Sign in to follow this  
Matteo OS X

Mi propongo come Moderatore su Macity...

Recommended Posts

Sono al contrario convinto che il Forum possa anche essere interpretato come una scuola invece... se è vero che insegna a persone recettive, parallelamente no può che educare... Le due cose vanno di pari passo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alcuni comportamenti maleducati e violenti nella società reale spesso non sono riusciti a rientrare attraverso la forza repressiva e la linea dura in generale, ma al contrario attraverso il dialogo e il ragionamento (in condizione di salute mentale... e a volte, può sembrare strano, anche nei matti!!!). Perché non si dovrebbe riuscire a fare questo in una comunità virtuale? Ammetto di non avere grande esperienza di altri Forum, ma io sono fiducioso nell'insegnamento e nell'educazione dialogica...

Il fatto è che ... c'è un "gendarme" che gira e consegna al "giudice" il reo. Non spetta al gendarme porsi domande se reprime o meno. Ci stanno delle regole? Si, il reo le ha infrante? Si, allora seleziono il reo e lo consegno al giudice.

Sempre semplificando il discorso.

L'educazione vien fatta nei luoghi opportuni ... non è la "polizia" che deve educare ... alla polizia spetta prevenire e reprimere il "crimine".

sarà la terza volta che lo dico qui nel forum..ma secondo me chi deve ricoprire un ruolo di admin o mod dovrebbe leggere qualcosa sulla letteratura scientifica in proposito.

Guarda gè..incappi in un errore madornale se credi che la diacronicità che accompagna una comunità virtuale la renda diversa da una comunità reale..i tempi saranno diversi..ma sensazioni, emozioni e conflitti sono gli stessi..

Non sono un filosofo, ne uno psicologo (e ne mi va di esserlo :-P) ... sono tuttavia convinto che la forma migliore per garantire la convivenza civile fra le persone sia fissare un numero relativamente piccolo di leggi/regole, che siano estremamente chiare e poco soggette all'interpretazione e che vengano fatte rispettare rigorosamente.

Nella vita reale così come in quella virtuale. Non è scopo di questo thread stabilire se sia giusta o meno.

Dal thread si evince che c'è un problema di "moderazione" del forum. Il problema attualmente è affrontato con poche unità e con regole larghe (per stessa ammissione di chi le applica).

Il problema è stato risolto? Non mi pare, visto che stiamo qua a parlarne.

E' il caso di "cambiare"? Secondo me (e a quanto pare secondo anche altri) si ... se in un'ottica del genere può essere d'aiuto la mia figura mi fa piacere dare una mano, se no fa lo stesso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cioé ... mi stai dicendo che un poliziotto se s'accorge che un suo amico compie un atto illecito non dovrebbe fermarlo perché ci stanno dei rapporti interpersonali?

Faccio sempre un rapporto con la realtà (magari a volte calcando volutamente la mano) eh ...

...no gè..il tuo è un sincretismo penale..perchè vedi solo ed esclusivamente il "reato da punire"?Io ti stò dicendo che esiste sempre qualcosa che spinge le persone a commettere degli errori..sviste, problemi personali quotidiani, false credenze (le abbiamo tutti..si chiamano categorizzazioni!)..e sarà difficile misurarsi con tutto ciò.

Immagina un utente che per un anno ha dato un notevole apporto alla comunità sia tecnicamente che socialmente..una domenica mattina..dopo aver divorziato con la moglie..esordisce in un 3d con asserzioni fuori luogo e alimenta un flame quasi fosse un troll.

Tu lo ammoniresti senza battere ciglio e lui istigato continuerebbe...infine seguirebbe un ban..(secondo la tua linearissima logica induttiva)..

manca qualcosa però..e si chiama deduzione...essere deduttivo significherebbe inviare una mail all' utente che ha dato il suo sostegno positivo a macitynet per ben un anno e chiedergli spiegazioni, ricordargli che è ormai un anello della catena molto importante..caricarlo "positivamente"..riaggiustare la sua rotta...questo intendevo.

Se a ciò dovesse seguire un suo disinteresse perchè insensibile a quanto elicitato..bhè allora potrebbero iniziare le sanzioni.

..ecco uno stralcio di vita del buon mod..

