Il PDF perfetto per la stampa: COME FARE?


phase027
 Share

Recommended Posts

Ciao ragazzi,

è la prima volta che scrivo, e vorrei iniziare subito con un "problema" che mi ha dato non pochi grattacapi :confused:

Posted Image

In una pagina (ho usato una paubblicità di Ecko solo come esempio, non l'ho fatta io..) "complessa" come quella sopra bisogna tener conto di:

- tracciare i font: ma non appesantisce il file?

- sono inseriti dei bitmap ad un colore (il colore viene assegnato con illustrator una volta inserito nell'art) : qualche accorgimento particolare?

- file photoshop con trasparenza:

ADOBE dice che indesign supporta le trasparenze e anche i RIP che leggono pdf X/3

VARI TIPOGRAFI dicono che non è vero, le trasparenze sono un casino, il pdf stesso (qualsiasi versione) crea mille rettangoli uno sopra l'altro con le immagini per simulare la trasparenza (FLATTERING -> il pdf appiattisce tutto per essere elaborato dal rip) e quindi NON USARE LE TRASPARENZE oppure EPS O TIFF CON TRACCIATO DI RITAGLIO (pero addio alle sfumature) oppure FAI IL TIFF DI TUTTA LA PAGINA E POI CI FAI IL PDF

- si va in stampa a 4 colori (quindi nessun colore per il pantone) : qualche consiglio per mantenere la fedeltà del pantone?

- il pdf va elaborato utilizzando i profili di stampa della macchina che stamperà, giusto?

Link to comment
Share on other sites

se lo stesso phase di italiamac?

allora non ti sono bastate le risposte che hai ricevuto eh? ehehehe.

spiegare queste cose è un po' un casino.

Io sono dell'opinione che:

Un tipografo che sballa la stampa e i colori facile che la colpa non sia solo da una parte.

Se ti dicono di non usare trasparenze facile che siano loro a non saperle gestire.

I pantoni, se vuoi un minimo di fedeltà in stampa, non farli convertire al rip o in fase di esportazione pdf ma fallo tu prima cercando di avvicinarti con le percentuali che trovi nella mazzetta e un minimo di corrispondenza monitor.

Colorare i tiff in illustrator non l'ho mai trovata una buona idea perchè il risultato può riservare grosse sorprese.

I tracciati di ritaglio sono diventati un brutto ricordo di ore perse a tagliare capelli con lo scalpello.

Si potrebbe anche usare i profili macchina ma devi avere un buon rapporto con il tipografo, il 70/80% di loro ti dice che non serve, molti non usano profilatura. Usa Fogra e vai tranquillo in molte tipologie di stampa.

Tracciare i font va bene se ne hai pochi ma allora che serve un pdf visto che li incorpora? A volte basta metterli su dei livelli nella gerarchia più alta e risolvi molti fastidi.

Per le foto con trasparenza è quasi obbligatorio usare psd e non tiff a livelli aperti, anche qui rischi brutte sorprese.

Se la conversione trasparenza è fatta bene riquadri bianchi non ne trovi.

Aspettiamo anche altri pareri...

ciao

Link to comment
Share on other sites

1. Usa font OpenType e vai tranquillo.

2. Per le trasparenze leggi il link qui sopra

3. Il Pantone puoi avvicinarti, non averlo fedele. Cambialo in quadricromia nel tuo file se deve essere stampato in quadricromia. I valori o li prendi direttamente dal programma, oppure guarda la guida Color Bridge di Pantone.

4. Si, ma tu controlla di lavorare con le giuste impostazioni colore in tutti i programmi che usi. Imposta per RGB Adobe RGB e per CMYK Europe ISO Coated FOGRA27.

Link to comment
Share on other sites

..grazie per le risposte :)

Ho trovato molto interessante questo .pdf:

http://boscarol.com/media/pdf/adobelive2007.pdf

..ho altre domande da porvi :P

1) il pdf x-1 non ammette le trasparenze? Ma in che modo? Ho fatto una pagina di indesign, ho

inserito un .psd con trasparenze, ho esportato in pdf x-1.......embè, me lo permette! Non dovrebbe darmi "errore, sono presenti trasparenze?"

n.b.

Ho verificato che fosse effettivamente "standard" da Acrobat con: "Verifica Preliminare": "conforme con pdf/x-1 : 2001" e risulta ok.

2) Boscarol consiglia di calcolare i colori spot in L*a*b e non in CMYK (nella finestrella dei campioni/swatches clicca su opzioni > Spot Colors): ma che differenza c'è? ok, mi sono letto tutta la storia dei colori L*a*b etc... ma, in pratica, selezionando questa opzione cosa mi cambia?

p.s.

si Albertocchio sono io! Sto facendo un sondaggio generale :o

Link to comment
Share on other sites

1. Non le supporta nel senso che le converte, dove sono presenti fa un'immagine unica tra gli elementi interessati dalla trasparenza e potrebbero esserci problemi con questa operazione.

2. Impostando i colori in LAB li VEDI più simili a come usciranno altrimenti il programma te li fa vedere come se fossero convertiti in quadricromia

Link to comment
Share on other sites

Provo a fare un riassunto.... ;)

Allora, prendiamo Photoshop come esempio:

Posted Image

Ho settato Adobre RGb perchè ha un buon gamut di colori (e penso sia il più utiilizzato..)

Ho settato Fogra27 per il CMYK perchè è il profilo più comune per la stampa

Quindi:

PHOTOSHOP

- quando apro un file che ha un profilo diverso da Adobe RGB (es: sRGB) gli dico di tenere quello che ha già, giusto?

Solo nel caso non abbia profilo gli assegno il mio (Adobe RGB)

ILLUSTRATOR

Posted Image

- idem con illustrator: mantengo i profili originali del file, sia CMYK che RGB

INDESIGN

- al momento di fare il pdf:

> scelgo pdf/x-1 così vedo come avviene la conversione delle trasparenze, ecc per evitarmi sorprese in stampa

> converto tutto il documento (e quindi anche i file inseriti) nel CMYK della macchina che stamperà

ACROBAT

Posted Image

- Verifica preliminare: verifico la correttezza del pdf/x-1

In questo modo il pdf non dovrebbe aver problemi, giusto?

;)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share