Sign in to follow this  
admin

Commenti al Keynote di WWDC 2005 e al futuro di MacIntel

Apple e Intel - evento epocale per il mondo IT: cosa ne pensate?  

474 members have voted

  1. 1.

    • L'idea più geniale di Jobs per conquistare mercato e prestazioni
      50
    • Una scommessa sul futuro che vedo positivamente
      205
    • Una semplice scelta di mercato
      97
    • Sono perplesso: mi sento tradito
      100
    • Sono sconvolto, è la fine di Apple
      51


Recommended Posts

Enrico, è diverso in cosa? E' diverso perché abbiamo un OS potenzialmente valido, un Longhorn che sarà scopiazzato fino all'ultimo byte ed uscirà(guardacaso) proprio nel momento più delòicato nella transizione, quando un comune bug potrebbe bloccare il lavoro per mesi scaraventandoci in una situazione simile a quella del '93-'94 quando avevamo un processore sulla carta potentissimo, un OS rachitico e ci dibattemmo nei se e nei ma per poi vederci quasi spazzati via dal Win95 che aveva dei buchi grossi come case, ma che seppe portarci via la maggioranza dei nostri utenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi, ammetto di parlare sull'onda dell'emotività e forse domani vedrò le cose in modo un po' più ottimista. Ma per il momento ritengo che questa sia DI SICURO la fine del "Think Different", PROBABILMENTE la fine di Apple come la conosciamo oggi e FORSE la fine di Apple tout court...

I FATTI:

1. La maggior parte del guadagno di Apple (fatturato e utile) viene dalla vendita dei computer, PowerMac in testa

2. Al contrario, quello che fa grande il Macintosh è il suo sistema operativo, visto che - cpu a parte - già da tempo quasi tutto l'hardware è uguale a quello dei pc

3. A partire da oggi e fino all'uscita dei Mac con processore Intel, le vendite di Macintosh crolleranno inesorabilmente

LE IPOTESI:

Malgrado quello che qualcuno di voi ha detto, secondo me una volta che sarà terminato lo sviluppo di MacOS X per x86, non ci sarà modo di impedirgli di girare su un qualsiasi assemblato costruito a Taiwan o in Cina (e la demo fatta da Jobs su un PIV lo dimostra). Quindi, quando MacOS 10.5 verrà messo in vendita, chiunque potrà acquistarlo e installarlo sul proprio pc (magari assieme a Longhorn, su una diversa partizione). Di conseguenza, perché io dovrei comprare un Mac a 2500 euro quando posso comprare un equivalente HP o Dell a 1500 euro o addirittura un oscuro assemblato a 800 euro e farci girare lo stesso sistema operativo e gli stessi programmi? Quindi, così come le vendite dell'OS e dei software sviluppati da Apple aumenteranno a dismisura, quelle dei computer Macintosh, già ridotte al lumicino nei 2 anni di "attesa" degli utenti (che iniziano oggi), caleranno ulteriormente.

LE CONSEGUENZE:

Non credo sia tanto assurdo ipotizzare che nel 2008 o giù di lì avremo una Apple al 35% per quanto riguarda la penetrazione del sistema operativo e allo 0,000002% per quanto rìguarda la vendita di hardware Macintosh. Probabilmente, come conseguenza, Apple finirà per dismettere la produzione di computer per concentrarsi solo sul sistema operativo, sui software, sugli iPod (con annesso iTMS), che comunque inevitabilmente non avranno più lo smalto commerciale di oggi, e magari sulle periferiche... E, ovviamente, dovendo trarre il proprio guadagno dal software e non più dall'hardware, i prezzi di MacOS X e delle applicazioni lieviteranno in maniera sostanziale. Insomma, Apple nel giro di pochi anni diventerà una nuova Microsoft, solo un po' più innovativa...

Prima di prendermi per pazzo, pensateci bene e vedrete che la mia ipotesi non è poi così assurda come potrebbe sembrare a prima vista ad alcuni di voi...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me non c'e da sottovalutare il fatto che i PentiumD supporteranno nuove funzionalità DRM, e che con il fatto che i Mac , vedi iTunes/iPod, divinteranno sempre più piattaforme orientate verso la riproduzione/acquisto di materiale multimediale da internet, i nuovi processori Intel arrivano proprio nel momento giusto, quello scelto da Jobs per sfondare dopo l'audio nel mercato cinematografico.

Hollywood gongola.

Se questo e vero palladium sarà una relatà prima per Apple che per altri, e questo contro ogni mio passato pronostico...:(

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bene:

da stasera è morta la Apple che conoscevamo...

Ne nascerà a breve una nuova MacIntel e speriamo che anche questa volta papà

Steve ci abbia visto giusto ma credo prorio di si e se nn altro quando uscirà Longhorn

potremo paragonarlo ad OSX sullo stesso tipo di architettura hardware così l'attacco diretto

a Microsozz sarà completo.TiX

Share this post


Link to post
Share on other sites

dandy, calmino,

Cosa successe a SGI quando passò ad Intel dall'architettura proprietaria? SGI ha (praticamente) chiuso i battenti. La stessa strada toccò a Cray ed altri.

Tutti sistemi HW/SW proprietari sviluppati in esclusiva l'uno per l'altro. La stessa strada perseguita da Apple fino ad ora.

Adesso invece, Apple annuncia che diventerà l'ennesimo produttore di macchine "simil -PC"(non voglio dire uguali perché probabilmente molte differenze rimarranno). Qui si apre davanti una nuova prospettiva, ma anche un abisso, cioè che qualcuno trovi il modo di trasformare un assemblato da supermercato in un Mac vero e proprio.

Lo dico da utente Mac dal lontano 1985: Apple corre il rischio di diventare una casa produttrice di solo software, e ciò sarebbe inevitabilmente la fine.

