MULTIMEDIA


Recommended Posts

  • Replies 1.3k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

_[?[?

angel, tu che ci vedi da lassù. Prima di clausius & co., non dimentichiamoci di LazzaroNicola&MargeritaCarnot, in epoca davvero difficile.

-.

prima del ritorno di supermonkey, mi piacerebbe un punto di vista dei più arguti: veramente, non varrebbe la pena di mettere tutti i propri archivi sperati immortali sul web? In fondo era nato per quello, no? frammenti irrintracciabili dello stesso archivio, tutti collegati da topometadati, ricuciti istantaneamente ad ogni occorrenza nell'unico file da cui sono partiti.

A parte la nota di non averli proprio sottomano, per il resto che problema ci sarebbe?

Mi sa anche di dissacrazione del concetto di possesso morboso, nevrotico e protezionistico che abbiamo tutti con i nostri archivi. No?

Link to comment
Share on other sites

L'hosting su web è costoso. Se hai meno di 1 GB di dati, potresti anche fare un archivio criptato, dividerlo in segmenti e spedirtelo ad un account di GMail: tutto gratis. Ma di un misero GB puoi fare decine di copie locali per pochi spiccioli.

Link to comment
Share on other sites

Problemino:

Considerato che durante la lettura dei pit di un DVD il segnale cambia circa 300K volte al secondo, quanto sarebbe grande un disco di granito scritto da uno scalpellino romano dell'epoca imperiale? E quanto ci metterebbe egli ad inciderlo?

\(o_o)/

Link to comment
Share on other sites

A parte gli scherzi, per i cd commerciali, se non maltrattati e tenuti in ambiente adatto, i problemi sono relativi.

Per i nastri invece sono notevoli: soltanto l'effetto copia tra una spira e l'altra altera i dati in assenza di altri fattori ambientali.

Per i cd casalinghi un po' minori ma pur sempre preoccupanti se si vuole andare oltre i 10 anni.

E allora? A parte gli hd?

Link to comment
Share on other sites

A parte gli scherzi, per i cd commerciali, se non maltrattati e tenuti in ambiente adatto, i problemi sono relativi.

Per i nastri invece sono notevoli: soltanto l'effetto copia tra una spira e l'altra altera i dati in assenza di altri fattori ambientali.

Per i cd casalinghi un po' minori ma pur sempre preoccupanti se si vuole andare oltre i 10 anni.

E allora? A parte gli hd?

Link to comment
Share on other sites

A quanto pare allora il miglio modo per conservare nel tempo i propri backup importanti è la periodica masterizzazione?

Nell'attesa comunque che il futuro ci regali supporti più stabili e durevoli.

Speriamo..!

Mary

Link to comment
Share on other sites

_||

Marika, non li paghi 50 euro l'anno per mettere qualche giga di file su web? Il problema delle linea lenta, si va bene: nel 2008 non arrivano gli ufo ma abbiamo tutti una banda larga garantita: ce lo metti online un database dei tuoi file a 50 euro l'anno?

Put file/get file/waiting for server…

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share