Nikon D3... troppo tardi?


Recommended Posts

Ospitiamo volentieri l'intervento del nostro lettore e fotografo professionista Giorgio Pedretti sull'uscita della nuova Nikon D3 che ha stimolato accesi dibattiti nei "luoghi della rete in cui si discute di fotografia.

Leggetelo attentamente e commentatelo qui nella sezione dedicata alla foto digitale del Forum di Macitynet.

"Hanno atteso il novantesimo anniversario, la vendita del quarantamilionesimo obbiettivo (e gli improperi di milioni di clienti) prima di decidersi a «superare le limitazioni», come recita il comunicato stampa pubblicato in pompa magna ieri, 23 agosto 2007: finalmente, dopo un decennio nel settore digitale caratterizzato da alti e tonfi, Nikon ha comunicato la disponibilità nel prossimo trimestre della nuova ammiraglia reflex digitale, il modello D3, erede delle D1, D1X, D2 e D2X.

La macchina ha poche novità rilevanti (processore di immagine più potente, otturatore collaudato per 300.000 scatti, doppio slot per schede di memoria, corpo tropicalizzato, struttura in magnesio, velocità di scatto per raffiche pazzesche, design di Giorgetto Giugiaro come già visto per la F6) e ciò che davvero interesserà i professionisti sta nel sensore: con almeno tre anni di ritardo sulla concorrenza, Nikon pone fine ad una situazione disastrosa di inaccettabile ritardo, approdando oggi al sensore full-frame, ribattezzato per l'occasione "FX".

La notizia è tutta qui. Per quanti negli ultimi anni non abbiano avuto consuetudine con il settore fotografico professionale, la sfortuna o magari la necessità di lavorare con una reflex digitale Nikon, per loro la notizia è di poco conto. Per tutti gli altri, è questione di mal di pancia. Di gioia anche, ma soprattutto di sentimenti contrastanti.

La questione.

È noto agli addetti ai lavori, anche se non a tutti, che uno stesso obbiettivo può essere impiegato con diversi formati di pellicola: le caratteristiche dell'ottica non variano al variare del materiale sensibile, ovviamente, e perciò un grandangolo avrà sempre una resa prospettica diversa da un normale, ma ciò che varia è l'angolo di campo apparente fissato sulla pellicola o sensore. Una pellicola nelle dimensioni immaginate dal progetto ottico offrirà senza dubbio il risultato migliore per uno specifico obbiettivo, sia per prospettiva che per uniformità luminosa; una più grande non sarà del tutto coperta dall'immagine o lo sarà con decadimento; una più piccola rappresenterà un ritaglio centrale dell'inquadratura.

In termini pratici, la scelta di un sensore più piccolo della pellicola 35mm da parte di Nikon ha obbligato a fare un passo indietro i fotografi più fortunati che lavorano all'aperto, ha schiacciato sui muri e oltre quelli dediti alle riprese in interni, ha fatto sgolare ritrattisti e fotografi di moda. Tutti allontanati del 50% dal soggetto e dal risultato ideale: molte immagini non sono più state alla portata del corredo di obbiettivi.

Un passo indietro

Negli ultimi tre/quattro anni, mentre le più affermate industrie di prodotti elettronici di largo consumo ci hanno insegnato a valutare le "ere informatiche" non più in anni, ma in semestri, il colosso giapponese Nikon si è trovato ad affrontare un paradosso: dopo investimenti ingenti prima nel fallimento annunciato, dall'infausto nome di Pronea, anacronistico tentativo digitale, poi, con ritardo ancor peggiore, in una tecnologia ormai al capolinea a detta dei principali osservatori, quella del sensore CCD, oppresso da bilanci passivi, il colosso mondiale della fotografia si è visto costretto ad una strategia di rientro dai debiti, avendo su un piatto della bilancia il supporto e l'innovazione del settore professionale e, sull'altro, il ricchissimo bacino dell'utenza consumer.

La preferenza è andata ai piccoli clienti, a cui sono state rifilate tecnologie vecchie in confezioni nuove, anche se spesso con prodotti non così lontani nelle prestazioni dalle fotocamere ammiraglie; il tutto però a danno degli affezionati e spesso innamorati professionisti, a cui è toccato un po' di ossigeno, ma non più di una volta l'anno, molte bugie e tanto, tanto, troppo marketing.

L'annuncio di ieri avvalora questa tesi senza la minima possibilità di replica.

La polemica infuocata, ormai, non giova più a nessuno, né qualcuno potrà restituire gli anni passati a vedere i colleghi primeggiare con Canon o le ore consumate ad inventarsi un colore che non c'era o, peggio, lo scoramento nel vedersi sbeffeggiati da modeste compattine, dotate di coperture grandangolari ben superiori a blasonate macchine professionali e, insieme, il ricatto dei nuovi obbiettivi con la data di scadenza incorporata.