E ripeto può capitare perchè dietro a quello schermo ci sono persone reali e non dei nickname che sbagliano e devono essere puniti!

Share this post


Link to post
Share on other sites

...no gè..il tuo è un sincretismo penale..perchè vedi solo ed esclusivamente il "reato da punire"?Io ti stò dicendo che esiste sempre qualcosa che spinge le persone a commettere degli errori..sviste, problemi personali quotidiani, false credenze (le abbiamo tutti..si chiamano categorizzazioni!)..e sarà difficile misurarsi con tutto ciò.

In maniera molto stringata dico ... non è e non dovrebbe essere interesse del moderatore mettersi a studiare il perché uno scapoccia. Se uno scapoccia si prendono provvedimenti.

Immagina un utente che per un anno ha dato un notevole apporto alla comunità sia tecnicamente che socialmente..una domenica mattina..dopo aver divorziato con la moglie..esordisce in un 3d con asserzioni fuori luogo e alimenta un flame quasi fosse un troll.

Secondo me la legge è uguale per tutti ... comunque il sistema delle ammonizioni sarebbe una garanzia contro questi casi ... se uno scapoccia la prima volta cancelli quello che ha fatto e gli dici di darsi una calmata. Se lo rifà, mi pare che 5 giorni di riposo e lontano dallo stress di un forum non possano che fare bene. Se insiste ... beh, non è il forum di MC che deve curare il "caso" signor. X ... ci stanno altri luoghi.

Tu lo ammoniresti senza battere ciglio e lui istigato continuerebbe...infine seguirebbe un ban..(secondo la tua linearissima logica induttiva)..

Si

E ripeto può capitare perchè dietro a quello schermo ci sono persone reali e non dei nickname che sbagliano e devono essere puniti!

Ad ogni sbaglio segue una conseguenza ... è così, nella vita reale e non!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il fatto è che ... c'è un "gendarme" che gira e consegna al "giudice" il reo. Non spetta al gendarme porsi domande se reprime o meno. Ci stanno delle regole? Si, il reo le ha infrante? Si, allora seleziono il reo e lo consegno al giudice.

Sempre semplificando il discorso.

L'educazione vien fatta nei luoghi opportuni ... non è la "polizia" che deve educare ... alla polizia spetta prevenire e reprimere il "crimine"....posizione molto personale la tua e un pò scollata della società reale/virtuale...un giorno potresti sperare che non funzioni come dici.

P.S. Finchè non si capisce che l' orticello va coltivato tutti insieme..ci sarà sempre qualcuno che di notte (per invidia o cattiveria) verrà a disfartelo.

Il mio intervento voleva solo sollecitare la presa di coscienza di una certa apertura al cambiamento..ma qui (mi pare) si vogliono solo percorrere strade linari, facili e già battute.

Quindi terreno fertile per il solo tecnicismo (lungi da me apprezzarlo!...;-P )..ma nient' altro...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono al contrario convinto che il Forum possa anche essere interpretato come una scuola invece... se è vero che insegna a persone recettive, parallelamente no può che educare... Le due cose vanno di pari passo...

secondo me è un'interpretazione molto vaga. Se ogni esperienza ci insegna qualcosa anche utilizzare i mezzi pubblici o imparare a stare in fila dal salumiere è educativo. Cioè non nego che queste siano esperienze che aiutano a crescere, ma il compito di educare e il ruolo dell'educatore sono cosa ben diversa.

Voglio dire non tutti i luoghi sono atti ad educare. Cioè se vai in biblioteca devi impararne le regole per frequentarla, ma se fai sciocchezze e disturbi semplicemente ti buttano fuori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ritengo che sia quanto meno auspicabile provare a leggere cosa ci sia dietro un comportamento, un atteggiamento inconsueto o anomalo prima di passare alle maniere forti. Semplicemente questo è il modello educativo a cui mi piace fare riferimento (capisco la difficoltà, sia chiaro)...

Share this post


Link to post
Share on other sites

posizione molto personale la tua e un pò scollata della società reale/virtuale...un giorno potresti sperare che non funzioni come dici.

Basta guardarsi in giro per vedere che non funziona come dico io ... è chiaro e non sto sostenendo questo ... ma il messaggio è che così come chi ruba dovrebbe essere punito allo stesso modo chi è fuori dalle regole di un forum dovrebbe incappare in sansioni.