Mat, io non mi riferivo a chi argomenta le proprie conclusioni (anche se la pensano diversamente da me). Imprecavo contro un certo snobismo! ;)

Anch'io, benché pacatamente ottimista su questa storia, sono un po' preoccupato per l'anno che deve venire. Ma ripeto, se non hanno imparato a fare i conti bene adesso...

E poi è vero, se 'sta transizione non la fanno ora che sono pieni di soldi... un altro momento avrebbe potuto essere fatale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi, ammetto di parlare sull'onda dell'emotività e forse domani vedrò le cose in modo un po' più ottimista. Ma per il momento ritengo che questa sia DI SICURO la fine del "Think Different", PROBABILMENTE la fine di Apple come la conosciamo oggi e FORSE la fine di Apple tout court...

I FATTI:

1. La maggior parte del guadagno di Apple (fatturato e utile) viene dalla vendita dei computer, PowerMac in testa

2. Al contrario, quello che fa grande il Macintosh è il suo sistema operativo, visto che - cpu a parte - già da tempo quasi tutto l'hardware è uguale a quello dei pc

3. A partire da oggi e fino all'uscita dei Mac con processore Intel, le vendite di Macintosh crolleranno inesorabilmente

LE IPOTESI:

Malgrado quello che qualcuno di voi ha detto, secondo me una volta che sarà terminato lo sviluppo di MacOS X per x86, non ci sarà modo di impedirgli di girare su un qualsiasi assemblato costruito a Taiwan o in Cina (e la demo fatta da Jobs su un PIV lo dimostra). Quindi, quando MacOS 10.5 verrà messo in vendita, chiunque potrà acquistarlo e installarlo sul proprio pc (magari assieme a Longhorn, su una diversa partizione). Di conseguenza, perché io dovrei comprare un Mac a 2500 euro quando posso comprare un equivalente HP o Dell a 1500 euro o addirittura un oscuro assemblato a 800 euro e farci girare lo stesso sistema operativo e gli stessi programmi? Quindi, così come le vendite dell'OS e dei software sviluppati da Apple aumenteranno a dismisura, quelle dei computer Macintosh, già ridotte al lumicino nei 2 anni di "attesa" degli utenti (che iniziano oggi), caleranno ulteriormente.

LE CONSEGUENZE:

Non credo sia tanto assurdo ipotizzare che nel 2008 o giù di lì avremo una Apple al 35% per quanto riguarda la penetrazione del sistema operativo e allo 0,000002% per quanto rìguarda la vendita di hardware Macintosh. Probabilmente, come conseguenza, Apple finirà per dismettere la produzione di computer per concentrarsi solo sul sistema operativo, sui software, sugli iPod (con annesso iTMS), che comunque inevitabilmente non avranno più lo smalto commerciale di oggi, e magari sulle periferiche... E, ovviamente, dovendo trarre il proprio guadagno dal software e non più dall'hardware, i prezzi di MacOS X e delle applicazioni lieviteranno in maniera sostanziale. Insomma, Apple nel giro di pochi anni diventerà una nuova Microsoft, solo un po' più innovativa...

Prima di prendermi per pazzo, pensateci bene e vedrete che la mia ipotesi non è poi così assurda come potrebbe sembrare a prima vista ad alcuni di voi...

Lo scenario di Apple solo produttrice software è possibile, ma se si realizza vuol dire che la morte di Apple sarà certa nel giro di due anni dal possibile realizzarsi di questa evenienza.

Questa svolta o fa sfondare Apple nel mercato hardware/software o segnerà la sua fine, perchè solo come azienda di sviluppo non sopravviverà.

Secondo me se MacOSX con qualche accrocchio verrà fatto girare su hardware non proprietario sarà la fine, e il rischio che questo possa succedere non è basso, benchè scelte oculate di chipset e OpenFirmware (già presente) sembrano rendere tale evenienza poco probabile...

Vedremo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pefran

il mio primo Mac e' stato un Atari ST1000 che faceva girare Spectrum, non andava veloce come un mac... aveva un calo dal 5 al 20% delle prestazioni con lo stesso processore (un 68.000)

Comunque dopo la notizia di oggi penso che mai come adesso è interessante acquistare un iMac G5.

Almeno 5 anni li durerà tutti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

dandy, calmino,

Cosa successe a SGI quando passò ad Intel dall'architettura proprietaria? SGI ha (praticamente) chiuso i battenti. La stessa strada toccò a Cray ed altri.

Lo dico da utente Mac dal lontano 1985: Apple corre il rischio di diventare una casa produttrice di solo software, e ciò sarebbe inevitabilmente la fine.

Matteo,anche la mia mente è corsa subito a SGI & Co....e di sicuro la prospettiva è abbastanza raccapricciante :(

Quello che bisogna che tutti sappiano,è che il settore hardware è fondamentaleper Apple....se va giù l'HW...si porta tutto appresso. Tutto quanto.

Per chi dice 'cosa c'è di tanto epocale nel cambio di processore' io,da Amighista,Macchista e amante delle architetture proprietarie rispondo: per me fino ad oggi il MAc era un mito.

Era un computer fatto 'a modo suo'...in tutto e per tutto. Certo,la standardizzazione aveva fatto perdere un sacco di cose per la strada,lo SCSI,l'ADB e quant'altro...ma rimaneva un computer 'different' in tutto e per tutto.

Adesso,non lo è più.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest _jovenal

La strategia di apple è perfetta. Se SJ ha uno staff appena decente, può anche dimmetersi ora e andarsela a godere per i prossimi 10 anni, tanto il piano è praticamente perfetto. Compresa la cosa dell'universal binary. Tanto di cappello, per dio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
Sign in to follow this