Ma perché almeno l'esperienza sia d'esempio, possono essere utili altri due passi, quasi di danza: un passo a lato, l'altro in avanti.

Un passo a lato

Nei terribili anni conclusi ieri, in molti hanno liquidato l'intero corredo a favore del concorrente più forte, l'altro colosso giapponese, Canon: potrà sembrare una cosa di poco conto rinunciare all'esperienza maturata con un obbiettivo specifico, ma per chi conosce un pochino il mondo professionale, il dato non è così irrilevante. Grandi cineasti, grandi fotografi, grandi tennisti, piccoli artigiani hanno tutti una personalissima affinità con lo strumento quotidiano e rubare la macchina da cucire ad un sarto può avere un che di sacrilego.

E questo è il primo dato: in un'epoca di completo livellamento tecnologico (Apple e Microsoft ormai fanno girare sistema operativo e applicazioni sulle stesse macchine, cosa impensabile solo cinque o sei anni fa; gli scanner piani sono tutti più o meno identici nella sostanza, indipendentemente dal produttore; riproduttori musicali, telefoni, frigoriferi o le lavatrici, quando non a produzione centralizzata e successiva rimarchiatura, offrono comunque prestazioni pressoché analoghe), si è assistito ad un abisso qualitativo tra due aziende concorrenti: in altre circostanze l'una avrebbe dichiarato fallimento o sarebbe stata incorporata dall'altra, ma Nikon è un colosso e tutti i settori (dalla microscopia fino ai prodotti consumer) hanno arginato la falla.

Il rivale più insidioso, quello che da sempre detta legge nel settore dell'immagine, l'americana Kodak, ha abbondato il comparto reflex digitali professionali proprio poco prima dell'affondamento di Nikon. Mentre l'altro rivale, di livello inferiore ma ugualmente insidioso, la giapponese Fuji, che sin dalla prima ora della fotografia digitale propone soluzioni alternative ai Nikonisti scontenti, ebbene casualmente anch'esso non ha mai prodotto una vera soluzione alternativa capace di attrarre un bacino immenso di potenziali clienti (si parla di milioni di professionisti nel mondo, disposti a spendere tra i tre e gli otto mila euro per un corpo macchina).

Due curiose convergenze che, di fatto, hanno eliminato qualsiasi concorrente, all'infuori di Canon.

Un passo avanti

È del 14 giugno scorso la notizia di una nuova tecnologia per i sensori digitali: viene abbandonato il tradizionale pattern Bayer 2x2 a favore di un rivoluzionario 4x4, detto quasi impropriamente pancromatico.

Senza scendere in troppi dettagli, si può dire che la struttura minima di un qualunque sensore digitale era fino ad oggi costituita da quattro elementi (un quadrato di 2x2 celle), dei quali due sensibili al verde, uno al rosso, uno al blu.

Fu il risultato di lunghi studi sulla natura della luce e insieme, per la prima volta in fotografia, di analisi statistiche sulla visione umana condotte già a partire dai primi anni del Novecento e confluite in un modello sintetico proposto dalla Commision Internationale de l'eclairage (CIE) nel 1931.

Oggi, praticamente qualunque fotocamera si poggia su queste fondamenta.

Ma a giugno appunto, Kodak, già titolare del brevetto "Bayer patter" del 1976, ha depositato un nuovo brevetto per una tecnologia che promette, in estrema sintesi, di superare le limitazioni degli attuali sensori, specialmente nelle zone d'ombra più profonda e nelle alte luci: allo scopo la griglia minima viene ora suddivisa in quattro righe e quattro colonne (4x4) e di questi sedici quadrati otto sono destinati alle frequenza del rosso, del verde e del blu (con l'analogo rapporto di ieri: quattro celle sensibili al verde, due al rosso, due al blu). Gli altri otto non hanno un'impostazione predefinita, né quindi un filtro ottico colorato a selezionare le frequenze: pertanto sono sensibili a tutte le lunghezza d'onda e quindi possono dirsi pancromatici.

Per intenderci, si affronta il sensore nei termini di una moderna versione delle celle argentiche in una pellicola in bianco e nero, all'interno di uno scacchiere che così diviene sia pancromatico, sia a colori.

Non è ancora noto se esista già un algoritmo di elaborazione in grado di sfruttare le potenzialità della nuova tecnologia.

In ogni caso, si può parlare di una rivoluzione copernicana in fotografia digitale: al centro del processo viene messo il sensore digitale e i suoi algoritmi e non più o non solo l'osservatore e la scena ripresa.