Non funziona così (per cattiva gestione degli enti opportuni) nella realtà, non funziona così sul forum. Intervenire nella realtà è difficile, intervenire qui lo è molto meno.

ma qui (mi pare) si vogliono solo percorrere strade linari, facili e già battute

Il fatto che definisci queste strade facili e lineari è un punto a favore, non contrario. Il fatto che siano state già battute ... non su questo forum.

Quindi terreno fertile per il solo tecnicismo (lungi da me apprezzarlo!...;-P )..ma nient' altro...

Che poi ... OT ... questo sarebbe appunto un forum tecnico eh ;-)

Cioè se vai in biblioteca devi impararne le regole per frequentarla, ma se fai sciocchezze e disturbi semplicemente ti buttano fuori.

Semplice e lineare ... e sarebbe interessante vedere se qualcuno si mettese anche (sempre nella biblioteca) a discutere se è bene o male allontanare l'individuo molesto! :-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ritengo che sia quanto meno auspicabile provare a leggere cosa ci sia dietro un comportamento, un atteggiamento inconsueto o anomalo prima di passare alle maniere forti.

E nel mentre che provi a capire che fai? Magari permetti al tipo che ha scapocciato di spammare per tutto il forum?

Un "attenzione mr. X, ti stai comportando male, ha causato rotture di scatole a tanti, abbiamo messo una pezza al casino che hai fatto ... non farlo più se no verrai allontanato per 5 giorni" è maniera forte? O è una cosa abbastanza di "buon senso"? O__o

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il fatto è che ... c'è un "gendarme" che gira e consegna al "giudice" il reo. Non spetta al gendarme porsi domande se reprime o meno. Ci stanno delle regole? Si, il reo le ha infrante? Si, allora seleziono il reo e lo consegno al giudice.

Sempre semplificando il discorso.

L'educazione vien fatta nei luoghi opportuni ... non è la "polizia" che deve educare ... alla polizia spetta prevenire e reprimere il "crimine"....posizione molto personale la tua e un pò scollata della società reale/virtuale...un giorno potresti sperare che non funzioni come dici.

P.S. Finchè non si capisce che l' orticello va coltivato tutti insieme..ci sarà sempre qualcuno che di notte (per invidia o cattiveria) verrà a disfartelo.

Il mio intervento voleva solo sollecitare la presa di coscienza di una certa apertura al cambiamento..ma qui (mi pare) si vogliono solo percorrere strade linari, facili e già battute.

Quindi terreno fertile per il solo tecnicismo (lungi da me apprezzarlo!...;-P )..ma nient' altro...

guarda latynox, io sinceramente vedo il tuo di ragionamento un po' scollato dalla realtà. cioè andrebbe benissimo se effettivamente ci fosse una capacità/volontà da parte di ognuno di comprendere l'eventuale errore commesso. questo non è sempre vero e l'esempio estremo è il troll (almeno per quanto riguarda questo tipo di comunità)

L'esempio del tipo che una tantum (una volta soltanto) commette un errore non confuta la linea di pensiero di gennaro che comunque prevede un "crescendo" di provvedimenti (cioè non vieni bannato subito a vita).

Il pregresso poi vale fino ad un certo punto: cioè uno può essere premio nobel per la fisica, ma se poi commette un omicidio è un omicida. punto. ovviamente è un caso estremo ed esistono tante "sfumature" nella vita.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ritengo che sia quanto meno auspicabile provare a leggere cosa ci sia dietro un comportamento, un atteggiamento inconsueto o anomalo prima di passare alle maniere forti. Semplicemente questo è il modello educativo a cui mi piace fare riferimento (capisco la difficoltà, sia chiaro)...

si ma non tutti i luoghi sono atti a fare questo. In biblioteca, luogo di cultura e in cui si va per imparare, mica si pongo il problema del perché fai il matto? e se il tuo comportamento è dovuto al fatto che il giorno prima hai divorziato? beh pazienza. non è mica compito del bibliotecaio. ci sono altre figure, istituzioni ecc ecc che si occupano (o dovrebbero) di ciò.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
Sign in to follow this