Sign in to follow this  
admin

Apple e Intel: una intesa per un Mac mini "universale"?

Recommended Posts

Apple e Intel: il punti di vista di un esperto di Sistemi Operativi

Franco Tommasi, Professore Associato di Sistemi Operativi all'Università di Lecce e dirige il "Laboratorio per l'Internetworking e l'Interoperabilità tra i Sistemi" della stessa Università ci scrive:

"In questi giorni pre-conferenza sviluppatori Apple si fa un gran parlare di uno switch a Intel di Apple (che abbandonerebbe IBM e il PowerPC o lo affiancherebbe).

Non so cosa ci sia di vero in questa storia ma di certo c'è una opzione che se si avverasse avrebbe molto senso e non farebbe correre ad Apple nessuno dei rischi che vengono paventati.

L'"opzione" è un Mac mini basato su Intel. Basterebbe metterlo in circolazione con TUTTO il SW Apple compilato per Intel (beh, diciamo escluso il software professionale). Sarebbe uno splendido modo per far provare MacOS X a un sacco di gente che usa Windows (molta di più di quanta non lo stia provando in questi giorni scegliendo il Mac Mini PPC) e sarebbe un grosso affare commerciale. Sarebbe infatti l'unico computer al mondo capace di funzionare con MacOS X, Linux e Windows XP senza emulazioni. Dopo un po' di tempo ognuno potrebbe decidere di usare quello che gli conviene di più con la sicurezza in partenza di non aver buttato via il (poco) denaro.

Si potrebbe obiettare che mancano le applicazioni compilate per questa macchina ma oggi come oggi il SW Apple è più che sufficiente a farsi un'idea delle funzionalità di MacOS X (e se è per questo anche a fare un sacco di lavoro vero). Inoltre basterebbe un nonnulla per avere disponibile anche tutto il SW libero/Open Source. A questo punto mi sembra lo si possa vedere come un oggetto piuttosto appetibile.

Dal punto di vista di Apple non ci sarebbero grossi rischi. Sarebbe il classico "ballon d'essai". Se non funziona, pace: come non fatto. Se funziona, si aprirebbero prospettive inimmaginabili. E tutto ciò tenendo bene in mano il controllo del proprio business hardware. Ci sarebbero infatti mille modi di "controllare" questa piccola "fuga in avanti" (il Mac Mini è una macchina di fascia bassa e si potrebbe sempre dire che per la fascia alta occorre il PPC). Ma intanto, ripeto, si sonderebbe la reazione e si diffonderebbe molto più di ora MacOS X nel mondo Wintel.

Aggiungo che per non allarmare gli allarmisti si potrebbe semplicemente dire: "nessuno switch per ora, lo abbiamo fatto solo per farlo provare a più gente possibile". E una eventuale successiva eliminazione non suonerebbe per niente come una ritirata.

A mio parere è un'idea così forte che se non venisse adottata sarebbe un gran peccato. Ma forse è proprio questo che succederà domani (mi pare invece improbabile un annuncio di switch a Intel generalizzato su tutta la linea di prodotti e poi perché annunciarlo quando non è ancora pronto, a rischio di penalizzare le vendite per un anno?).

Tutto qui. Mi sembrava che nessuno avesse espresso chiaramente quest'idea (anche se qualcosa del genere all'inizio era frammentariamente circolato, negli ultimi giorni si parla di tutt'altro) e perciò ho voluto raccontarvela."

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah...per carità un esperto di sistemi è sicuramente più quotato e preparato sul caso...però continua a non tornarmi...

Gli effetti negativi della notizia secondo me sono sottovalutati, perchè un esperto non avrebbe grossi problemi, una parte degli utenti anche, ma la stragrande maggioranza non capirebbe, avrebbe più confuzione che altro.

iTunes sta girando su x86? no che dici non vedi che non ci sono scatti è sotto PPC...

Si però hai notato che iPhoto va decisamente meglio sotto il mio Mac Mini Centrino da 500€ piuttosto che sotto il tuo PowerMac G5 da 2.500€??? eh eh scemo tu che hai speso quei soldi...

La cosa non mi piace...

Myname

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una cosa mi chiedo... sara' davvero cosi' facile ricompilare i software Apple sotto x86? Insomma gli ingegneri Apple hanno fatto un grande lavoro con OsX, possibile che sarebbe cosi' facile riportarlo su x86?

E da quanto ci stanno lavorando? Da parecchio per avere un prodotto decente per il 2006..

La cosa che potrebbe essere ragionevole e' una eventuale partnership con Intel per la produzione di chip PPC nei loro stabilimenti, ammesso che sia possibile ovviamente. In questo modo si sfrutterebbe la potenza economica e tecnologica di Intel senza minare la tecnologia alla base del Mac.