Quasi certamente, Nikon ha perso l'occasione di presentarsi al mondo come il primo produttore ad utilizzare la tecnologia più innovativa oggi disponibile: nonostante ne avesse l'evidente possibilità e il già gravissimo ritardo permettesse ulteriori deroghe, la casa giapponese ha preferito invece la strada di un collaudato sensore CMOS tradizionale, pari o inferiore a quelli già visti in tante realizzazioni Canon degli ultimi quattro o cinque anni.

E allora tutti i comunicati stampa sulla superiorità del formato DX nella gestione dei flussi tangenziali, il fumoso ricorso a nuove e improbabili ottiche per recuperare il divario (ottiche che, da ieri, sono buone per farci il sugo o per reggere il presepe a Natale), la continua e snervante mancanza di informazioni e risposte ai quesiti più elementari posti dai professionisti, tutto viene cancellato in una sola mossa e con un invito perfetto per accompagnare un buon bicchiere di Maalox. "Prepare yourself for a whole new game: Defy limitation!" (Preparati per una nuova grande sfida: supera le limitazioni!).

Buona nuova Nikon D3 a tutti noi."

Link to post
Share on other sites
  • Replies 100
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Da professionista e "nikonista" convinto posso invece risponderti che trovo giustissimo l'articolo.

Sono stato tra i primissimi a "dover" prendere una D1X: ottima macchina, ma le limitazioni del formato DX sono pesantissime: ha completamente snaturato il mio modo di fotografare con le mie 2 ottiche preferite: 85 1.4 e 105 2DC e fortunatamente non uso molto i grandangoli!

Link to post
Share on other sites

Non potrei essere più d'accordo, è un commento davvero obiettivo.

In particolare concordo con quanto scritto sul Full-Frame: io non appena ho potuto ho adottato con grande gioia una macchina con il fotogramma pieno, per me è stato un ritorno ai vecchi tempi non ne potevo più del formato ridotto; tutti quelli (e sono soprattutto Nikonisti) che dicevano fosse uguale o migliore il DX adesso cosa ne pensano?

Guido

ps: c'era bisogno di inventarsi il formato FX? si chiama da 80 anni formato Leica 24x36.

Link to post
Share on other sites

Nei vecchi manuali di giornalismo si diceva che prima di entrare in gioco in uno scontro a due, per dire la propria, bisognerebbe rendere pubbliche le proprie appartenenze.

A prescinedere totalmente dai giudizi di merito sulle scelte di nikon, il " fotografo professionista Giorgio Pedretti" avrebbe fatto meglio, a mio parere, ad iniziare il proprio pezzo scrivendo quale dei due marchi utiilzza. E se ne è soddisfatto.

Poi si parli pure di D3, D4 o D20, ma questo esula dalla fotografia visto che, come hanno intravisto altri, nelle parole del nostro scrittore c'è una forte vena ironica e provocatoria.

Personalmente, se può interessare, io che posseggo nikon da 3 anni, condivido molte delle cose scritte ma non mi piace assolutamente il modo in cui sono state esposte.

Paolo

Link to post
Share on other sites

Ma si può sprecare tanti bit per farneticare di una misura di sensore che ad oggi vale meno dell'1% del mercato delle REFLEX digitali e che per giunta ha rappresentato una macchia nera nei bilanci di quell'unica azienda che l'ha utilizzato?

Per tua conoscenza: i profitti di Nikon negli ultimi 7 anni hanno mostrato una crescita superiore a quelli di Canon; ripassa la storia.

Larry

Link to post
Share on other sites

Devo dire che anche io ero molto contento dell'uscita di CCD di "taglio" normale che rispettassero le focali "tradizionali" ma poi ho visto che con Canon i risultati erano pieni di rumore e quindi preferisco dover convivere con focali moltiplicate. Giudizio personale, magari sbaglio.

Link to post
Share on other sites

E' un commento farneticante. Punto.

La D3 è l'unica fotocamera digitale sul mercato con la quale ci puoi fare di tutto, dal ritratto in studio alla fotografia sportiva più estrema, così come era la sua progenitrice(seppur con qualche limitazione in fatto di risoluzione)

La concorrenza ti obbliga a dover comperare du corpi macchina per fare le stesse cose.

Link to post
Share on other sites

Non è del tutto vero.

La D3 sembra molto versatile, ma non è detto che come con la D1 e la D2 facciano 2 linee (X e H) destinate ad usi professionalmente diversi.

Lavorando prevalentemente in studio non so che farmi di una cadenza di 9, 10 o 11 fotogrammi al secondo.

