. Scusate se ogni volta rendo le cose cosi' confuse, ma il fatto e' che la legislazione non e' chiara e non e' semplice, composta com'e' da una serie interminabile di pezze, spesso scritte in malomodo e senza badare al resto, ognuna voluta dall'industria disco cinematografica per tappare il penultimo "buco". Quando si studia la legge spesso non si crede ai propri occhi. Ci sono cose incomprensibili non solo confrontando un articolo all'altro, ma spesso anche all'interno dei commi di uno stesso articolo (per esempio nel famigerato 171-ter), dove la prima parte non quaglia con la seconda, rappezzata e modificata in tempi diversi

M

Share this post


Link to post
Share on other sites

io rimango sempre della mia opinione...i primi criminali sono coloro che fanno pagare un cd 20 euro, un dvd 40, un biglietto per un concerto 30...è assurdo, non si fa più arte, solo business...fa schifo una cosa del genere, per 1 ora di musica devo pagare 40000 lire del vecchio conio (per dirla con l'espressione di uno che gode appieno dell'idiozia del business campato sulle chiacchiere..) io prima un cd lo comprava a 20000 lire...cos'è successo?! s'è inflazionata la musica? perchè costa 20 euro? e non sto facendo il solito discorso della "vita che con l'euro costa il triplo etc. etc..." ci mangiano sopra in tanti... uno spiraglio si è aperto con iTunes, e me ne nutro abbondantemente, visto che 10 euro un cd è un prezzo ragionevole...tuttavia bisogna ammettere che non hai il cd originale, hai solo il permesso di scaricartelo...manca la copertina, il cd, la possibilità di ascoltarlo ovunque (ok, gli mp3 scaricati li metti su cd,ma devi avere cd vergine, masterizzatore...insomma, dividete il prezzo del tutto a canzone e vedrete che dovete scaricare un bel pò per ammortizzare il tutto...) io tifo per i marocchini che vendono i cd pirata, pur non comprandoli (seriamente, dovessi comprarli da loro, li scaricherei...e le uniche cose che mi servono sul computer sono tutte registrate...), perchè alla fine chi ci rimette sono proprio quelli che strizzano il mercato fino all'ultimo centesimo...e se i musicisti fanno la fame (e lo dico da musicista)...beh, o si riscopre il vero spirito della musica, oppure in fin dei conti va sul lastrico qualcuno che non fa 'sta gran fatica, sovrapagato per giunta, altro che i contadini di nemmeno 50 anni fa...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guass, Artdir, mi rispiego: io ho chiaramente letto su applicando di qualche mese fa che chi scarica musica da internte o con sistemi P2P e ne fa uso personale, quindi la ascolta a casa o ci masterizza un cd per ascoltarselo in auto, non è perseguibile in nessun modo.

Diverso invece è se l'individuo scarica dalle rete musica e la cede a terzi in qualsiasi modo.

Spero che qualcuno ne sappia di più su sta fantomatica legge, così chiariamo se ho ragione io o no.

si Maurizio, hai ragione, ma il problema quì è la legge che è molto controversa.

La tua interpretazione però è quella che più rispecchia quella della maggior parte delle sentenze.

ciao ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

io rimango sempre della mia opinione...i primi criminali sono coloro che fanno pagare un cd 20 euro, un dvd 40, un biglietto per un concerto 30...è assurdo, non si fa più arte, solo business...fa schifo una cosa del genere, per 1 ora di musica devo pagare 40000 lire del vecchio conio (per dirla con l'espressione di uno che gode appieno dell'idiozia del business campato sulle chiacchiere..) io prima un cd lo comprava a 20000 lire...cos'è successo?! s'è inflazionata la musica? perchè costa 20 euro? e non sto facendo il solito discorso della "vita che con l'euro costa il triplo etc. etc..." ci mangiano sopra in tanti... uno spiraglio si è aperto con iTunes, e me ne nutro abbondantemente, visto che 10 euro un cd è un prezzo ragionevole...tuttavia bisogna ammettere che non hai il cd originale, hai solo il permesso di scaricartelo...manca la copertina, il cd, la possibilità di ascoltarlo ovunque (ok, gli mp3 scaricati li metti su cd,ma devi avere cd vergine, masterizzatore...insomma, dividete il prezzo del tutto a canzone e vedrete che dovete scaricare un bel pò per ammortizzare il tutto...) io tifo per i marocchini che vendono i cd pirata, pur non comprandoli (seriamente, dovessi comprarli da loro, li scaricherei...e le uniche cose che mi servono sul computer sono tutte registrate...), perchè alla fine chi ci rimette sono proprio quelli che strizzano il mercato fino all'ultimo centesimo...e se i musicisti fanno la fame (e lo dico da musicista)...beh, o si riscopre il vero spirito della musica, oppure in fin dei conti va sul lastrico qualcuno che non fa 'sta gran fatica, sovrapagato per giunta, altro che i contadini di nemmeno 50 anni fa...