Ma alla fin fine lo sapremo stasera quando potremo verificare le notizie in diretta dal keynote di Jobs.

Incrociamo le dita!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest gennaro_mac

Rimango altamente scettico, specialmente nei modi in cui la cosa sembrerebbe profilarsi. Mi spiego.

Un passaggio ad x86 della serie consumer entro il 2006 e della serie professionale entro il 2007. Cosa si evince da questa situazione:

1) Sulla serie consumer al momento non vedremo altro che le applicazioni Apple ed eventualmente quelle opensource. Il Mac x86 per forza di cose non potrebbe far girare Windows (almeno mi auguro) e quindi l'ipotetico cliente si trova ad avere un computer che lascia andare iLife ed OS X e null'altro ... ma a sto punto non gli converebbe maggiormente (tanto per assaggiare la mela) prendere un computer "completo"?

2) Se tra il 2006 ed il 2007 ci sarebbe questo ipotetico passaggio, ma chi se l'incula i Mac attuali? Cioé ... sarebbe un matto uno che una volta annunciato il passaggio ad x86 va a comprarsi un Mac (specialmente se costoso) con PPC. Ma anche facendo un semplice calcolo. Una workstation professionale con X86 NON potrebbe costare quanto gli attuali PowerMac, e probabilmente avrebbe prestazioni del tutto simili (se non superiori), ma chi l'andrebbe mai a comprare un coso del genere?

3) Sviluppo del software. Ma chi svilupperebbe software per gli attuali Mac da oggi fino (all'ipotetico) 2007? Il nostro parco software virtualmente fermo ed M$ che fa di tutto per far uscire programmi con plus per Windows ... eppoi fermo lo sviluppo anche del Mac OS X. A questo proposito inviterei a riflettere sul fatto che OS X quando uscì faceva pena (chi dice il contrario mente :-P), c'è voluto 10.2 per avere qualcosa di decente eppoi l'ottimo Panther dove hanno ottimizzato anche il rendering dell'ombra.

4) E se qualcosa va storto nel porting di OS X per x86? La mia preoccupazione è questa: che OS X "puro" possa essere portato su X86 con "relativa" velocità può anche essere (anche se mi piacerebbe sentire chi provò NeXTStep per x86 ... aveva delle prestazioni davvero entusiasmanti :-P), ma la stragrande maggioranza delle applicazioni per OSX "commerciali" sono programmi Carbon, nessun big ha scritto un solo programma Cocoa (a parte Apple). Ora Carbon ovviamente non lo porti su x86 se non riscrivendolo o mandandolo in emulazione. Tuttavia suppongo che le prestazioni di Carbon emulato non siano dissimili da quelle che si vedono in VPC ultime versione ...

Boh ... staremo a vedere. In linea di principio come ho più volte detto, non mi dispiacerebbe vedere su Mac ottimi processori come i Pentium-M, ma questo non mi sembra il momento più adatto (avrebbero dovuto farlo nel passaggio ad OS X).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sono rimasto molto sorpreso dal peso che viene dato a questa notizia: diciamo che voci di un passaggio ad Intel ce ne sono state periodicamente ma nessuno ci ha mai creduto veramente!

Adesso sembra che, oltre al fumo, ci sia anche l'arrosto!

Io butto li' un'altra ipotesi:

Intel vede che tutti produttori di Consolle si stanno dirigendo sulla piattaforma PPC, ed ha problemi a fare crescere i processori x86; ha gia' provato ad imporre una nuova architettura Itanium ma non se la fuma nessuno.... sta cercando una soluzione per il lungo periodo!

Apple e' infuriata con MotoSola e IPM per i continui ritardi; fra l'altro salta fuori che IPM produrra processori con tre core per Microsoft entro fine anno e non ha ancora messo fuori i G5 a 3GHz.... Steve non ci dorme la notte!

Allora ecco la soluzione:

Apple cede ad Intel la licenza per produrre processori PPC... con la tecnologia e la capacita' procuttiva di Intel (che e' ordientata al mercato dei PC e non degli embedded) si possono sviluppare degli ottimi processori PPC a prezzi accettabili...

se poi salta fuori che Intel infila un po' della sua tecnologia x86 nei nuovi processori per accelerare un eventuale emulatore di x86 ed Apple ritira fuori la BlueBox che era stata prevista per emulare x86 su MacOSX... si potrebbe anche convincere gli utenti Windows a passare ad Apple!

