Rivoglio il  Think Different 


Raider
 Share

Recommended Posts

Auspico da sempre un OSX su larga scala: poichè apple per me non è una necessità (sebbene la lunghissima militanza) spero che si trovi costretta presto, fosse anche dalla pirateria di x86, ad avallare una versione retail di OSX per tutta l'architettura intel. Questo ne snaturerebbe (forse) la stabilità, costringerebbe al ricorso intensivo di driver di III parti, ma l'idea di un sistema operativo vero capace di funzionare ovunque ha sempre incontrato la mia simpatia.

Mi piacerebbe ad esempio che apple vendesse i propri moduli TPM e che alcuni produttori di schede madri potessero integrarli nelle loro motherboard "apple compliant" un po' come oggi alcune schede madri intel 965 dotate lo sono (compatibili) in maniera "unofficial". So che l'idea vi lascia perplessi ma a me gli scontri epocali sono sempre piaciuti... e sono intimamente convinto che apple guadagnerebbe una ampia base di installato senza perdere significativamente il mercato del suo hardware, stiloso, freak, figo che molti qui dentro sono convinti essere superiore a quello pc per qualità, per assistenza, per prezzo. :D :D :D:mad:

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 98
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Startrek aveva prestazioni decisamente superiori a quelle di system 7 su PPC601 ma c'erano ancora problemi di compatibilità da risolvere.

questo è un demerito o una circostanza?

Copland non decolla

e quest'altro? dopo 11 anni fa ancora ridere.

...e comprende la necessità di hardware e software nuovo per promuovere un mercato di nicchia, lo stesso della famiglia II/Quadra.

lo comprende *un pochino* in ritardo.

Sicuramente meriti di steve sono stati

la promozione di un ambiente ibrido opensource-proprietario Bsd-posix.

la promozione dei sistemi operativi retail (idea già di sculley)

la prostituzione a microsoft (ie, office, codec video)

la costituzione di una base di software proprietario (iwork, ilife, final cut)

la costituzione di una base appetibile ai produttori di sw di III parti senza la quale...

la soppressione di vari progetti inutili

la promozione di store on line

la ricerca di prodotti alternativi per un businness di larga scala

come vedi mi dai ragione... demeriti di Apple e meriti di SJ.

Link to comment
Share on other sites

Io posso darti ragione a me non costa nulla. Ma dire che apple rasenterà il fallimento per la mancanza di jobs è un gesto di discutibile jobcentrismo avulso dalle circostanze storiche, altrettanto semplicistico è attribuire pienamente a lui il ruolo di salvatore.

Erano tempi difficili: il concetto di embedded sostenuto da jobs nel 1984 finì col risultare nocivo: il mac 128 come concepito da jobs era inusabile, senza memoria, inespandibile, non ci girava nulla. Dopo le prime 50000 macchine vendute sull'onda entusiastica almeno altrettante restarono interamente invendute nel 1985: apple fu costretta a riaprire gli scatoli e modificarle alla buona. La suite Macworks peraltro era incompleta e Jobs aveva irrigidito i rapporti con Gates. Senza Gates apple non era in grado di rivedere la propria suite office.

Anche le entusiastiche/profetiche previsioni commerciali di Jobs in Next si rivelarono un notevole insuccesso commerciale: neanche 50000 macchine vendute dal 90 al 93 in una società che già nell'87 aveva una catena produttiva pronta per 150000 macchine per anno. E questo nonostante le grandi novità che sono state covate in seno a next: il concetto di computer unico hardware e software in quel periodo non poteva avere successo... tanto che next abbandona l'hardware, riduce l'organico di più di metà e fa porting verso tutte le piattaforme possibili prima di essere "recuperata" da apple. Insieme diventeranno quello che sono oggi: il 3% del mercato consumer.

Link to comment
Share on other sites

E' palese che la carriera di manager del jobs pre-ritorno in apple fosse fallimentare: ha ucciso la macchina che doveva fare entrare apple negli uffici seriamente (l'appleIII) con scelte folli, è quasi riuscito ad affondare il mac costringendo i progettisti hw e sw a sottostare alle decisioni ridicole che Macbook ha elencato sopra, è riuscito a farsi cacciare dalla azienda che aveva fondato, infine, con next, ha dilapidato un patrimonio personale e quello di molti investitori.

