Sign in to follow this  
ninavel

foto chroma key

Recommended Posts

ciao a tutti,

devo realizzare delle foto con sfondo chromakey, finora ho trovato un software della digitalanarchy (plug in di photoshop) e fin qui nessun problema, il problema invece si pone visto che le foto le devo fare a dei capi stesi a terra, in tutte le documentazioni riguardo ai chromakey si raccomanda la distanza del soggetto dallo sfondo.. qualcuno sa se realmente presenta problemi o se c'è qualche trucchetto per evitare ombre o luci troppo piatte?

fatemi sapere!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

per lo scontorno, esatto! ora non sò bene come funzioni il plug in del chromakey, ma speravo che risparmiasse lo scontorno appunto... ho visto delle demo, e ho notato che questo software rispetta anche le trasparenze (nel caso di dei capi con pizzo ad esempio)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest non possumus

In After Effects Production c'è sostanzialmente KeyLight licenziato (verbo della stessa famiglia di microfonato...) da TheFoundry di Soho (Londra).

Ultra è stato comperato da Adobe quando ha spolpato Serious Magic; non è al livello di AvantEdge o Primatte e comunque mi risulta solo per Windows.

Inoltre credo che ninavel non abbia AfterEffects ma solo Photoshop dove il keying è molto più facile perché sulle still. Lo puoi fare con Select > Color Range.

Il chromakey non è fatto per estrarre le ombre che non ci devono essere e casomai le si creano in post. E' sufficiente puntare due sorgenti di luce a 45° della stessa intensità, meglio ancora se diffuse.

L'estrazione delle ombre rientra nel concetto di rotoscoping, cioè di separazione del soggetto da un background comune, dal suo sfondo originale. Per far questo si utilizzano altri software che vanno tutti meglio della funzione extract di Photoshop (che infatti non funziona).

Per le still c'era - c'è ancora, Knock Out di Corel comperato da Ultimatte (quella di AvantEdge) e maskPro 4 di OnOne (ai vecchi dico Extensis).

Per After Effects, ma anche per FinalCut et similia (e stand alone) c'è l'ottimo Silhouette Roto + Paint

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest non possumus

In After Effects Production c'è sostanzialmente KeyLight licenziato (verbo della stessa famiglia di microfonato...) da TheFoundry di Soho (Londra).

Ultra è stato comperato da Adobe quando ha spolpato Serious Magic; non è al livello di AvantEdge o Primatte e comunque mi risulta solo per Windows.

Inoltre credo che ninavel non abbia AfterEffects ma solo Photoshop dove il keying è molto più facile perché sulle still. Lo puoi fare con Select > Color Range.

Il chromakey non è fatto per estrarre le ombre che non ci devono essere e casomai le si creano in post. E' sufficiente puntare due sorgenti di luce a 45° della stessa intensità, meglio ancora se diffuse.

L'estrazione delle ombre rientra nel concetto di rotoscoping, cioè di separazione del soggetto da un background comune, dal suo sfondo originale. Per far questo si utilizzano altri software che vanno tutti meglio della funzione extract di Photoshop (che infatti non funziona).

Per le still c'era - c'è ancora, Knock Out di Corel comperato da Ultimatte (quella di AvantEdge) e maskPro 4 di OnOne (ai vecchi dico Extensis).

Per After Effects, ma anche per FinalCut et similia (e stand alone) c'è l'ottimo Silhouette Roto + Paint

Share this post


Link to post
Share on other sites

…il problema invece si pone visto che le foto le devo fare a dei capi stesi a terra,

Scusa, ma perché non usi semplicemente un tavolo luminoso?

Illumini il soggetto come ti pare, ed avrai il fondo perfettamente bianco.

Se non hai un tavolo luminoso, prendi un vetro o un plexliglass sottili (se sono grossi potresti avere un effetto ghost) e lo appoggi fra due cavalleti.

In terra metti un foglio bianco opaco, un cartoncino o un polistiloro, che illimunerai con i classici faretti da riproduzione: 2+2 a 45°, magari filtrati da un diffusore tipo Lastolite per un effetto bank (ovviamente se hai già dei bank usa quelli.

L'unica cosa da calibrare attentamente è l'intensità dell'illuminazione del fondo, che deve essere di qualche EV inferiore a quella principale. Insomma, quanto basta per risultare bianca in foto senza illuminare i bordi del soggetto.

Per la ripresa dovrai stare sulla perpendicola del set.

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites

…il problema invece si pone visto che le foto le devo fare a dei capi stesi a terra,

Scusa, ma perché non usi semplicemente un tavolo luminoso?

Illumini il soggetto come ti pare, ed avrai il fondo perfettamente bianco.

Se non hai un tavolo luminoso, prendi un vetro o un plexliglass sottili (se sono grossi potresti avere un effetto ghost) e lo appoggi fra due cavalleti.

In terra metti un foglio bianco opaco, un cartoncino o un polistiloro, che illimunerai con i classici faretti da riproduzione: 2+2 a 45°, magari filtrati da un diffusore tipo Lastolite per un effetto bank (ovviamente se hai già dei bank usa quelli.

L'unica cosa da calibrare attentamente è l'intensità dell'illuminazione del fondo, che deve essere di qualche EV inferiore a quella principale. Insomma, quanto basta per risultare bianca in foto senza illuminare i bordi del soggetto.

Per la ripresa dovrai stare sulla perpendicola del set.

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest non possumus

L'unica cosa da calibrare attentamente è l'intensità dell'illuminazione del fondo, che deve essere di qualche EV inferiore a quella principale. Insomma, quanto basta per risultare bianca in foto senza illuminare i bordi del soggetto.

Ecco questo è molto importante per evitare il light-warping, l'alone di luce che avvolgendo i bordi del soggetto ne impedisce un isolamento pulito.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this