T-Amp Esperienze di ascolto


Recommended Posts

  • Replies 215
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

In definitiva, se uno volesse acquistare il T-Amp, che diffusori consigliereste? Io sono stato sempre abituato ai monitor(tipo Genelec e Yamaha), ma di casse hi-fi ne so una beata mazza...

diffusori con almeno 89/90dB di sensibilità in su......

....ad un collega di lavoro gli ho fatto prendere prima il t-amp e poi le "Indiana Line Arbour 5.40" ..........ho bevuto il caffè gratizzz......per una settimana......

Link to comment
Share on other sites

In definitiva, se uno volesse acquistare il T-Amp, che diffusori consigliereste? Io sono stato sempre abituato ai monitor(tipo Genelec e Yamaha), ma di casse hi-fi ne so una beata mazza...

Le Genlec non sono mica male.

Comunque, gusti personali a parte (i diffusori vanno ascoltati), servono diffusori efficienti.

Rileggi il thread dal topic #92 in avanti.

Ciao.

p.s.: non mi sono scordato del manuale da 500!!! pagine che mi hai mandato. Appena posso ti rispondo nel tuo thread.

Link to comment
Share on other sites

Comunque in settimana mi recherò dagli amici della Digitex(www.digitex.it), sottoporrò a loro al questione e mi farò consigliare(bello il progetto delle trombe Fostex postato qui sul forum). Ma il T-Amp e relativi accessori dove si possono acquistare? Ho in mente anche io di fare un aggeggio in bi amp magari con un bel mobiletto di legno lucido...

Link to comment
Share on other sites

Comunque in settimana mi recherò dagli amici della Digitex(www.digitex.it), sottoporrò a loro al questione e mi farò consigliare(bello il progetto delle trombe Fostex postato qui sul forum). Ma il T-Amp e relativi accessori dove si possono acquistare? Ho in mente anche io di fare un aggeggio in bi amp magari con un bel mobiletto di legno lucido...

Conosco il sito della Digitex, buon assortimento, ma prezzi un po' alti.

Qui li trovi a ca. € 100 l'uno.

Gli FE 206 non li ho visti sul sito Digitex, ma gli altri constano mediamente il 50/60% in più.

Qui trovi i T-Amp e gli alimentatori ad un buon prezzo per essere in Italia.

Oppure qui negli States.

Hanno anche una sezione dedicata agli altoparlanti con molti componenti, purtoppo non trattono Fostex.

Per finire, se ti sei orientato al progetto Fostex monovia, non ti serve una biamplificazione. Anche aggiungendo il supertweter la maggior potenza richiesta sarebbe minima.

Meglio sarebbe l'aggiornamento delle bobine, che costa meno di un secondo T-Amp e dovrebbe darti quei 1,5 o 2W puliti in più per il supertweeter.

Ciao.

Link to comment
Share on other sites

Ripensando alle induttanze in aria, mi viene in mente la questione dei flussi dispersi: avere un core con permeabilità molto bassa fa sì che il campo magnetico si distribuisca anche fuori, chissà se ciò arreca disturbi al resto dei componenti (campi magnetici variabili influenzano i condensatori, almeno un poco, infatti la Tripath non usa mai induttanze in aria).

Link to comment
Share on other sites

Ciao Carlone, grazie per le dritte(a proposito, come diavolo si stampa un file PDF nato in A3 su due pagine A4? Sto cercando di stampare il progetto Fostex ma mi viene solo la prima parte di sinistra... :mad: ).

Ripensando a tutti i vostri interessantissimi discorsi, mi è venuto in mente ciò che lessi tempo addietro sul mitico "The Tube Amp Book" di Aspen Pittman, alias Mr. Groove Tubes(per chi non lo sapesse una notissima marca di tubi termoionici). Il libro è una vera Bibbia per tutti coloro che si intendono di amplificazione e, sebbene tratti per la maggior parte l'amplificazione strumentale, si lancia anche in qualche piacevole escursione nel campo dell' Hi-Fi.

La cosa che più mi incuriosisce è la sua analisi delle tecniche di registrazione e monitoraggio in studio degli anni '50 e '60(quelli dove si cercava ancora il "bel suono"): in quegli anni(dice lui) gli studi di registrazione erano equipaggiati con gli amplificatori della più prestigiose marche(in USA i mitici McIntosh - toh! - MC60 ed MC75 ed in Europa i Quad II, di cui ho ammirato sbavando una replica completamente handmade nella vetrina della Digitex), abbinati a diffusori caricati a tromba. Oggigiorno invece quello che va per la maggiore è il monitoraggio nearfield("inventato", per così dire, dall'apparizione delle Yamaha NS10 sul mercato), effettuato da pesantissimi e costosissimi diffusori attivi dalle potenze spaventose(dannata dance...). Il buon vecchio Aspen si augurava un ritorno alla vecchia scuola, e per questo ha anche messo in produzione un finale valvolare da studio adatto ad essere accoppiato a diffusori a tromba(secondo lui suonano meno duri alle orecchie...).

Ed ecco l'idea.

Usare il T-Amp(o due, o addirittura quattro!) o surrogati come impianto di monitoraggio per pilotare dei nearfield passivi(a detta di molti fonici, migliori di quelli attivi), magari realizzati ad hoc per sfruttare a pieno le caratteristiche del piccolo mostro. Un sistema del genere dovrebbe costituire il back-end di una stazione di homerecording di qualità(a breve dovrei accaparrarmi una Digidesign Digi002 o una RME). Nessun potenziometro del volume, in quanto il segnale dovrebbe essere comandato dal master fader della scheda. Massima linearità di risposta ed alimentazione adeguata.

Secondo voi è fattibile?

Link to comment
Share on other sites

Ripensando alle induttanze in aria, mi viene in mente la questione dei flussi dispersi: avere un core con permeabilità molto bassa fa sì che il campo magnetico si distribuisca anche fuori, chissà se ciò arreca disturbi al resto dei componenti (campi magnetici variabili influenzano i condensatori, almeno un poco, infatti la Tripath non usa mai induttanze in aria).

Ehm, mi sa che li influenzano pochino, date le frequenze in gioco. Piuttosto, vedrei piuttosto difficile (per non dire spaventoso) schermare dalle influenze esterne delle bobine avvolte in aria. Esistono degli ottimi nuclei toroidali a bassa permettività, almeno proverei ad usare quelli...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share