Sign in to follow this  

Recommended Posts

Guest

XML è una evoluzione (semplificata ) di SGML che è uno standard ISO dalla metà degli anni ottanta. XML ha iniziato lo sviluppo circa 5 anni fa e da due è stato assunto come standard dal W3C. XML non è soggetto a licenza, è platform indipendent, è totalmente indipendente da qualsiasi vendor.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo credono tutti.

In realta' e' il definitivo scoglio da superare per Microsoft per avere il pieno controllo sui linguaggi di Internet. In fondo HTML non e' stato creato da loro.

Fatto cio' poi sara' la volta dei protocolli, con l'addio all'http.

E non stupirti troppo. Gia' https e' stato inventato ad hoc, da una azienda che all'epoca aveva forza e fantasia.

Non so se hai gia' notato come lo streaming video con Windows Media Player (e con Real e immagino anche con Quick Time tra poco) sia stato definitivamente espulso da http. Beh, se non lo hai notato guarda i sorgenti delle pagine html attentamente.

Capisci mo'?

Butti i protocolli standard, butti i linguaggi standard (dire che una cosa e' fatta in XML e' come dire che e' un teorema di matematica! Sai un piffero quello che c'e' dentro! Sai solo che segue ferree regole di logica) e rifai tutto in modo proprietario.

Il futuro *e'* dei protocolli proprietari.

E dei traduttori proprietari di XML.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche Java - per manipolare gli elementi di una pagina web - deve passare dalla forche caudine del DOM. Si adeguino i programmatori, invece di dire che NS 6 non funziona bene con Java...

Comunque ci sono fior di applicazioni DHTML che girano benissimo e sono compatibili con tutti i browser versione 4 e superiori. Verranno sempre aggiornate. A noi pare che non funzionino perche' le vediamo con Eplorer per Macintosh...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Io penso che Java sia in via d'estinzione: guardate su java.sun.com: vendono maglie, orologi...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Però, la Apple non esita a tiare acqua (anzi, AQUA) al suo mulino...

<FONT COLOR="119911">The suggested equipment for software development for the Macintosh is a 500MHz Power Macintosh G4 with at least 256 megabytes of RAM and two hard drives.

For smaller scale projects a 400MHz iMac with at least 128 megabytes of RAM should be sufficient.</FONT>

è davvero necessario?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Finora per tradurre o smanettare sui programmi si usava ResEdit o software simili, ma cosa si usera' in Mac OS X?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nell'articolo di MacProf non si fa cenno alla gran mole di strumenti di sviluppo forniti con Mac OS X stesso. Innanzitutto ci sono tutti i tool forniti normalmente con BSD; poi ci sono i programmi ereditati da NeXT come ProjectBuilder e InterfaceBuilder.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Petizione alla redazione di Macity: vi chiedo di riconoscere nei vostri articoli che Carbon e Cocoa sono cittadini di Mac OS X a pari diritto, egualmente "nativi" e indipendenti l'uno dall'altro. In questo modo non solo evitereste di diffondere delle perniciose menzogne, ma vi elevereste al di sopra di quasi tutta la stampa mac-oriented che persiste nell'errore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this