Hard Disk esterno invisibile sul desktop


D.A.R.Y.L.
 Share

Recommended Posts

Buongiorno a tutti,

ecco il fatto. Una mano troppo lesta ha scollegato il disco esterno (Lacie Mobile 120 GB) dal MBPro senza passare dall'Eject. Il risultato è che il disco ora non è più visibile sula Scrivania, ma soltanto in Utility Disco. Il nome generico del disco è in neretto (come quello dell'HD interno), ma il nome dell'unica partizione è "pallido", e non mi è concesso di attivarlo, ma solo di espellerlo.

Niente backup dei dati (libreria i-Tunes e pure un paio di programmi installati). A quanto ho capito dovrei ricostruire le directory FAT perse (o qualcosa del genere). Informandomi in rete, ho notato la menzione ricorrente di due software per il recupero dati: Getdataback (Windows) e Diskwarrior (Mac).

Ora il mio HD è collegato ad un PC Windows col primo programma avviato, e a quanto pare i file vengono rilevati. Mancano però ancora 10 ore al termine della verifica, e vi chiedo se c'è un sistema più veloce per sistemare la faccenda (dato che i dati salvati sono integri, mentre necessito di nuove directory che permettano al Mac di leggerli). Sapete anche dirmi come muovermi una volta terminata la "Ricostruzione"? Il disco funzionerà normalmente, o dovrò riversare tutti i dati su di un nuovo HD, formattando questo?

Grazie mille.

M

Link to comment
Share on other sites

Caro Fonzo, io ho risolto in maniera macchinosa, ma ho risolto.

GetDataBack su Windows di un amico mi ha praticamente recuperato tutti i dati (qualcosa no, e un programma deve venire reinstallato). Ci sono volute una settantina di ore. Ho quindi acquistato e collegato un secondo HD sul quale li ho trasferiti, e che d'ora in poi utilzzerò per backup (lezione imparata). Per rianimare l'HD sopito è bastato riformattarlo (Utility Disco - Inizializza - MsDos). Le scocciature non sono mancate (sincronizzare la libreria i-Tunes ed altre perdite di tempo), ma non conosco altri modi di procedere. Grazie a Bill Gates, dunque!

Link to comment
Share on other sites

Bhè i programmi di recupero dati su HD danneggiati ( sia logicamente, che fisicamente ), ci mettono un sacco di tempo per l'analisi e l'eventuale recupero, perchè devono leggere, cluster dopo cluster, settore dopo settore, i dati e poi ricostruirli logicamente.... Ovviamente il tempo di analisi e recupero dati è direttamente proporzionale alla capacità dell'unità e alla sua percentuale di utilizzo. Un mio suggerimento, per evitare problemi del genere, è di partizionare l'unità: una in Hfs+ e l'altra in MS DOS...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share