Steve Jobs parla il 6 giugno


marco carrozzini
 Share

Recommended Posts

  • Replies 339
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Mah se uno dei problemi sono i volumi di vendita sia per IBM che per FreeScale per la piattaforma Apple, cosa cambierebbe nel gioco delle parti con Intel, resterebbero sempre bassi... non capisco.

Non sarebbe meglio a questo punto puntare solo sul G5 su tutte le linee possibili?

Lo so che in parte lo stanno già facendo, ma i veri volumi di vendita Apple li fa con gli iBook, il Mac Mini, i PowerBook ed infine gli eMac....cioè circa il 60/70% della produzione trimestrale...i G5 sono installati nella restante 30%...invertendo le cose non potrebbero migliorare???

Ma sai però lo spazio...nei portatili e nel Mac Mini...ed allora non se ne esce...

Myname

Link to comment
Share on other sites

allora toto-keynore:

percentuale di possibile introduzione (secondo il mio modestissimo parere)

nuovo stile ibook -90%

rinnovo linea ipod -70%

introduzione ipod video -60%

il ritorno di newton/il reinventare i tablet -55%

il maledetto spedd dump a 3 ghz dei g5 -50%

nuovo software -60%

mac os lion 10.5 -10%

qualcosa di nuovo e che nessuno si è immaginato - 20%

Link to comment
Share on other sites

Ragazzi, magari è una bufala. Però evidentemente il conservatorismo non è di moda, almeno nel rapporto tra software e chip su cui farlo girare.

Io non avrei scommesso un soldo bucato su Xbox basata su processori IBM. Ed oggi scopro che i "cell" di IBM non c'entrano quasi nulla con i PPC usati da Apple e da IBM stessa sui "suoi" computer (per quanto il conine con la cinese Lenovo sia sempre più labile).

Certi vecchi schemi (Cisc contro Risc, x86 contro PPC) sembrano insomma vieppiù obsoleti.

Di una cosa però mi sento abbastanza sicuro: sia Microsoft che Apple in questi "balzi della quaglia" (ipotetici o reali) stanno usando qualche trucco per evitare la "emulazione" nel senso classico del termine. Altrimenti, sappiamo bene, le prestazioni degradano davvero in modo inaccettabile.

Non escluderei perciò delle novità hardware in questo senso: magari coprocessori di "traduzione".

Vedremo, vedremo. Ormai manca poco.

Link to comment
Share on other sites

marco link please

ah ovviamente il mio toto-keynote potrebbe essere tutto sbagliato ho appena visto le foto nella home di macity ... sembra che ci sia solo tiger... 2 ore di telenovela su spotlight e dashborad??? maremma spero di no...

in effetti..

in una scorsa edizione, non ricordo quale onestamente., erano stati fotografati degli operai che montavano un enorme manifesto che faceva intravedere le "freccie incrociate" del random dell'Ipod Shuffle... invece quì per ora niente

Link to comment
Share on other sites

Guest gennaro_mac

Chest, non so, ma la "storia" sembra insegnare una sola cosa. Chiunque aveva un HW e/o SW proprietario ed è passato ad Intel è morto.

Commodore aveva la doppia piattaforma, Amiga su 68k e PC "tradizionali" su x86 è morta.

NeXT aveva il proprio HW/SW su 68k e quando è passata a x86 (solo con l'OS) solo Apple poteva comprarsela, ed a quel prezzo.

Silicon Graphics ... ormai mi sembra tanto la carta estrema per non morire

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share