Nel frattempo apple, per molti anni, ha goduto di vendite e profitti eccezionali: il periodo di decadenza non è certo iniziato con la cacciata di jobs, anzi...

E' vero pero' che il jobs che è tornato in apple sembra essere un manager completamente diverso: credo che abbia definitivamente accantonato la fisima di imporre al mondo le sue idee personali, e come dicevo prima, stia concentrandosi sulla sua rivincita.

Link to comment
Share on other sites

think different:

1 computers personale (IBM rideva)

2 interfaccia utente con mouse e finestre (altri lo so io ho ancora amiga)(IBM rideva)

3 rimozione floppy(era ora) ed introduzione USB(ibm diceva a che serve)

4 concetto all-in-one(IMac)(anche prima ma con IMac....)(gli altri pensavano)

5 IPod (altrimenti ci propinavano ancora le cassette)(sbaglio o lo imitano tutti)

6 Iphone(20 anni avanti - pure nokia lo ha detto)(lo stanno imitando tutti)

7 bootcamp = computers con macosx-linux-win(primo computer multisistema reale)

8 PCI Express..........(cosa serve tutte le schede sono......solita storia)

un piccolo assaggio del tink different,poi su apple si può criticare criticare......etc.

La apple non è mica perfetta di sbagli .....fatti,fà,farà......ma chi non commette errori?(uno diceva chi e'

senza peccato...),se non fosse così la apple mi spaventerebbe invece che entusiasmarmi.

poi possiamo discutere su iphone chiuso (daccordo con chi critica ,ma forse con i nuovi chip inet sul fantomatico iphone 2 ???)

per non parlare poi della boiata delle suonerie(ma uno si compra una canzone e non può neanche sfruttarla..assurdo)

Ma .....il think different è diverso .

comunque dati di ALTROCONSUMO:

portatili in riparazione negli ultimi 12 mesi in Italia

lenovo-ibm 46% del venduto

dell 25% del venduto

Apple 7,4% del venduto

io penso che sia ancora così

Apple = Think different

linux = Think

Micro..= Think Difficult

Link to comment
Share on other sites

  • 5 months later...

Ho acquistato nell’arco di un anno e mezzo tre macbook per esigenze di lavoro e ho riscontrato problemi di diverso genere.

Problemi di crepe, la griglia da dove fuoriesce l’aria calda spinta dalla ventola di raffreddamento, si è annerita, cotta, danneggiando il display nella zona vicino alla scritta “macbookâ€.

Il display che non ha una qualità uniforme.

La cornice e il top case tastiera non sono ben assemblati presentando fessure nei punti di chiusura.

I cover case logo, quello con la mela, per intenderci, in alcuni punti fa trapassare la luce del display e si vedono delle macchie di luce .

La performance della scheda grafica del modello santa rosa è decisamente inferiore ai modelli precedenti…presumo problemi di driver.

Dvd player che con leopard genera kernel panic.

Ventola che provoca un ronzio meccanico anche se è bassi giri.

Ho fatto alcune ricerche in rete ed ho visto che non sono l’unico ad avere questi problemi..

Che peccato..davvero mi dispiace molto…perché ci si affeziona a questi gingilli e non si riesce, malgrado tutto , a farne a meno..

Eppure, un tempo……

Link to comment
Share on other sites

Auspico da sempre un OSX su larga scala: poichè apple per me non è una necessità (sebbene la lunghissima militanza) spero che si trovi costretta presto, fosse anche dalla pirateria di x86, ad avallare una versione retail di OSX per tutta l'architettura intel. Questo ne snaturerebbe (forse) la stabilità, costringerebbe al ricorso intensivo di driver di III parti, ma l'idea di un sistema operativo vero capace di funzionare ovunque ha sempre incontrato la mia simpatia.