La storia (forse) ricomincia con una nuova alleanza Apple+Intel e dall'altra parte si torna a IBM+Microsoft (FreeScale va a fare i processori per i dispositivi embedded dove e' bravissima).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gennaro_Mac dice: "Sulla serie consumer al momento non vedremo altro che le applicazioni Apple ed eventualmente quelle opensource. Il Mac x86 per forza di cose non potrebbe far girare Windows (almeno mi auguro) e quindi l'ipotetico cliente si trova ad avere un computer che lascia andare iLife ed OS X e null'altro ... ma a sto punto non gli converebbe maggiormente (tanto per assaggiare la mela) prendere un computer "completo"?"

Perché scrivi "Il Mac x86 per forza di cose non potrebbe far girare Windows (almeno mi auguro)"?. Al contrario, mi pare che questa possibilità permetterebbe a molti utenti che in sua mancanza non si avvicinerebbero di fare una prova "senza rischi". Ripeto, secondo me un prodotto del genere sarebbe un grosso successo commerciale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

2) Se tra il 2006 ed il 2007 ci sarebbe questo ipotetico passaggio, ma chi se l'incula i Mac attuali? Cioé ... sarebbe un matto uno che una volta annunciato il passaggio ad x86 va a comprarsi un Mac (specialmente se costoso) con PPC. Ma anche facendo un semplice calcolo. Una workstation professionale con X86 NON potrebbe costare quanto gli attuali PowerMac, e probabilmente avrebbe prestazioni del tutto simili (se non superiori), ma chi l'andrebbe mai a comprare un coso del genere?

3) Sviluppo del software. Ma chi svilupperebbe software per gli attuali Mac da oggi fino (all'ipotetico) 2007? Il nostro parco software virtualmente fermo ed M$ che fa di tutto per far uscire programmi con plus per Windows ... eppoi fermo lo sviluppo anche del Mac OS X. A questo proposito inviterei a riflettere sul fatto che OS X quando uscì faceva pena (chi dice il contrario mente :-P), c'è voluto 10.2 per avere qualcosa di decente eppoi l'ottimo Panther dove hanno ottimizzato anche il rendering dell'ombra.

Qualcuno fece una cosa del genere...

http://en.wikipedia.org/wiki/Osborne_effect

:D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bah su questa notizia non riesco a prefigurarmi uno scenario che abbia un senso: se oggi fanno l'annuncio rischiano di azzerare tutte le vendite da qui al passaggio, ma un annuncio del genere non può essere dato un giorno prima dello switch!! Non so, secondo me non ci sarà la compatibilità con gli x86 e la necessità di ricompilare ma adotterà comunque processori Intel... poi come questo sia possibile forse ce lo spiegherà il buon vecchio steve.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa ipotesi, che Apple preparerebbe uno specchietto per le allodole, mac mini mi pare una strunzata.

Sarebbe una macchina di prova di cosa? Che su i mac non hai programmi?

Lo pensano tutti già.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest gennaro_mac

Perché scrivi "Il Mac x86 per forza di cose non potrebbe far girare Windows (almeno mi auguro)"?. Al contrario, mi pare che questa possibilità permetterebbe a molti utenti che in sua mancanza non si avvicinerebbero di fare una prova "senza rischi". Ripeto, secondo me un prodotto del genere sarebbe un grosso successo commerciale.

Perché il Mac su x86 non avrebbe mica un hardware compatibile con Windows ... insomma, non è che prenderebbero una scheda madre Asus o Acer per fare questo "mostro". Sarebbe comunque qualcosa di proprietario, con delle ROM immagino atte a far funzionare OS X, il quale non sarebbe installabile su un qualunque assemblato.

Inoltre a mio modesto parere, se mai uscisse un Mini x86 capace di far funzionare OSX e Windows, la stragrande maggioranza della gente lo comprerebbe perché "bello" e ci farebbe andare comunque Windows ;-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per me, l'annuncio di stasera sarà di una collaborazione per i chip embedded (campo dove, ironia della sorte, Motosòla dominava ...) per ipod e/o il fantomatico tablet del futuro.

Un'alternativa sarebbe, come ventilato altrove, che Apple desse ad Intel la possibilità di sviluppare un suo simil-PPC in quanto facente parte del consorzio PPC, anche se non credo che IBM sarebbe propriamente entusiasta dell'idea ...

il passaggio ad hardware intel-compatibile sarebbe un suicidio, poi osX potrebbe andare su qualunque hardware (e non venitemi a parlare di sistemi di protezione ...)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ripeto, secondo me un prodotto del genere sarebbe un grosso successo commerciale.

secondo me ammazzerebbe le vendite e non poco, sarebbe un tentativo ridicolo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this