Secondo me hai ragione su molto di quanto dici, però sinceramente esageri nei termini... Se io costruisco un inutile gadget di plastica colorata e decido di venderlo a 50 euro al pezzo, non puoi per questo definirmi un "criminale"... Se gli utenti ritengono il prezzo troppo alto, che non lo comprino... E così con i CD di musica: se il prezzo è troppo alto, basta non comprare il cd. Esistono diverse valide alternative per ascoltare musica (tu stesso hai citato iTMS, negozi di musica online ce ne sono poi diversi altri, oppure c'è la sempre valida - e gratuita - radio). Quanto ai concerti, stessa storia, se il prezzo è troppo alto basta non andarci... In fondo, qui non stiamo mica parlando di generi di prima necessità come il cibo o i vestiti!!! Per il resto, sono comunque d'accordo con te sul fatto che i prezzi della musica oggi siano una vergogna. Secondo me, se le vendite dei cd continueranno a calare come già fanno in favore di quelle degli store online (e, forse, in parte in favore della pirateria) e i concerti degli U2 da 60 euro a biglietto smetteranno di fare sempre il pienone, prima o poi la SIAE e le majors della musica lo capiranno e abbasseranno i loro prezzi... Forse la mia è solo una pia illusione, ma io ci spero!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusa Guass, trascuri il piccolo particolare che la cultura è un bene necessario. Ricordiamoci la Costituzione:

Art. 3. ...È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la liberta e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alex, ho paura che tu faccia una molto libera (seppure bellissima) interpretazione dell'articolo 3 della costituzione. Lì, infatti, si parla solo da un punto di vista politico, economico e sociale, cultura e arte a me sembrano non c'entrare nulla con quanto scritto!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lì, infatti, si parla solo da un punto di vista politico, economico e sociale, cultura e arte a me sembrano non c'entrare nulla con quanto scritto!!!

ah... vabbe' va !

Quindi per te, da un punto di vista sociale, andare a teatro o fruire dell'arte sotto altra forma non è un diritto riconosciuto a tutti i cittadini, ma solo a quelli che hanno i soldi.

La formazione culturale è uno degli aspetti che discriminano la vita sociale dei cittadini, specie, ma non solo, di quelli più giovani.

Share this post


Link to post
Share on other sites

>>Quindi per te, da un punto di vista sociale, andare a teatro o fruire dell'arte sotto altra forma non è un diritto riconosciuto a tutti i cittadini, ma solo a quelli che hanno i soldi.><<

Non c'e' dubbio su questo. Almeno per ora. In futuro, quando diventermo ancora piu' ricchi, chissa'

M

Share this post


Link to post
Share on other sites

infatti non comprare i cd pare l'unica soluzione, ma lo sbocco per sentirla lo stesso è la pirateria...penso sia impensabile non sentire musica, fa parte dell'uomo e mi sento di dire che è un bene di prima necessità...radio e tv sono troppo schiave delle stesse major che sfruttano il mercato discografico, per cui si sentiranno sempre le stesse cose (non mi pare che mtv e quasi la maggioranza delle emittenti siano indipendenti..soldoni soldoni soldoni...) e la massa ci va ai concerti, e i prezzi cmq. permettono di mantenere una certa politica di mercato...io penso che i prezzi possano pure restare così, perchè la pirateria a 'sto punto è contemplata nel prezzo di un solo cd originale...

Share this post


Link to post
Share on other sites

ah... vabbe' va !

Quindi per te, da un punto di vista sociale, andare a teatro o fruire dell'arte sotto altra forma non è un diritto riconosciuto a tutti i cittadini, ma solo a quelli che hanno i soldi.

La formazione culturale è uno degli aspetti che discriminano la vita sociale dei cittadini, specie, ma non solo, di quelli più giovani.

Alex, ti prego, tu no... altrimenti, ti rimando al thread dei fraintendimenti!!! Non ho detto che PER ME la fruizione dell'arte non dovrebbe essere un diritto socialmente riconosciuto a tutti i cittadini, ho solo detto che non credo ci fosse alcun riferimento all'arte nell'articolo della costituzione che citi ne che questo fosse nelle intenzioni del redattore di quell'articolo... Per questo, dico che riferirlo all'arte è una tua libera interpretazione!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this