Nessuno mi ha mai obbligato ad acquistare la D1h o D2h per poter avere una raffica o una autonomia di scatto in più per poter fare un giorno fotografia sportiva.

L'avere uno strumento dedicato ad un tipo di fotografia piuttosto che ad un altra per me non è una limitazione, esistono da sempre sistemi più congeniali a certi soggetti: la fotografia che fai con un banco ottico è diversa da qella che fai con un medio formato che è diversa da quella che fai con un 35mm.

La vera limitazione, sempre a mio avviso, è dover "stravolgere" il modo di lavorare o snaturare le prerogative delle ottiche.

Parallelamente all'acquisto delle reflex digitali nikon ho acquistato anche uno scanner per negativi per colmare le lacune lasciate dal sensore in formato DX.

Link to post
Share on other sites

Il sensore pieno a mio avviso è il minimo che una fotocamera professionale debba avere, la resa delle sfocato è più bella, le foto sono più profonde, ed il rumore è minore, quindi la d3 ha tutte le carte in regola per essere una delle fotocamere più complete in commercio.

Il problema di fondo, è un'altro:

Un grande azienda come nikon solitamente attenta ai bisogni dei suoi professionisti dapprima ha accantonato il senore pieno in favore dell'aps dicendo che era migliore, ha prodotto le realative ottiche obbligando di fatto fotografi a stravolgere il proprio corredo, ora se ne esce con la d3, contraddicendo tutto quello che fino ad oggi aveva detto e fatto....

Canon è molto più chiara (fin dal principio), professionale ef l, amatoriale ef s.

Io mi occuopo di reportage e vado ancora in pellicala.... (canon e leica)

www.beniaminopisati.com

Link to post
Share on other sites

Non è del tutto vero.

La D3 sembra molto versatile, ma non è detto che come con la D1 e la D2 facciano 2 linee (X e H) destinate ad usi professionalmente diversi.

Lavorando prevalentemente in studio non so che farmi di una cadenza di 9, 10 o 11 fotogrammi al secondo.

Nessuno mi ha mai obbligato ad acquistare la D1h o D2h per poter avere una raffica o una autonomia di scatto in più per poter fare un giorno fotografia sportiva.

L'avere uno strumento dedicato ad un tipo di fotografia piuttosto che ad un altra per me non è una limitazione, esistono da sempre sistemi più congeniali a certi soggetti: la fotografia che fai con un banco ottico è diversa da qella che fai con un medio formato che è diversa da quella che fai con un 35mm.

La vera limitazione, sempre a mio avviso, è dover "stravolgere" il modo di lavorare o snaturare le prerogative delle ottiche.

Parallelamente all'acquisto delle reflex digitali nikon ho acquistato anche uno scanner per negativi per colmare le lacune lasciate dal sensore in formato DX.

Ehi, calma:ti ricordo che da circa trent'anni con una comue reflex(perché di questo stiamo parlando) a pellicola di buona fascia si poteva già fare "di tutto", dalla foto in studio alla fotografia sportiva semplicemente acquistando il motore opzionale. Questa versatilità si era persa con i primi apparecchi digitali, anche perché all'epoca non esisteva nessuno abbastanza pazzo da fare fotografia sportiva con nient'altro che fosse la buona pellicola. Adesso questa versatilità si è ristabilita. Poi è ovvio che ognuno sceglie gli strumenti più congeniali, d'altronde se esistono le Hasselblad con i dorsi un motivo c'è. Ma - e questo è un dato da sottolineare - con 5.000 Euro ti compri un apparecchio in grado di soddisfare ogni esigenza mentre se vuoi fare lo stesso con la concorrenza devi essere disposto a spendere il triplo.

Link to post
Share on other sites

Un grande azienda come nikon solitamente attenta ai bisogni dei suoi professionisti dapprima ha accantonato il senore pieno in favore dell'aps dicendo che era migliore, ha prodotto le realative ottiche obbligando di fatto fotografi a stravolgere il proprio corredo, ora se ne esce con la d3, contraddicendo tutto quello che fino ad oggi aveva detto e fatto....

Canon è molto più chiara (fin dal principio), professionale ef l, amatoriale ef s.

Io mi occuopo di reportage e vado ancora in pellicala.... (canon e leica)

www.beniaminopisati.com

Beh, mi dispiace deluderti ma Canon ha inizialmente puntato sul sensore ridotto, poi sul sensore ridotto un po' di meno e solo alla fine è arrivata al sensore pieno(ed è anche logico che sia così). Quanto alle ottiche, quelle marchiate DX sono utilizzabilissime anche sui corpi a formato pieno, non così quelle denominate "s" della concorrenza.

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now