Mi piacerebbe ad esempio che apple vendesse i propri moduli TPM e che alcuni produttori di schede madri potessero integrarli nelle loro motherboard "apple compliant" un po' come oggi alcune schede madri intel 965 dotate lo sono (compatibili) in maniera "unofficial". So che l'idea vi lascia perplessi ma a me gli scontri epocali sono sempre piaciuti... e sono intimamente convinto che apple guadagnerebbe una ampia base di installato senza perdere significativamente il mercato del suo hardware, stiloso, freak, figo che molti qui dentro sono convinti essere superiore a quello pc per qualità, per assistenza, per prezzo.:

NO! NO! e poi NOOOOOOO!!!!!!

Ora ti spiego i motivi!!!!

1)  Think Different , se apple facesse ciò sarebbe uguale a microsoft e allora sarebbe think money!!!

2) Accoppiata hardware e software proprietari è imbattibile e come se dovessero scrivere un linux per 20 macchine "simili" sarebbe super ottimizzato, come è il mac.

Es. Vista con aereo minimo 2 gb ram super processore e super scheda video.

Tiger sul mio vecchio g5 512mb ram sk video intel pessima gira perfettamente.

Anche le entusiastiche/profetiche previsioni commerciali di Jobs in Next si rivelarono un notevole insuccesso commerciale: neanche 50000 macchine vendute dal 90 al 93 in una società che già nell'87 aveva una catena produttiva pronta per 150000 macchine per anno. E questo nonostante le grandi novità che sono state covate in seno a next: il concetto di computer unico hardware e software in quel periodo non poteva avere successo... tanto che next abbandona l'hardware, riduce l'organico di più di metà e fa porting verso tutte le piattaforme possibili prima di essere "recuperata" da apple. Insieme diventeranno quello che sono oggi: il 3% del mercato consumer.

Vero 3% del mercato Computer ma anche 60% dei player musicale e il 60/70% delle vendite online musicali e video.

Ora riprendendo il titolo del topi "Rivoglio il  Think Different " sarebbe meglio dire rivolete un il vostro  Think Different  non mi sembra che la politica di apple sia cambiata così tanto macchine chiuse, sistemi efficienti, software proprietario il tutto condito con un design altamente curato ed un ottima qualità.

Ora chi accusa che l'iphone sia un prodotto non  Think Different  probabilmente gli sfugge la traduzione italiana:

 Think Different  = pensare differente

ed è proprio quello che fa una nuova concezione di cellulare dal metodo di input, da prima super criticato come non funzionale non intuitivo e chi più ne ha più ne metta, ad ora che sta diventando lo standard de facto per gli smatrphone. La gui dell'iphone altra maniera di pernsare  Think Different . La chiusura dell'iphone alle applicazioni "libere" (si avrebbe un emule di windows mobile che dopo che installi su 3 programmi si pianta ogni 4 secondi). La maniera di vendere l'iphone legato ad un unico operatore è la cosa più  Think Different  che si possa fare, perchè l'iphone è uno smartphone e non un semplice cellulare inoltre è un smartphone con una spiccata propensione verso il web basti pernsare che il trafico generato dagi iphone (4/6 milioni) è di gran lunga superiore a tutto il traffico generato da i vari windows mobile e RIM messi insieme (alcune centinaia di milioni) il fatto non è dovuo solo alla "comodità" di safari ma nel piano telefnico legato all'iphone che permette una connesione dati illimitata.

Link to comment
Share on other sites

Eppure, un tempo……

Come ha detto giustamente Apo, era sempre uguale, se non peggio!! Il Powerbook, tanto per fare un esempio, precedente al "Titanium", credo il 5300, fu un vero e proprio smacco per Cupertino. Migliaia di unità arrivarono ai clienti già guaste ( dichiarate da Apple stessa "Dead On Arrival" - DOA - ).

Parliamo anche di sviluppo.... Apple per il progetto "Copland" bruciò decine di milioni di dollari per un vero e proprio aborto!! Vennero rilasciate solamente pochissime beta agli sviluppatori, pochi per la verità, ma dopo 48 ore Apple decise di abbandonare tutto...

Per non parlare del contenzioso con Microsoft che, al di là della ragione e del torto, spinse Apple all'angolo nel mercato delle macchine per ufficio... Insomma, basta ascoltare il discorso di Jobs MW forum del '97, per capire cosa era Apple prima del suo rientro.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share